Pocket

Siamo arrivati alla penultima puntata stagionale di 7for7 (ma non disperate, più avanti ci saranno i tanto amati playoff ignoranti) e all’ultima per il sottoscritto, per cui ve lo dico chiaramente in anticipo: scordatevi qualunque speranza di leggere lungimiranti pronostici per la postseason o approfondite disamine tecniche su chi vincerà l’MVP, perché nelle prossime righe troverete quasi esclusivamente corbellerie e facezie di dubbio gusto che con l’NBA hanno giusto quel minimo collegamento necessario a non classificare questa rubrica sotto la categoria “Altro”. Fatta questa doverosa premessa, “Venghino Siori venghino, che più gente entra e più bestie strane si vedono”. (cit)

 

LUNEDI 25 MARZO – NBA ENDGAME

La settimana purtroppo comincia su una nota triste, perché il video (da non guardare assolutamente se siete deboli di stomaco) della gamba di Jusuf Nurkic che si sbriciola non può che far stringere il cuore. Al centrone serbo dei Blazers ovviamente vanno i nostri migliori auguri di una pronta guarigione, mentre per Portland (che al momento ha fuori anche CJ McCullom) si prospetta un’altra avventura piuttosto corta ai playoff.

Detto per dovere di cronaca dei 59 punti messi a segno da Devin Booker contro i Jazz (peraltro utili come un lecca-lecca al gusto di guano, dato che i suoi Suns la partita l’hanno persa di 33), la partita di Salt Lake City è stata rilevante soltanto per la meritata standing ovation che il pubblico di casa ha riservato all’ingresso in campo di JimmerFredette. Il prodotto di BYU è un’autentica leggenda non soltanto nello stato dei mormoni ma anche all’interno della redazione di 7for7, quindi ci uniamo virtualmente al pubblico di casa per festeggiare il roboante 1 su 10 dal campo (vabbè sarà stato emozionato) con il quale Jimmer ha bagnato il suo ritorno sui parquet dello Utah.

Il titolo di eroe di giornata va però meritatamente a Spencer Dinwiddie, che nella giornata di lunedì ha ufficialmente richiesto all’NBA di spostare tutte le gare del 26 aprile per permettere a tutti di andare al cinema a vedere la prima di Avengers: Endgame. Per quella data sarebbero previsti i playoff ma ci sentiamo di unirci all’appello proposto dal playmaker dei Nets, perchè giustamente ubi Thanos, minor cessat.

Se il mondo della NBA si fondesse con quello della Marvel, Thanos potrebbe essere uno e uno solo

 

MARTEDI 26 MARZO – LANCE DANCE

La notte di martedì ha visto andare in scena lo scontro frontale tra i due principali candidati al titolo di MVP stagionale (e i relativi social media manager), ossia Giannis Antetokounmpo e James Harden. Scontro che è stato vinto dal primo, con i Bucks che si sono imposti di fronte al pubblico amico con il punteggio di 108 a 94. Un po’ inferiore alle attese il matchup tra gli attori protagonisti: 23/10/7 per il Barba (ma con 9 su 26 dal campo) e 19/14/4 per il Greek Freak, che comunque resta in pole position per il Maurice Podoloff Trophy, non foss’altro perché Harden lo ha già ricevuto lo scorso anno mentre Giannino è ancora a quota zero.

Molto più interessanti, perlomeno per la redazione di 7for7, della partita tra due superpotenze NBA sono però state le interviste rilasciate ieri da due giocatori NBA, uno ex e l’altro quasi. Nella prima il povero Kris Humphries reclamava sulle pagine di The Player’s Tribune il suo diritto a non essere ricordato soltanto come l’ex di Kim Kardashian (sorry Kris, ma qui butta proprio male), mentre nella seconda un immortale Andrew Bogut ha dichiarato a The Athletic che l’introduzione nella sua routine quotidiana di “a lot more beer” sia stata determinante per il suo ritorno nella NBA.

Ma la dieta a base di birra di Bogut e i rimpianti di Kris Kardash… ehm Humphries sono stati purtroppo superati in dirittura d’arrivo dalla prodezza di Lance Stevenson, che ha mandato clamorosamente al bar il povero Jeff Green con un letale crossover scatenando l’incontenibile esultanza dei suoi compagni della panchina. Compagni tra cui non mi pare di scorgere LeBron, che temo al momento non sia dell’umore giusto per festeggiare la sua prima assenza dai playoff dai tempi delle scuole elementari. Ma Lance è pure sempre Lance.

Come dite? Avevo scritto sopra che avrei evitato come la peste il basket giocato? Dai su, questi Lakers (che pare stiano pensando a Tyronn Lue come nuovo capoallenatore, no dico TYRONN LUE!!!) mica saranno una vera squadra di pallacanestro…

Cosa importa della postseason quando ci sono i balletti di Lance?

 

MERCOLEDI 27 MARZO – LEGENDS OF TOMORROW

Sono un po’ depresso, perché in barba ai miei buoni (o cattivi) propositi oggi non ci sono interviste idiote o esilaranti balletti di cui parlare ma soltanto basket più o meno serio, sempre se volete considerare tale quello giocato dai Phoenix Suns che anche stanotte ne hanno fatti fare 50 a Booker prendendone però 124 dai Washington Wizards.

Mi tocca quindi fare il bravo reporter e rendicontarvi di cose noiosissime tipo:

  • Kevin Durant che fa 12 su 13 dal campo contro i Grizzlies
  • I Thunder che compilano un parziale di 24-0 contro i Pacers
  • Mike Conley che diventa leader ogni epoca a Memphis per punti segnati

“Ma chissene” direte giustamente voi, che siete qui per leggere di teorie terrapiattiste, fidanzamenti delle Kardashian e dinosauri da compagnia. Per tentare di addolcirvi l’amaro calice mi aggrappo ad un trio di leggende: Chris Bosh, Dwyane Wade e Dirk Nowizki. Il primo ha visto proprio ieri ritirata la sua maglia numero 1 dalla franchigia di Miami, gli altri due appenderanno le scarpe al chiodo a fine stagione e hanno entrambi dichiarato di essere stati un reciproco stimolo a migliorarsi in tutto il corso delle loro straordinarie carriere.

Ma tutti e tre si ritroveranno presto nella Naismith Memorial Basketball Hall of Fame a condividere la gloria eterna che spetta a chi ha lasciato un segno indelebile nella storia del gioco, stavolta quello serio per davvero.

Modalità “lacrimuccia” ON

 

GIOVEDI 28 MARZO – DUNCAN COMEDY TOUR

Nella notte dell’ultimo scontro tra due delle leggende citate poco più sopra (i Miami Heat di Wade hanno battuto i Dallas Mavericks di Nowitzki 105 a 99), un altro tra i più iconici giocatori della sua generazione vedeva la sua maglia alzarsi per raggiungere il soffitto dell’AT&T Center di San Antonio.

Emanuel David Ginóbili è stato uno dei pilastri di quello che è stato (ed è attualmente, visto che i neroargento non mancano i playoff da quando ancora frequentavo le scuole superiori) uno dei cicli più vincenti nella storia dello sport americano. Il nativo da Bahìa Blanca ha collezionato con gli Spurs ben 4 titoli NBA (oltre ad un oro e un bronzo olimpico, un’argento mondiale, un’Eurolega e altre quisquilie simili) formando con Tim Duncan e Tony Parker un trio di campioni con pochi eguali nella storia del gioco.

Momento clou della cerimonia per il ritiro della maglia del Narigòn è stato comunque lo sketch nel quale proprio quell’esilarante stand up comedian di Duncan (che a quanto pare ultimamente ha deciso di darsi anche al kickboxing) ha ricordato quando al draft del 1999 ha sentito per la prima volta il nome di Ginobili e ha pensato: E chiccazz’è questo?. Risate veramente grasse.

Niente da fare, quando uno è un comico nato…

 

VENERDI 29 MARZO – SHOOT DRAYMOND SHOOT

Mentre Kyrie Irving (al quale a quanto pare sarebbero parecchio interessati anche i New Jersey Nets, ma nel caso meglio mettersi in fila) vergava il proprio autografo sull’importante vittoria idei Celtics sui Pacers e LeBron James aggiornava il suo personalissimo cartellino nelle sfide contro Kemba Walker portandolo sul 28-0 prima di ritirarsi a vita privata fino alla prossima stagione, al Target Center di Minneapolis andava in scena una partita insospettabilmente tirata tra la virtuale numero uno del tabellone ad Ovest e una squadra che i playoff li vedrà comodamente dal divano di casa.

È servito infatti un overtime per decidere la vincitrice tra Warriors e Wimberwolves, con i secondi che si sono imposti a sorpresa sui campioni in carica grazie ad una arci-dubbia chiamata della terna arbitrale contro Kevin Durant sulla sirena che decretava la fine dei primi cinque minuti supplementari e con il punteggio inchiodato sul 130 a 130.

La giocata più bella della gara non è stato però l’1/2 con cui Karl Anthony Towns ha sigillato la vittoria dei suoi ma la difesa a “zona di quarantena” con la quale KAT ha contestato (vabbè) il potenziale tiro (ri-vabbè) di Draymond Green, che intimidito da cotanta pressione ha preferito passare la palla.

Roba che manco mio nonno di 87 anni al campetto viene trattato così…

Notare il gesto sprezzante con la mano fatto da Towns nei confronti di Green.

 

SABATO 30 MARZO – BOBI RIDES THE BUS

Dall’inizio della stagione ad oggi, in questa rubrica ho parlato talmente tante volte degli incredibili numeri di Harden da averne letteralmente il vomito, ma il Barba continua imperterrito a riscrivere la storia degli almanacchi NBA. Nella fattispecie, con il 50/11/10 messo a segno nella partita di sabato contro i Kings ha aggiornato in questo modo il conteggio delle triple doppie ai 50 nella storia della NBA:

  • James Edward Harden Jr = 5
  • Resto degli esseri umani dai dinosauri ad oggi = 9

Vabbè. Siccome sui guai giudiziari di Porzingis preferisco soprassedere, sui Chicago Bulls che si presentano in campo con un quintetto di scappati di casa composto da Shaquille Harrison + Brandon Sampson + Wayne Selden + Ryan Arcidiacono + il gemello scarso dei Lopez per decenza pure, mi resta da riportarvi un’altra curiosa statistica.

Ai Philadelphia 76ers a quanto pare ci sono due giocatori, un play e un centro, agli antipodi della pericolosità oltre l’arco dei 7 e 25. Uno dei due è titolare di uno 0/16 in carriera che lo rende virtualmente il peggior tiratore nella storia del gioco. L’altro al momento tira le triple con il 50% di realizzazione e quindi matematicamente meglio del 47.1% di Joe Harris, miglior tiratore della Lega e campione in carica nella gara del tiro da tre all’All Star Game.

I nomi per favore metteteli voi che a me scappa troppo da ridere.

Phila abbiamo un problema… ma bello grosso.

 

DOMENICA 31 MARZO – BYE BYE BRACKET

E per chiudere in bellezza (?) eccovi il post muto di un tifoso di Duke a caso (tipo me) dopo la sconfitta dei Blue Devils di stanotte contro Michigan State.

Ma porc…

 

Ecco che siamo arrivati al momento dei saluti finali. Andrea Cassini sarà ancora qui tra una decina di giorni per l’episodio finale di questa stagione, ma io anticipo i miei ringraziamenti a quei due/tre lettori affezionati che ci hanno seguito anche quest’anno nelle nostre folli divagazioni extracestistiche (molto extra e poco cestistiche). Grazie di cuore e che le Kardashian siano con voi! O forse meglio di no…. Alla prossima stagione.

Jorghes out

Post By Giorgio Barbareschi (82 Posts)

Ex pallavolista ma con una passione ventennale per il basket NBA e gli sport americani in generale. Tifoso dei Mavericks, di Duke e dei '49ers, si ispira a Tranquillo e Buffa ma spera vivamente che loro non lo scoprano mai.

Connect

One thought on “7for7 La Settimana in NBA (Ep. 2×23)

  1. Siete dei grandi! So che vi dovrete riposare, ma vi prego fate un pensierino per la versione 7for7 dei playoffs

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.