Con il punteggio di 97-87 i Warriors sconfiggono i Pelicans e si portano sul 2-0 nella serie. La partita segue però un copione diverso rispetto a gara 1.

I Pelicans, decisi a giocarsi le proprie carte, partono forte: infatti verso la fine del 1° quarto piazzano un parziale di 12-0 e riescono a tenere la propria retina inviolata per circa 5 minuti.

In soccorso della scarsa vena realizzativa dei Warriors arrivano i due panchinari Speights e Barbosa. Infatti all’inizio del secondo quarto un paio di piazzati del lungo ex-Gators, e 10 punti del brasiliano tengono a galla la truppa di coach Kerr.

I Pelicans cercano ancora un allungo con i canestri di Norris Cole e Anthony Davis, ma due triple consecutive di Klay Thompson impattano il match a quota 47. I primi 24 primi di gioco si chiudono con un inaspettato equilibrio tra le due contendenti.

Nella seconda metà di gara i Warriors provano a scappare e i Pelicans, grazie a Evans e Gordon, rimangono attaccati alla partita. La svolta arriva a 5 minuti dalla fine della partita, quando i Warriors trovano la fuga definitiva, con un parziale di 12-3 che chiude i conti.

Decisivo in questo allungo finale è stato Klay Thompson, che si “accende” negli ultimi minuti di partita, segnando 14 dei suoi 26 punti nell’ultimo quarto. I Pelicans pagano care le troppe palle perse nel 4° quarto (5) e le pessime percentuali dal campo nel momento caldo della partita.

Interessante vedere come più di un quarto dei punti Warriors, in questa partita, arrivi dai cosiddetti fast break point (24).

Tra le fila dei californiani oltre al sopra citato Thompson, e al solito Curry (22 punti e 6 assist), bisogna citare la prestazione di Leandro Barbosa. Preziosissimo il suo contributo, uscendo dalla panchina, mettendo a referto 12 punti e un paio di giocate importanti in un momento critico per i  Warriors.

Anthony Davis contribuisce alla causa Pelicans con l’ennesima doppia doppia della sua giovanissima carriera (26+10). Gli danno una mano un Eric Gordon che gioca una grande partita (23 punti), Tyreke Evans che va vicino alla tripla doppia (16p+10r+7as) e Norris Cole con i suoi 11 punti. Delude invece Pondexter che dopo un’ottima partita disputata in gara 1, segna solo 3 punti (1 su 8 dal campo) nei suoi 31 minuti di impiego.

Ora la serie si sposta in Louisiana, e se i Pelicans sapranno tenere botta nei momenti decisivi della partita potranno togliersi qualche soddisfazione.

Post By Raffaele Loffredo (11 Posts)

Studente universitario,classe ’91,appassionato di sport Americani,principalmente di basketball e football.

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

One thought on “Gli Splash Brothers segnano 48 punti e i Warriors volano sul 2-0.

  1. Bel pezzo! Tolta (spero) Clippers-Spurs, un primo turno al momento meno combattuto del previsto (soprattutto i sorprendenti Maghi!)

    p.s. a quando i season report delle squadre escluse dai PO?

Commenta