0Shares
0 0

LSU (1) vince il titolo nazionale mantenendo il trend di stagione: dominio in attacco grazie alla portaerei offensiva comandata da Joe Burrow, Heisman Trophy winner da 6 touchdown nella gara decisiva! Cinque arriveranno al lancio e uno via ground per la stratosferica cifra di 463 yards totali, con le quali annichilirà il comunque onorevole e dignitoso collega Trevor Lawrence, chiudendo lo score 42-25 e superando pure un big hit del feroce James Skalski!

Il punteggio è esageratamente severo rispetto all’andamento del match e permette alle tigri della Louisiana di mettere in bacheca il terzo gagliardetto di campioni dell’era BCS-CFP su 4 apparizioni, avvenute tutte al Superdome.

Clemson (3), vincitore in carica, chiude l’incredibile striscia di 29 incontri vinti e viene raggiunta dai ragazzi di Ed Oregon come unici due team ad aver chiuso l’anno con 15 W nelle ultime 120 stagioni!

A dispetto dei quasi 70 punti performati, saranno le difese a dominare lo start: nel quarto iniziale difatti sei drive su sette saranno punt, tre per parte, precedente che risale a novembre 2018, quando LSU fallì i tre possessi primari contro Alabama.

Dopo due serie monstre di Lawrence da un lato e Burrow e Ja’Marr Chase dall’altro e un field goal, sarà Clemson a realizzare il primo strike, correndo nella end zone con un wide receiver, Tee Higgins, che al cospetto di Kristian Fulton percorrerà 36 yd per “strappare” il 7-17 nel secondo periodo, approfittando dello straripante Travis Etienne che gli aprirà la strada.

L’inerzia sembra arancione a questo punto e il deficit di 10 per LSU è una novità mai accaduta in precedenza!

Niente di più falso!

Tre possessi in meno di sette minuti sono sufficienti per l’allungo che risulterà decisivo e consegnerà l’incredibile 28-17 Lousiana State durante l’halftime! Ventidue giochi, 257 iarde, una sanguinosa pass interference di Derion Kendrick sul 3’ e 19 e protagonisti annunciati in air e ground mode del calibro di Burrow, Chase, Edwards-Helaire, Moss e Justin Jefferson fanno terminare l’ostilità di mezzo a tinte giallo viola, confermando ancora una volta il qb come diamante grezzo da tutelare per il futuro: batterà infatti il primato NCAA FBS per td pass e appaierà Vince Young per 250/50 passing/rushing yards in un National Championship Game, solamente che per lui questi dati arriveranno a metà partita!

Chase invece dominerà un cornerback della caratura di AJ Terrell e diverrà il primo giocatore con 100 yd ricevute e due td alla pausa dai tempi di Andre Johnson (Miami 2002 Rose Bowl), leader per terreno guadagnato su passaggio in un NFCh, numero 1 nella storia SEC con 20 receveing td in un campionato e supererà il record franchigia di Josh Reed nello Sugar Bowl 2002.

Nella ripresa, dopo che gli ottimi Lawrence ed Etienne accorciano le distanze (28-25), sarà l’espulsione del middle linebacker James Skalski per un targeting verso Jefferson la chiave di svolta, che consegnerà l’ovale per la connessione Burrow/Moss sulle 4 nemiche, antecedente ad un field goal mancato e all’ultima realizzazione di Terrace Marshall Jr a quasi 11 dal termine per il 42-25 finale.

Finisce un’annata storica con la vittoria di un team offensivamente irripetibile, grazie soprattutto all’organizzazione interna e alla gestione di Ed Oregon. Sarà difficile che qualcuno possa ripetere le gesta di questi ragazzi e battere i primati di Burrow, tra i più grandi di sempre a casacca LSU!!

Post By Lucio Di Loreto (190 Posts)

"Malato" di sport a stelle e strisce dagli anni 80! Folgorato dai Bills di Thurman Thomas e Jim Kelly, dal Run TMC e Kevin Johnson, dai lanci di Fernando Valenzuela e dal "fulmine finlandese". Sfegatato Yankees, Packers, Ravens, Spurs e della tradizione canadese dell'hockey.

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.