Shares

Kansas batte i Tar Heels e vola alle Final Four !

Per la seconda volta negli ultimi quattro anni (quattordicesima volta nella storia) Kansas approda alla Final Four, insieme alle già qualificate Ohio State, Kentucky e Louisville.

Negli ultimi anni la squadra di Bill Self era sempre data tra le favorite, ma non era mai riuscita a confermare i pronostici, subendo upset da squadre molto meno quotate (Northern Iowa, VCU). Sulla carta la versione 2012 dei Jayhawks era la più debole dal 2008, ma è riuscita dove quelle composte da giocatori NBA come i gemelli Morris, Xavier Henry e Josh Selby non erano arrivate.

A metà del secondo tempo, Kansas è passata dalla difesa a uomo alla zona triangolo e due: area completamente chiusa e tiri comodi solo oltre la linea da tre punti, tiri che North Carolina non aveva segnato nei primi 30 minuti di gioco.

Da quel momento, i Tar Heels hanno segnato solo due volte dal campo fino alla sirena,   quasi sei minuti con un solo punto a referto, mente i Jayhawks costruivano il parziale vincente. Le statistiche finali parlano di 22% dal campo nel secondo tempo e 2/17 da tre totale.

La delusione più grande è stata sicuramente Harrison Barnes, che non ha mai fatto lo step in più richiesto  dall’assenza di Kendall Marshall. Ieri sera ha chiuso con 13 punti, 5/14 al tiro (0/5 da tre) e tanti dubbi sulle sue capacità di leader.

Chi ha invece sorpreso è stato il freshman James McAdoo, l’unico in grado di creare in attacco fuori dagli schemi, che ha tenuto a contatto i suoi durante il primo tempo (15 punti). Di nuovo, Stilman White ha dimostrato di poter essere un buon play per il futuro dei Tar Heels: 7 assist, nessun turnover in 28 minuti di gioco.

Tra le fila di Kansas, finalmente Tyshawn Taylor è uscito dalla carestia offensiva che durava fin dal secondo turno, segnando 22 punti a cui ha aggiunto 6 rimbalzi, 6 assist e ben 5 recuperi, fondamentali per i canestri facili in transizione (18 punti) che hanno dato il via al parziale decisivo.

In doppia cifra anche tutto il resto del quintetto base: Johnson (10), Releford (11) e la coppia Robinson/Withey (33 punti, 17 rimbalzi combinati) sempre presenti contro due lunghi difficili da contenere come Zeller e Henson.

Ora Kansas è attesa a New Orleans dove sabato sfiderà Ohio State. Nel precedente confronto tra le due squadre in questa stagione, i Jayhawks hanno vinto 78-67, complice però l’assenza del miglior giocatore dei Buckeyes, Jared Sullinger.

Post By Alberto Doldi (11 Posts)

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.