0Shares
0 0

E' finita, i Tigers eliminano gli Yankees e vanno in finale dell'American League

Gara 3: Detroit Tigers – New York Yankees 5-4

Dopo due partite inusuali, finalmente una Gara 3 che metteva di fronte i due assi della rotazione, Justin Verlander e C.C. Sabathia.

Chi si aspettava tanti zeri sul tabellone, pero’, è rimasto deluso: i due assi sono stati toccati duramente, spesso e fin dall’inizio dell’incontro.

New York parte fortissimo, con un triplo di Granderson che fa segnare Jeter e una groundball di A-Rod che porta a casa l’esterno centro degli Yankees.

Detroit risponde nel terzo con la parte piu leggera del lineup: singolo di Ramon Santiago, Inge segna, groundball di Cabrera, Jackson segna.

Sabathia inizia a mostrare un po’ di difficoltà, mettendo spesso uomini in base e spendendo parecchi lanci per uscire dagli inning.

Lo puniscono Don Kelly e Peralta, portando la partita sul 4-2 e regalando a Verlander il primo vantaggio sul quale lavorare della serata.

Il candidato MVP dei Tigers entra in ritmo, la fastball tocca le 99 miglia e la partita sembra prendere la direzione dei Tigers… fino al settimo inning.

Con 2 out, Posada al piatto sotto 0-2 nel conto, il settimo sembrava un inning che Verlander avrebbe chiuso in scioltezza.

Il DH degli Yanks, pero’, riesce a lavorare bene sul conto e a guadagnarsi una base ball, seguita da un hit by pitch su Russell Martin e da un doppio di Gardner che porta a casa entrambi i corridori: d’un tratto la partita è sul 4-4 con ed è tutto da rifare.

Qui arriva la svolta della partita: nella parte bassa del settimo Delmon Young gira il primo lancio di Soriano, manda la pallina fuori dall’esterno destro e fa esplodere il Comerica Park.

Il 13esimo fuoricampo della stagione di Delmon potrebbe essere il piu’ importante: un inning di Verlander e la 50esima salvezza stagionale di Papa Grande portano i Tigers a una vittoria dalle ALCS.

Gara 4 vedrĂ  le speranze della Motown riposte in Porcello e quelle di NY in A.J. Burnett.

Gara 4: Detroit Tigers – New York Yankees 1-10

Le somiglianze di questa serie con le famose ALDS del 2006 erano state impressionanti fino a Gara 4: la pioggia che costringe Gara 1 al rinvio, la serie che va a Detroit sull’1-1, i Tigers che vincono Gara 3 in casa, gli Yankees che si aggrappano a un partente in cui ripongono poca fiducia (Jaret Wright nel 2006 e A.J. Burnett oggi).

Nel 2006 la serie si era chiusa al Comerica Park nella quarta partita, e New York con le spalle al muro chiede a Burnett almeno 4 inning tranquilli per tornare allo Yankees Stadium.

Tra i due lanciatori è proprio Burnett a partire con maggiori difficoltà: una base ball a Victor Martinez riempie le basi nel primo inning e una linea di Don Kelly chiama Granderson a una delle giocate difensive piu’ spettacolari della serie, una presa al volo in esterno centro che salva Burnett da una disastrosa implosione nel primo inning e tiene gli Yankees a galla.

Dopo il rischio nel primo inning per i Bronx Bombers la gara diventa tutta in discesa: Porcello è toccato in un paio di occasioni e, pur lanciando discretamente, concede 4 punti, a quali il suo attacco non riesce a rispondere, fatta eccezione per un fuoricampo di un Victor Martinez sottotono nella serie.

Nell’ottavo inning gli Yankees aprono in due la partita: A-Rod, Teixeira e Swisher riempiono le basi e Alburquerque, già protagonista in negativo di Gara 1, fa entrare tre punti che mettono la partita in ghiaccio (NY ne segnerà 6 nell’inning).

A Detroit non riesce il deja vu del 2006, gli Yanks trovano un improbabile eroe in A.J. Burnett e la serie torna a Gotham City per la quinta e decisiva partita.

Gara 5: New York Yankees – Detroit Tigers 2-3

Si arriva quindi a Gara 5, una partita “sudden death” in una fresca notte autunnale nel Bronx.

I partenti sono gli stessi di Gara 1: Ivan Nova, eccellente qualche giorno prima, per New York e Doug Fister, che punta a riscattare la mediocre prima partita.

La serata si apre con una doccia gelida per gli Yankees e per i tifosi: back-to-back shots per Don Kelly (la cui partenza in terza base era stata criticata dai giornalisti) e Delmon Young (che battendo il suo terzo fuoricampo nella serie ha stabilito un record di franchigia per maggior numero di HR in una serie) e Nova costretto a uscire dopo due inning per infortunio.

Inizia quindi una girandola di rilievi (tra i quali la prima volta in carriera in questo ruolo di Sabathia) per Girardi, che a dire la veritĂ  paga piuttosto bene, con i lanciatori che fanno il loro dovere e zittiscono le mazze dei Tigers.

Il quinto inning si dimostra cruciale per la stagione di entrambe le squadre.

Con un uomo in seconda e due out, Sabathia concede una base ball intenzionale e fa salire in battuta Victor Martinez, firmato da Detroit proprio per fronteggiare situazioni come queste, proteggendo Cabrera quando i lanciatori avversari stanno lontani dalla sua mazza.

Martinez batte un singolo che a fine partita sarĂ  pesantissimo, visto che porta a casa il punto della vittoria, Austin Jackson.

New York risponde con un fuoricampo del solito Cano su Fister e con una base ball a basi piene di Teixeira su Benoit, ma lascia troppi uomini in base e grazia Detroit troppe volte.

Nel nono inning, sul punteggio di 3-2, Valverde converte la sua salvezza numero 51 della stagione e sigilla la vittoria dei Tigers, un’altra storica eliminazione ai Bombers dopo quella del 2006.

Dopo l’eliminazione per gli Yankees è scattata la caccia al capro espiatorio, ma le colpe sono molte: da Girardi e il suo uso col contagocce di Jesus Montero, ad A-Rod e la sua produzione offensiva non all’altezza, passando per Texeira e Jeter non incisivi.

L’ironia della sorte per gli Yankees sta nell’essere stati eliminati da un punto preso da Sabathia, il loro asso che si era messo a disposizione per la gara decisiva, e da un attacco che ha prodotto poco quando contava.

I Tigers diventano la terza squadra nella storia a eliminare gli Yankees in serie consecutive di postseason e ora volano ad Arlington, sognando le World Series.

MVP della serie

Per Detroit potrebbero essere fatti molti nomi, tra i quali Scherzer, autore una bellissima quanto fondamentale vittoria in Gara 2 e di una solida uscita dal bullpen in Gara 5, ma probabilmente l’uomo decisivo è stato Delmon Young: fuoricampo della vittoria in Gara 3 e fuoricampo per aprire le danze seguendo Kelly in Gara 5.

Post By beetlebum (11 Posts)

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.