Il Kaufmann Stadium di Kansas City è tirato a lucido. L’intera MLB è tirata a lucido. Ogni singolo tifoso di baseball è tirato a lucido. Il lungo peregrinare iniziato il lontano 5 aprile giunge in fine a conclusione con questo scontro tra Kansas City Royals e New York Mets, massime espressioni rispettivamente di American League e National League: le World Series possono iniziare!

I Royals sono alla loro quarta apparizione su questo palcoscenico, la seconda consecutiva: nel 2014 sono stati sconfitti in una drammatica gara 7 dai San Francisco Giants ed il loro ultimo ed unico titolo risale al 1985, quando ebbero ragione per 4-3 dei  St. Louis Cardinals.

Ironia della sorte, l’anno successivo fu l’ultimo anno di grazia dei Mets, che vinsero le loro seconde World Series dopo quelle del 1969: a cadere furono i Boston Red Sox, anche loro in 7 gare. L’ultima apparizione a questo stage è datata 2000, dove però i Mets caddero contro i rivali cittadini, gli Yankees, per 4-1.

Kansas City è arrivata all’ultimo atto della stagione avendo rispettato i favori dei pronostici nella AL Central, vinta con 12 partite di vantaggio sui Minnesota Twins. A seguire hanno eliminato in 5 partite (vincendo quindi la gara decisiva, essendo questa serie al meglio delle 5) gli Houston Astros nelle Divisional Seri e in 6 partite i Toronto Blue Jays nelle Championship Series.

I Mets appaiono invece più a sorpresa: la loro grande stagione nella NL East è stata in qualche modo aiutata dall’annata storta dei Washington Nationals, ma le 90 vittorie della regular season sono state seguite dal faticoso successo, 3-2, contro i Los Angeles Dodgers nelle Division Series e da quello ben più comodo, 4-0, contro i Chicago Cubs nelle Championship Series.

Sul monte di lancio per New York in questa gara 1 ci sarà Matt Harvey: il lanciatore del Connecticut è stato autore di una ottima regular season (13-8, 2.71 ERA, 136 ERA+) dopo un 2014 passato ai box per un infortunio, ed anche nei playoff a ben figurato, portando a casa entrambe le partite che ha iniziato.

I Royals gli oppongono Edinson Volquez, esperto lanciatore dominicano di 32 anni alla prima stagione nel Missouri dopo diverse fermate con Rangers, Dodgers, Padres, Reds e Pirates: per lui una stagione leggermente inferiore a quella del diretto avversario (13-9, 3.55 ERA, 117 ERA+) e dei playoff finora altalenanti, avendo lanciato molto bene nella prima gara contro Toronto e male in gara 5 sempre contro i Blue Jays. A poche ore dall’inizio del match, però Volquez riceve la tragica notizia della morte del padre a soli 63 anni per complicazioni cardiache: il lanciatore però decide di prendere lo stesso la via del monte.

Il Kaufmann Stadium ribolle di energia ed i 40.320 spettatori possono impazzire già al primo lancio del primo turno offensivo dei padroni di casa dopo che Volquez ha eliminato i primi tre battitori avversari: Alcides Escobar colpisce profondo in esterno centro, Yoenis Céspedes manca la presa e la palina schizza lontano, lasciando così il tempo al venezuelano per l’inside the park home run che vale l’1-0 Royals.

I Mets faticano a reagire ed Harvey si riprende in qualche modo, così si arriva al quarto inning: Volquez concede due singoli a Murphy e Duda, poi D’Arnaud colpisce una grounder che sembra finire nel guantone del 3B Moustakas, il quale però la perde e concede a Murphy di arrivare a casa: 1-1.

A questo punto la partita si ferma: un calo di potenza della FOX fa saltare tutto il segnale di trasmissione, incluso quello del replay degli arbitri, e dopo alcuni minuti i manager si accordano per continuare comunque la partita.

Passa un inning e i Mets mettono la freccia grazie a Curtis Granderson che colpisce un HR che va a finire sugli spalti all’estremo esterno destro. Ne passa un altro e Conforto colpisce una sac fly che manda a casa Céspedes, arrivato in terza base dopo i singoli suoi e di Duda: 3-1 Mets. I Royals, però, trovano imediatamente le risposte che cercavano: doppio di Ben Zobrist, singolo di Lorenzo Cain e sac fly di Eric Hosmer che porta a casa il primo dei due per il punto che diezza lo svantaggio.

Con Morales in battuta Cain ruba la seconda base e grazie al singolo di Moustakas riesce a segnare il punto del pareggio: 3-3. Il settimo inning vede la fine della partita dei due partenti: Harvey viene rilevato da Addison Reed e Volquez lascia il posto a Danny Duffy prima e Kelvin Herrera poi, ma il risultato non cambia.

Arriva l’ottavo inning e sembra anche arrivare la svolta della partita: Herrera elimina Duda e d’Arnaud, poi concede un singolo a Lagares, il quale ruba la seconda.

Subito dopo Flores batte una debole grounder verso la prima base, ma Hosmer tenta una goffa presa laterale e la palla passa, consentendo al CF dei Mets di arrivare a casa: 4-3 Mets. Dall’altra parte Tyler Clippard sale sul monte e concede subito un doppio a Zobrist, il quale arriva in terza dopo i due K a Cain ed Hosmer grazie ad un wild pitch.

A questo punto sale sul monte Jeyrus Familia, il quale elimina Moustakas e chiude l’inning. Con Luke Hochevar sul monte i Mets combinano poco e Familia sale sul monte nel nono inning per continuare la sua perfetta postseason: Alex Gordon però non è d’accordo e colpisce un HR esattamente in center field, per il 4-4 e per gli extrainning.

Per quattro riprese i rilievi (Niese e Colon per i Mets, Davis, Madson e Young per i Royals) non concedono nulla, poi nella parte bassa del 14° inning Colon riempie le basi con 0 eliminati con Escobar, Zobrist e Cain: al primo tentativo Hosmer colpisce in campo destro una sac fly che Granderson quasi riesce a ricacciare a casa, ma Escobar è più veloce e sigla il punto che porta la vittoria ai Royals, 5-4, ed il primo vantaggio nella serie.

Post By Cern (148 Posts)

Andrea Cornaglia, classe '86, profonda provincia cuneese, si interessa al football dal 2006, prendendo poi un'imbarcata per il mondo dei college dal 2010: da lì in poi è un crescendo di attrazione, inversamente proporzionale al numero di ore dormite al sabato notte

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Commenta