Pocket

Grande spettacolo fra Ravens e Texans nel Monday Night

Il Monday Night della quattordicesima giornata ha visto impegnati al Reliant Stadium di Houston, i padroni di casa Texans, che hanno ospitato i Ravens.

Per la classifica e la corsa ai playoffs, questa era una importantissima partita per i Ravens, che non potevano lasciar scappare gli Steelers. La gara è stata davvero entusiasmante, infatti è finita all’Overtime, con un finale davvero thrilling.

Intanto la gara che si sarebbe dovuta svolgere domenica, al Metrodome di Minnesota, tra i padroni di casa dei Vikings e gli ospiti NY Giants è stata spostata a lunedì sera, e si è tenuta al Ford Field di Detroit.

Vista l’abbondante nevicata che ha investito il Midwest degli Usa, è prevedibile che anche le prossime gare dei Vikings saranno giocate “in campo neutro”.

Comunque, vediamo che cosa ci hanno riservato questi importanti, delicati match.

Baltimore Ravens – Houston Texans 34-28 OT

Sulla carta, la distanza tra le due squadre, guardando sia i record, che l’andamento sul campo, era parecchio evidente. Tuttavia, Houston ha sfoderato una grande prestazione: ha lottato fino all’ultimo, nonostante Baltimore fosse facilmente scappata via, e in breve tempo ha ripreso i Ravens, portando infine la gara all’overtime, dove, vuoi per un pizzico di fortuna, vuoi perchè Wilson è stato “l’uomo giusto, nel posto giusto, al momento giusto”, alla fine la contesa ha preso la via di Baltimore, che così ora sale a 9-4, sempre all’inseguimento di Pittsburgh.

Per Houston, il record ora scende a 5-8, e i playoffs si allontanano. Piccolo p.s.: nella NFC Houston sarebbe ancora “viva”, invece, è nella AFC.

Ad ogni modo, la gara ha subito visto Baltimore prendere il comando: td di corsa di McGahee a chiudere il primo quarto. Nel secondo, il Wr ospite Mason assurge a protagonista della marcia di Baltimore, e con due Tds, mette un varco importante tra i due contendenti. Comunque Houston si riprende e con il Wr Johnosn, segna il primo Td della serata per i Texans.

Il terzo quarto prosegue nella “sinfonia” Ravens: prima Reed-il Wr David, riporta in meta un Kickoff, per 103 Yds, ma Houston non demorde e sebbene con due FGs di Rackers, riduce ancora le distanze. Nel quarto quarto i Texans Jones e Johnson, con una corsa e un passaggio ricevuto, riequilibrano la partita e obbligano la stessa all’Overtime.

Dove, l’eroe Wilson, con la pizzicata su Schuab, dà ai Ravens un’importante vittoria. Venendo alle statistiche, il Qb Ravens Flacco registra il solito grande “cartellino”-22/33, 235 Yds, 2 Tds. Tra i compagni di squadra, rimarchevole la prestazione del Wr Mason, 2 Tds ricevuti. Infine per Houston, Schaub gioca una partita, statisticamente “monstre”: 31/62, 393 Yds, 3 Tds, però conditi da due INTs. Il Wr Johnson raccoglie ben 140 Yds, e 2 Tds segnati, cui si aggiunge il Td del compagno Jones. A questo punto, per Baltimore settimana prossima, il difficilissimo esame contro i Saints. Per Houston “il secondo round” contro Tennessee: speriamo solo che sia solo la seconda partita stagionale, che si giochi a football, e non a catch.

Baltimore: vs New Orleans
Houston: @ Tennessee

New York Giants – Minnesota Vikings 21-3

Nel Monday Night…. no, scusate, mi sono confuso. Nel posticipo del lunedì della partita tra Vikes e Giants, abbiamo assistito ad una grandissima partita da parte degli ospiti Giants. Con questa vittoria NY raggiunge in vetta alla NFC East Philadelphia, e tra l’altro domenica prossima, a NY arrivano Vick e soci. Mentre Minnesota subisce il primo stop della nuova gestione Frazier, e scende a 5-8.

Ma veniamo alla partita. Per i Vikings l’unico sussulto è venuto dal FG di Longwell. Dal secondo quarto, è stata una sinfonia bianco-rossa(dai colori della divisa da trasferta). Prima l’accoppiata Boss-Jacobs, che con una corsa e un Td ricevuto portano perentoriamente avanti i Giants, che infine nel terzo quarto chiudono la contesa con una corsa di Bradshaw.

A livello statistico, il Qb Manning ha registrato un buono score-22/37, 187 Yds, 1 Td, prestazione macchiata sì da due INTs, che però non hanno creato problemi all’incedere dei Giants. Tra i compagni di squadra, gara sopra le righe per Bradshaw-103 Yds, 1 Td su corsa, Jacobs-116 Yds, anche lui un Td su corsa, e infine il solito Boss che con le sue grandi, sapienti mani, si è fatto trovare pronto. Per Minnesota, oltre al Fg, niente di più; il Qb Jackson ha fatto comunque rimpiangere Favre: 15/30, 118 Yds, 1 INT per il numero 7 dei giallo-viola.

In conclusione, la nota di cronaca più rilevante: dopo ben 297 gare consecutive, il 41enne Brett Favre ha dovuto sedersi in panchina: era dal settembre 1992-con i Falcons, che deliziava i tifosi della Nfl con le sue prestazioni da “ironman”. Comunque, “ubi maior minor cessat” per il grande Brett. Adesso sarà interessante nella offseason assistere o meno alla recita: “Mi ritiro…no non mi ritiro”. Di sicuro, se dovesse mai definitivamente appendere il casco al chiodo, una carriera come la sua rimarrà nella storia.

New York Giants: vs Philadelphia
Minnesota: vs Chicago

Post By simonmp1 (75 Posts)

Connect

3 thoughts on “NFL Monday Night & Monday's Postponement – Week #14

  1. Non ci sono dubbi che Brett Favre non giocherà la prossima stagione. Nel settembre del 1992 Brett giocava già con i Green Bay Packers.

    • Hai ragione Brett4, mi sono espresso male: la prima squadra che lo aveva scelto furono i Falcons, poi, è vero, è passato ai Packers e da quel momento ha iniziato la sua luminosa carriera….grazie della correzione!!!

  2. Credo che con Favre non esista niente di sicuro riguardo il football, i Ravens sono ormai una delle migliori realtà della AFC, per i Giants buona partita , sono sicuro che potevano fare di più, ma sono rincuorato dall’aver visto di nuovo in campo Smith e Nicks, Hagan si sta rivelando un buon ricevitore, serviranno tutti nello scontro diretto con gli Eagles per il dominio della NFC east.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.