Shares

Il 23 Luglio è una data da cerchiare, ed una data che ormai incombe. Venerdì infatti si terrà l’edizione 2021 del Draft NHL, e a pescare per primi tra la pool di talenti disponibile quest’anno saranno, ancora una volta, i Buffalo Sabres.

Pick #1: Buffalo Sabres

2020 Pick: 8th Overall, Jack Quinn, Right Wing

La sempre speranzosa Buffalo rimane di nuovo fregata: fondo classifica, stagione disastrosa, e malumori di un certo Jack Eichel sempre più ingombranti, con i Rangers alla finestra.

Nel 2018, Buffalo ottiene il first overall pick con cui sceglie Rasmus Dahlin, defenseman dal talento generazionale che, nei piani dei Sabres, doveva ancorare un gruppo di qualità pronto a dare supporto alla leadership del già menzionato Eichel.
Non tutto quadra, anche se Dahlin non appare un buco nell’acqua: forse non è stato proprio quel talento sconcertante di cui si parlava, ma i defensemen maturano lentamente. Sarà un franchise D alla lunga, e già ora è un elemento top 4 di qualità a soli 21 anni.

La scelta sembra essere tra due giocatori, e due approcci. Entrambi arrivano dai Michigan Wolverines della NCAA, e sono il canadese Owen Power e l’americano Matthew Beniers, un defenseman il primo e un centro il secondo.

La scelta di Power è la favorita: con la speranza di mantenere Eichel, Power potrebbe essere un upgrade su Ristolainen, sia che il finlandese resti, sia che venga tramutato in materiale da trade per rinforzare il roster. Owen è una Torre di Potere, il suo cognome dice tutto: 195 cm per 100 kg a 19 anni, veloce sui pattini, agile, intelligente, completo. Total package. Ma vorrà Buffalo davvero giocarsi per due volte di fila il first overall pick su un defenseman?

L’altra opzione è Beniers, ed è un’opzione seducente se si decidesse di rinunciare definitivamente ad Eichel, magari in un mega-deal con i New York Rangers che tanto premono per averlo. Se Buffalo optasse per questa scelta, Beniers è l’unico a candidarsi alla scelta in quanto virtualmente pronto a giocare minuti da top 6 come centro. Lui ed il pick del 2019 Dylan Cozens formerebbero il nuovo one-two punch dei Sabres, con Dahlin pronto ad essere il franchise D e Jack Quinn a diventare goal-scorer di punta. Una rivoluzione.
Beniers è l’unico talento da top 5 che possa essere visto come un centro tra i professionisti e che abbia un upside offensivo e difensivo adeguato ad una prima scelta.

Quindi cosa sceglieranno i Sabres? Continuità con il progetto, e dunque Power, o rivoluzione, e dunque Beniers?
Sarò audace. La sparo: Buffalo prende Beniers e procede nello scambiare Eichel, nella notte del Draft o poco dopo.
1st Overall Pick: Matthew Beniers, Centro

Second Pick: Seattle Kraken

2020 Pick: nessuno (la franchigia debutta quest’anno)

Al momento della stesura di questo mio mock, non ho idea di quale sia il roster di Seattle, dato che ancora aspetto l’expansion draft. Ma personalmente, qualsiasi sia la forma del roster, se Power dovesse essere disponibile mi fionderei su di lui. È una scommessa praticamente sicura, ed è quello che serve ad una squadra novella: fisico, potenziale alle stelle, comunque pronto a giocarsela sin dall’inizio.
Non c’è altra spiegazione da dare.
Ed avendo deciso per Beniers first overall, pronostico Power secondo ai nuovi arrivati.

2nd Overall Pick: Owen Power, Defenseman

Third Pick: Anaheim Ducks

2020 Pick: 6th Overall, Jamie Drysdale, Defenseman

L’ultimo top 3 pick di Anaheim fu nel lontano 2005, dove i Ducks ancora erano “Mighty” e dove venne scelto Bobby Ryan, dietro ad un certo Sidney Crosby.
Lontana è l’Anaheim della coppa, di quei Getzlaf e Perry coppia perfetta.
Ora, il corpo difensivo di Anaheim non è messo male, assolutamente. Drysdale è linfa nuova, e comunque gli elementi ci sono. Ma questo draft è troppo ricco di talento in quel ruolo, quindi un defenseman va considerato. Le possibili scelte sono tante, ma ad Anaheim serve sia tecnica che mole, e quindi il favorito è sicuramente Simon Edvinsson, il gigante svedese.
Brandt Clarke però è un D molto completo, il prototipo: grande ma non troppo, fa tutto e lo fa bene. Questi due sono sicuramente nomi da sottolineare.

Un’altra opzione però è spostarsi verso un goalscorer, soprattutto se si dovesse rinunciare definitivamente a Rickard Rakell. Un nuovo Corey Perry per Zegras, virtuale erede di Getzlaf. Il nome sarebbe quello di Dylan Guenther. Taglia prototipo per il ruolo, quello di ala destra, Guenther ha un tiro letale, tra i migliori dell’intero draft, e moltissimo potenziale offensivo.
Anche qui dunque, è capire da che parte del roster investire.
Con Lindholm in scadenza e spesso perseguitato da infortuni, e con Fowler possibile pedina di scambio, forse la scelta di un defenseman potrebbe essere quella più giusta.
Trovo però Edvinsson un rischio, e Clarke un pick più sicuro.
3rd Overall Pick: Brandt Clarke, Defenseman

Fourth Pick: New Jersey Devils

2020 Pick: 7th Overall, Alexander Holtz, Right Wing

New Jersey ha scelto il suo goalscorer l’anno scorso. Ha Jack Hughes che ha fatto, per quanto mi riguarda, tremendi passi in avanti. Ha diversi forward di qualità, e ha scoperto in Ty Smith un defenseman di prima categoria, potenzialmente perlomeno.
Hischier, Zacha, Brett, Sharangovich e così via sono tutti giovani e promettenti. A questo punto, investire su un defenseman in un “D-heavy” draft è d’obbligo.

Se Edvinsson rimane disponibile, insieme a lui si delinea però un’altra promettente scelta: Luke Hughes. Il punto è capire se riunire due dei tre fratelli Hughes sotto lo stesso tetto possa giovare.
Non sarebbe la prima volta: si può pensare a Eric e Jordan Staal, ai Sedin (anche se loro sono ancora più particolari), a Rob e Scott Niedermeyer, o al trio dei fratelli Stastny.

Da una parte, Edvinsson ha molto upside e soprattutto garantirebbe più size in difesa, cosa che un po’ manca (anche se con l’aggiunta recente di Graves in free agency e l’acquisizione di Siegenthaler, forse non troppo). Dall’altra, come si potrebbe rinunciare alla romantica idea di due Hughes con la stessa casacca? E Luke è pure bravo, bravo davvero.
Mi faccio prendere dal romanticismo.
4th Overall Pick: Luke Hughes, Defenseman

Fifth Pick: Columbus Blue Jackets

2020 Pick: 21st Overall, Yegor Chinakov, Right Wing

L’ultimo top 5 pick dei Jackets fu quello sciagurato Dubois che ad inizio stagione ha portato allo scambio con Laine, dopo i mal di pancia ed i litigi con il buon Tortorella. Difficile dare torto però a Pierre-Luc, che aveva anticipato i tempi pronosticando un crollo degli uomini di John Tortorella.
Columbus ha una coppia difensiva davvero solida in Jones e Werenski, e pure giovane. È palese che manchino dei forward di qualità che non si chiamino Laine o Atkinson, considerando comunque talenti altalenanti ed un Oliver Bjorkstrand forse finalmente pronto al tanto desiderato breakout.

Per questo decido di escludere un defenseman (probabilmente sbagliando), e mi concentro sui giocatori ancora presenti. Nel mio mock, Guenther ancora non è stato selezionato, e per i motivi menzionati con i Ducks, trovo che possa essere un fit per Columbus, dato che gioca sia a destra che a sinistra. Considerata anche l’età e il progetto a lungo termine, potrebbe contribuire sin da subito ed essere poi il degno sostituto di Nyqvist o di Atkinson nella top 6.
5th Overall Pick: Dylan Guenther, Wing

Sixth Pick: Detroit Red Wings

2020 Pick: 4th Overall, Lucas Raymond, Left Wing

Raymond era la migliore ala disponibile al draft 2020 dopo Stutzle, se si considerava Lafreniere centro puro. Detroit ha fatto una scelta importante.
Con Vrana, Zadina, Fabbri, Veleno e chi più ne ha più ne metta, direi che Detroit questa volta si concentrerà sulla difesa. E se tutto va come ho previsto, cosa di cui dubito, il gigante svedese Simon Edvinsson sarà ancora disponibile, e pronto a formare una coppia da paura con il pick 2019 Moritz Seider.
Sappiamo che Detroit ama gli svedesi, ed Yzerman scelse un gigante svedese quando costruì i suoi Tampa Bay Lightning che ora fanno incetta di coppe. Un certo Victor Hedman.
Lungi da me chiamare Edvinsson futuro Hedman, ma il potenziale è tantissimo. È sicuramente il più rischioso dei top D presenti, ma detta tutta potrebbe trasformarsi in un talento generazionale, e competere con Power come classico “total package”.

Alcuni avrebbero preferito la scelta di un Goalie, con l’ottimo Jesper Wallstedt. Ma non credo che bruciare una sesta scelta per un giocatore comunque da attendere sia una mossa da fare. Vero, questo potrebbe essere un goalie generazionale, ma credo che Edvinsson sia un talento troppo grande da farsi scappare, se dovesse davvero scivolare fino a qui.
6th Overall Pick: Simon Edvinsson, Defenseman

Seventh Pick: San Jose Sharks
2020 Pick: 31st Overall, Ozzy Wiesblatt, Right Wing

San Jose è una squadra attualmente in acque a poco dire strane: i piani di affondo per la Coppa, in altri termini l’assalto ad Erik Karlsson, non hanno dato i risultati sperati. Un roster metà di veterani un po’ sbiaditi e metà di giovani non sempre convincenti, San Jose dovrà prendere una scelta verso la stabilità.
Per quanto mi riguarda questo coincide con Mason McTavish: il centro della OHL, recentemente in prestito nella National League della Svizzera, è il classico centro two-way ed un giocatore che apprezzo molto, a livello personale. È quello che definisco il centro tipo.

Con Logan Couture non più nel fiore degli anni ma ancora stabilmente centro da first line, McTavish potrà prendere il posto di Marleau, ormai al ritiro, e di Hertl, che ho sempre visto meglio da ala, ruolo in cui credo tornerà. Con Meier e LaBanc, oltre al già menzionato Tomas, San Jose tornerà a godere di una solida top 6 completata da Evander Kane. McTavish è il tipo di giocatore che serve ora a San Jose.
7th Overall Pick: Mason McTavish, Center

Eighth Pick: Los Angeles Kings

2020 Pick: 2nd Overall, Quinton Byfield, Center

Los Angeles potrebbe aver più bisogno di un defenseman rispetto ad un forward, ed è piena, letteralmente, di giovani centri. Però di talento di livello nel ruolo di D ce n’è meno ora: i migliori sono tutti andati a questo punto. Vero, ci sono giocatori come Lambos o Ceulemans che potrebbero essere scommesse poi ben ripagate, ma il talento ancora disponibile nel ruolo di forward rende la scelta obbligata. William Eklund, ad un certo punto dato come sicuro 1st overall pick, andrebbe ad essere una dinamo offensiva nel ruolo di ala possibilmente complementare alla gigantesca mole del predestinato Byfield.

Veloce, dinamico, agilissimo sui pattini e dotato di tanta visione di gioco, Eklund potrebbe sin da subito dare contributo ed evolvere nel sostituire la vecchia guardia Kings.
8th Overall Pick: William Eklund, Left Wing

Ninth pick: Vancouver Canucks
2020 Pick: nessun pick nel primo round

Vancouver potrebbe avere necessità dal punto di vista difensivo, ma basta vedere cosa ho scritto sui Kings per andare a capire che si può aspettare più tardi. Kent Johnson invece rimane un talento cristallino ancora disponibile nella mia simulazione, e trovo che Vancouver dovrebbe saltargli addosso, soprattutto se anche loro trovano, come me, che abbia un futuro più come ala sinistra, dove ha già giocato anche la scorsa stagione in NCAA, che come centro. Tanta abilità con lo stick, capace di magie, offensivamente prolisso, Johnson potrebbe essere l’arma in più insieme ad Hoglander da accostare alla sempre solidissima coppia al centro Horvat-Pettersson, e ai già collaudati Boeser e Miller.
9th Overall Pick: Kent Johnson, Center/Left Wing

Tenth Pick: Ottawa Senators

2020 Pick: 3rd Overall, Tim Stutzle, Left Wing (e 5th Overall, Jake Sanderson, Defenseman)

Ottawa sta costruendo bene ed è proprietaria ora di una risma di talenti eccellente. Stutzle, Batherson, Norris, Brannstrom, Sanderson e chi più ne ha più ne metta. Ed un goalie di primissima qualità è ancora a disposizione. Con la situazione Matt Murray incerta causa Expansion Draft e la conferma di Filip Gustavsson, Wallstedt potrebbe essere scelta saggia per un futuro starting goalie che possa trascinare un core ancora acerbo ma pronto ad esplodere ad una run alla Coppa nei prossimi anni. Con visione estremamente futuristica, trovo che questo possa essere il pick per i Sens.
10th Overall Pick: Jesper Wallstedt, Goalie

 

Finisce qui la nostra Top 10. Ma i talenti sono ancora molti: dall’ex predestinato Aatu Raty ai defensemen Lambos e Ceulemans. Passando per la piccola dinamo americana Coronato, la classica incognita russa ad alto potenziale Svechkov, o il prospetto top tra i franco-canadesi L’Heureux.

Vedremo come andrà a finire!

 

Post By Mattia Valassi (100 Posts)

Vittima delle magie di Patrick Kane, mi innamoro dell'hockey su ghiaccio e dei Chicago Blackhawks negli anni d'oro delle tre Stanley Cup. Talmente estasiato dal disco da non poter fare a meno di scriverci a riguardo. Recentemente folgorato dai Blue Genes di Toronto, e dal diamante in generale.

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.