0Shares
0 0

Team Status: Rebuild

Anaheim continua il suo percorso verso il futuro, dando sempre più spazio ai giovani. Il Coach Darren Elkins, alla sua seconda esperienza in NHL dopo una stagione non troppo felice agli Oilers, avrà di nuovo a che fare con un roster principalmente costituito dai suoi ex pupilli nei San Diego Gulls, squadra affiliata ai Ducks nella AHL, con cui Elkins si è rimesso in luce.

Goalie

John Gibson rimane l’indiscusso numero uno: l’americano ha appena compiuto 27 anni ed entra nel periodo più florido della carriera. Dopo aver inanellato diverse stagioni ottime alla difesa di una delle porte più battute della lega, diversi esperti lo reputano un Goalie da Vezina Trophy, anche se le statistiche soffrono a causa di uno scarso rendimento difensivo della squadra.

In ogni caso, non c’è storia: il trentanovesimo pick del 2011 rimane il presente ed il futuro della franchigia californiana.

Come secondo, dopo l’addio dello storico Ryan Miller, la battaglia è aperta tra l’ex Flyers Anthony Stolarz ed il giovane Lukas Dostal, attualmente in prestito in Liiga dove ha giocato già la scorsa stagione. Dostal ha raccolto ottimi numeri tra i professionisti finlandesi, e data la direzione che Anaheim sta prendendo si prospetta come la scelta più probabile nel ruolo di back-up. Probabile però che Gibson dovrà sostenere la maggior parte delle partite nella stagione.

Defensemen

Fowler, Manson e Lindholm sono rimasti, e costituiscono lo zoccolo duro del team in difesa. Aggiunta in free agency anche un’altra presenza veterana come Kevin Shattenkirk, fresco di Stanley Cup insieme agli ormai ex Tampa Bay Lightning. Sperando in un Lindholm in salute e non perseguitato dagli infortuni, quello di Anaheim rimane un gruppo solido.

Brendan Guhle, arrivato in una trade con i Sabres l’anno passato, e Jacob Larsson, first rounder che ha già visto molto ghiaccio con la casacca Ducks, dovrebbero completare il gruppo. Entrambi maturi a 23 anni, hanno la chance di stabilirsi come titolari fissi e base di partenza per il futuro della difesa nero-arancio, con abbondanza di mentori a cui fare da riferimento.

Per quanto riguarda Jamie Drysdale, top prospect scelto nel recentissimo draft 2020 con la sesta scelta, le probabilità sembrano essere tendenti verso un’altra stagione nelle junior, in OHL agli Otters. Ma le sorprese sono sempre dietro l’angolo: Elkins e lo Staff lo valuteranno durante i training camp.

Centers

In mezzo, sempre presente l’inossidabile leggenda Ryan Getzlaf, ovviamente ora nel ruolo di mentore e probabilmente uomo da seconda linea. Adam Henrique, veterano ancora nel fiore della carriera, si candida come principale first line center. In ogni caso, ci si aspetta che Sam Steel faccia il definitivo passo in avanti: il ventiduenne, trentesima assoluta nel 2016, è reduce da una stagione con 65 partite, 6 goal e 16 assist in un ruolo principalmente da terza linea. Ha le caratteristiche però per prendersi più spazio, e vederlo in first line il prima possibile è di certo la speranza dei Ducks.

Nel sistema però i prospetti non mancano: a creare eccitazione nei tifosi nero-arancio ci pensa sicuramente il top pick Trevor Zegras, scelta numero nove nel 2019. Anche se alcuni pensano si sposterà sull’ala, almeno inizialmente, Zegras è dato come pressoché certo membro del roster dopo i training camp. L’anno scorso conclude con 36 punti in 33 partite nella sua prima, e probabilmente unica, stagione in NCAA con Boston University. La prospettiva di vederlo come centro o ala nella top six rimane probabile.

Lo svedese Lundestrom e i franco-canadesi Morand e Groulx sono anch’essi candidati ad un posto nel roster. L’europeo ha già esperienza NHL, dimostrandosi ottimo soprattutto difensivamente. Il figlio d’arte Groulx invece ha la fisicità adatta alla lega, e potrebbe imporsi. Morand andrà valutato: anche per lui possibile la scelta di essere spostato verso il ruolo di ala.

Wings

Silfverberg e Rakell sono le due sicurezze, anche se un possibile trade non è da escludere, dato il clima ad Anaheim e l’interesse di molte altre franchigie. Il primo è un valido playmaker dai lati, ed il secondo un goal-scorer creativo in cerca di riscatto dopo un lieve declino: vederli andare via non sorprenderebbe granché.

I sostituti non mancano: già parte della top six sicuramente i due acquisti via trade Sonny Milano e Danton Heinen. Entrambi hanno brillato con le loro ex squadre, facendo vedere potenziale: il primo con i Blue Jackets di Tortorella ed il secondo con i Bruins di Coach Cassidy. Milano ha 24 anni e Heinen 25, quindi sono definitivamente pronti al salto di qualità.

Max Jones, Troy Terry e Maxime Comtois sono poi i tre prospetti più interessanti in questi ruoli, tutti con esperienza NHL nelle ultime due stagioni. Comtois è il più giovane: 21 anni ed un corpo da Power Forward, ha fatto vedere flash di grande talento e l’anno scorso totalizza 29 partite in NHL con 11 punti, per poi chiudere in AHL con 31 partite e 24 punti. Jones, 22 anni, e Terry, 23, seguono una parabola simile e si candidano come third-liners, pronti però a scalare posizioni, soprattutto se uno o entrambi tra gli svedesi Silfverberg e Rakell partiranno.

Oltre a Morand e Zegras, che potrebbero essere convertiti in termini di ruolo, due recenti draft pick potrebbero giocarsi una chance ai training camp: Brayden Tracey, 29esima scelta del 2019, e Jacob Perrault, ultimo membro della dinastia dei Perrault ad entrare nella lega, 27esima scelta nel recentissimo draft 2020. Entrambi sono ancora giocatori delle junior, ma con così tanto spazio aperto e disponibilità, nessuna scelta è da escludere.

Rumors

Pare che i Ducks possano tentare di dare una mano a Tampa ad alleggerire il Cap Space, con uno scambio tra un ormai semi-ritirato Kesler e Tyler Johnson, una presenza veterana che si inserirebbe subito nella top six di Anaheim.

Lukas Dostal sta convincendo in Finlandia, e verrà sicuramente richiamato dai Ducks per competere come back-up di Gibson, allontanando quindi la possibilità di riportare Miller in squadra. Anche Isac Lunderstrom è stato ufficialmente richiamato una volta che inizieranno i training camp.

Voci parlano della possibilità che Anaheim possa scambiare Getzlaf, un veterano che potrebbe fare la differenza in un team da Stanley Cup. Ultimamente, diverse vecchie glorie in free agency hanno tentato la strada della coppa, ultimo Joe Thornton e la scelta di andare ai Maple Leafs.

Pare che i Ducks abbiano mercato per Getzlaf e stiano pensando di cederlo, ma ovviamente i fans ed il giocatore stesso avranno la loro da dire. Oltretutto, piazzare il contratto di Getzlaf potrebbe essere complicato. Rakell e Silfverberg sono “on the block” in via ufficiale, ma Anaheim non sta cercando forzature. Ascolterà le offerte e valuterà attentamente, in quando non vuole privarsi facilmente dei due giocatori con più valore in squadra dietro Gibson

Post By Mattia Valassi (77 Posts)

Vittima delle magie di Patrick Kane, mi innamoro dell'hockey su ghiaccio e dei Chicago Blackhawks negli anni d'oro delle tre Stanley Cup. Talmente estasiato dal disco da non poter fare a meno di scriverci a riguardo. Recentemente folgorato dai Blue Genes di Toronto, e dal diamante in generale.

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.