La felicitĂ  di Jamie Langenbrunner, decisivo in Gara 5 !

Ci eravamo lasciati con la serie ancora apertissima e le squadre dirette a San Josè, dove i tifosi di casa nutrivano grandi speranze. Ecco com’è andata.

Gara 3: decisivi i power play di St. Louis

St. Louis è stata una grande squadra difensiva tutto l’anno, ma con problemini vari in attacco e in particolare in power play. A San Josè però riescono a segnare ben 3 volte in superiorità numerica, in una partita che portano a casa col risultato di 4-3.

A detta di tutti, se riescono a mettere a posto anche l’attacco, in questi playoffs non sarà facile per nessuno batterli. Sugli scudi Patrik Berglung, autore del primo goal, e soprattutto Andy McDonald, con 1 goal e 2 assist che assicurano a St. Louis la prima vittoria esterna ai playoffs dal 2003.

Coach Ken Hitchcock è entusiasta e afferma che dopo la vittoria in Gara2 la sua squadra, giovane e priva di esperienza playoffs, si è come sbloccata.

La frustrazione degli Sharks diventa evidente nel finale, quando giĂ  sotto nel punteggio, cominciano ad accumulare penalitĂ  che risulteranno fatali. I Blues sono proprio la loro bestia nera: una sola vittoria in 7 partite finora contro di loro.

Gara 4: vince il ritmo basso dei Blues

I goalie dei Blues continuano a fare la differenza: Brian Elliott accumula 24 saves, B.J. Crombeen e Andy McDonald gli vincono la partita: finisce 2-1 e il passaggio del turno è ad un passo.

Gli Sharks continuano a macinare gioco ma non a buttarla dentro: il goal della bandiera arriva con 1:07 alla fine della partita, troppo tardi per sperare in una rimonta in extremis.

Sconsolato coach McLellan: “E’ stata la nostra miglior partita della serie, ma nei playoffs non ti può consolare il bel gioco espresso”.

Inutili le sue mosse tattiche, spostando Marleau, ancora a secco dopo 3 partite, nella seconda linea e promuovendo al suo posto Logan Couture. Senza esisti apprezzabili. Magra consolazione aver migliorato la difesa sui power play, che li avevano condannati in Gara 3…

Gara 5: un uno-due decisivo finisce gli Squali

Non si può dire che gli Squali non ci abbiano provati: i Blues hanno dovuto attendere fino al terzo periodo per portare l’uno-due decisivo, portato dalla coppia Langenbrunner-Perron che segna 2 goal nel giro di 45 secondi e permette a St. Louis di superare il turno col risultato di 3-1 nella decisiva Gara 5.

Fino a quel punto gli Sharks sembravano in controllo, in vantaggio per 1-0 con goal di Joe Thornton sul finire del secondo periodo. Alla fine, per loro non c’è stato niente da fare contro la difesa dei Blues, che ha lasciato Marleau e Pavelski, le 2 punte di diamante dell’attacco, senza punti per tutta la serie.

Grande festa a St. Louis, che da 8 anni non raggiungeva il secondo turno di playoffs: la squadra appare avere davvero tutte le caratteristiche per fare bene contro tutti in post season.

Enorme la soddisfazione di coach Hitchcock, subentrato a stagione iniziata e che sta facendo sognare una cittĂ  intera.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.