Ogni anno, questa è la domenica che cerchio sul calendario che non ho ma che dovrei tenere in camera mia.
Nella notte fra sabato e domenica torna l’ora solare che, oltre a far sbrodolare i fredduristi social con l’originalissima perla «ecco che se ne va l’unica cosa legale in Italia», anticipa di un’ora il kickoff delle nostre seven hours of commercial free football: le partite delle 19:00, quindi, inizieranno alle 18:00 e termineranno un’ora prima, regalandoci così una notte di sonno tutto sommato accettabile – salvo siate tifosi dei Buffalo Bills e vogliate vedere la vostra squadra del cuore seppellire i Green Bay Packers.

Domenica, dunque, vivremo finalmente una giornata di football scandita da orari da veri privilegiati – leggasi “inglesi” -, figuratevi che contravverrò alla mia ferrea volontà di non mangiare carne ordinando e un roll kebab e non so se vi siete resi conto che sto tergiversando tantissimo e pure male: la realtà è che ho paura a parlarvi di football.
Ho paura perché un tweet mi ha fatto notare che Seahawks contro Giants costituirà l’unica partita nella quale si sfideranno due squadre con il record positivo: esattamente, Giants-Seahawks, non Packers-Bills, Cardinals-Vikings, 49ers-Rams o Bengals-Browns.
Viva l’equilibrio, assolutamente, ma vedere i tre corazzate sulla carta come Buccaneers, Rams e Packers faticare a questi livelli mette tristezza, constatare che Raiders e Chargers siano tremendamente simili all’anno scorso mi fa odiare la free agency e lasciate perdere il discorso Broncos prima che mi innervosisca irrimediabilmente: è un anno un po’ così, speriamo si rimetta in sesto il prima possibile.

Arrivato praticamente a metà stagione – pagellone la settimana prossima, ho l’obbligo morale di sfruttare il ponte – non so più in che modo comunicarvi la mia perplessità – e delusione – per quanto fattoci vedere finora, quindi ho reputato migliore l’idea di parlarvi di kebab e ore legali, intanto c’ho circa altre duemila parole a mia disposizione per prepararvi a questa settimana di football.


Le partite più interessanti della settimana

New England Patriots @ New York Jets, domenica ore 18:00

Dal 2010 a oggi Patriots e Jets si sono incrociate in 25 occasioni: Belichick ̬ uscito col sorriso Рo quella stramba smorfia che tenta di propinarci come tale Рben 21 volte, numero piuttosto eloquente sul trattamento da lui riservato a questa franchigia dal 4 gennaio 2000?
Cito questo dato per mettere in risalto quanto una vittoria del genere, oltre che a garantir loro un sensazionale e insperato 6-2, segnerebbe un possibile punto di rottura per questa franchigia: quella di domenica è senza ombra di dubbio la partita più importante della loro ancor giovane stagione.
Le perdite di Hall e Vera-Tucker peseranno tantissimo, togliere da un reparto offensivo non particolarmente brillante i due giocatori più produttivi e affidabili potrebbe rompere i fragili equilibri che permettevano loro di vincere partite, ma attenzione all’innesto di James Robinson, running back che ha dimostrato di poter essere il faro di un gioco di corse di livello: la prontezza con cui sono andati a sostituire la giovane superstar ci mette davanti al timido fatto che, forse, questi non sono i Jets che abbiamo imparato ad amare e compatire.
Dai Patriots mi aspetto una prestazione di spessore che compensi all’obbrobrio di lunedì quando, incredibilmente, hanno trovato modo di resuscitare dei Chicago Bears offensivamente – quasi – nulli. Spero vivamente che non si monti un inutile caso attorno all’alternanza Jones-Zappe, sarebbe ingeneroso giudicare Jones in base a quanto fattoci vedere nello striminzito campione di partite giocate in questa stagione: calma e razionalità, per favore.
Fantasy friendly: Nick Folk, K, New England Patriots. Partita da calci?
La scelta di Mattia: New England Patriots.

New York Giants @ Seattle Seahawks, domenica ore 21:25

Il fatto che la visita dei Giants nel Pacific Northwest costituisca una delle partite più interessanti della settimana compendia magnificamente l’unicità – e inimitabilità – di questa lega: solamente due mesi fa un testa a testa del genere avrebbe rappresentato poco più che una pigra miniera di meme dalla quale estrarre banalità che non serva stia qui a descrivervi – provate a immaginare un intercetto di Geno Smith contro i Giants, squadra della “sua” New York. Spero di aver reso l’idea.
Seahawks e Giants rappresentano due delle più grandi storie di successo di questa giovane stagione, due squadre che alla vigilia del kickoff di settembre non godevano del favore dei pronostici nemmeno dei loro genitori, e invece eccoci qua a parlare della resurrezione inaspettata di Geno Smith, del cuore dei Giants che vincono costantemente partite da libro Cuore eccellendo nell’arte di “vincere limitandosi a non perdere”, insomma, un testa a testa che ci emozionerà molto più di quanto potessimo aspettarci.
New York ha la ghiottissima occasione di portarsi su un 7-1 che a mio avviso ipotecherebbe – salvo collassi epocali – un posticino ai playoff mentre Seattle ha l’opportunità di allungare sul resto della letargica NFC West: tutto come da copione, ovviamente.
Fantasy friendly: Geno Smith, QB, Seattle Seahawks. Cavalcatelo prima che suoni la mezzanotte.
La scelta di Mattia: New York Giants.

Green Bay Packers @ Buffalo Bills, lunedì ore 01:20

In un mondo perfetto staremmo parlando di prequel del Super Bowl, di un appetitosissimo scontro a distanza fra due dei migliori quarterback della lega, quel genere di partita il cui valore assoluto della vittoria trascende il semplice +1 sulla colonna delle doppievù: tutto vero, ma solo a metà. Ringraziate i Packers.
I Green Bay Packers, duole dirlo, al momento non sono assolutamente una buona squadra di football americano, né in attacco né in difesa – e grazie ad un Amari Rodgers sempre più impalpabile nemmeno negli special team: non ho idea di quale possa essere il loro futuro, non credo che le delusioni che stanno spacciando settimanalmente siano imputabili solamente all’addio di Davante Adams, questa è a mio avviso una lettura decisamente pigra. Non credo che le parole dello psichedelico dall’amichetto McAfee possano aiutare, gettare sotto il proverbiale tram i compagni di squadra è un qualcosa che non dovrebbe competere a un uomo pagato non solamente per lanciare il pallone ma, soprattutto, per essere il leader dello spogliatoio: questo fortunatamente non è LinkedIn perciò vi risparmio lo spiegone pomposo su cosa faccia – o non faccia – un leader ma lasciatemi dire che la condotta di Rodgers non è sicuramente da leader.
Salvo clamorose reazioni d’orgoglio fatico a immaginare uno scenario in cui riescano a battere i Buffalo Bills, la compagine più completa e concreta del campionato, una macchina – quasi – perfetta che sta pure implementando un gioco di corse capace di togliere pressione dalle larghe spalle di Josh Allen: l’ho già detto che questo è il loro anno?
Fantasy friendly: Devin Singletary, RB, Buffalo Bills. Per completare il ragionamento iniziato una riga fa.
La scelta di Mattia: Buffalo Bills.


I protagonisti “fantasy”

Raheem Mostert, RB, Miami Dolphins

Umanamente ci sono pochi giocatori per i quali simpatizzo in egual misura, Mostert è un talento pazzesco la cui carriera è stata criminalmente limitata da una serie di sciagurati infortuni: vederlo sano e correre così lenisce l’anima.
La run defense dei Detroit Lions è probabilmente la più scadente di tutta la lega, solamente i Texans concedono più yard a partita e, in sei incontri, si sono beccati ben 12 rushing touchdown: qui c’è la seria possibilità che non solo Mostert realizzi un sempre apprezzabile touchdown ma che, soprattutto, scollini la tripla cifra.

Gabe Davis, WR, Buffalo Bills

Nelle cinque occasioni in cui è sceso in campo Gabe Davis ha ricevuto solamente 14 palloni.
Di queste 14 ricezioni 4 hanno portato in dote i sei punti.
Ogni ricezione, in media, è valsa 27.4 yard.
Facciamo due conti: Gabe Davis riceve poco meno di tre palloni per circa 70 yard e 0.80 touchdown a partita.
Definizione vivente di boom or bust, Davis è la versione sotto steroidi di DeSean Jackson, un deep threat che tiene le difese avversarie perennemente sulle spine e che non ha bisogno di chissà quale volume per fare danni: a tutto ciò aggiungete lo stato di salute dei Green Bay Packers.

Daniel Jones, QB, New York Giants

Lo so, lo so.
Credetemi, lo so.
Ma bisogna guardare in faccia la cruda realtà dei fatti: in un anno in cui i quarterback che hanno scandito il nostro ultimo decennio fantasy boccheggiano bisogna essere creativi e scevri di pregiudizi. Danny Dimes non lancia troppo, ma finora ha guadagnato in media 49 rushing yard a partita, un numero capace di trasformare una prestazione mediocre in una convincente.
Seattle, tra l’altro, è sempre stata parecchio generosa con i quarterback avversari.
Ditemi voi che fine ho fatto, nel 2022 a proporvi Daniel Jones come protagonista fantasy: sono alla frutta come persona.


Uno spunto – e un pronostico – per le altre partite della domenica

Denver Broncos @ Jacksonville Jaguars, domenica ore 14:30 (Londra)

A questo punto fa differenza chi ci sarà under center per i Broncos?
Fantasy friendly: Travis Etienne, RB, Jacksonville Jaguars. Quello di Jacksonville è ora più che mai il suo backfield e il ragazzo è tremendamente esplosivo.
La scelta di Mattia: Denver Broncos.

Carolina Panthers @ Atlanta Falcons, domenica ore 18:00

Vorrei parlarvi una vittoria tranquilla dei Falcons, ma dopo quanto successo domenica scorsa fra Panthers e Buccaneers preferisco evitare inutili pavoneggiamenti e mettervi davanti a un incerto testa a testa fra due squadre non eccessivamente distanti per valore tecnico che si dilettano a taccheggiare vittorie a squadre ben più attrezzate.
No, non è un complimento.
Fantasy friendly: D’Onta Foreman, RB, Carolina Panthers. Foreman mi è veramente piaciuto contro i Buccaneers, vediamo se decideranno di ufficializzare l’investitura a RB1.
La scelta di Mattia: Atlanta Falcons.

Chicago Bears @ Dallas Cowboys, domenica ore 18:00

I Chicago Bears visti lunedì notte contro degli inspiegabilmente asettici New England Patriots mi hanno meravigliato, ma non riesco a immaginarli vincitori su dei Dallas Cowboys sempre più impressionanti, soprattutto in difesa.
E pensare che solamente un anno e mezzo fa la difesa dei Cowboys era così inetta da concederne 30 a partita e condannare l’intera squadra a una mediocrità pigramente imputata all’assenza di Dak Prescott: come cambiano le cose in due anni, eh?
Fantasy friendly: Dallas Cowboys D/ST. Non me ne voglia Justin Fields, ma tant’è.
La scelta di Mattia: Dallas Cowboys.

Miami Dolphins @ Detroit Lions, domenica ore 18:00

Io ho provato a crederci nei Detroit Lions – figuratevi che nelle mie dieci bold prediction li avevo addirittura proiettati ai playoff – ma la realtà dei fatti è una e piuttosto incontrovertibile: questa squadra non ha ancora idea di come comportarsi da adulta, non è in grado di non darsi la proverbiale zappa sui piedi e, soprattutto, di mettersi in posizione di vincere consistentemente partite di football.
I Miami Dolphins, invece, con tutti i loro limiti stanno maturando guidati da un Tagovailoa che piano piano sta dimostrando di avere il necessario per guidare una squadra vincente.
Fantasy friendly: Tua Tagovailoa, QB, Miami Dolphins. In un anno in cui i vari Stafford, Wilson, Brady e Rodgers sono diventati ingiocabili i quindici punti semi-garantiti di Tua fanno gola.
La scelta di Mattia: Miami Dolphins.

Arizona Cardinals @ Minnesota Vikings, domenica ore 18:00

Se gli Arizona Cardinals vogliono provare a illuderci di essere una squadra seria devono assolutamente vincere questa partita, indipendentemente da tutto. Nel giro di pochi mesi hanno rinnovato quarterback, allenatore e per non farsi mancare niente anche il general manager – che sono abbastanza sicuro abbia foto compromettenti dell’owner Bidwill -, eppure mi continuano a dare l’impressione di essere pronti a ripartire da capo.
Sarà.
Fantasy friendly: Rodrigo Blankenship, K, Arizona Cardinals. Contentissimo per lui che sia già tornato a calciare in NFL.
La scelta di Mattia: Minnesota Vikings.

Las Vegas Raiders @ New Orleans Saints, domenica ore 18:00

Con i Raiders vale sempre il solito discorso, devono vincere perché avendo già perso cinque partite non possono permettersi ulteriori passi falsi, il margine d’errore è rasente allo zero e bla bla bla: ad attenderli troveranno dei Saints che in barba a tutti i problemi che attanagliano il roster – leggasi infortuni – continuano a vendere cara la pelle a chiunque.
Fantasy friendly: Daniel Carlson, K, Las Vegas Raiders. Amo Tucker più di quanto ami me stesso, ma fino a questo punto della stagione il miglior kicker della lega è stato Daniel Carlson: le parole più dolorose che abbia mai scritto in seicentoeppassa articoli.
La scelta di Mattia: Las Vegas Raiders.

Pittsburgh Steelers @ Philadelphia Eagles, domenica ore 18:00

Curioso di vedere se il bye week ha paradossalmente ostacolato gli Eagles, la squadra più calda della lega.
Fantasy friendly: George Pickens, WR, Pittsburgh Steelers. A voi il prossimo grande ricevitore dei Pittsburgh Steelers, la miglior squadra in assoluto a formare superstar nella posizione più in voga del decennio.
La scelta di Mattia: Philadelphia Eagles.

Tennessee Titans @ Houston Texans, domenica ore 21:05

Sto iniziando a adorare i Tennessee Titans che malgrado non giochino bene, siano pieni di magagne e fatichino tremendamente a far volare il pallone continuano a vincere partite: con una vittoria si porterebbero sul 5-2 e visto lo stato dell’arte in casa Colts – e AFC South – potrebbero dare lo strappo decisivo per la corona divisionale già a fine ottobre.
Squadra senza senso e va bene così.
Fantasy friendly: Brandin Cooks, WR, Houston Texans. Mills permettendo.
La scelta di Mattia: Tennessee Titans.

Washington Commanders @ Indianapolis Colts, domenica ore 21:25

E dunque la tanto agognata svolta data dall’innesto di Matt Ryan è durata giusto metà stagione, il tempo necessario per rendersi conto che i suoi giorni migliori appartengano mestamente a un passato ora più che mai lontano.
Non ho idea di quale possa essere il prossimo passo dei Colts, salvo che Sam Ehlinger… no, sto ricascando nella stessa trappola in cui mi aveva fatto precipitare Matt Ryan.
Fantasy friendly: Brian Robinson, RB, Washington Commanders. Il volume c’è, se per caso arriverà mai pure l’efficienza…
La scelta di Mattia: Indianapolis Colts.

San Francisco 49ers @ Los Angeles Rams, domenica ore 21:25

In un mondo meno folle questa sarebbe dovuta essere la partita della settimana, invece altro non è che un probabile momento della verità per due squadre che, in misura diversa, stanno faticando a presentarci la versione vera di sé stesse.
Sarebbe veramente un buon momento per McVay per interrompere la striscia di successi consecutivi – in regular season – dei ‘Niners dell’amico Shanahan sui suoi annaspanti Rams: momento della verità per entrambe.
Fantasy friendly: Brandon Aiyuk, WR, San Francisco 49ers. Deebo ha molto più upside ma Aiyuk è l’opzione più sicura.
La scelta di Mattia: Los Angeles Rams.

Cincinnati Bengals @ Cleveland Browns, martedì ore 01:15

I Cleveland Browns non possono assolutamente permettersi di slittare su un ignobile 2-6 che, di fatto, comprometterebbe pressoché irreparabilmente la loro stagione.
Per loro sfortuna Joe Burrow ha ripreso a giocare da favorito all’MVP e i Bengals, nonostante il record insipido, possono riessere annoverati fra le favorite per la AFC.
Fantasy friendly: Tyler Boyd, WR, Cincinnati Bengals. L’attacco dei Bengals è così esplosivo che anche il loro terzo ricevitore può produrre consistentemente numeri da WR1.
La scelta di Mattia: Cincinnati Bengals.


Le mie scelte la scorsa settimana: 8-5. Per gli standard a cui ci ha abituato questo nevrotico 2022 azzeccarne otto basta e avanza per farmi stappare la classica bottiglia di “quello buono” – che ovviamente non ho ma essendo della Valpolicella non posso non citare.
Le mie scelte finora:  57-43-1. Se escludiamo il pareggio e sommiamo vittorie e sconfitte otteniamo un cento tondo tondo che non può che costringermi a tirare somme: finora ho azzeccato il 57% dei miei pronostici, numero ampiamento sotto il 66 garante di competenza. Sono atteso da una rimonta nella seconda metà come Tom Brady, vediamo quale versione di Brady saprò essere.

2 thoughts on “Guida all’ottava settimana del 2022 NFL

  1. Mattia, è incredibile ma la scorsa week 7 ho totalizzato un 10-4. Ho iniziato a fare pronostici dalla week 3 e sto viaggiando al 63% totale ( sarei sicuramente sotto 60 se avessi pronosticato anche in week1 e 2 ), ma se arrivo al 66% non sarà certamente x competenza ma solo per quell’incoscienza che pervade chi non capisce. Temo che questa pazza stagione destabilizzi un po’ quelli veramente competenti come te. Comunque in questa week 8 sono partito col piede giusto, ho indovinato la vittoria dei Ravens contro i Buccs. Ciao Mattia ancora grazie e ciao a tutti.

  2. Faccio questo gioco da 12 anni e al 66% non ci sono mai arrivato. Il punto più alto è stato un 64.98% nella stagione 2012; ma ho fatto anche annate sotto il 60%. Quindi direi che il confine tra una buona stagione di pronostici e una stagione insoddisfacente sia il 62%.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.