0Shares
0 0

Miami 106 – Golden State 111 OT
Vittoria di prestigio per i Warriors che rovinano il rientro di Wade (34p 6r) con 4 giocatori oltre i 20p (Ellis, Lee, Wright e Robinson) e giocando senza Curry. Per James 26p 11r 7a ma anche 5 palle perse.

Phoenix 83 – LA Lakers 99
Nonostante il polso dolorante, Kobe Bryant mette in scena una prestazione da 48 punti (18/31) e 5 rimbalzi per battere i Suns di Nash (13p 8a) e Gortat (16p 12r).

Toronto 78 – Washington 93
Prima vittoria per i Wizards, guidati da Young e Lewis, entrambi con 15 punti. Male i Raptors dove si salva solo il Mago con 22 punti ma solo 2 rimbalzi.

Houston 82 – Charlotte 70
Show horror a Charlotte dove passano i Rockets tirando col 38% – in evidenza solo il rookie Chandler Parsons con 20 punti e 7 rimbalzi. Malissimo i padroni di casa che tirano col 34% e hanno come top scorer addirittura il centrone bianco Byron Mullens, 15p 10r.

Sacramento 85 – Philadelphia 112
Sesta in fila per i Sixers con 21p e 10r di Brand in 25 minuti. Dall’altra parte si salva solo Cousins con 17p e 10r.

Dallas 100 – Detroit 86
Vittoria esterna senza problemi per i campioni in carica sul campo dei derelitti Pistons. Ordinaria amministrazione per Nowitzki con 18p 7r in 25 minuti. Per i Pistons in evidenza Bynum, 20p in 24 minuti dalla panchina.

Oklahoma City 100 – Memphis 95
Vittoria in volta per Oklahoma City a Memphis guidata dal trentello di Westbrook e dai 22p e 11r di Durant. Non bastano per gli orfani di Randolph i 20p e 14r di Gasol.

Chicago 111 – Minnesota 100
Nell’attesa sfida fra playmaker ovviamente vince Rose (31p 11a) ma Rubio non demerita (13p 12a 5r). Ennesima doppia doppia per Love (20p 13r) ma non basta.

San Antonio 103 – Milwaukee 106
Importante vittoria casalinga per i Bucks di Jennings (15p 11a) e soprattutto di Stephen Jackson (34p 8a), ex di lusso. Non bastnano i 22p di Parker e i 20p 8r 7a di Duncan.

Cleveland 105 – Utah 113
I Jazz si portano addirittura sul 6-3 sconfiggendo i Cavs in casa, guidati dai 30p e 12r di Jefferson. Dall’altra parte non bastano i 20p di Irving e i 22p di Jamison.

LA Clippers 97 – Portland 105
I Blazers non si fermano neanche davanti ai Clippers di Griffin (18p 12r) e Paul (solo 11p 3a). Tutto il quintetto di Portland va in doppia cifra con Wallace miglior realizzatore con 20p.

Post By Max Giordan (1,005 Posts)

Max Giordan segue l'NBA dal 1989, naviga in Internet dal 1996. Play.it USA nasce dalla voglia di unire le 2 passioni e riunire in un'unico luogo "virtuale" i tanti appassionati di Sport Americani in Italia. Email: giordan@playitusa.com

Connect

112 thoughts on “NBA – Bryant scrive 48, Miami sorpresa dai Warriors

  1. vien da dire che sehai bisogno di un bryant così x vincere faticando con i suns..ma a parte..heat che pensavano di aver già vinto, si distraggono e perdono..sixers sempre più convincenti..squadra ben bilanciata e allenata.un pò come i knicks,ah…

  2. Ragazzi con tutto il rispetto ci mancherebbe altro per chi ci porta le news ho una curiosità:
    che fine ha fatto KEVIN DI FELICE si è trasferito in Polinesia?
    Per quanto riguarda la notte NBA non nascondo un velo di piacere nel vedere la sconfitta di MIAMI grazie a SUPER NATE.

  3. Un Gerald Wallace che è diventato il valore aggiunto a Portland. Giangio devi essere più ottimista!!
    :))

  4. I Warriors sono pur sempre i Warriors anche senza coach Nelson qundi Criptonite Robinson è semplicemente perfetto per il “sistema”
    Visto il Kobe Show negli ultimi 5 minuti: con Walton-Barnes e Blake ricondavano sinistramente la versione di LAL post Shaq, dove se non segna lui … comunque è sempre tanta roba Kobe! Mette sempre i brividi per quanto ricorda MJ e a distanza di una decade e con tanti acciacchi rimane un super atleta e un potenziale MVP altro che calo!
    Il punto è che una stagione così richiede tante risorse e una panchina lunga e di qualità, Kobe si stà spremendo troppo
    I Jazz ad esempio con il ritrovato Howard, Mills – Watson e i due scalpitanti lunghi Favor e Kanter hanno con i 76’rs la miglior panca dell’Nba e se Jefferson è questo (un’all starr e forse il miglior centro dell’ovest) vanno ai PO

  5. Un kobe vintage regala la W ai lakers, che si affidano totalmente a lui, ma direi che a stò giro hanno fatto benone.

    Dicevo ieri della tristezza che mi metteva duncan…ecco ieri contro bogut ha messo 20+8+7+3blk, 9/12 al tiro…ehm, scusa tim.

    Heat, storia già vista, si fanno recuperare nel finale, bravi i warriors a crederci. Buon ritorno di wade.

    I wiz firmano la prima vittoria a scapito di toronto. Wall sempre peggio offensivamente, non capisco cosa gli sia successo.

  6. No più che altro è che se kobe gioca così adesso rischia di arrivare ai playoff senza benzina visto che non è più un ragazzino..

  7. Io non sono un nostalgico ma quest anno il livello medio dell’nba credo sia il più basso di sempre..se il trend è questo tra 5-10 anni questo non sarà piu il campionato di riferimento.
    E non capisco come si sia arrivati a snaturare i ruoli “classici”…ora i prospetti sono playmaker che giocano da guardia,ali piccole di 2.08 e i pochi lunghi che si vedono sono sprovvisti di materia grigia (in generale il q.i cestistico medio dei giocatori giovani americani è basso rispetto agli europei). E bisognerebbe togliere qualche squadra anche solo per non essere piu costretti a vedere dei palazzi semi-deserti.

  8. Continuando così KOBE fra una quindicina di partite supererà SHAQ al 5° posto fra i migliori marcatori di sempre non vedo l’ora di sentire la risposta di DIESEL you can play better than me..

  9. Piccola curiosità: Miami e Chicago hanno perso le loro uniche due partite entrambe in trasferta ed entrambe contro Hawks e Warriors..

  10. Visto che avete parlato di Portland e Phila….una nota su queste squadre: mi sembrano costruite con molta intelligenza, complete in ogni ruolo ed equilbrate (si guardi ad esempio alla distribuzione dei punti). Non sono o non sono ancora (parlando di Phila, che avrà spazio salariale per migliorare il roster, quando scadrà il contrattone di Brand) contender, ma quest’anno frequeteranno i piani alti delle rispettive Divsion. Ultima nota su Evan Turner: in lenta ma costante crescita (ieri ha sfiorato la tripla doppia). Spero mantenga tutto quello che aveva promesso durante gli anni di college.

  11. io credo che kobe possa fare tutta la stagione a questi livelli, senza avere dei grossi cali nei playoffs. Questa stagione sono arrivati tutti più riposati(dico i big) e inoltre la stagione ha sì ritmi più elevati, ma ha pure 66 gare invece che 82. Ah, giocando a questi livelli, se i lakers chiudono con un buon record, kobe va tranquillamente per l’MVP, anche considerando che uno come lui lo ha vinto solo una volta.

  12. Riportare la frase che ha condito l’ultimo canestro di kobe mi costerebbe probabilmente il diritto di continuare a scrivere su questo forum. Vi basti sapere che lo stupore ha fatto si che pronunciassi ripetutamente il nome di dio (di sua “moglie” e della sua progenie) invano. Stanotte ha preso una serie di tiri di una difficoltà pazzesca… credo che in the paint abbia segnato qualcosa come 4 punti (i due dunk nel finale)….
    Anche dopo 5 anni di giurisprudenza, un master in marketing e comunicazione e una raffinata abilità nel padroneggiare l’arte oratoria imparata in 5 atenei di 4 stati diversi…beh, il mamba mi lascia sempre speechless. Cosa dire? MVP? Eroe? io vado per Best Player Ever.

    • American Dream

      Per 48 punti a questi Suns in una partita inutile Best Player Ever???Allora sulle tante partite del genere di MJ, Magic (per per citarne due)cosa avresti detto…hai fatto tutto questo doppio pompino simultaneo a Kobe e a te stesso per concludere con una cacata pazzesca…

      • sapevo perfettamente di aver esposto il fianco a una replica di questo tipo…
        credo che quando si parli di eccellenza alla fine subentri nella scelta di uno, piuttosto che dell’altro, l’affezione e il gusto personale. Ho 25 anni, di MJ ho visto solo tributes highlights, documentari e alcune partite registrate.
        Best Player Ever è un commento assolutamente personale e non per forza condivisibile… è stupido mettersi a paragonare giocatori di epoche diverse, ma da quando seguo la NBA, una dozzina d’anni, l’unico che a mio avviso può stare nella stessa frase con Bryant è Duncan, ma per il ruolo in cui gioca sicuramente non suscita lo stesso grado di entusiasmo.
        Non sono i 48 di stanotte che lo consacrano, ma sono un nuovo capitolo da aggiungere alla sua leggenda. Credo che ormai Kobe sia a pieno titolo tra i 3-5-10 migliori giocatori della storia.
        Non parlavo di Iguodala, parlavo di uno che ha vinto e dominato. Qua sembra che nel momento in cui si insinua che possa esserci qualcuno al livello di MJ la gente si indigna.
        Si indignavano anche quado si iniziò a parlare di sfericità della terra.

  13. Io spero che kobe quel titolo non lo vinca..più che altro perché negli ultimi anni chi l ha vinto non si è poi messo l anello al dito(intendo nei medesimi playoff)..

    • AmericanDream, premetto che sono tifosissimo Lakers e considero Kobe il miglior giocatore in attività. Senza se e senza ma.
      Purtroppo però son più vecchio di te e il buon MJ me lo sono gustato pienamente.
      E ti dico, senza alcun tipo di dubbio, che senza l’originale non ci sarebbe la copia, ossia senza MJ non ci sarebbe Kobe ( ma neanche tanti altri giocatori in attività!).
      MJ era un super giocatore di oggi spedito 20 indietro nel passato. Alieno. Onnipotente.
      E’ proprio questa la differenza sostanziale fra i due: Kobe è buonissimo, il migliore (per quel che mi riguarda). Jordan aveva un’aura d onnipotenza che forse solo Chamberlain ha avuto (ma fortunatamente almeno per ricordarmi lui sono troppo giovane!)

  14. big james
    il livello è pietoso..il gioco è cambiato(in peggio)col delirio di tiri da 3, con giocatori che non san più tirare in sospensione,con lunghi che tiran da fuori e han meno tecnica a rimbalzo di quella che potrei avere io..continuo a pensare che l’europa sia peggio,ma comunque..e vedendo la nba da 30 anni,dimmi tu cosa psso pensare io…
    venendo alle squadre..philly davvero bene..questi giocan di squadra,e pur non avendo fenomeni,questo,in una lega dove ognuno gioca x conto suo, basta a farli andare in alto..

  15. Madonna santa , appena finita di vedere, era comunque nell’aria dopo il primo quarto chiuso con 17 punti però ultimamente dopo dei buoni inizi calava sempre nel finale, oggi invece li ha devastati dall’inizio alla fine.Poi oh i Suns a parte Hill non hanno un difensore perimetrale decente, se Kobe è in giornata ci sta che contro questi spari il partitone, che dire, stellare, era da tempo che non lo vedevo così.Strada ne faremo poca lo stesso in ogni caso.Quanto all’MVP direi che ora come ora c’è solo Lebron in testa però Kobe viene subito dietro, il punto è che alla fine della RS secondo me avremo un record di molto inferiore a quello degli Heat quindi di speranze ne ha poche.

  16. Il problema dei lakers è che devono coprire una voragine di 14.4pts, 8.7 reb e 3 ast…

    Ultimamente il premio MVP porta male come pochi altri. L’ultimo a riuscire a vincere quello della rs e quello delle finals è stato duncan nel 2002-03…

  17. Dì ragazzi, ha segnato 48 punti contro nessuno!!! Sarebbe meglio che Kobe certe prestazioni le sfornasse contro ben altri quintetti, il fatto è che con l’età che ha e i vari acciacchi che affiorano solo contro questi avversari lo può fare. Nessuno sminuisce il Kobe MVP degli anni scorsi ma adesso mi sembra che si esageri un pochino.

    Ok! Massacratemi…………. :))

    • Nell’Nba moderna uno che a 33 anni con un polso malandato ne mette 48 col 60% dal campo SENZA TRIPLE al di là di chi ha di fronte è una prestazione monstre non diciamo cazzate.

      • Già! Ma chi lo marcava, tanto da costringerlo a spostarsi dietro l’arco? Shannon Brown? Dudley?…………………non ne aveva bisogno, poi era pure in trance agonistica, ma da qui a dire che è ANCORA un MVP e che i Lakers sono una contender ne passa.

        • Che i Lakers non siano una contender non c’entra niente con la prestazione di Bryant, che non sia l’MVP di oggi è altrettanto ovvio considerando la stagione che sta facendo Lebron, però la prestazione monstre resta.

          • io personalmente ritengo che OGGI, per le 11 ridicole partite giocate sia stato il più bravo molto più di lebron. da qui a 2 settimane la situazione potrebbe cambiare di brutto. dirò di più.. non me ne capacito ma i lakers a volte mi sembrano i cavaliers del re… e non ne sono contento

  18. Ma se ad ogni trentello di lebron a qualcuno cadono già le mutande..ci sta incensare kobe per una prestazione simile. Detto questo io personalmente non mi stupisco più di quello che mette a referto dopo tutti questi anni

  19. @Ape
    @ TUtti
    No, non lo sono, Io non mi illudo….da sempre….
    Stavo dando un’occhiata alla classifica, e secondo me dovremmo aspettare almeno altre 10 partite per farci un’idea: Noi, ad esempio, abbiamo giocato 6 partite in casa, e solo 3 fuori, mentre i Bulls, ad esempio, solo 3 in casa, Miami solo 4.
    Anche i 76ers, che sono la sorpresa dell’anno, hanno giocato 5 partite in trasferta e 4 in casa…Anche i Jazz, altra rivelazione, sono 5-0 in casa….
    Adesso un’altra gara in casa contro i temibili Magic, e voglio vedere chi marca Superman, considerando che ieri Camby ha giocato tanto, pure troppo….

  20. Brazz
    Il livello in europa è ancora peggiore ma il trend è favorevole al vecchio continente..basta pensare che molte squadre nei ruoli “classici” hanno degli extracomunitari.. Dico questo perchè stanotte ho visto giocare Wall e mi son domandato:questo che ruolo dovrebbe avere in campo?? Sicuramente influisce la stagione balorda che non aiuta a crescere i giovani però mi rendo conto che anche solo 3-4 anni fa il livello medio era sicuramente migliore..

    Discorso Duncan Garnett ecc..

    Piange il cuore vedere campioni come questi spegnersi lentamente (purtroppo su fisici come i loro,gli infortuni valgono doppio) Però faccio notare che tantissimi grandi campioni hanno chiuso la carriera in maniera veramente opaca,basti pensare agli ultimi anni di Ewing,Olajuwon e Robinson (lui meno,però aveva il caraibico in squadra). Spero solo che KG e TD si ritirino con onore senza raschiare il fondo del barile in qualche squadretta.

  21. “Vi basti sapere che lo stupore ha fatto si che pronunciassi ripetutamente il nome di dio (di sua “moglie” e della sua progenie) invano”

    Uno dei commenti più divertenti letti qui!

  22. voglio rispondere ad @APE

    lo marcava la stessa gente che ci ha provato, senza riuscirci, due anni fa alle finali di conference: gente più alta di lui e rognosa come dudley e frye e gente che difensivamente, anche se avnti con gli anni, è di alto livello come hill

    poi certo si può dire che è sempre una partita di regular e che i suns gli vanno partciolarmente a genio, però data l’età e i danni fisici anche di quest’anno, rimane un fenomeno.punto

    basta vedere i tiri da dove li mette, in che situazioni…è da vedere e ammirare…di questa capacità tecnica/balistica, rimane avanti a tutti…anche anthony e durant

  23. lo marcava la stessa gente che ha provato a fermarlo, senhza riuscirci, due anni fa alle finali di conference: gente più alta di lui (frye), gente rognosa (dudley) o gente che ha fatto della difesa uno dei cardini della propria carriera (hill)

  24. NBA
    30 squadre? Troppe. Due soluzioni, entrambe impraticabili: la prima sarebbe depredare i migliori talenti che giocano in europa per sostituire i cessi che popolano i parquet NBA, secondo ridurre le squadre almeno a 26 team. In questo modo molti scarsoni non avrebbero cittadinanza.

    Gare
    A Toronto si discute di ricostruire la squadra sbarazzandosi di Bargnani e Calderon per puntare sulle scelte, come se uscissero i Duncan, i James, i Wade… gente che al primo anno aveva materia grigia e IQ cestistico superiore al 60% degli atleti nella lega. Quando i due erano in panca i Rapts giocavano come una squadra liceale. Terrificante il livello suino di giocatori come Ed Davis (che dovrebbe spodestare Bargnani nelle idee illuminate di Colangelo), Butler (un insulto al gioco), Carter bollito, DeRozan involuto in modo spaventoso, Barbosa assurdo…. Ovviamento perdendo con la squadra più calda della lega i Wizard. Colangelo è forse peggio del mitico Thomas.

    Capitolo Wall
    Questo ad oggi non vale la prima scelta. Scandaloso! Non sa tirare, in un’occasione ha tirato sopra il tabellone, passa decentemente la palla in transizione ma a difesa schierata è a livelli bassi e lo salva solo l’atletismo. Confrontato a Rubio fa la figura del co-glione.

    Kobe
    Mostruoso. Questi per vincere devono affidarsi a 31 tiri di Kobe? Ragazzi può vincere l’MVP ma che tristezza (misto a piacere sono sempre un Kings fan)!

    Sixers scherzano i Kings. Anche col secondo quintetto ci avrebbero asfaltato. Vorrei dire a Colangelo che i Kings sono la perfetta dimostrazione che se non spendi per giocatori veri quando hai denaro questi sono i risultati. Che schifo.

    Heat, dormono e perdono. Blazers forti e profondi e Jazz al momento la sorpresa.

    Capitolo Rubio
    Più lo vedo e più mi incaxxo come una bestia. Evans? Ma dai. Rubio è un giocatore fenomenale che ha sbattuto il muso contro una belva (Rose) facendo comunque il suo. Altra doppia doppia per gradire.

  25. Per ora Mvp D. Rose tutta la vita, che poi LeBron ne metta 30 anche nel sonno non fa testo, ha forse già perso il sacro fuoco dell’uomo in missione? E migliorato in post basso? Si vabbè godiamocelo negli HL in campo aperto e aspettiamolo al varco nei PO, dove si gioca un’altro sport, si ritroveranno in finale di conf Bulls e Heat (mi sembra ampiamente pronosticabile), Derrik è spaventoso ed è il leader emotivo e tecnico dei Bulls, James deve ancora Pippenizzarsi a dovere, è difficile con tali mezzi ma da li passano le sorti degli Heat

  26. Ah comunque mi dicono dalla regia che si tratta del massimo di punti per un giocatore alla sua sedicesima stagione

  27. Riguardo a Wall ricordo benissimo dei professoroni che misteriosamente sono spariti da tempo dal sito che lo ritenevano migliore di Rose prima ancora di averlo visto giocare un mese tra i pro..

  28. soluzioni?
    eliminare almeno 5 squadre..l’idele sarebbero le 23 dei primi anni 80..vorrebbe dire un centinaio di cadaveri di varie nazionalità che tornano all’agricoltura..insegnare i fondamentali nei college,e insegnare a CAPIRE il gioco..qui i ragazzini sono inidetro anni luce..poi una fissa mia..fuori dalle palle il tiro da 3..è basket non tirassegno..vedremmo quel che si vedeva una volta,cioè un bell’arresto e tiro da 5/6 metri,,magari(esagero,lo so,qualche tiro in sospensione)..basta penetrare e scaricare..dio che palle..frose rivedremmo i lunghi che fanno i lunghi(non pretendo il gioco di piedi di hakeem,ma insomma),i play che fanno i play,ecc…e via la zona..la europeuizzazione è uno dei problemi..
    datemi addosso dai..eh

  29. eccolo nate,giocatore eclettico come i warriors,possono vincere o perdere con tutti indecifrabili..ottimo lavoro di squadra di phila,idem per jazz..secondo me portland quest’anno eliminera’ + di qualcuno a sorpresa(sempre se non vengono falcidiati da infortuni,bonta’ loro)..mi soffermo sul mago la differenza tra lui e love è questa,il secondo va in doppia doppia sempre o quasi anke con squadre di valore superiore,il mago segna si ma a referto li mancano i rimbalzi e la presenza sotto canestro,e secondo me in una contender love farebbe meglio di bargnani,almeno dal mio punto di vista!!

    capitolo wall,secondo me non vuol giocare con i wizard tutto qui,se andasse in qualche squadra da titolo o da playoff renderebbe molto molto molto meglio,ce ne sono di bambinoni viziati in nba :-/

  30. Forse sono incompetente io e non capisco nulla di basket, ma non comprendo perchè ci sorprenda cosi tanto dei Jazz: hanno un pacchetto lunghi ottimo, dove agli esperti Big Al e Millsap(entrambi 26 anni) avvezzi a doppie doppie, si aggiungono i due giovani Favors e Kanter (le terze scelte degli ultimi due draft) ricchi di entusiamsmo ed esplosivi. Hanno un buon play in Harris, con la sua riserva che è l’affidabile Watson e tra gli esterni non sono messi male, con il giovane Hayward in crescita e con dalla panchina Cj Miles, Josh Howard e il rookie Burks che mettono punti veloci, aggiungiamoci l’esperienza di Radja Bell, Jamaal Tinsley e il fatto che a Salt lake si gioca sempre di squadra e il gioco è fatto. ok non sono da titolo, ma metterli in fascia F oppure fascia G come pronosticato da alcuni, mi sembrava esagerato!!!

  31. qunti a quasi 34 anni hanno fatto piu di 45 in una partita?credo jordan e chamberlain poi?qlk conosce qlk statistica a riguardo?monumentale ke ancora riesca a tener testa a giocatori di 6-8-10 anni piu giovani…jordan di fine anni 90 se la doveva vedere con altri vecchietti x vincere i titoli(malone,john,gary e compagnia),kobe lotta con dei ragazzi super allenati fisicamente e nonostante cio nn sfigura

    cmq qnd è in giornata e fisicamente sta benino è ancora devastante c’e poco da fare…poi ci potranno essere dei mah,pero ecc..ma x me è ancora il miglior giocatore offensivo della lega..e continuo a dire ke almeno dal punto di vista delle emozioni,del piacere di vedere una partita giocatori come kobe,t-mc,iverson,carter sono anni luce avanti a qst di ora…tolti forse durant e melo nn vedo nessuno in grado di segnare i 50-60 ke mettevano qll la…

  32. bryant ne fa 48 contro una delle peggiori difese nba.. ok è la regular season e non saranno le finals ma è pur sempre a livello di punti la miglior prestazione stagionale indi che senso ha non dargliene merito..??

    x l’mvp x ora james davanti al mamba.. finche tiene queste statistiche e tira col 60%(!)

    ho capito che james e wade fan bene a limitare i loro tentativi da tre.. ma addirittura a sti livelli.. infatti ieri ,non provandoci praticamente mai, james ha tirato un mattone x il pareggio.. eppoi ai playoff l’area è piu coperta..
    che ne pensate..?

  33. Il problema di lebron è proprio quello.. disabituandosi a tirare dalla lunga finirà col tirare i mattoni come stanotte. Difatti io mi meraviglio quando sento lodare james perché non tira da tre. Un talento simile deve tirare da ogni cm del parquet,visto che ai playoff non ti permetteranno di entrare quando e come vuoi.vedremo ..

  34. @mav

    Most Points Single Game, NBA History – Player at Least 16 Seasons Into Career Season:

    #1 Kobe Bryant – 48 points (2011-2012)

    #2 Kareem Abdul-Jabbar – 46 points (1985-1986)

    #3 Shaquille O’Neal – 45 points (2008-2009)

    #4 Kareem-Abdul-Jabbar – 43 points (1984-1985)

    Source: Elias Sports Bureau

  35. Buon pomeriggio a tutti,
    è da molto che leggo le vostre opinioni e bazzico in questo blog, da grande appassionato di nba quale sono, e ora provo a dire pure io la mia:
    io sono un tifoso knicks, pertanto per dire qualcosa di positivo sono costretto, per adesso, a parlare delle altre squadre:).
    Kobe stanotte, pur giocando contro una difesa non certo fra le più ostiche, ha sfoderato una prestazione sensazionale! E andando per i 34!!..e nonostante oggi ci siano super giocatori e atleti spaventosi cone Lebron, Griffin, Rose, Wade ecc…io ritengo che di attaccanti completi, con un arsenale infinito, vario e piaceviole da vedere (come diceva mav) ne siano rimasti proprio pochi…secondo me soltanto Melo, Durant e Bryant (che appartiene a questa e però anche alla generazione di Iverson, Carter e Mc Grady) si possono definire attaccanti completi, con infinite varietà di tiro efficaci e anche piacevoli nel senso estetico del termine (anche se Durant è un po’ sgraziato). E questo è il frutto dell’impoverimento cestistico che caratterizza la lega oggi, come molti di voi giustamente sottolienano.

  36. MIA-GSW: I soliti Miami, quando impareranno la lezione saranno i più forti.

    PHX-LAL: continuerò a dire che i Lakers come roster sono di seconda categoria rispetto alle contender, ma Bryant oltre a fare paura mi sembra avere abbastanza fame. Con la mano scassata è il Kobe più forte degli ultimi anni. Fa davvero paura! Kobe Gollum style a caccia di anelli:”il mio tessoro”

    SAC-PHI: Phila ne ha perse solo 2. Che campionato strano.

    LAC-POR: Che belli questi Blazers! Amo le squadre con tanti giocatori buoni e nessuna stella. Certo che se Wallace inizia a fare l’attaccante continuo è dura batterli. Aspettando Batum

  37. mav

    Karl malone, 56pts a 34 anni + una dozzina di 40elli, poi, bird idem, nique wilkins diversi quarantelli a 34 anni, di jabbar si trovano dati solo dai 38 anni in poi, ma anche a quella età metteva almeno 2-3 40elli a stagione, figuriamoci a 33,34. 2 anni fa andre miller ne mise 52 a quasi 34 anni. Però il punto è che sono tutte leggende, quindi direi che a parte qualche eccezzione, non è impresa comune a tutti i vecchietti nba.

  38. il numero ideale di squadre sarebbe 26: ovest memphis e new orleans…est charlotte e toronto…come spettatori,storia,appetibilità ecc queste sono le peggiori squadre nba! e quelle che rischiano di più di lasciare…

    kobe…qualcuno mi spieghi che processo state facendo…come tutte le volte kobe o non kobe una prestazione monster viene associata al fatto che gli altri fanno poco, tirano poco,cosi non si vince ecc…io la vedo cosi: se segna, deve continuare a tirare,se in ritmo deve continuare a tirare…lo scempio è quando ci si intestradisce a tirare quando non entra( vedi kobe, vedi melo e stat 2 sere fa,vedi westbrook in qualche partita ecc…)

    contender ovest: ora come ora thunder blazers e lakers…vedete le altre in grado di andare in finale? io no…e sinceramente thunder e blazers non li vedo cosi troppo avanti da battere kobe gasol e i lakers 4 volte

  39. Comunque il grande DIESEL è sempre nei top five di tutte le statistiche quanto mi manca….
    Non dimenticherò mai l’incredibile botta di culo con i miei amici quando l’abbiamo incontrato per strada a MIAMI girando per SOUTH BEACH un camion travestito da essere umano.

  40. @syrus

    Come cavolo difende Love? Solo perchè va in doppia doppia in automatico è meglio di Andrea? Io non ne sono sicuro. Quelli sono numeri che non spostano.

    Ieri AB poteva prendere almeno 5/6 rimbalzi ma semplicemente li ha lasciati ai compagni (parlo di quelli dove non ci sono avversari) come fa sempre. Sbagliato o meno. Però se avesse fatto 22 punti e presi 7/8 sarebbe cambiata la tua percezione di come abbia giocato?

    Love? Guardati la gara di ieri per renderti conto di chi stiamo parlando.

    Ti aiuto: score finale di Love: 5/18 dal campo (3/8 da tre), 7/7 ai liberi, 13 rimbalzi, 2 assist e 3 stoppate subite, per 20 punti in 39 minuti.

    4 quarto partito sul 74-79 Bulls: 1-6 dal campo (di cui 0-1 da tre), 1 assist, 4 rimbalzi (1 offensivo), 1 libero a segno, 1 assist, 2 stoppate subite. Difesa tra lo scadente e il non trascendetale ad essere buoni. Impatto sulla gara 0 quando serviva. Il suo compagno Williams 5 punti totali tutti realizzati nel quarto finale (nessuno regalato).

    Love in due gare ha segnato 3 punti prendendo solo rimbalzi e difendendo male. Ma lui è il signor doppie doppie, non importa se le fa quando non conta una mazza o se difende come un cane.

    A me i numeri mi fregano meno di zero, quello che vedo, è cosa fanno i giocatori di riferimento nei finali di gara, chi ha portato i mattoni decisivi. In questa stagione Love ha avuto occasioni per fare le cosine giuste nei finali invece latita pur mettendo numeri impressionanti.

    Bargnani, il gelataio romano, è stato sempre protagonista delle vittorie dei Rapts pur non avendo compagni all’altezza. Ieri ha giocato sotto il par non per i due rimbalzi ma per il linguaggio del corpo. D’altronde se hai Butler, Carter come compagni che non gli sanno dare neanche la palla quando la chiede si fa dura. però questo non lo discolpa, anzi. Ma la prestazione è stata sottotono non per il numero 2 ma per il resto.

  41. non è che i 2 rimba son figli dl linguaggio del corpo?voglio dire è nato prima l’uovo o la gallina?
    su love son d’accordo con te..i classici giocatori che spostano un decimo di quel che dicono le cifre..il problema è che fino a quest’anno(cioè 10 partite,dato non troppo serio)anche il gelataio,per quel che penso io, rientrava in quella categoria paro paro

    • Concordo.
      Se ne facciamo una questione di numeri il gelataio fa cagare alla voce rimbalzi se ne facciamo una questione di impatto no (da quest’anno). Ho giocato a basket e la prima preoccupazione di un allenatore e non concedere rimbalzi offensivi, proteggere l’area, taglia fuori, senza fregarsene più di tanto se a prenderli è tizio o caio. Se tizio (Bargnani) ne prende 3 ma due importanti in traffico quando conta, valgono più di 12 totali. Se poi a rimbalzo ci va JJ che è li per quello, Ed Davis o Amir mi frega poco. Sono pagati per quello.

      Nelle gare vinte, il gelataio ha preso i rimbalzi nei momenti cruciali (più di una volta), preso sfondi, aiutato difensivamente e segnato. Che poi ieri ne abbia presi 2 e domani 8 non mi interessa, quello che voglio vedere è cosa fa nel quarto finale.

      Love migliorerà sono certo, ma ad oggi è un mucchio impressionate di statistiche che non merita questo eccessivo credito. Se devo scegliere tra lui e Aldridge vado tutta la vita con Lamarcus (che poi ne prende 7.7 a serata, Bargnani 6.2).

  42. A chi critica Bargnani
    ricordo che l’altra sera aveva giocato 45 minuti
    e ieri solo 30….come Calderon….
    Infatti
    stasera vorrei proprio vedere cosa faranno i lunghi di POrtland….che ieri si sono molto impegnati.

  43. Bargnani torna a prendere 2 rimbalzi. Ma perlomeno è l’unico do Toronto che è sceso in campo nelle ultime 2 partite.
    Utah decide che il tanking non gli interessa. A volte mi spiace per Al Jefferson. Probabilmente lo scorso anno si era convinto di esser finalmente arrivato ad una squadra di basket dopo gli anni persi tra Boston pre big 3 e Minnesota. Invece via Deron e pure i playoff sono fantasia.
    Kobe dimostra che i punti li sa fare se qualcuno avesse avuto dei dubbi.
    Okc batte di nuovo memphis. Li vedremo più avanti spero. Magari con Randolph in campo. Credo siano le squadre più complete ad ovest.
    Miami ne perde una che non serve a niente.
    Fra un paio di settimane ne sapremo di più per quel che riguarda le comparse dei playoff. Cmq okc a ovest e spero che chicago riasca a far sudare almeno un Po Miami ad est

  44. brazzz

    Parli di abolizione del tiro da tre (non esagerare), parli di 23 squadre e ci sto alla grande, parli di Hackim meno (nella storia gente come lui si conterà sulla punta delle dita), parli di arresto tiro, ok. Purtroppo molti giocatori hanno il cervello di uno scarafaggio, escono dalle università che a malapena sanno mettersi il dito nel naso senza conoscere nulla del gioco.

    IQ cestistico molto basso, poco educati dentro e fuori dal campo, con etica del lavoro rivedibile. Vedi dopo anni, gente che salta senza avere uno straccio di tiro o di tecnica. Poi aggiungici allenatori e GM incompetenti e la frittata è fatta.

    Una soluzione sarebbe “costringere” gli universitari a giocare almeno due anni, oppure se escono dopo il primo anno, andare in Europa a farsi un pò le ossa.

    Purtroppo la riduzione delle franchigie sarebbe una soluzione a quasi tutti i mali ma non accadrà a discapito del gioco.

  45. Diamo a Kobe quello che è di Kobe…

    48 punti nella NBA sono tanti, specie in una gara sotto i 100. Lo ha fatto con eccellenti percentuali, ed i suoi hanno vinto. Però mettiamo anche il tutto nella giusta prospettiva: sono sempre i Suns, ovvero una squadra mediocre (specie in difesa), è l’inizio della RS, ed effettivamente non è un buon segno per L.A.

    Un giorno qualcuno dovrà spiegarmi cosa ha fatto di male LBJ per meritare tutta questa merda. Io accanto al suo nome vedo 28p, 8,4r e 7a in 92 partite di P.O., però c’è ancora qualcuno che lo definisce un giocatore da Regular Season (?), o che poi tanto “nei Play Off si gioca un altro sport” (??)

    Vogliamo dire che ha toppato le Finals 2011? E ci mancherebbe altro…ma quello che ha fatto negli anni precedenti, o anche solo contro i Bulls (dove fu “leggermente” clutch), adesso è merda perchè ha giocato 6 partite sotto il par? Boh, io mi chiedo che modo di ragionare sia questo…

    Conta meno di zero, ma se si votasse oggi, l’MVP (anzi, il 1°, 2°, 3° classificato) sarebbe solo ed esclusivamente lui, l’odiatissimo Prescelto, che oltre a segnare una caterva di punti (in una squadra che ha altre 2 stelle, tra l’altro), con % assurde, passa, difende, e resta 40′ a partita sul parquet. Kobe, Durant o Rose arrivano direttamente terzi

  46. Giangio

    Leggere i tuoi commenti è commovente,trasudano scaramanzia! :)
    Sappi che da tifoso lakers di vecchia data,spero che Portland possa fare dei bei risultati. Squadra quadrata e con cervello se ce n’è una. Ah se mi chiedessero di fare una squadra da zero e come primo giocatore prendere un lungo,sceglierei ad occhi chiusi Aldridge.

  47. alert
    hakeem era una provocazione..potevo dire un 4 coi movimenti di chuck..sostanzialmente la vedi come me..mi pare

    • Assolutamete si…..ma quelli sono campioni con la C maiuscola e purtroppo non escono ogni anno.

  48. bellissima la sfida tra rose e rubio che non ha affatto sfigurato di fronte all’mvp della scorsa stagione anzi il ragazzo e anche un discreto difensore pero di fronte aveva rose che nell’ultimo quarto ha fatto la differenza per i suoi con le sue giocate.

    -portland,denver e i sixers sono le uniche squadre con almeno 5 giocatori che viaggiano in doppia cifra per punti segnati,segno di grande equilibrio offensiva.squadre senza stelle di prima fascia che pero sono ben allenate e i risultati sono sotto gli occhi di tutti in questo inizio di stagione.

    -i thunder intanto continuano la loro calvalcata verso il miglior record ad ovest che difficilmente non sara la loro considerando anche la freschezza fisica ed atletica della squadra.qua bisogna giocare 66 partite in 124 giorni e quindi e una squadra piu dispendiosa in energia fisica rispetto ad una stagione di 82 partite.questo calendario non puo che favorire squadre giovane ed atletiche come thunder o gli heat anche se hanno perso malamente dopo essere stato a +17 nel terzo quarto prima di subire la rimonta dei warriors.

  49. allora preciso non ho detto che bargnani sia scarso o che love sia meglio di lui,ma se messi in una grande squadra “secondo me” (e sottolineo secondo me) love sarebbe un tantino + funzionale alla squadra,se sbaglio son pronto a porgere le mie scuse al mago

    • Ho capito il tuo punto salvo non capire “il funzionale” alla squadra. Sono opinioni, la penso in maniera differente da te ma va bene così.

      Vedi per me il funzionale è colui che ha un ruolo nel team. C’è chi deve portare l’acqua e chi fa il resto. Love in che categoria lo mettiamo?

      Lui dovrebbe cifre alla mano essere il fattor X per i Wolves, non un turista per caso che prende solo rimbalzi. Per quello la NBA è piena di interpreti che costano pure poco. Ai Bulls ci sono Asik e Gibson a cui non chiedi di ventelleggiare ma di difendere e prendere rimbalzi. Love dovrebbe segnare e fare la differenza nei finali di gara non essere la copia dei due peraltro fallata, visto che non sa difendere.
      Boozer è l’esempio perfetto. Prende rimbalzi, ha punti nelle mani, ma nel 4 quarto si fa la panca per Gibson. Ieri si è comodamente seduto. Come si siederebbe Love alla corte di Thibodeau, o Bargnani se fosse la versione Wizard.

      Tutto qui. Bargnani lo scorso anno era lo stesso. Segnò 41 ai Knicks subendone 36/38 dal suo diretto avversario Stat senza fare una mazza in difesa. L’ho visto a Londra nella famosa seconda gara finita dopo 3 OT e accadde lo stesso, offensivamente illegale difensivamente pietoso.

  50. ma scusate ma Arenas che fine ha fatto..?? che tristezza vederlo per piu volte in quella lista e pensare alla carriera che avrebbe potuto fare..

  51. ciao IVY…
    x tornare alla stagione scorsa prima delle finals wade e james erano + o meno alla pari.. contro chicago james aveva giocato meglio di wade nettametne am contro celtics e phila (mi pare) wade più decisivo. io credo che al massimo ci potesse stare il pareggio tra i 2 non preferire james a wade. con i Mavs non c’è stata storia tra i 2.
    oggi tra kobe e james, anche se james è + forte, dico che ha giocato meglio kobe anche perchè i lakers sono stati a tratti imbarazzanti.

  52. arenas è un altro cervello disabitato,purtroppo..
    alert lo so che quelli sono campioni con la C maiuscola..non pretendo loro..mi piacerebbe un livello medio migliore di quello penoso diquesti anni,con trend,oltretutto,in calo..se la risposta è il basket all’europea siamo fritti,…ergo bisogna trovare soluzioni di altro tipo..meno squadre,2 ani di colege,ricominciare ad allenare..gioco meno tipo tiro al bersaglio…tecnica fondamentali e comprensione del gioco.il problema è che se le opzioni sono 2,cioè tirar da 8 metri o schiacciare,è la fine..secondo me…

    • Ieri come dicevo, ho avuto il dispiacere di vedere Wizard-Raptors e Sixers-Kings, e Mo Evans onesto mestierante del gioco, diceva che in vita sua non aveva mai visto una concentrazione di giocatori senza testa e professionalità. In alcune immagini vedevi gli assistenti sconfortati dall’assoluta mancanza di gioco e di tecnica.

      Poi non ci meravigliamo se Kwame Brown prende 7 mln!

      Sui giovani abbiamo la linea di pensiero. Insegnare i fondamentali. Invece noto con dispiacere che si guarda prima il corpo e poi il resto, convinti che si possa lavorare su. Tipo Thabeet scelto alla due.

  53. Scusate ma perché mvp a lebron?se viene inteso come most valuable player e cioè colui che migliora di più compagni o cmq la squadra lebron non lo dovrebbe vincere.. Gioca con wade e bosh, mica piu’ con varejao e parker.. Le cifre le ha anche kobe a 33 anni e senza flash vicino. Io dico drose ora come ora. nota a margine: se lebron non si fosse autoproclamato il prescelto non riceverebbe tutto questo fango addosso..

  54. Un giudizio su Chris Paul ragazzi? Va bene che i Clippers sono ancora un cantiere aperto e un giudizio onesto si darà tra una quindicina di partite, però le sue statistiche sono le peggiori della sua carriera eccetto l’anno da rookie. Secondo voi soffre una convivenza con una guardia non pura come Billups?

    • Ho visto tutte le pertite dei Clippers; a parte ieri sera che è stato fermato da problemi di falli, le altre partite le ha giocate bene: alcune buone altre ottime.
      Ovvio che il pallone non l’ha in mano sempre lui ma se lo spartisce con Billups che tra l’altro sta giocando da dio.

  55. Buon pomeriggio a tutti..

    Avete detto tutto, aggiungo qualcosa:
    -Kobe ne mette 48, Lebron sparisce nel 4° coi Warriors e su playit si sprecano i commenti..
    -Non li ho visti, ma i Bulls iniziano finalmente a far la giusta paura alle due contenders “predestinate”.. E i RUbio’s sembrano non aver sfigurato per ben tre quarti. Mmm. Alert: sinceramente, sei troppo cattivo con Love..
    -I Sixers sono la squadra più in forma in questo momento della stagione. E se Turner continua a mettere su cifre e prestazioni così, dovrò chiedere scusa e dare ragione al buon brazz.. I fatti sono fatti.
    -I Clippers, che non ho visto, stanno perdendo più partite del previsto.. Iniziano le critiche a VDNegro. Se ne accorgeranno sempre troppo tardi che è lui il loro più grande buco!
    -Sul discorso vintage nba/campioni: senza andare indietro tanto..ma vi ricordate che giocatore era CP3 prima dell’infortunio?! Lo so, anche adesso è fortissimo, ma ogni volta che lo vedo penetrare e poi fermarsi e fare uno step back, etc. mi viene un colpo al cuore..

    • Ehhehhehehe…..specie se fa la pipì fuori dal vaso autoproclamandosi la miglior PF della lega. Me la sono legata al dito……e credo anche qualche altro giocatore NBA….ehehehehheeh

    • I Clippers hanno perso contro San Antonio, Chicago e Portland nelle loro migliori gare della stagione come percentuale al tiro; ieri sera Clippers hanno tirato cmq male e arbitraggio scandaloso a loro sfavore

  56. Paul sono due anni che in RS gioca con le marce, io non sono stupito, è vero sono le sue peggiori cifre in carriera ma ripeto sono almeno due anni che in stagione tende a risparmiarsi, poi puntualmente gioca dei playoff clamorosi tipo la serie coi Lakers dell’anno scorso.Sono curioso di vederli stanotte con gli Heat, finora hanno vinto tutte le partite che dovevano vincere ma quelle un pochino più ostiche le hanno cannate tutte.

  57. Brazz
    Sono d’accordo con te, ma a me fa piu schifo vedere giocatori, dico deandre Jordan per dirne uno, che l’unica cosa che sanno fare è schiacciare, atletismo 10 tecnica meno zero! Sinceramente preferisco uno che sa Tirare da tre che alla fine dei conti è pur sempre un gesto tecnico!

  58. ciao a tutti sono nuovo a scrivere ma vi seguo da tempo e seguo l’NBA gia’ da parecchi anni. Sono tifoso thunder e phila (quando e’ che nasce un nuovo iverson?? uno divertente come lui da vedere lo devo ancora trovare!!)

    siamo sicuri che kobe abbia poi cosi’ tanto male al polso??? poi oh.. anche da sano 48 cosi’ sono tanta roba ma qualche dubbio viene. Ogni anno si trascina per tutta la stagione un dolore (dito o polso che sia) senza che questo sia poi cosi’ visibile dalle sue prestazioni.. non penso che un giocatore cosi’ abbia bisogno di esasperare con i media dolori magari non cosi’ condizionanti per essere “quello che gioca sul dolore”.. a me pare che quello che fa in campo basti per farlo entrare nella leggenda di questo sport..

    • Il legamento è rotto, quella non è un’invenzione, poi che sia un fenomeno a tal punto ogni tanto da farti la super prestazione anche in condizioni non ottimali non è una sorpresa.Jordan ne ha fatti 38 in una gara di finale Nba dove non si reggeva in piedi, mettiamo in dubbio pure per lui che avesse o meno la febbre?Il problema c’è, si vede da quanti palloni perde a partita perchè lo infastidisce soprattutto nel palleggio, non tanto nel rilascio della palla quando si prende il tiro se non dalla linea dei 3 punti, e infatti quest’anno sta tirando col 19% dall’arco, nettamente la peggiore della sua carriera.Che poi non mi pare che lui ci stia marciando sopra.

      • come fa un giocatore a farne 38 senza reggersi in piedi? tira da seduto?

        e come fa uno col polso scassato a metterne 48?

        possibile che si debba sempre esagerare, sempre cercare il mito, il prodigio. ha fatto una partita da campione, non basta?

        a me ste cose fanno proprio incazzare. credo che bisognerebbe smettere di scrivere “ha fatto questo in quelle condizioni” perchè nessuno conosce le condizioni di un giocatore (alcuni ci marciano). sarebbe meglio giudicare le prestazioni. e quella di kobe è sata fantastica.

  59. Non so cosa abbia precisamente Kobe ma se scende in campo evidentemente lo può fare, rischiando di più ma lo fa. Tanti giocatori giocano sul dolore, d’altronde con le gare che si succedono ogni 48 ore se sei fortunato, tra viaggi, sessioni di tiro e quant’altro sei costretto a farlo. Nel caso del 24 la situazione è anche più complessa: se giocasse in una squadraccia senza chance di PO probabilmente qualche gara l’avrebbe saltata ma avendo 33 anni, con i Lakers in cerca di identità e con il pallino di vincere il 6sto anello è chiaro che se c’è una possibilità di curare il polso cammin facendo lo fa. Poi che abbia il legamento rotto, o meno conta pochissimo.

    Se poi vogliamo fare l’elenco degli acciaccati che scendono in campo non basterebbero due pagine piene di quaderno per elencarli tutti.

  60. Uno dei grandi problemi dell’nba di oggi è che un centro deve essere 2.12 e pesare 130 chili di muscoli se no è undersized. Ci sono 2.12 che tirano da tre e non giocano spalle a canestro. Ci sono 2,06 che portan palla. Ci son guardie che non han fisico da guardia e quindi li mettono a fare i play. Ci sarebbero buone ali grandi, ma se han pari ruolo alte 10 cm più di loro gli tocca fare l’ala piccola e magari non hanno il passo.
    Tra l’altro i centri grandi e grossi vengono pure falcidiati dagli infortuni visto che il loro corpo non regge tutto quel peso… Vedi Oden o i problemi di Bynum

  61. Dico da due anni che LeBron dovrebbe un pò Pippenizzarsi per il bene degli Heat, il problema è che è troppo forte, può sembrare una cassata specie a chi Pippen non lo ha mai visto giocare e non vede le similitudini fra Wade e MJ, in una regolar S così il suo strapotere atletico risulta ancor più evidente poi però nei finali il gioco e dsegnato per Wade e a lui spetta il tiro alla cazzo da tre, le gerarchie ci sono quindi
    sul discorso di ilmatic non sono affatto daccordo: ci sono e ci sono sempre stati gli atipici, Magic lo era di certo, Kemp era poco più di 2 metri ma gocherebbe PF anche oggi, ricordate Lambier?
    Milsap dei Jazz è undersize ma mica una pippa, Jefferson piuttosto sarebbe una PF più che un centro
    gli infortuni dei grandi e grossi ci sono sempre stati (il Bowen cùscelto prima di MJ ad esempio) e ci saranno sempre

  62. Kemp era 208cm per 110kg, direi una power forward fatta e finita all’epoca come oggi. Poi no continuo a capire perché al jefferson sarebbe un undersize, oh, il ragazzo è 208 per 120 kg, non mi pare più piccolo di altri pivot, perkins idem 208 per 120 kg(ora diversi in meno) mourning era 208cm, hakeem sempre spaccioato per un 7 piedi era probabilmente non più alto di 208cm. Boh, karl malone era 205, barkley 198cm non capisco perché oggi faccia strano vedere ali grandi poco sopra i 2 metri, e se uno non è 213 non può giocare centro perché troppo basso…boh?

  63. Al jefferson probabilmente è 211-212…nn mi sembra più basso di howard…poi tra un 203 e un 207 nn è ke ci sia tutta qst differenza,dipende sempre dal fatto se sai giocare o meno…barkley nn andava sotto nessuno anzi…idem malone…anke griffin spacciato x un 208-209 nn supera x me i 204 xke vicino ai James sono alti uguali…è più alto durant x dire

  64. al jefferson è 6-10 ovvero 208 cm, howard è 6-11(211cm), griffin probabilmente è 6-9(205cm) ma ci sta che tra i 20-21 anni abbia finito di crescere, come è successo a durant che è arrivato nella nba alto 205 ed ora è 208cm, capita. Uno dei casi più ecclatanti fu quello di rodman che crebbe 22 cm in un solo anno, quando aveva più di 20 anni.

    In realtà molto dipende anche da altri fattori, barkley era alto 198, ma aveva due braccia smisurate, e da fermo senza saltare arrivava alle stesse altezze di gente di 205cm. Se si nota, quando andava a schiacciare gli bastava saltare pochissimo.

  65. come ho detto stamani Al Jeff è forse, Bynum permettendo, il miglior centro ad ovest (allstarr davvero) ma nasce come PF
    Kemp non era 208 neanche per sogno era poco più di 2 m
    ma insomma mica si parla di matematica

  66. barkley in realtà era1.95..prendeva i rimbalzi perchè era cattivo aveva senso della posizione e istinto..oltre a questo,aveva tutti i movimenti da 4 di allora..ma onestamente è un caso un pò speciale,non se ne erano visti prima e non se ne sono visti dopo…

  67. parlavo da un punto di vista visivo nn di qnt venga indicato essere alto sul sito nba…anke gallinari è 208 ma guardando le partite mi sembra piu alto di griffin…qnd blake fece qll schiacciata fantastica sul gallo,danilo mi ha dato l ‘impressione di essere piu alto…posso anke sbagliarmi…cosi come al jefferson è piu alto sicuramente di griffin eppure entrambi sono segnati cm 208 x cui un errore in almeno uno dei due c’è…poi nn dimentichiamoci ke le misure americane x via del sistema utilizzato nn sono precisissime…un 7 piedi rapportato in cm puo equivalere a un 210-211-212-213…

  68. perkins nasce 4,e non era affatto pesante nei primi anni di carriera,anzi..sarà stato sui 2,07 più o meno..

  69. oltre al fatto,come saprete,che in america le misure che danno sono con le scarpe,per cui qualcosa va tolto a tutti…

  70. Prime conclusioni personali riguardo alle individualità migliori in questo primo scorcio di season:
    in ordine decrescente

    PG: Rose, Rondo, Calderon, Lowry, Nash e menzione speciale per Rubio.
    G: Bryant, Ginobili (nelle poche gare giocate), Allen, Wade, Ellis.
    SF: James, Anthony (in questo blog lo ritengo sottovalutato!, secondo me è sensazionale), Durant,
    Gerald Wallace, Josh Smith.
    PF: Griffin, Aldridge, Bargnani, Love, Bosh e menzione per il buonissimo Lee dei Warriors.
    C: Howard, Al Jefferson, Bynum, Marc Gasol, Cousins e Hibbert.

    Ovviamente sono solo opinioni:)

  71. brazzz

    L’unico davvero simile a barkley fisicamente, ma anche come talento per me è stato il primo larry johnson, che nei primi anni agli hornets era una belva terrificante, alto 198 per 116 kg, correva, saltava, schiacciava come pochi. Poi sia per colpa della testa che del fisico è durato ben poco.

    Perkins era un pò ciccione ma non pesava molto, e non era alto come malone.

    Un caso strano era kevin willis, 213 ma con due braccia cortissime, che pareva quasi un t-rex, ma comunque si faceva rispettare.

    Oppure ralph sampson, 224cm che saltava da fermo un metro…roba mai vista prima e dopo…

  72. mm,larry johnson e barkley nella stessa frase,insomma..gli somigliava fisicamente,certo,ma finisce lì,secondo me…la cosa assurda di chuck è stata anche che con quel fisico tutti ai tempi gli davano pochi anni di carriera per via dei problemi alla schiena che inevitabilmente avrebbe avuto( johnson,per esempio,ha fatto quella fine)..invece ha giocato una vita,anche se v detto che dal 94,anno dopo le finals ,giocò con un paio di ernie lombari..poi era tosto, e giocava lo stesso
    sampson è un caso unico..2,20 x 16 kg ..fisico stranissimo..talento pauroso,tecnica ed eleganza senza pari..cervello vuoto..oggi farebbe neri tutti(siam qui a parlare di Love ebargnani,figurarsi)..allora non bastava,…mi chiedo come potrebbero mai perdere una partita i rox se avessero le twin towers di allora..hakeem e ralph assieme..

  73. me lo ricordo quel canestro x eliminare i lakersin finale di conference nell’86..poi in finale ralph fu ridicolizzato dai lunghi celtici(voglio dire bird,mchale walton e parish.paura)mentre hakeem fu strepitoso..finale comunque segnata..quella squadra dei celtici è,secondo me,la più forte squadra in singolo anno che abbia mai visto..come dinastia di sicuro i lakers dello show time,ma come annata singola quei celtici erno ingiocabili..

  74. X laerte&Rdonnie circa il post di ieri

    Prima di dare certe risposte, affrettate, nei miei confronti vi consiglio prima di chiedere il motivo di tale affermazione e dare quindi agli altri la possibilità di spiegarsi meglio…cmq motivando quello che ho detto: secondo me bargnani è quello dell’anno scorso per due motivi 1) perchè non vedo nuovi movimenti da parte sua, ha sempre avuto questa innata capacità offensiva migliorata poi con il tempo, da due anni ha inserito nel repertorio anche qualche movimento in post ma nulla di eccezionale..2) le cifre sono sempre le stesse sia a livello di punti che di rimbalzi; voi ora mi attaccherete dicendo:” ma non è vero segna quasi due punti in più e al massimo o quasi in carriera per quanto riguarda i rimbalzi e da anche più assist”; tutto vero ma per me tutto questo è dovuto al nuovo coach che finalmente lo sta utilizzando come ala forte, adattando su di lui schemi nowitzkiani (l’anno scorso casey era a dallas se non sbaglio..). Il mago, sapendo che ora non ha più scuse giocando finalmente da 4 si sta sbattendo un pò di più (era ora) ed ecco spiegata, secondo me, l’esplosione del mago…poi se voi siete in possesso della verità assoluta vi porgo le mie scuse, io molto più socraticamente mi accontento di non sapere. Saluti a tutti

    • Può darsi che tu abbia ragione però vorrei dirti alcune cose considerato che ho visto tutte le sue gare: Andrea attacca di più il ferro, va più volentieri in post basso anche se non è a proprio agio, prende più liberi e nonostante i compagni facciano cagare la passa molto di più. Li vede “meglio”, passami il termine. I numeri non lo premiano perchè certe assistenze sotto al ferro o per tiri piedi per terra vengono regolarmente sbagliati.

      In difesa va costantemente in aiuto, prende normalmente più rimbalzi ma l’aspetto più importante è l’intensità alla Bargnani che è cresciuta. L’ho visto prendere sfondi e rimbalzi nel momento topico. Questo non accadeva gli anni passati.

      Sarà un paradosso (non lo è in realtà) ma avere un coach vero non può che fargli bene. Più pressioni, più responsabilità coniugata ad una maggiore maturità. Vedremo col tempo se sarà cambiato in meglio oppure se è stato un fuoco di paglia.

      Poi a dirla tutta: uno che fa 22/24 punti col 50% che ti prende 6/8 rimbalzi (7 andrebbero bene) difendendo decentemente non mi pare male. Ad avercene di gente così.

      Sarà il nuovo allenatore, saranno i nuovi schemi fatti per esaltare le sue doti, sarà perchè vuole andare via o dimostrare qualcosa dopo che Colangelo lo ha messo alla pubblicamente alla berlina (fatto benissimo) ma il ragazzo mi sembra cambiato e migliorato.

      Larry Johnson
      Una bestia fregato dai problemi fisici/caratteriali. Che giocatore.

  75. BigGameJames
    Mi dici perché dovrei essere scaramantico?
    Non vedo perché, nella nostra storia non è mai successo un episodio particolare per cui potresti esclamare…”perdincibacco, che sfortuna….”
    Da Vecchio tifoso dei Blazers, che per qualche mese ha tifato Lakers abbagliato da Magic prima di conoscere Drexler,
    posso dirti che Aldridge me lo tengo!!!;-)
    E se dovessi costruire una squadra da 0…anche adesso partirei da Kobe….;-)

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.