Shares

Le nobili aspettative dei Nevada Wolf Pack di Jay Norvell, ovvero titolo di Conference e New Year’s Six Bowl, andranno a buon fine solamente se si limiterà quella discontinuità spesso causa di insuccessi al di fuori della Mountain West.

L’attuale record di 4-1 ratifica l’allergia a imporsi sulla Big 12 (0-6) e in trasferta verso Power-5 (mai più di una dal 1992). Le egregie performance contro Boise State, con Toa Taua e Brandon Talton sugli scudi nonostante l’ennesimo infortunio al talentuoso Elijah Cooks, fanno da contraltare a quelle anemiche al cospetto di Kansas State e il suo tailback superstar Deuce Vaughn, dal quale la front line ha subìto 269 yd mentre l’attacco ne ha performate la miseria di 2.2 combinate per tentativo.

Il dominante quarterback Carson Strong, finora a pieno regime nelle statistiche e in precisione ma meno protetto che in passato, nonostante il mastodontico all-star tackle Aaron Frost a preservarlo, e perciò a rischio errori,  sfrutta l’attitudine di coach Norvell ad esaltare i registi, avendo allenato da OC il vincitore dell’Heisman 2008 Sam Bradford e come assistente durante il pre-draft workout 1998 nientemeno che sua maestà Peyton Manning!

Le 5.200 yards con 2/3 di completi, 38 TD e solo 11 intercetti, rappresentavano un curriculum che lo poneva appena dietro a Malik Willis, Spencer Rattler e Sam Howell fra i top prospect, ma il suo inizio di stagione sembra già avergli fatto scalare posizioni.

Perciò dopo i vari Wentz, Lance, Love, Zach Wilson e Josh Allen, un altro qb non-Power 5 dal 2016 potrebbe ricevere la chiamata più attesa, lui finalmente pocket passer canonico coadiuvato dai sodali Cole Turner (All-Conference Tight end) e Romeo Doubs, inarrestabile prima opzione sul profondo.

Sorprende soprattutto la leadership del ventiduenne californiano, fin dall’avvento in Nevada con Ty Gangi titolare, per proseguire da freshman con la storica vittoria in rimonta al debutto su Purdue e giungere poi alle 250 yard di passaggio in 8 match su 9 del 2020, battendo il primato del Derek Carr di Fresno State per tentativi senza intercetto (299).

Norvell ne decanta le lodi continuamente, sottolineando quanto dall’alto dei 193 cm la sua visione smart accoppiata a un braccio bionico gli permettano di lanciare veloce, lungo, arretrato, esterno e in slot position: musica per le orecchie degli scout NFL!

Considerazione meritano inoltre a Nevada i transfer Jacob Gardner (OT sophomore) e i CB Sanders ed Essissima, nella D-Line i pass rusher Dom Peterson (DT all-star), Tristan Nichols (già 5 sack) e Sam Hammond (DE), in secondaria Tyson Williams e fra i LB Lawson Hall e Daiyan Henley, ambedue senior.

Post By Lucio Di Loreto (264 Posts)

"Malato" di sport a stelle e strisce dagli anni 80! Folgorato dai Bills di Thurman Thomas e Jim Kelly, dal Run TMC e Kevin Johnson, dai lanci di Fernando Valenzuela e dal "fulmine finlandese". Sfegatato Yankees, Packers, Ravens, Spurs e della tradizione canadese dell'hockey.

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.