Shares

iowa3563Ogni anno il College Basketball ci regala qualche squadra, non dalla forte tradizione cestistica come Kansas o Duke, che con giocatori esperti e un coach affidabile inanella una serie di vittorie, che la portano a giocare il torneo NCAA con un seed alto.

Ad esempio, la Murray State di due anni fa, che rimase imbattuta fino a febbraio, o la Miami dell’anno scorso, che riuscì a vincere sia la regular season che il torneo dell’ACC.

Quest’anno è emersa una squadra che gioca un buon basket offensivo, guidata dal miglior transfer e da uno dei coach più promettenti dell’intero panorama del College Basketball. Stiamo parlando di Iowa State, squadra allenata da Coach Fred Hoiberg, rimasta imbattuta fino alla scorsa settimana.

Coach Hoiberg, attraverso vari transfer da altri college,alcuni anche dagli JuCo e buoni reclutamenti, ha formato una squadra versatile e molto forte fisicamente.

Ad inizio stagione, gli addetti ai lavori credevano che Melvin Ejim, uno dei tanti canadesi che stanno emergendo negli ultimi anni, fosse il leader di questa Iowa State, mentre non si credeva nello straordinario impatto di DeAndre Kane che sta eclissando il buon Ejim.

Kane,ex Marshall, si sta dimostrando un ottimo All-Around, infatti sta viaggiando a quasi 17 punti di media, a 7.3 rimbalzi e 6 assist a partita ed è il vero trascinatore dei Cyclones. Ejim si appoggia a lui. Il canadese è, comunque, il miglior marcatore della squadra con 18 punti di media, ma non ha sfornato una prestazione incredibile come quella di DeAndre Kane contro Baylor.

Il neo giocatore di Iowa State ha segnato 30 punti,8 rimbalzi, 9 assist e 5 rubate, giocando una partita sensazionale. Il terzo violino di questa squadra è il sophomore Georges Niang, che contribuisce alla causa con 15 punti,4 rimbalzi e 3.5 assist di media. Sotto canestro c’è Dustin Hogue, giocatore molto forte fisicamente, che sfiora la doppia doppia di media con 12 punti e 9.3 rimbalzi ad allacciata di scarpe. L’ultimo giocatore del quintetto é il freshman Matt Thomas, che non ha cifre altissime, ma dà un buon contributo in fase difensiva.

Dalla panchina entrano Naz Long, specialista dall’arco dove tira con il 44%, e Monta Morris, anche lui freshman con un buon impatto in entrambi lati del campo. La squadra ha un record di 14-3 e di 2- 3 nelle partite di conference. Le tre sconfitte sono avvenute nel giro di una settimana contro Oklahoma,Kansas e l’ostica Texas.

La prima partita contro Oklahoma è stata combattuta, i Sooners hanno meritato la vittoria, ma Iowa Sate non ha mollato neanche quando era stata sotto di 14 punti a sette minuti dalla fine. Contro Kansas, hanno affrontato l’ottimo Andrew Wiggins che ha segnato 17 punti e raccolto 19 rimbalzi. Contro Texas, hanno patito le condizioni precarie di Kane, reduce da una brutta distorsione contro Oklahoma.

Comunque la squadra di Coach Hoiberg è una di quella che nella partita secca può battere chiunque e lo ha dimostrato ad inizio anno quando ha battuto Michigan, Iowa e Boise State.

Nella sua storia Iowa State è arrivata una sola volta alle Final Four nel lontano 1944, mentre nel 2000 è arrivata alle Elite Eight perdendo contro la futura vincitrice Michigan State. Da quando Fred Hoiberg è subentrato a Greg McDermott, attuale allenatore e papà di Doug a Creighton, il record è sempre stato positivo e da due anni i Cyclones giocano nella March Madness.

Due anni fa, la squadra trascinata da il volubile Royce White sconfisse i campioni in carica di UConn al primo turno e perse contro i futuri campioni di Kenutcky. L’anno scorso con il seed #10 batterono Notre Dame di 18 punti e vennero eliminati dalla tripla allo scadere di Aaron Craft.

I numeri dei Cyclones di questa stagione sono abbastanza buoni, infatti hanno il secondo migliore attacco dell’intera nazione segnando 86 punti di media a partita. La difesa concede 69 punti a partita.

Altre due classifiche in cui eccelle Iowa State sono quelle dei rimbalzi e quella dei canestri assistiti. La prima, i Cylones sono una delle migliori squadre della nazione prendendone quasi 40 a partita, mentre nella seconda sono secondi,alle spalle di Creighton, con 18.4 canestri assistiti.

Nel 2010, quando Hoiberg fu ingaggiato, molti addetti ai lavori erano perplessi ad affidare la panchina dei Cyclones ad un ex giocatore senza esperienza nel coaching, con quattro anni di esperienza nel front office dei Timberwolves. Invece si è rivelata una scelta vincente tanto che quest’estate è stato cercato sia da UCLA, che dopo ha ingaggiato Steve Alford, e sia da alcune franchigie NBA, ma Fred è rimasto fedele alla sua Alma Mater, firmando una estensione contrattuale di 10 anni.

Si, perchè Hoiberg ha giocato a Iowa State per il compianto Johnny Orr, è stato anche un primo quintetto All-American, ed ha giocato per 10 in Nba ad Indiana,Chicago e Minnesota, prima che un problema al cuore gli facesse smettere la carriera.

Prontamente viene ingaggiato dal Front Office dei T’Wolves, dove arriva ad essere vice presidente of basketball operations. Forse è per il suo problema al cuore, ma coach Hoiberg è un tipo molto pacato e in America, per via del suo comportamento, viene spesso paragonato a il neo coach dei Celtics Brad Stevens. Non è esuberante come alcuni dei coach che sono emersi in qiesti ultimi anni, ogni riferimento a Buzz Williams è puramente casuale.

Quest’anno è riuscito a creare una squadra competitiva, anche dopo essersi ritrovato senza Will Cyburn e Tyrus McGee, i migliori marcatori dello scorso anno, e con solo Melvin Ejim e Niang ritornati dalla scorsa stagione. Da quando è arrivato sulla panchina dei Cyclones, Hoiberg ha fatto trasferire otto giocatori da altri college, come DeAndre Kane, e altri sei dagli junior college, come Dustin Hogue da Indian Hills Community College.

Questo modello viene sempre più utilizzato da giovani coach che siedono sulle panchine delle Mid-Major per provare ad avere risultati buoni il più velocemente possibile.

Chi lo sa,se dopo settant’anni, Iowa State tornerà alle Final Four. Ad Ames, Iowa, ci sperano.

 

Post By paolom (36 Posts)

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.