Shares

Ci eravamo lasciati la scorsa settimana sul 3-0 Warriors da una parte, e sul 2-2 fra Celtics e Heat dall’altra. Indipendentemente dal risultato delle serie, 2 squadre erano favorite dal punto di vista fisico, tecnico e di inerzia, ed il risultato finale confermerà l’impressione avuta dopo le prime partite.

Ma il modo, molto diverso, in cui Golden State e Boston sono arrivate in Finale è già di per sè significativo e, in qualche misura, anticipatorio di quello a cui stiamo per assistere a partire dalla notte fra giovedì e venerdì.

Golden State Warriors – Dallas Mavericks: 4-1

Nella seconda gara casalinga in Texas, Dallas prende il largo nel secondo quarto finalmente supportata dalle percentuali al tiro da 3 (chiuderanno con uno spettacolare 46% al tiro pesante su 43 tentativi) con un Bullock (18 punti, 6 su 10 da 3) finalmente convincente dopo la serata no di gara 3 e un Doncic immarcabile (30 punti, 14 rimbalzi, 9 assist) ad un passo dalla tripla doppia.

Per la seconda volta in questi playoffs dopo l’imbarcata in Gara 5 con Memphis, Golden State si arrende nel terzo quarto arrivando anche a -29, salvo panchinare tutti i titolari nel quarto periodo e rimontare fino a -8 a 3 minuti dalla fine, quando i coach richiamano in tutta fretta in campo i titolari da ambo le parti. Ma è troppo tardi, neanche il rientro di Curry riesce a salvare una partita data già per persa da troppi minuti

E’ una boccata d’ossigeno per i Mavs, ma Golden State chiude la pratica in Gara 5 con una prestazione magistrale di Klay Thompson – 32 punti con 8/16 da 3 – e 21 ottimi minuti di Nemanja Bjelica – 5 punti, 6 rimbalzi e 3 assist – che dimostra di poter tranquillamente stare in campo senza patemi mostrando, fra l’altro, sprazzi di ottima difesa perfino contro Doncic.

Lo sloveno chiuderà con 28 punti ma solo 10/28 dal campo, tradito da tutti i compagni ad eccezione di Spencer Dinwiddie, 26 punti. Il neo acquisto ha avuto una serie con luci ed ombre, mai costante e veramente decisivo come ci si sarebbe potuti aspettare da un giocare del suo calibro.

Enorme è la soddisfazione in casa Warriors per il ritorno in Finale dopo 2 anni di assenza, risultato per nulla scontato guardando al record delle ultime stagioni, alle condizioni fisiche spesso precarie dei giocatori simbolo e dei tanti punti interrogativi nei ruoli chiave di ala piccola e dalla panchina. Gente come Wiggins e Poole oggi non sono più dubbi ma solide certezze che possono puntellare, con la loro esuberanza fisica, una squadra di veterani che sa come si vince e pare essere ritornata in forma proprio quando più conta.

Boston Celtics – Miami Heat: 4-3

Dagli attacchi stellari dell’Ovest si passa al gioco ruvido tipico da sempre della Eastern Conference. In Gara 5 Miami perde l’ennesima occasione in casa (porterà a casa una sola W su 4 gare disputate) con una tremenda partita offensiva (31% dal campo, 15% da 3); Boston la vince con la difesa e con i soliti ventelli della coppia Tatum – Brown.

Sembra finita per Miami, abbandonata anche da Butler e Lowry (13 punti il primo, zero il secondo – non la prima volta per lui nei playoffs) che invece ruba Gara 6 a Boston con una prestazione leggendaria proprio di Jimmy “Bucket”: 47 punti, 9 rimbalzi, 8 assist e soli 2 minuti di riposo in tutta la partita. Non basta un immenso Tatum da 30 punti.

Si arriva così alla decisiva Gara 7 a Miami, a cui Boston però arriva con decisamente più benzina nei serbatoi: scappa via subito con un parziale dal primo minuto e gli Heat sono costretti ad inseguire e lottare per tutta la partita, cercando di schivare i colpi di Horford e Smart e contemporaneamente di mettere a segno punti sul tabellone per non perdere troppo terreno. Un ultimo parziale di 10-0 negli ultimi 3 minuti riporta i padroni di casa a -2, ma i sogni di rimonta si infrangono sulla tripla aperta in transizione di Butler – 35 punti, 9 rimbalzi – che arriva corta sul ferro.

E’ troppa la voglia dei biancoverdi di arrivare finalmente a giocarsi una finale, con un Tatum sontuoso da 26 punti, 10 rimbalzi e 6 assist giocando la partita con al braccio la fascetta gialloviola col numero 24, un omaggio al suo giocatore preferito che – buon per lui – molti grandi campioni del passato di Boston non hanno fatto in tempo a vedere.

Brown e Smart aggiungono altri 24 punti a testa, mentre non si può non nominare la prestazione leonina in tutta la serie, in tutti i playoffs, e anche in questa partita di Al Horford: 5 punti, 14 rimbalzi, 2 stoppate in 44 minuti di utilizzo, come fosse un ragazzino.

Cosa aspettarsi dalle Finals

Arrivano in Finale 2 delle squadre che, a tratti, sono sembrate effettivamente le più forti della Lega durante la stagione regolare, ma in momenti diversi: i Warriors fino a gennaio, i Celtics da febbraio in poi.

Mentre i gialloblu hanno avuto una strada tutto sommato in discesa in questa post season, dovendo affrontare prima dei Nuggets rimaneggiati, poi i Grizzlies per 4 gare senza Morant ed infine una Dallas ispirata ma modesta per una finale di conference, i biancoverdi hanno stupito tutti eliminando prima 4-0 di Nets di Durant, poi i campioni in carica dei Bucks ed infine la Miami degli ex finalisti della “bolla”.

La sfida appare abbastanza impegnativa per Boston, che arriva più stanca, acciaccata e complessivamente con meno bocche da fuoco dei Warriors di Curry, Thompson, Wiggins e Poole. Ad una analisi più attenta però i match up difensivi vedono il trio delle meraviglie dei Celtics adattarsi perfettamente al contenimento dei migliori attaccanti dei rivali, mentre sotto canestro Horford e i 2 Williams possono mettere finalmente in seria difficoltà il comparto lunghi dei Guerrieri che finora ha fatto quello che ha voluto a rimbalzo e nel pitturato.

Si parte nella notte fra giovedì e venerdì con una sfida inedita per le Finali e molto ben assortita anche come stili di gioco e visioni dei 2 allenatori, l’esordiente Udoka e il non più esordiente ma ormai veterano Steve Kerr.

La più antica e gloriosa delle dinastie NBA contro la più attuale e rivoluzionaria: chi vincerà?

Post By Max Giordan (1,007 Posts)

Max Giordan segue l'NBA dal 1989, naviga in Internet dal 1996. Play.it USA nasce dalla voglia di unire le 2 passioni e riunire in un'unico luogo "virtuale" i tanti appassionati di Sport Americani in Italia. Email: giordan@playitusa.com

Connect

2 thoughts on “Road to NBA Finals 2022: Celtics – Warriors

  1. Warriors in carrozza se nessuno si fa male: in finale l’esperienza (e i kaliforniani ne hanno pure molte di negative: ne faranno tesoro?) conta come un uomo in più e la panca di San Francisco ha sorpreso per consistenza. Chance irripetibile per loro: il tempo passa e Curry non ringiovanisce di certo.
    I Celtics sono giovini, avranno altre occasioni.
    Precedenti in stagione poco indicativi causa assenze.

  2. Finale che promette divertimento e colpi di scena. Così, di botto, direi GS per esperienza, campioni che hanno visto bene certi momenti e certe tensioni, ma, sinceramente, i Celtics mi piacciono molto. Dopo un inizio di campionato dove pareva che l’unica cosa da fare fosse rivoluzionare la squadra al più presto, Boston ha ingranato la 4, poi la 5 e via via le altre, dimostrando di saper giocare, di avere una buona difesa e soprattutto i giocatori si sono autoconvinti di essere in missione, che questo è il loro anno, giusto perchè nessuno credeva in loro e in uno sport fatto anche di “sforzi ulteriori” come il basket NBA, la testa spesso conta più delle gambe.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.