9 partite nella notte NBA: confermano le buone cose viste finora Portland e New Orleans, mentre per Philadelphia e Charlotte è già crisi.

Washington 95 – Atlanta 99
John Wall ci prova a trascinare gli Wizards sul difficile campo degli Hawks (28p 9a 5r), ben supportato da Thorton e Blatche (rispettivamente 24 e 18 punti), ma Atlanta vince in volata guidata dai soliti Johnson (25p) e Horford (21p e 10r)

Sacramento 107 – Cleveland 104
Il cuore non basta questa volta ai Cavs per portare a casa un’altra vittoria casalinga: sugli scudi il solito Evans (21p 7r 6a) oltre al rookie Cousins (14p 10r) e Casspi (20p). 40p e 10a in 2 per Session e Gibson, ma a Cleveland manca il colpo del KO in volata.

Portland 100 – New York 95
Vittoria in rimonta e in trasferta per i Blazers, guidati dal solito immaginifico Roy (29p 6r 3a), ben supportato da Aldridge (20p+10r) e Miller (19p e 10a). Per i Knicks si salvano i soli Chandler (22p e 16r) e Felton (16p 5a 5r), ma la stagione non è esattamente partita come i tifosi si aspettavano.

Detroit 91 – Chicago 101
Sotto di 21 punti in casa, i Bulls si svegliano quando Rose se li carica di peso sulle spalle (39p 7a 6r). Bene anche Noah (15p 17r 3s). Ennesima delusione per Detroit, nonostante il solito Gordon da 21 punti.

Minnesota 89 – Memphis 109
Aggressività in difesa (22 rubate) e palla agli esterni in attacco: ecco la ricetta della vittoria di Memphis, con Mayo sugli scudi (29p 7r 5a) ben coadiuvato da Gay (25p 6r 5a). Deludente la versione da trasferta dei Wolves, col solito Ellington (15p) che si merita la sufficienza.

Philadelphia 86 – Indiana 99
Bene i Pacers in questo inizio di stagione, con tanti giocatori in palla: contro i Sixers 22 punti di Granger e 14 punti e 13 rimbalzi di Hibbert. Ancora tutta da trovare la chimica a Philadelphia, dove se anche Iguodala incappa nella serata no (12p con 4/10 al tiro) è notte fonda.

Denver 107 – Houston 94
I Nuggets sorprendono Houston in casa con 24p di Anthony e 28p di Harrington. Scola continua a macinare statistiche (28p e 10r), Yao appare in discreta forma (14p e 6r) ma rimane in campo solo 20 minuti, e non basta.

New Orleans 99 – San Antonio 90
Gli Hornets senza fare rumore sono 3-0, e vincono anche a San Antonio guidato dal solito CP3 (25p 7r 5a) che vince il duello con Tony Parker, che si ferma a 14p. Gli Hornets tirano col 50% ma limitano gli avversari al 38%: ecco il segreto del loro successo.

Charlotte 88 – Milwaukee 98
Prima vittoria per i Bucks, guidati da un Jennings da tripla doppia (20+10+10). Jackson (26p) e Augustin (23p) provano a dare una scossa alla squadra, ma con poco successo: i Bobcats sono ancora 0-3.

Post By Max Giordan (982 Posts)

Max Giordan segue l'NBA dal 1989, naviga in Internet dal 1996. Play.it USA nasce dalla voglia di unire le 2 passioni e riunire in un'unico luogo "virtuale" i tanti appassionati di Sport Americani in Italia. Email: giordan@playitusa.com

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

50 thoughts on “NBA – Portland lanciatissima, Philadelphia in crisi

  1. Scusate, qualcuno saprebbe indicarmi il sito dove possono vedersi le partite in replica? Sinceramente adesso non lo ricordo…Grazie a tutti.

    • Fino al 2 nov puoi vederle su ILP della NBA gratuitamente.
      https://ilp.nba.com/nbalp/secure/loginform.
      Se ti iscrivi, potresti vedere nel primo pomeriggio NJ-MIA che inizia alle 13.00 locali (intendo degli USA). La qualità delle immagini dipende dalla connessione.

      Ho visto la gara CLE-SAC con una W dei californiani che ancora una volta vanno sotto in doppia cifra per poi recuperare nel finale. A differenza della gara contro i Nets quando dilapidarono 7 punti in due minuti, sono riusciti a tenere botta al tentativo di rimonta di Gibson e compagni. Da segnalare due cose: i Kings non sanno ancora gestire i finali. Spesso vanno in 1v1 contro difesa schierata costruendo tiri a bassa percentuale, secondo Wesphal ha fatto commettere fallo sul +3 a 14.5 sec. per mandare in lunetta Jawad Jackson. Insomma ha gestito il finale all’europea. Chissà se è un segnale in controtendenza.
      Tornando alla gara, serata di grazia al tiro per Casspi soprattutto da tre, Evans ha licenza di “uccidere” salvo che a volte si va ad infoiare in penetrazioni impossibili mentre Cousins sta dimostrando la sua forza, di fatto è già un fattore. L’ho visto battere Varejao in palleggio dalla linea dei tre punti, difendere con competenza ed è ottimo come rimbalzista. Non dimentichiamoci che le sue cifre sono riferite a 25 minuti di utilizzo. La testa e la mancanza di focus sulla gara non l’ho vista. Speriamo bene. Gli altri positivi con Landry che è pazzesco. Pur sottodimensionato è un fattore. Per i Cavs ottima prestazione per Session che in campo aperto è devastante, Gibson eccellente mentre sottotono Hickson. La tanto celebrata difesa ha fatto acqua. Squadra ordinata, ma povera in frontline. Varejao/Hickson/Moon/Jamison non mi sembrano irresistibili.

      Nelle altre continua la cavalcata degli Hornets del devastante CP3 che trascina i compagni ad una vittoria prestigiosa. Per Beli altra gara da elogiare per applicazione (+10 di plus minus), meno per punti a referto. Thorton dalla panca è stato protagonista oltre al solito duo Paul/West. Per gli Spurs gara sottotono per TD nella giornata del prolungamento del contratto di Parker. Tra i due play non c’è stata storia.

      Phila in crisetta; da cedere Iguo. Giocatore forte, sa far tutto ma non è un primo violino. Con l’acquisizione di Turner è giusto lasciarlo andare. Il mercato c’è e uno scambio serio lo possono improntare. Sono convinto che entro febbraio lo sbologneranno se Turner dimostra di essere il leader che cercano.

      Detroit ne perde un’altra come i Knicks del desaparecido Gallo. Nella giostra a tre piste oltre a Stat ci sguazza bene Chandler. A guardare le cifre sembra un giocatore tra i primi 10 della lega. Ovviamente è solo il sistema.

  2. COMPLIMENTI AGLI HORNETS SPERIAMO CHE NON SIA SOLO UNA FIAMMATA E CHE RIMANGANO COSTANTI; CP3 I SOLITI COMPLIMENTI MA LA SOLIDITA’ DI DAVID WEST E’ TROPPO IMPORTANTE ANCHE PER IL FUORICLASSE DEGLI HORNETS OKAFOR COME SEMPRE FAI IL TUO RIMBALZI E DIFESA. COACH WILLIAMS PORTACI LONTANO….

    PS QUALCUNO CONOSCE QUALCHE SITO PER TORRENT NBA SOPRATTUTTO DELLE PARTITE DEGLI HORNETS??

  3. Chris Paul ha fatto letteralmente sanguinare gli Spurs con le sue penetrazioni.

    Derrick Rose SOVRUMANO, sempre più il futuro di questa lega insieme a Durant. Numeri assurdi poi: 39 punti + 7 assist + 6 rimbalzi + 2 rubate + 2 stoppate.

    Jennings sopra al 50% dal campo…probabilmente sono previste eclissi solari totali.

    Scola gigantesco come sempre, ma Rockets che nonostante un roster di grande livello (soprattutto il quintetto di partenza) restano a 3 sconfitte su 3 partite.

    Ancora belle prove per Wall e Mayo. Male Beasley, 6 palle perse e 3 falli in soli 20 minuti.

  4. GiangioTheGlide
    vai su league pass broadband. fino al 2 novembre è gratis.
    gli hornets come ho già detto ieri sono una bella squadra, non da titolo indubbiamente, ma sotto la leadreship di cp3 possono sicuramente arrivare tra le prime 8 a ovest. sarò ripetitivo ma secondo me belinelli si trova nel contesto giusto, qui può far bene. sui knicks penso sia presto per dare giudizi. il sistema di d’antoni, che piaccia o meno, è complesso e richiede tempo per poter essere eseguito nel miglior modo possibile. potremmo iniziare a dire qualcosa tra una ventina di partite. mi preoccupa di più il gallo. per lui solo 15 minuti e 4 punti. evidentemente quel polso fa più male di quanto si pensasse

  5. seconda sconfitta di fila per i knicks,si salva chandler e felton,chandler sta avendo un grande inizio di stagione,che sia la stagione della sua esplosione?
    devo essere sincero mi aspettavo una w,siamo stati un pò sfortunati,sul +2 a 2min dalla fine portland aveva quasi perso palla ma miller mett una tripla,knicks con in mano il pallone del pareggio ma la palla batte sulla gamba di stat.
    ho visto gli highlights dei bulls,una parola per rose FENOMENO,39 pt e 7 ast,ha fatto una giocata in penetrazione pazzesca

  6. Ben ritrovati a tutti.
    Ma qualcuno sa il problema del Gallo,sembra un ex giocatore.
    Polso,schiena,voci di mercato……………

  7. Mamma mia Wall, la squadra è già ampiamente sua…! mai visto tanto talento nel ruolo di play nella lega come quest’anno, pazzecco, da Rose a Wall, da Rondo a Westbrook, da Deron a cp3, da nash a billups, se si aggiungono i vari kidd, il barone, parker e a quanto ho capito anche quello scherzo della natura con la maglia degli heat siamo davvero super coperti con lo spettacolo! davvero un peccato che molti di questi neanche giocheranno l’all star game…! a proposito di all star game, mi sa che scola quest’anno potrebbe essere un serio candidato! danilo in difficoltà, belinelli (come era logico attendersi) è destinato a perdere minuti in favore di Thornton che gli è superiore a mio avviso! phila male, continuo a pensare che fin quando si insiste a puntare su Iguo non dando definitivamente fiducia a Turner si rischiano brutte figure anche quest’anno! occhio ai Grizzlies ad ovest, quest’anno per i play-off possono dire la loro

  8. gli hornets con ariza-paul-west-okafor-thorton hanno un buon quintetto…ad ovest quasi tutte possono andare ai PO, ma purtroppo è li che escono le peche maggiori di ogni squadra..

    cmq sapete cos’abbia anthony randolph?

  9. @ big shot rob

    grazie per la dritta su NBA Pass broadband. Peccato sia gratis sono per un’altro giorno eheheh!
    Mi sono iscritto e ho visto la qualità video delle partite…mi aspettavo una risoluzione migliore.
    Potrei comunque abbonarmi, visto che sportitalia si è data alla latitanza quest’anno.
    (niente bagatta quindi: non tutti i mali vien per nuocerre).
    Intanto domani mi guarderò di sicuro la partita dei Lakers.

    Wall e Griffin (e forse Evans) destinati a diventare super star a breve.

  10. Grazie Big Shot Rob.
    Ma cosa diciamo di questi Blazers?
    Qualunque cosa, ma è importante partire bene…adesso vediamo contro i Bulls di Rose…

  11. e evidente che il gallo non sta bene.
    minutaggio basso,brutte percentuali dal campo.
    neanche nella sua prima stagione nba giocò così male,eppure quell’anno aveva il serio problema alla schiena…

    bene blazers,hornets e nuggets.
    certo che a ovest e veramente complicato immaginare chi potrà essere la futura finalista di conference che quasi certamente sfiderà i lakers.
    impressionante notare l’equilibrio che regna nella western conference se ovviamente escludiamo i gialloviola…

    suns,spurs,mavs,hornets,rockets,jazz,thunder,blazers e nuggets.
    una di queste 9 squadre può benissimo arrivare in finale ad ovest,come può anche non raggiungere i playoff…

  12. Gallo

    Delle squadre in elenco io vedo i Rockets come la pretendente numero uno a sfidare i Lakers. Come frontline è la più attrezzata con l’arrivo di Dampier. Per imprevedibilità vedo i Thunder solo che devono attrezzarsi sotto canestro.

    Alfredo

    Iguo da cedere. Ha mercato. Tanto è palese che sarà Turner il numero 1. Squadra di talento ma a mio avviso assemblata male.

    Intanto il “famoso” scambio con asse Kins-Sixers vede per ora premiati i californiani. Ieri Dalembert è entrato dalla panca e in 16 minuti ha piazzato due stoppate, 4 punti e 5 rimbalzi. Perfetto come cambio perchè Cousins è gia pronto per giocare 25/28 minuti, Thompson il suo lo dà e Jackson (Darnell) non combina danni anzi. Se l’Haitiano non chiede la luna si potrebber rifirmarlo a cifre adeguate.

    • Ciao alert,
      :-)

      Secondo me il Thunder sono una spanna sopra i Rockets, hanno quel Kevin in più che manca a Houston.

      Certo che lo Scola di questi tempi, con un Yao decente… Proprio una bella coppia!

  13. gallo

    gallinari ha un fastidio al polso,ma sta giocando male,un fastidio al polso non può essere una giustificante per queste brutte prestazioni,stanotte è stato fischiato al garden

  14. Benvenuti nell’era John Wall, questo diventerà a breve uno dei 10 migliori giocatori della lega. Fisicamente è un mostro, da via la palla come pochi e ho visto anche qualche arresto e tiro niente male.
    Luis Scola ormai non mi sorprende più, a livello FIBA è il miglior lungo del mondo, e adesso sta diventando un All Star anche nella NBA, San Antonio ha solo da mangiarsi le mani, con un quintetto:

    G Parker
    G Ginobili
    F Jefferson
    F Scola
    C Duncan

    e Blair, Splitter, Gee, Hill, McDyess, Simmons, e Neal in panca sei da titolo.

  15. contento della prestazione di john wall.
    vedere giocare questo ragazzo e puro spettacolo.
    sembra non aver mai problemi di ambientamento.
    al college ci mise poco a diventare il più forte di tutti,qui in nba alla sua seconda gara della carriera,già sforna una prestazione spettacolare e al tempo stesso completa in una trasferta non semplice,dove comunque i suoi wizards se la sono giocata…

    grande amico di lebron,probabilmente si ispira a lui.
    atteggiamento simile,ma anche nello stile lo ricorda un pò,pur essendo per fisico e ruolo un giocatore totalmente differente.
    però ad esempio in campo aperto sembra un piccolo lebron…

    john wall e blake griffin,due giocatori che a mio avviso sono già pronti per andare all’all star game.
    di wall ne ero sicuro già al college.
    troppo evidente che questo e perfetto per il tipo di gioco nba.
    stessa sensazione che ad esempio mi lascia un rubio…

  16. Stanotte Lakers vs Warriors, partita che nasconde più di qualche insidia perchè faticheremo a contenere il loro backcourt che è in formissima. D’altra parte sarà tutta da verificare la solidità dei vari Biedrins e Lee contro la frontline Odom Gasol. Comunque sarà partita da altissimi punteggi.

  17. ad ovest i Grizzlies (senza i 20+10 di Zach Randolph) stanno andato bene (l’anno scorso partino 0-8…) con un Gay molto concreto

  18. Gallo

    Griffin è un all Star fatto e finito, atletismo pauroso, e sa giocare. Elemento da 20 punti e 10 rimbalzi col 50% dal campo sin dal primo anno. Candidato numero uno al R.O.Y.

    Comunque quest’anno classe rookie fortissima, aspetto ancora Evan Turner che merita quintetto e minuti in quel di Phila.

    Rubio mi è sempre piaciuto, ma ultimamente non sta giocando una grande pallacanestro soprattutto nelle partite clou, stesso discorso anche per Jan Vesely che non riesce a trascinare il Partizan come l’anno passato. Il nostro baby Niccolò Melli ha fatto una cazzata, un salto dalla A2 a Milano lo fai solo se ti chiami Danilo Gallinari e giochi a 17 anni come un trentenne.
    Al posto di Melli sarei andato o in una piccola, perchè non nel mio Banco, oppure a Treviso dove puntano sui giovani.

  19. alert70

    se yao ming dovesse tornare quello di due anni fa,allora i rockets potrebbero dare molto fastidio anche agli stessi lakers.
    perchè e vero che come frontline sono quelli messi meglio ad ovest per poter sfidare i gialloviola…

    poi il cinese,se solo lo volesse e non avesse problemi fisici,potrebbe disintegrare qualsiasi avversario.
    talento clamoroso,si parla sempre dell’immenso talento “sprecato” di sabonis,ma questo a mio avviso per talento e sicuramente superiore all’ex pivot lituano…

    comunque i rockets si accoppiano benissimo con i gialloviola,anche considerando che per kobe hanno un certo battier da mettere sulle sue piste.
    mentre brook resta uno di quei playmaker che un fisher fatica a digerire…

    se proprio gli devo trovare un difetto evidente,dico la mancanza di un vero leader.
    nel 2009 quel ruolo lo ricoprì e molto bene un certo ron artest,giocatore che a mio avviso devono rimpiangere a houston…

  20. …sarà, ma a me stò Rubio proprio non dice niente. Ma niente niente.
    Che se ne stia pure in Europa. Mi basta già dover “sopportare” calderon nell’NBA…

  21. ora come ora tra i play europei preferisco dragic e pure teodosic(che è una testa di cazzo eh) a rubio,magari ha più ampi margini di miglioramento lo spagnolo

  22. fabio

    Non confondere la me…rda con la cioccolata. Calderon è un intruso nella NBA al pari di tanti alri considerando lo sproposito che gli pagano. Ogni volta che deve difendere si avversari lo irridono.

    Gallo

    Tra il cinese e Sabonis preferisco il Lituano. Non dimenticare che Arvidas è arrivato nella NBA con le ginocchia rotte. Il cinesone per i primi tre anni era sano. Ho visto fare cose a Sabonis da non credere. Il mio rimpianto nella serie tra Lakers e Portland fu la sua limitata mobilità contro la versione spacco il mondo di O’Neil. Nonostante il fisico fosse compromesso si battè alla grande. Immagina se fosse stato sano.

    Su Gallinari non so cosa stia accadendo. O è ridotto male oppure c’è qualcosa a livello di squadra che non va. Vedremo. Rimango dell’idea di andarsene. Per come la vedo io, se D’Antoni li porta ai PO la sua permanenza nella grande mela si allungherà tutto a svantaggio di Danilo.

  23. Escludendo i veterani (Nash, Kidd, Billups, A.Miller, Bibby, T.Parker, B.Davis), dividerei i migliori play/point-guard in quattro categorie:

    CAMPIONI AFFERMATI
    1.Rose
    2.CP3
    3.Deron
    4.Rondo

    POTENZIALI CAMPIONI
    1.Westbrook
    2.Brooks
    3.Stuckey
    4.Wall

    OTTIMI GIOCATORI
    1.D.Harris
    2.Curry
    3.J.Nelson
    4.Felton

    BUONI GIOCATORI
    1.Udrih
    2.Conley
    3.Collison
    4.Jennings

  24. Si lo so che Rubio ha un gran potenziale (quella top 5 lo dimostra), ma per giocare nella NBA ad alti livelli bisogna avere un buon tiro affidabile e una discreta difesa.
    Non basta solo il passaggio, dove per’altro lo spagnolo eccelle.
    Sono sicuro che oggi nella NBA faticherebbe non poco, soprattutto in difesa dove troverebbe avversari leggermente diversi da quelli dell’Eurolega. Soprattutto in un periodo dove l’NBA abbonda in talento nella posizione di point guard.

    @ larrok

    la lista che hai stilato è emblematica. Oggi c’è un talento tra i play imbarazzante…

    @ alert70

    calderon ha un tiro migliore di rubio e molto meno visione di gioco. Entrambi in difesa sono 0.
    La diffferenza come vedi non sarebbe poi così abissale tra i due in un contesto NBA.
    Per me.

  25. Larrok
    Westbrook ha già dimostrato negli scorsi play-off di essere un campione, lui e Wall già l’anno prossimo saranno nella prima lista
    Alert
    Incredibile come tutti noi abbiamo la stessa idea su Phila, e invece la dirigenza aspetta per cedere Iguo. L’altro giorno ipotizzavo una trade con Kaman, ai Clippers uno come Iguo tornerebbe utile, e Phila si ritroverebbe con un ottimo lungo, non sarebbe uno scambio sensato?

  26. alert70

    mah,io considero il cinese come un talento che potenzialmente poteva passare alla storia come uno dei pivot più dominanti,al pari dei mostri sacri,tipo chamberlain,russell,olajuwon,jabbar,shaq e mikan…

    lasciamo stare gli infortuni,perchè da questo punto di vista e vero che sabonis e stato anche più sfortunato di yao ming.
    io parlo proprio di approccio,yao ming non ha la testa del fuoriclasse,non e neanche un leader e mai lo sarà.
    ad esempio shaq che fuori dal campo rideva,scherzava,faceva il pagliaccio o altre cose simili,poi in campo si trasformava e diventava un mostro,si mangiava gli avversari,sfruttando al massimo la sua irreale forza fisica…

    yao ming invece mi ha sempre dato quella sensazione di pigrizia(tipo bargnani),non ha mai sfruttato al massimo il suo impressionante potenziale.
    ricordo la serie di due anni fa tra lakers e rockets,bynum marcava yao ming e sembrava piccolo piccolo…

    yao ming ha quel giusto mix di fisico e tecnica da permettergli di dominare questa lega.
    ma sappiamo tutti come in questo sport l’aspetto mentale e fondamentale…

  27. fabio r

    rubio non vincerà mai il premio di miglior difensore in nba,però fidati,e uno che quando vuole ti crea enormi problemi nella sua metà campo…

    il tiro da fuori va migliorato,questo sicuramente,ma a questa età parecchi giocatori,che poi sono diventati stelle,avevano questo difetto…

    lo stesso kidd se ci pensi anche nei suoi anni migliori non ha mai avuto un tiro così affidabile,anzi…

    comunque per me rubio e un potenziale fuoriclasse che sta solo attraversando un momento no,ci può stare.
    potenzialmente può diventare il miglior giocatore spagnolo di sempre,credo che abbia anche più talento di un gasol, e ho detto tutto…

    ha una creatività incredibile,ottima visione di gioco,istinti alla ginobili,si vede che e un giocatore speciale.
    se lo fai correre,ti fa male.
    e in nba sappiamo tutti che si corre molto…

  28. gallo

    rubio piace tanto anche a me, sarebbe un play perfetto per il gioco di d’antoni….a parte questo credo che lo spagnolo migliore di sempre sia senza dubbio pau, io 3 anni fa lo chiamavo gasoft ma adesso, sia per una sua crescita mentale sia perchè gioca assieme a kobe, è diventato di gran lunga il miglior lungo dell’nba, per qualità tecniche e per continuità

    intant vittoria facile degli heat contro i nets…favors è un bel giocatore

    credo che arriveranno facili alle 60W, il problema sarà ai PO contro boston e eventualmente lakers, visto che queste squadra hanno lunghi piu forti e esterni in grando di tenere testa ai 2 fenomeni

  29. Gallo

    Yao è un 2.29 e probabilmente a quell’altezza è quasi “normale” avere infortuni specialmente in uno sport che sollecita gli arti inferiori in maniera notevole. La testa non è quella di TD che come Yao sembra essersi svegliato 10 minuti prima. Non si può far nulla. Sicuramente sono atleti che devono essere delle spalle per eccellere. La fame di vittoria ce l’hanno ma non sono cannibali. Su Sabonis sono convinto che se fosse andato nella NBA a 24 anni avrebbe segnato pagine indelebili di storia al pari dei grandi.

    Fabio

    Rubio l’ho visto alcune volte ed è il classico giocatore incostante. In difesa si fa battere ma se si impegna è tignoso. Sul tiro migliorerà come dice Gallo perchè li è solo questione di allenamento. Quando verrà nella NBA vedrai l’impatto. Calderon non lo considero neanche lontamente confrontabile a Rubio.

    Alfredo

    E’ presto per dare giudizi ma Iguo per me andrebbe ceduto. Certo se lo scambiassero per Kaman sarebbe un bel colpo. E’ chiaro che le chiavi della squadra saranno nelle mani di Turner non a torto.

    Intanto Heat a passeggio nelle paludi. Quanto piace a LeBron fare il play.

  30. Un lettore della Gazzetta parlava della scelta di LeBron. Lui considerava che la voglia di LeBron di fare il play lo abbia spinto a scegliere Miami dove poteva ricoprire quel ruolo a piacimento, cosa non fattibile a Chicago con Rose. Chissà che non abbia ragione.

    • diceva buffa su questa cosa che par riley quando è andato a parlare con lebron gli ha detto :”magic jhonson l’ho inventato io…” emblematico…

  31. Sicuramente “sono tipi di atleti che devono eccellere” intendo Yao come Bargnani…. non certo TD.

  32. Io continuo a credere che brook lopez diventerà uno dei giocatori più dominanti dei prossimi anni, ha tutto: 213cm 120kg, grande tecnica, tiro da 5-6 metri, movimenti in post, buon intimidatore, pecca un pò a rimbalzo, ma questo la testa a posto, l’ho detto mille volte, mi ricorda terribilmente duncan.

  33. Scusate tanto ma quella top 5 non è niente di speciale… Escludendo la 1, io al campetto ho fatto roba di gran lunga migliore…
    Che poi sia forte, questo non lo contraddico, ma non incantiamoci davanti un passaggio dietro la schiena o un no look che J-Will ne faceva di 3000 volte meglio (e cito lui appunto per non dire proprio un mostro sacro…)

      • Ripeto Larrok, non c’è niente di impressionante. Quella roba poteva impressionare forse ai tempi di Cousy (e manco so quanto)…

        • Ma non ho mica detto che è impressionante, solo che mi sembra fuori luogo considerarlo un elemento che non può assolutamente stare in NBA.

          E poi comunque per essere un 1990 direi che è un gran talento…non so quanti a quell’età spadroneggiano così a livelli di eurolega. Se poi tu lo paragoni a Magic Johnson è chiaro che non ti dirà nulla.

          • non lo paragono a Magic, ne tantomeno ho detto che non potrà stare in NBA. Mi sono limitato a dire che quella top 5 non è nulla di che

  34. sul “magic johnson l’ho inventato io”, sinceramente non capisco che voglia dire quel povero idio.ta… Quando il primo titolo Magic l’ha vinto senza di lui…
    Mi pare di leggere le dichiarazioni di Berlusconi su Obama……..

Commenta