Pocket

Nella notte Nash batte Williams nella sfida fra top point guard NBA

Due gare nella notte NBA.

C’è la conferma dei Magic che strapazzano Wall ed i Wizards mentre a Salt Lake City è amara la prima in casa dei Jazz che assistono allo show di Warrick e Richardson che marcano la prima vittoria dei Suns.

Vediamo in dettaglio.

WIZARDS 83, MAGIC 112
A conferma di una scintillante preseason, gli Orlando Magic impartiscono una sonora lezione ai Washington Wizards del campioncino John Wall che apre la sua carriera NBA con una prova da 6/19 dal campo, 14 punti e 9 assist. Nel nuovo impianto del Anway Center, i ragazzi di coach Van Gundy nonostante un modesto 18/32 dalla lunetta, dominano a rimbalzo (53-25) e chiudono la gara sin dalle prime battute (24-7). Howard sbaglia 10 liberi ma incide con la sua doppia doppia (23 pts, 10 rebs) in soli 29’ di impiego. Il quintetto di Orlando chiude con il 69% dal campo e per i Wizards , il match è una lunga agonia di 48’. In assenza di Arenas, Cartier Martin è il top scorer a quota 17 mentre delude Blatche che non va oltre i 6 punti al referto in una squadra che chiude con il 37% dal campo.

SUNS 110, JAZZ 94
Altra brutta sconfitta per gli Utah Jazz che perdono anche di fronte ai propri tifosi nell’esordio stagionale alla Energy Solutions Arena. Phoenix prende il largo a metà secondo quarto con la tripla di Turkoglu ed i canestri di Richardson (11 punti in 5’). Utah ha un ultimo sussulto ma Warrick plasma il successo dei Suns con un paio di giocate all’inizio del 4° periodo. Doppia doppia (18 pts, 11 rebs) per il prodotto di Syracuse che insieme a Frye garantisce punti, presenza e impatto uscendo dalla panchina. Nash si ferma a soli 5 assist ma garantisce alla causa 18 punti e 2 triple mentre sono 12 i rimbalzi catturati dall’intramontabile Grant Hill. In casa Jazz, altra opaca prova di Deron Williams che sbaglia 9 dei 12 tiri presi mentre il trio Jefferson-Millsap-Kirilenko segna 58 dei 94 punti totali con l’impatto della panchina praticamente nullo. Per Sloan c’è da tanto da lavorare.

Post By Kevin Di Felice (156 Posts)

Connect

54 thoughts on “NBA – Colpo Suns a Salt Lake City

  1. Vittoria facile per Orlando, partita che non ci dice molte cose nuove nè ci dà grandi spunti di discussione. Howard ha lavorato tanto sui liberi in estate ma come inizio nn ci siamo affatto. Dagli highlights non ho visto se ha tentato e realizzato dei jumper. Mi sembrano questi i due punti focali su cui mi aspetto risposte da lui, il resto è ordinaria amministrazione per Superman.
    Ho visto un VC vecchia maniera, attaccando il canestro da vero finalizzatore. Chiaro che servono test contro difese più probanti.

    Utah ha cambiato tanto, troveranno presto i giusti equilibri e faranno una bella stagione. Sloan è garanzia di successo.

    Una cosa la voglio dire anche sui Suns. Molti ragazzi su questo forum hanno scritto, durante l’estate, che Amare senza Nash non sarebbe stato più lo stesso. Io invece dico che Stoudemire è un grande giocatore, anche se nn arriva ai livelli dei Duncan o dei Garnett dei bei tempi, e che andrà molto bene anche senza il canadese.
    Piuttosto la domanda è questa: non è che Steve ha talmente tanta classe da riuscire a far sembrare Warrick un nuovo Amare?

  2. una domanda…ma su sportitalia stanno trasmettendo una partita al giorno come gli anni passati?

  3. balla vittoria in casa dei mormoni… NAsh è sempre nash… Sorpreso in positivo da Warrick ma attendo riconferme.. Il Turco sembra ancora fuori giri partira anonima la sua.

  4. Orlando domina, ma contro il nulla, pecca la prima wall che tira malissimo, ma si rifarà.
    Howard non so cosa abbia imparato da hakeem, sta di fatto che se questo non si decide ad ampliare il suo bagaglio offensivo, rimarrà sempre un buon centro e nulla più.
    Se comincia a tirare jumper da 3-4 metri e fare qualche movimento decente in post, allora questo può davvero diventare ingestibile.
    Il problema – lo ripeto da anni – è che il ragazzo ormai è alla sua settima stagione, e a vederlo giocare in attacco, non sembra abbia imparato molto rispetto alla sua stagione da rookie.
    Nash fenomenale, ma quanti anni ha questo?

  5. Prevedo una pessima annata per i Jazz senza il loro vero leader Boozer. D-Will mi sembra Bosh di Toronto: leader non all’altezza.

    • deron era il leader anche quando c’era boozer, e se proprio si vuole fare un paragone con bosh ed il suo modo di intendere il basket, allora sì che ci metto boozer.

  6. Io nn metterei in discussione la classe e la leadership di Deron Williams neanche se ne giocasse 10 di partite come quella che ha fatto ieri…

  7. Nash e Hill fanno entrare i suns nel cuore di tutti, non si può non avere rispetto e togliersi il cappello di fronte a questi campioni, meriterebbero un titolo ma la cosa diventa ogni anno che passa sempre più complicata purtroppo! deron a me dà l’impressione di uno che inizia a dubitare del progetto Jazz, sono anni che puntualmente arrivano ai play-off e i Lakers li prendono a calci nel sedere con relativa facilità, sembra che non si facciano mai passi avanti per diventare una contender, manca sempre un tassello e non lo si aggiunge mai…!

    • Due partite non sono un po’ poche per esprimere un giudizio come quello su Williams?

  8. dare del “Bosh” a Deron è da pazzi… stiamo parlando di un TOP-3 point-guard della lega…

    • la differenza tra bosh e D-will è che uno i playoffs li ha fatti poco per suo demerito, l’altro ha trascinato i suoi fino in finale di conference per molti suoi meriti

      nash è ….nash
      hill è pazzesco perchè prima dei suns sembrava T-mac ora, un giocatore finito
      peccato davvero per l’anello, ormai il treno è passato e nash non lo vedo ad andare a fare il payton dei lakers/heat
      amare era amare prima di nash..ricordo con quello che fu Starbury fare dei p-offs da paura contro San Antonio (ad onor del vero con duncan mezzo rotto)…ora ha messo pure ‘sto jump dalla lunga…il suo problema è la difesa e i pochi rimbalzi : lui avrebbe bisogno del ben wallace di pistons campioni al suo fianco,così non gli toglie tiri e fa la difesa per lui..

  9. La partita di Orlando è durata 5 minuti e poi è filata liscia per i Magic. D’altronte nessuno sano di mente avrebbe pronosticato una partita giocata punto a punto. Di DH nulla di nuovo sotto al sole aspettando avversari veri. Speriamo per la NBA che migliori nel gioco in post basso e in tutte le situazioni di staticità per avere tre vere contender ad est. Wall ha tirato male ma ha talento.

    Inaspettata persa dei Jazz che non credevo cedessero dall’eterno duo di vecchietti scatenati, Hill e Nash. Sono ammirevoli, perchè riescono a raggiungere dei risultati al di là delle aspettative. Comunque quest’anno se arrivassero ai PO farebbero un mezzo miracolo con Warrick che è bravino ma non è Stat. Hedo è ancora un oggetto sconosciuto. Brutti i Jazz ma siamo alla prima. L’annata sarà di quelle pivotal nel senso che il progetto Jazz dovrà produrre qualcosa altrimenti alcune certezze verranno meno, a partire da Kirilenko per passare a D-Will. Strano mettere sotto la lente Deron ma come già scritto i mormoni arrivano ai PO per farsi sculacciare in maniera imbarazzante. Va compreso se la debolezza mostrata era solo dovuto al sottodimensionamento della frontline o a qualcos’altro.

  10. il turco ha avuto una annata favolosa a orlando,grazie al sistema..ha reso 100 volte più di quel che vale..vediamo quanto ci campera di rendita..oer il resto,magic bella w,coi wiz che sono un mezzo cantiere..mentre mi sorprendono i jazz,ma forse è solo questione di rodaggio.intanto,una buona w x i suns..

  11. booz è un leader come mia nonna..identico a ruapul..un cagggacatzi mai decisivo nei po..derone è probabilmente il play più forte della lega..parlo dei giovani,ovvio..

    • Condivido appieno. Su D-Will, di cui non discuto ne il talento ne la leadership, penso che se la stagione dovesse finire con un cappotto dei Lakers o una eliminazione al 1/2 turno senza attenuanti forse per lui sarebbe meglio cambiare aria anche se la situazione salariale gli può garantire qualche freeagent.

  12. Dampier ai Rockets. Bel colpo dei texani considerando che non sarà il centro titolare, come ai Mavs, ma solo uno della rotazione per 10/15 minuti. Con lui il pacchetto lunghi dei Rockets si fa interessante oltre che profondo. Insomma avere Yao, Scola, Miller e Dampier schifo non fà.

  13. Colpo importante per i Rockets, perchè con Yao disponibile solo 24 minuti a partita ed in borghese ogni secondo match di un back-to-back, diventa dura ottenere buoni risultati…
    Ok, Dampier non si avvicina al cinese neanche nel sonno, però dà alternative imprescindibili per un team ambizioso come quello di Houston.

  14. Ho visto solo highlights ma mi sembra che un paio di jumper Howard gli abbia messi… niente di che comunque… il problema è che tutto per lui sembra un gioco ride, scherza, schiaccia, stoppa mette numeri fantastici ma la rabbia del campione NO. Per certi aspetti ha lo stesso atteggiamrnto di Pato, lampi da n.1, cifre paurose ma in generale un pò svolazzante come giocatore.

    Deron secondo me è stratosferico e non va mai sotto con gli avversari diretti (anzi con Paul spesso ha la meglio) ovvio che poi ci sono i compagni…

    Boozer è un giocatore di grande produttività, anche migliore di Bosh tenendo conto che Bosh ha sempre tirato tutto quello che voleva mentre Carlos no… ovvio che come leadership vera ne hannopoca entrambi.

    A margine: Qualcuno ha capito bene il funzionamento della nuova regola del PICK ONE CHALLENGE?

    • nn ho ben capito ma in base a deteminate eccezioni si può scegliere un giocatore già scelto in precedenza…
      riporto del sito:New for the 2010-11 season: Bonuses/unlocks!
      If your selected player achieves one of the Daily or Weekly bonus targets below, you will be able to select one of your previously-used players in any future game.

      POTENTIAL DAILY BONUSES/UNLOCKS

      Triple-double (PRA combination only)
      Non-rookie PRA of 60 or higher

      POTENTIAL WEEKLY BONUSES/UNLOCKS

      PRA of 300 or higher for a Week (Mon – Sun)

      BONUS RULES

      Daily bonuses cannot be combined (i.e., triple-double and non-rookie PRA of 60 or higher). In other words, even if you were to achieve both bonuses in a single game performance, you earn one unlock bonus only.
      The unlock bonus can only be applied to a player whom you have already used. In other words, if you have an “unlock” available and you haven’t yet used Lebron James, then you would not be able to select Lebron James twice in the future.
      Players can only be “unlocked” once. In other words, no player can be used more than twice in the entire season – once as a regular selection and once as a bonus/unlock selection.

  15. Deron è senza ombra di dubbio un ottimo leader ed uno dei primi tre play della Lega.
    Ormai il discorso titolo sarà sempre più problematico…i tre di miami hanno iniziato un qualcosa che provocherà molti casini all’interno della NBA. Inoltre Melo potrebbe fare scuola, ovvero, se decide di andarsene minacciando Denver, non troppo velatamente, di raggiungere NY in estate potrebbe poi iniziare la corsa al nuovo terzetto…vedremo…spero in un lookout (mooooolto breve) che porti benefici ed equilibri nella Lega…basta spese pazze ed “accordi” estivi…Cap fisso e poi si vedrà…
    Booz non è un leader, ma se ci pensate ha giocato con LBJ, con Deron ed ora con Rose, forse è conscio di non esserlo e sceglie i team anche per questo..
    Bosh…non saprei, formano un terzetto stratosferico, ma lui non c’entra niente con “gli altri due”

  16. E’ un bonus che permette di riselezionare il giocatore un’altra volta (una sola questo è sicuro) se ottieni un determinato punteggio con esso (se è rookie è un pò diversa). Non ho capito se è un bonus libero che possiamo sempre attivare noi (magari con un limite di volte) o il giocatore “col bonus ” è stabilita da loro visto che parla di un Daily o Weekly bonus.

    Boh… dal lavoro non ho voglia di rileggermi tutto… è venerdi :)

    Cmq anche io 33 Millsap, tra l’altro stas 22% con Griffin vs Warriors, se ci prendono la classifica si squarcia

  17. io continuerò a preferire sempre cp3 a deron,pur riconoscendo che deron williams e un grandissimo giocatore,sottovalutato nell’ambiente nba,ma sopravvalutato in questo sito.
    anche lui ancora non ha dimostrato niente ad altissimi livelli,la stessa cosa si può dire di cp3,ma infatti considero paul più forte di deron,ma non molto più forte…

    deron williams l’ho visto in queste ultime stagioni uscire tre volte contro i lakers, quasi sempre in maniera netta.
    ovviamente kobe aveva un supporting cast ben diverso rispetto a quello di deron,quindi nessuno pretendeva miracoli da lui.
    però non ho mai capito come mai un giocatore come lui giocasse alla grande per tre quarti e mezzo per poi sparire negli ultimi decisivi minuti.
    nella scorsa serie fu così,ma non solo…

    la reputo una cosa strana perchè lui mi sembra un vero leader,però i fatti quando conta dimostrano che non e proprio così.
    ripeto,questo indipendentemente se si vince o si perde.
    wade lo scorso anno e uscito 4-1 contro i celtics,eppure pur perdendo ha dato per l’ennesima volta una dimostrazione incredibile nel saper trascinare i propri compagni quando più conta…

  18. Alert possono arrivare a qualche freeagent perchè finalmente scade il russo che chiama qualcosa come 17,8 milioni, il problema è capire chi puoi prendere, visto che i big non sono particolarmente attratti da Salt Lake City, la situazione è abbastanza complessa! pronostici per stanotte? ci sono diverse partite interessanti, su tutte Heat-Magic…

  19. Gallo, Deron ha dominato Billups (animale da play-off se ce ne è uno) negli ultimi play-off, bisogna anche vedere chi si ha di fronte! i Lakers francamente contro i Jazz ai play-off danno sempre l’impressione di giocare al gatto con il topo, a nessuno è mai sfiorata l’idea che potessero perdere la serie, nonostante spesso si arrivasse in equilibrio negli ultimi minuti! probabilmente anche loro (a ragione) erano straconvinti di non essere pronti per batterli, e che servisse un ultimo pezzo per competere alla pari! passano gli anni e quel pezzo continua a non arrivare, le certezze inevitabilmente calano

  20. alfredo

    sicuramente la gara più interessante della notte e quella tra heat e magic,senza ombra di dubbio.
    per gli heat queste sono tutte gare dove possono migliorare l’intesa,anche perchè perdere oggi non e così grave,anzi…

    piuttosto sono curioso di vedere se saranno più i magic a soffrire il duo wade-lebron,oppure gli heat a soffrire howard.
    lebron sa meglio di tutti cosa vuol dire incontrare howard senza valide risposte.
    non tutte le squadre hanno il trio perkins-sheed-kg oppure il trio odom(in aiuto)-bynum-gasol.
    due anni fa i cavs di lebron furono travolti dal ciclone howard,eppure a pensarci bene,quei cavs sottocanestro per contrastare un lungo così potente erano messi meno peggio degli attuali heat…

    tracymcgrady

    io ero uno di quelli che diceva che i suns senza stoudemire avrebbero perso poco.
    sono ancora convinto di questo.
    non e mai stato lui a fare la differenza per questa squadra,ma sempre il canadese.
    stoudemire e quello che fece una serie mostruosa contro gli spurs,eppure gli spurs le suonarono lo stesso ai suns…

    i suns avevano molto più bisogno di una grande prova di nash piuttosto che di una di stoudemire.
    siamo proprio da un estremo all’altro,uno giocatore di squadra,l’altro che gioca per se stesso all’interno di uno sport di squadra…

    uno e un playmaker,l’altro e un lungo,uno e la mente,l’altro era il braccio.
    dirlo così si potrebbe pensare ad uno stockton-malone,ma io non metterei mai nella stessa frase il postino con amare.
    perchè il postino era un duro,un grande realizzatore che giocava con i compagni,uno che anche in difesa non si risparmiava.
    stoudemire e un talento pazzesco,ma che ha la stessa testa di un bosh…

    ai knicks farà grandi numeri,una grandissima stagione a livello individuale,forse la migliore della sua carriera,ma nonostante ciò i knicks non faranno mai un grande salto di qualità fino a che lui resterà la stella principale di questa squadra…

    mentre i suns se avranno lo stesso nash dell’anno scorso,potranno ripetersi.
    non scordiamoci che nella stagione 2005/06 i suns volarono anche senza stoudemire…

    non dico che lui non valesse niente,però sicuramente il suo impatto sulle sue squadre non e mai stato parallelo alle sue cifre…

  21. gallo
    concordo su amare..come bosh,giocatore da statistiche,ma che sposta pochino..dio,ce ne son parecchi così.
    intanto iverson in turchia.o tempora,o mores..onore a un grande

  22. Amare Stoudemire non mi ha mai convinto, per carità è un attaccante pauroso, però in difesa è un secondo Nowitzki con un aggravante però, è un atleta spaventoso, dovrebbe dominare a rimbalzo e dovrebbe oscurare l’area come pochi, invece fatica ad arrivare a 10 rimbalzi a gara e non è efficace in fase intimidatoria.
    Classico talento da primo violino senza le stimmate da leader, per farlo rendere al massimo basterebbe anche un Brandon Roy senza andare a cercare i grossi calibri e ovviamente un sistema difensivo collaudato che possa mascherare in qualche modo le sue negligenze.

  23. Deron Williams al contrario non è il Bosh o lo Stat di turno, a me sembra molto trascinatore, ricordo la serie da sophomore contro San Antonio persa 4-2, ma che serie!!!
    Questo ha i coglioni, però ha sempre problemi di supporting cast, e non parlo di solo talento, ma se un elemento del calibro di Andrei Kirilenko un giorno si e un giorno no litiga con Sloan ne risente tutto lo spogliatoio, soprattutto perchè AK47 non è uno qualsiasi, è il più pagato di tutti.
    Kirilenko è il classico elemento che quando è in giornata sposta come pochi in fase difensiva e non solo, perchè sa fare tutto, però se ha la luna storta è un palo che vaga per il campo.
    E torniamo al discorso, e chiama 17 milioni di dollari, perchè il panchinaro di turno deve sbucciarsi le ginocchia quando il paperone russo cazzeggia?
    Seguissero tutti l’esempio di Paul Millsap.

  24. ora non paragoniamo stat a bosh,stat con i suoi difetti è uno che ai PO gioca sempre ad un livello alto,bosh invece?
    anche il paragone boozer-bosh non lo condivido,boozer per me può essere discusso come persona ma come giocatore è molto intelligente e un ottimo passatore,non è egoista quando gioca.
    cmq su knicks-raptors di ieri,stoudmire nonostante 3 quarti sottotono(grazie anche alla difesa di reggie evans) ha deciso la partita,con 3 canestri di fila e delle giocate importanti in difesa(mi sembra 2 stoppate di cui una a bargnani) nell’ultimo quarto

  25. bodiroga

    sarò esagerato io,probabilmente si.
    però io uno come williams lo metterei nella stessa categoria di anthony,più leader e meno talentuoso dell’ala dei nuggets.
    entrambi grandi giocatori,ma che ancora non mi hanno dato la sensazione di poter essere paragonati ai migliori dei migliori che militano oggi in nba…

    io non ne farei una questione di supporting cast,perchè si può dimostrare di essere un fenomeno assoluto anche senza avere grandi compagni attorno.
    vedere wade lo scorso anno,kobe e lebron qualche anno fa,kg ai tempi dei twolves,iverson(durato poco a quei mostruosi livelli) ai tempi dei sixers, e potrei fare altri mille esempi…

    williams e anthony ai playoff non mi hanno ancora dato quella sensazione di essere come questi che ho elencato,ripeto,a prescindere da quanta strada hanno fatto…

    anche durant ancora deve dimostrare tutto,però non paragoniamolo a carmelo anthony,perchè questo ha solo 22 anni,quindi ci sta che magari alla prima occasione delude.
    poi chi dice che questo non e un leader a mio avviso si deve andare a rivedere gli ultimi mondiali,dove e salito di almeno tre livelli quando più contava…

  26. tifoso knicks

    io paragono la testa di stoudemire a quella di bosh,poi sempre detto che questo a livello di talento e altra roba rispetto all’ala degli heat.
    per me stoudemire se avesse la testa di un garnett o un duncan sarebbe uno che sposterebbe parecchio in questa lega…

    vorrei ricordare a tutti che shaq ha cominciato a dominare questa lega per davvero quando un certo phil jackson l’ha convinto a concentrarsi su ogni aspetto del gioco,non solo sui punti che doveva mettere a referto.
    detto questo,anche il primo shaq dei lakers non e mai stato un giocatore egoista come stoudemire.
    eppure lui se lo sarebbe potuto permettere molto più di stoudemire…

  27. gallo

    non so voi,ma siete troppo fissati con la parola egoista,stoudmire non mi sembra questo grande egoista,è un grande realizzatore,mi sembra meno egoista lui che di tanti giocatori in nba.
    è un giocatore che ha i suoi difetti,ma anche dei notevoli pregi,per me non è uno che sposta pochino,vediamo questa stagione.
    per me deron williams è il miglior play della lega,non vedo perchè paul sia superiore al giocatore dei jazz,paul ai PO ha dimostrato ancora meno di quello che ha dimostrato deron

  28. ieri ho visto griffin,giudicare dalla prima partita è difficile,ma i clippers con quella 1°scelta secondo me hanno preso un grande giocatore,finalmente una scelta azzeccata,griffin è un animale ed in più è preparato tecnicamente,ecco per quel posto di miglior ala grande in futuro questo è un candiidato serio

  29. una squadra da seguire quest anno possono essere i kings che a me piacciono molto,cousins alla prima ha chiuso con 14+8 ed un’eccezionale +18 plus/minus che in una partita punto a punto non è poco.
    sono un grande estimatore di cousins,se la testa gira per il verso giusto questo è un all star sicuro

  30. Si, Griffin sembra proprio uno di quelli che sposta nei prossimi anni. Mi fa una grande impressione sul serio! Se penso che Lebron poteva andare ai clippers…

    Per me lebron + barone-gordon-griffin-kaman non era poi così lontano da
    lebron + wade-bosh….e in più sarebbe stato un Eroe Nazionale come Walt Disney e Lessie.

  31. Ho finito di vedere Toronto vs New York di ieri. Allora un mio punto di vista sui contesti cestistici che vedono protagonisti due dei nostri tre portacolori.

    Toronto è una squadra da max 25-30 vittorie, però a differenza dei Nets, dei Twolves dell’anno scorso, non sono disastrosi, anzi, a mio avviso giocheranno una discreta pallacanestro perchè hanno degli elementi come Bargnani, Kleiza, Andersen, Calderon, Barbosa di scuola FIBA, che conoscono il gioco, hanno tecnica, ma purtroppo vanno sotto fisicamente. E’questo il loro problema, Reggie Evans e Jarret Jack sono gli unici animali da NBA, il primo per fisico, il secondo perchè ha conoscenza del playground, è smaliziato. De Rozan è ancora troppo acerbo per rappresentare un’opzione offensiva di discreto livello.

    New York è una bella squadretta, la prima opzione offensiva è Amare Stoudemire, però attorno non c’è deserto, ma talento da sgrezzare. Felton è un’ottima comboguard moderna, punti e qualche assist, ma non è Steve Nash, però se aiutato da un Gallinari in versione pointforward, magari in due fanno del buon playmaking. Wilson Chandler, mamma mia che talento, ha tonnellate di punti in mano, manca un altro lungo verticalista, o un mezzolungo atipico com’era Shawn Marion, devono sperare nella crescita di Anthony Randolph. Mozgov in questo sistema è impresentabile, bisogna conoscere e visionare prima di fare i contratti.

  32. tifoso knicks

    difficile non definire egoista uno come stoudemire.
    secondo me per egoista non si intende solo un giocatore che offensivamente gioca “da solo”,ma anche un giocatore che non si sbatte in difesa e che magari a rimbalzo e pigro.
    sembrano le caratteristiche di stoudemire,appunto…

    come dice giustamente bodiroga,fa ancora più”rabbia” pensare che per il talento che ha,potrebbe dominare a 360 gradi,questo lo fa sembrare ancora più egoista…

    per quanto riguarda cp3,ha partecipato a meno edizioni di playoff rispetto a deron,però credo che nel 2008 abbia disputato dei playoff di un livello che deron non ha mai toccato.
    ovviamente sono gusti personali,io continuo a preferire il miglior chris paul al miglior deron williams,ma qui,più o meno e lo stesso discorso che si fa per kobe e lebron,chiunque si sceglie non si sbaglia…

    bodiroga

    quoto il tuo discorso sui raptors…

  33. Su stat, lo preferisco a boozer e bosh, ma obbiettivamente è un pochino egoista, nel senso che lui non è che vuole sempre la palla, però quando gli arriva non gli passa neanche per l’anticamera del cervello di ripassarla, lui prende e punta al ferro.

  34. ma adesso chi lo marca?

    hakeem e stato un grandissimo maestro,visto che ha imparato più con lui in una sola estate che con ewing in tre anni…

    in questo primo tempo con gli heat,9 canestri dal campo per howard,nessuno di questi era una schiacciata,ma,alcuni dopo dei movimenti da ballerino,altri con dei tiri al tabellone,ganci,semiganci,anche un tiro in sospensione dai 4 metri.
    beh,mi sembra che il suo repertorio ora sia completo.
    mi chiedo come si possa marcare adesso…

    mi dispiace per durant,ma il pronostico per l’mvp dopo aver visto questo nuovo howard va direttamente a lui…

  35. mi aspettavo una gara più equilibrata,invece in questo terzo quarto gli heat hanno scavato un abisso tra loro e i magic.
    trascinati da wade e lebron,ma soprattutto da una grandissima prova difensiva.
    si,perchè tutti parlano dell’attacco di questa squadra,ma questi e in difesa dove potranno stupire tutti.
    comunque anche qui i meriti principali vanno a loro due,perchè in difesa se decidono di impegnarsi poi te li ritrovi dappertutto…

  36. Rondo Ventiquattro assist con allegata tripla doppia!!! E chi se ne frega dei problemi al tiro.

    Heat e Lakers giocano già con l’interrutore, e quando sono in ON non inizia neanche la gara.
    WoW Dwight Howard sta imparando a giocare, finalmente a Orlando qualcuno si è accorto del potenziale che hanno in mano. Comunque lo sapevo, ci sono i video su youtube delle sedute con Olajuwon, nessuno chiede il dream shake, però un minimo di gioco si.

    Gallinari: 2 punti, ahia, cosa sta succedendo? Occhio che rischia il posto in quintetto quando tornano Randolph e Azubuike.

    Bargnani: Ventello nella W dei Raptors, ma dato SCANDALOSO a rimbalzo solo 1, ma si sposta per lasciarli a Reggie Evans che vuole vincere la classifica!!! ahahah

    Belinelli: 5 punti, Thornton dalla panca invece va in doppia cifra, non l’ideale.

    New Jersey è on fire, Cleveland ha già finito la spinta emotiva dell’addio di LeBron, primi segnali di baratro alla Quicken Loans.

    Monta Ellis è un grande, ne segna 46 all’esordio, oggi serviva giocare per la squadra e timbra 11 assist con percentuali al tiro ottime. Se non va all’All Star Game quest’anno è grave.

  37. Finito ti vedere Clippers-Golden State. Warriors con un filo più di criterio cestistico. Barone ancora svogliato.
    Su Griffin: non so cosa farà nella sua carriera ma una BESTIA del genere non l’ho mai vista. Ha una potenza nelle gambe sconcertante ed è fermo da un anno.

  38. Visto warriors-Clips. Imbarazzante potenza di Griffin. Non sò che giocatore diverrà ma 2 gambe così le ha forse solo Lebron (parlando di potenza s’intenda). Una bestia

  39. Allora, howard pare abbia imparato a tirare i jumper – dopo sette anni – la tecnica è ancora molto grezza, però per uno come lui è già grasso che cola.
    E’ tutto ma non un giocatore immarcabile, perchè a banchettare contro anthony e ilga son bravi più o meno tutti.
    Wade realizzatore, james playmaker, ma sopratutto dofensore ormai di alto livello, se si dovesse impuntare potrebbe provare a vincere il premio di defensive player of the year.
    Thunders che sono sempre durant green e westbrook, vincono di fatica contro i pistons.
    i lakers sul velluto con un odom da paura, e un gasol che ormai gioca a livelli stratosferici, kobe si gestisce ma comunque segna sempre i suoi punti.
    Peccato speravo in una conferma di griffin, ma questa volta rimane un pò su le sue, uno come lui deve tirare più liberi.
    Brook lopez in grande spolvero guida i suoi alla seconda W di fila(!!!).
    I poveri cavs le prendono dai raptors, bargniani 20+1reb…vabbè.
    Ah sì, il n. 9 dei celtics è completamente fuori controllo.

Commenta