0Shares
0 0

In Kansas, la quarta prova del Chase ha visto Joey Logano alzare le braccia al cielo nel victory lane per la quinta volta in stagione; una vittoria che lo proietta direttamente alla fase eliminator.

In una gara folle e piena di insidie, il pilota del Connecticut è riuscito a domare lo scatenato rookie Kyle Larson che è rinvenuto dalle retrovie come una furia; quest’ultimo ha dimostrato di essere comunque in gran forma. Dopo questa gara Logano è temporaneamente il pilota da battere vista la semplicità con cui si è liberato degli avversari nell’ ovale di Kansas City, al quale si aggiungono gli ottimi risultati ottenuti nelle prime gare del Chase.

In questa prima gara della fase contender, molti piloti che sono ancora in lizza per il titolo hanno visto il buio di un maledetto tunnel, visto che sono rimasti coinvolti in vari incidenti: Johnson costretto a remare dalle retrovie ha perso il controllo dell’ auto dopo essere stato toccato nel retrotreno da Biffle e si è visto forzato al ritiro quasi immediato dalla gara. Peggio è andata a Dale Earnhardt Jr, al quale è esplosa l’anteriore destra mentre comandava con autorità l’ Hollywood Casinò 400; stessa sorte è capitata a Brad Keselowski circa una trentina di giri più tardi.

Finiti rispettivamente 40°,39° e 36°, dovranno uscire a Charlotte con il coltello tra i denti se vogliono sperare di passare alla fase eliminator, perchè Talladega, l’ultima gara della fase attuale è una vera e propria tombola data la quantità di incidenti ed auto coinvolte ad ogni corsa.

Come se non bastasse anche Kasey Kahne e Jeff Gordon non sono usciti indenni dal Kansas Speedway: il primo è andato a muro nelle battute finali dopo una gara ad alto livello, ha chiuso poi in 23° posizione.

Gordon rimasto nell’ avanguardia del gruppo si è toccato con Mcmurray, il che lo ha costretto ad un lento recupero. Una situazione insolita per il team dell’ Hendrick Motorsport con tre piloti nella bolla dell’ eliminazione (insieme al campione 2012 Keselowski) e Gordon appena salvo in ottava posizione.

Addirittura “The Rocketman” Newman, Carl “Concrete” e Kyle “Rowdy” Busch si ritrovano ad inseguire il mago Logano, per ora l’unica costante tra i big.

Sarà questo l’anno delle sorprese? Non ci resta che attendere la Bank of America 500 di Charlotte per scoprire, se i vari Johnson, Keselowski ed Earnhardt Jr daranno fuoco alle polveri, o se i vari Edwards, Hamlin e Newman usciranno con delle imprevedibili prestazioni da schiantare tutti i pronostici dati finora.

 

Post By Davide Sarti (247 Posts)

Sono un grande appassionato di motori americani, che a 27 anni ha seguito le orme dei grandi campioni. Tramite la mia passione e le mie conoscenze cercherò di raccontarvi il mondo della NASCAR nel modo più dettagliato possibile. Possibilmente, cercherò di farvelo amare

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.