Shares

Le World Series tornano a Washington dopo 86 anni, e non poteva esserci momento migliore: i Nats sono 18-2 nelle loro ultime 20 gare ufficiali (dal 23 settembre) e sono 8-0 in postseason, miglior striscia di sempre nel singolo playoff.

Sul monte mandano Anibal Sanchez, che lancia dopo 2 settimane di riposo, la seconda sosta più lunga per un partente nella storia delle WS (Miguel Batista lanciò dopo 15 giorni nel 2001).

Ma l’inizio è complicato, e gli Astros segnano nel secondo inning, con un doppio di Correa portato a casa da Reddick, e poi nel terzo, grazie ad un doppio di Altuve, un errore di Soto che lo porta in terza (brutto modo di festeggiare il suo 21esimo compleanno) e l’RBI di Brantley.
Greinke lancia per i texani, ed ha un record di 3-0 con ERA 0.37 nelle ultime 4 gare contro Washigton, dal 2015 ad oggi.

Ma le WS sono differenti, e nel terzo si trova con le basi piene, e dopo 31 lanci nell’inning mette K Cabrera. Nel quarto concede una base ball che diventa un punto grazie al triplo di Robles.

Qui Dave Martinez, con uomo in terza ed 1 out decide di non mettere un PH e lascia in battuta Anibal Sanchez (appena a 65 lanci in 4 frame) ma la scelta si rivela errata: il punto non entra e nel quinto lo schema precedente si ripete con doppio di Altuve e RBI di Brantley per il 3-1.
Greinke non riesce a completare 5 inning, ed esce dopo 95 lanci lasciando 2 on e 2 out a James, che mette K Zimmerman.

Nel sesto entra Peacock, che però concede due basi ball e viene tolto con un solo out per far posto ad Harris, che elimina 5 avversari di fila.

Gli Astros sono la prima squadra dal 1903 a presentarsi alle World Series senza un lanciatore mancino nel roster, e pertanto devono affidarsi a Joe Smith nell’ottavo, che compie un ottimo lavoro e Osuna salva senza problemi nel nono per il 4-1 finale.

In gara 4 facilmente ci saranno Corbin ed il rookie Urquidy sul monte.

Post By piersilvioc (286 Posts)

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.