Shares

Riuscirà Tebow a fare il miracolo ancora una volta?

Era dai tempi di Lebron James e la ormai celeberrima “decision” che i riflettori del mondo sportivo – e non solo – non si posavano su un singolo giocatore come sta accadendo ormai da diverse settimane su Tim Tebow.

Le somiglianze fra i 2 personaggi sono tante, e altrettante sono le differenze.

Sono entrambi atleti popolarissimi, e che dividono i tifosi in maniera molto netta fra lovers e haters. Hanno entrambi personalità spiccate, benchè molto diverse fra loro, un hype esagerato sui media e la fama di predestinati accompagnata da forti dubbi sulle loro qualità e sulla loro capacità di essere dei vincenti.

E stop. Le somiglianze finiscono qui. Le differenze, se vogliamo, sono ancora più marcate.

Lebron è “The Chosen One” dai tempi dell’high-school, non ha giocato al College e si è adattato velocemente al gioco fra i Pro, diventando in brevissimo tempo uno dei giocatori di spicco della NBA.

Tebow è stato dominante nei suoi 4 anni al college con Florida, conquistando un Heisman Tropy, 3 finali BCS e 2 titoli, ma è entrato fra i Pro solo con la scelta n.25 e tanto scetticismo ad attenderlo.

Qui sta l’enorme differenza fra i 2 giocatori: mentre James è da sempre riconosciuto come il giocatore totale, capace di fare tutto su un campo da basket e di farlo al meglio, Tebow ha costruito la sua carriera sulla forza fisica, la determinazione, la grinta e la tenacia che da sempre gli hanno consentito di sopperire alle sue carenze tecniche.

Mentre James è il giocatore perfetto, ma ne viene messa costantemente in discussione la clutchness e la leadership, Tebow è il clutch player per eccellenza, il condottiero per il quale i compagni sono pronti a buttarsi nel fuoco, l’eroe che vince le partite nonostante le sue imperfezioni dal punto di vista tecnico…

La favola di Tebow, in buona parte costruita e ingigantita dai media, è tutta qua: sono molti i giocatori che sembrano più bravi di lui, ma lui vince.

Quest’anno, dopo una stagione e mezza di panchina, è stato promosso titolare quando ormai la sua squadra, da tempo nei bassifondi NFL, aveva perso ogni speranza: da allora, è stata una cavalcata travolgente, in cui il giocatore ha confermato TUTTE, ma proprio tutte, le aspettative che pubblico e stampa avevano su di lui fin dal tempo del college: atleta tecnicamente molto discutibile, ma vincente.

Le aspettative che sembrava impossibile si potessero replicare nello spietato mondo Pro si stanno verificando sotto i nostri occhi, e ai media americani ovviamente non sembra vero.

Siamo ormai alla vigilia dell’ennesima partita impossibile per Tim e la sua squadra, che al cospetto della corazzata Patriots non partono nemmeno sfavoriti: sono ultra-sfavoriti, sulla carta.

La “guerra santa” attorno alla sua figura, al suo futuro, alle sue possibilità di sovvertire i favori del pronostico ancora una volta, e di continuare a sovvertirle negli anni a venire, sta per raggiungere il suo – temporaneo – apice: 2 settimane fa, dopo 3 sconfitte consecutive in campionato, era un bluff finalmente svelato. Oggi, dopo la vittoria sorprendente contro i vice campioni in carica di Pittsburgh, è un dio.

A pochi sta venendo il dubbio che, dietro la solita cortina fumogena dell’hype mediatico, il ragazzo non sia poi così scarso come tutti credevano: è vero che non sa fare (bene) molte delle cose che sono richieste ad un quarterback NFL, ma è anche vero che ne sa fare tante altre, che se sfruttate nella maniera giusta possono essere comunque efficaci ed inaspettate per le difese.

Come andrà dopodomani? Lo deciderà il campo, e una palla ovale che a volte può rimbalzare in modo strano e preferire farsi domare non da chi ha le mani d’oro ma da chi ha il cuore d’acciaio e i nervi saldi.

Post By Max Giordan (1,005 Posts)

Max Giordan segue l'NBA dal 1989, naviga in Internet dal 1996. Play.it USA nasce dalla voglia di unire le 2 passioni e riunire in un'unico luogo "virtuale" i tanti appassionati di Sport Americani in Italia. Email: giordan@playitusa.com

Connect

23 thoughts on “La guerra santa su Tim Tebow

  1. è incredibile vederlo giocare, conoscendo le sue doti tecniche come lanciatore non daresti un euro a un quarterback che secondo molti non chiude una spirale decente, ma vedendolo giocare con una grinta impensabile, concludendo spesso QB draw senza alcuna paura di infortunio ti fa venir voglia di puntare 100 euro sulla vittoria del superbowl dei Broncos.

  2. si puó dire quello che si vuole ma non credo esista qualcuno che drafterebbe Tebow ancora al primo round e neanche al secondo…io personalmente gli darei massimo una 5a scelta, giusto perchè non si sa mai…ma ora come ora non è un vero QB…lento a lanciare, lento a prendere decisioni, incapace di lanciare nel “traffico” e buono solo in lanci lunghi in 1 contro 1, sempre con la corsa in testa…a mio parere tebow è un pessimo QB in una squadra non cosi pessima come si pensava, la star è la squadra che da il 100% per sopperire alle pecchè di Tebow…

  3. Tebow lento a lanciare nel traffico? Ma hai visto la partita dei domenica??? Che non sia il nuovo Drew Brees siamo tutti d’accordo, così come sul fatto che possa avere dei limiti, ma definirlo “un pessimo QB” mi sembra quasi un’offesa grauita al ragazzo. Ah, un’altra cosa: se esistesse una squadra di football in grado di sopperire alle pecche del suo QB con il gioco di squadra, i Colts quest’anno non avrebbero perso 14 partite…

  4. nelle ultime partite della RS tebow è stato assolutamente inguardabile e poi ha fatto un partitone con gli steelers dimostrando di avere un buon lancio lungo e bella padronanza della squadra.

    l’esatto contrario della partita di week 17 contro i chiefs dove è stato a dir poco imbarazzante e totalmente privo di idee nella giornata in cui i broncos sono andati ai PO per il suicidio dei raiders.

    credo che contro i patriots la musica sarà diversa rispetto ad una squadra come pittsburgh che quest’anno non ha mai convinto fino in fondo e che, comunque, aveva un roethlisberger a mezzo servizio.

    personalmente tebow non mi entusiasma e mi sembra molto, forse troppo, “montato” dalla stampa…diamogli tempo e vedremo cosa vale davvero.

  5. Non sono d’accordo nle dire che se si rifacesse il draft ora non sarebbe preso prima del quinto giro.
    Visto quello che ha dimostrato, cioè grande capacità di giocare a football, che non vuol dire solo lanciare esteticamente in maniera perfetta, sarebbe una top 10 sicura al primo giro, secondo me ovviamente. Le sue vittorie dimostrano che il modo di giocare nei momenti decisivi del match, sono caratteristiche che non tutti i qb più bravi di lui tecnicamente oggi in NFL possiedono. Basta pensare a i due qb prima di lui a Denver, Cutler e Orton, che nei momenti decisivi sparivano dalla scena.

    Poi ovvio uno spera che ci siano margini di miglioramento ancora enormi davanti, altrimenti così rimarrà sempre un giocatore discreto, nulla di più. Ed è vero che serve la squadra. Ma pochi come lui sanno rendere al meglio sotto pressione.

    Detto questo il pronostico per domenica è davvero proibitivo per i Broncos.

  6. Io sono tra i detrattori,ma domenica mi ha entusiasmato.Giu’ il cappello a lui e tutti BRONCOS…vediamo cosa succede contro i miei patriots…Secondo me li asfaltiamo!!!!!

  7. ragazzi Pittsburgh aveva mezza squadra fuori e soprattutto il QB a mezzo servizio (e sappiamo tutti quanto è importante il QB in una squadra) e nonostante tutto ha portato Denver all’OT. Tebow è un grandissimo combattente e con una mentalità da vincente e domenica ha anche lanciato dei missili sul profondo davvero niente male, però contro New England, per giunta fuori casa, NON HA ALCUNA POSSIBILITA’! i tifosi di Denver devono già essere contenti così, la squadra è andata oltre le più rosee aspettative! ;-)

  8. anche qui vedo và molto di moda fare i pompini a Tebow, il fatto è che come ha detto qualcuno è la squadra ad essere sottovalutata, anche se con Orton erano partiti maluccio, Tebow è uno dei casi più eclatanti di hype all’americana, gli Steelers oltre che acciaccati erano anche irriconoscibili, specialmente in difesa, adesso li voglio proprio vedere contro i Patriots!

  9. riguardo tebow quoto in pieno aguilar. riguardo i broncos a me ricordano i miei chiefs dello scorso anno,ma con meno talento e piu fortuna. durante la regular season hanno preso aflaltate incredibili con squadre dal predominante passing-game (patriots,lions,bills,packers) e sono sempre stati in partita con squadre che fanno di corsa e difesa il loro must (chiefs,steelers,raiders,vikings). questo spiega la loro W nelle wild card,e questo spiegherà la ripassata che subiranno domenica a casa di Brady e Gronkovsky! a proposito chi scommette con me che ne riceve piu di 200 yrd ??? gia che ci siamo pronostici anche x il weekend…. patriots e baltimora in carrozza,san francisco all’ot,e packers soffendo come mai quest’anno.

  10. io invece dico patriots, baltimora (dipende un pò da flacco),i miei saints e nella sfida tra new york e packers quasi quasi dico new york se fanno il loro in difesa..

  11. Giants-Niners
    Patriots-Texans

    vorrei tanto dire Broncos-Texans, ma questa volta mi sa che lassù sono a corto di miracoli, e a meno che Brady non si fratturi un polso scivolando nella doccia e roba simile, credo proprio che la Tebow mania sia (per questa stagione, almeno) al capolinea.

  12. i Broncos sono arrivati ai playoff con:

    1 WR buono (Thomas) 1 WR discreto (Decker)
    4 TE da 1 rec a match
    1 RB (Mc Gahee) in pensione anche se ha fatto un’ottima stagione ma da 4 partite non sta in piedi
    1 discreta/buona difesa.

    Con questo roster + orton (considerato dalla critica un discreto/buono qb titolare) era già tanto migliorare il 4-12 dello scorso anno.

    E invece grazie a Tim Tebow (8-4 con lui) che non sembra affatto un QB particolarmente dotato sotto il profilo tecnico, i Broncos sono arrivati ai divisional.

    E sebbene la logica mi suggerisca (anzi quasi mi impone) una vittoria “in carrozza” come citato in alcuni post precedenti dei Patriots, la mia anima , il mio cuore, la mia pancia, insomma la mia irrazionalità non vede l’ora che arrivi sabato notte, per poterci credere ancora !!!!!

    There’s something magical about that guy.

  13. patriots-ravens…anche se con schaub in campo i texans se la sarebbero potuti giocare fino in fondo
    saints-giants…scelta non molto razionale pensando agli splendidi packers di quest’anno ma può anche essere che ny possa fare il colpaccio con una grande difesa

  14. Vi siete scatenati con i pronostici, allora mi adeguo.

    AFC: New England in carrozza (almeno di 15). Baltimora un po a fatica, con Shaubb sarebbe cambiato tutto, anche se continuo a ripetere che se i Ravens non vanno al Superbowl, sono la mia più grande delusione.
    NFC: Giants a sorpresa e con un bel calcio nel finale. Dico Saints, di 10 punti.

  15. Tecnica disastrosa cuoree voglia di vincere da big….i suoi difetti verranno fuori tutti nella prossima partita con i patriots ma comunque una stagione incredibile per lui…al di la di ogni aspettativa…UNA SOLA PAROLA UN COMBATTENTE ma NEW ENGLAND fuori portata…

  16. Per me i giants passeranno a green bay New Orleans vincera. a SAn Francisco…dall’altra parte new england Baltimore..i giants sembrano quelli del 2007 e Manning è in grande forma…occhio a loro..

  17. Non apprezzo Tebow, non sopporto quelli che bengono pompati dalla stampa (ma la vedete ESPN? ogni notiziario dà una notizia su di lui) e ricevono meriti al di sopra di ogni merito. Se Denver ha acciuffato la post-season (grazie solo alla sconfitta dei Raiders in casa all’ultima partita!) più che a Tebow lo deve ad altri fattori, che non sto a citare. Detto questo, anch’io sono stato sorpreso dall’ultima performance ma una mano (e che mano!) gliel’hanno data gli Steelers. Pensavo che l’ambiente NFL fosse un poco più evoluto del calcio nostrano, ma leggo le solite cose. Se consideriamo un buon Qb uno che lancia 3 completi (!) su 10 tentativi in mezza partita, allora tutto va bene, basta che vinca. Ma lo spettacolo (per me) è altra cosa.

  18. aggiungo due parole su tebow…

    …se mi dite che non è un top QB … certo che no … e nessuno più di chi ha “amato” John Elway come me (e chiunque tifi Broncos) lo sa…
    …se mi dite che è un “pessimo QB” …certo che no… è un affermazione che mostra solo che chi la fa non capisce assolutamente nulla di football….

    La realtà è più semplice … è un grande vincente …un grande condottiero …un grandissimo atleta …. e tutto questo lo rende alla sola prima stagione giocata un gran QB …poi se con le stagioni crescerà anche tecnicamente allora saranno veramente dolori per tutti ….

    quanto ai pronostici

    di là….
    sicuramente packers e saints
    di qua….
    sicuramente ravens e …..

    …. non succederà ….ma se dovesse succedere …..

  19. uno che in tutta la stagione azzecca meno del 47% dei passaggi (peggio di Painter o Gabbert!) ed ha la peggior statistica di completi della lega è un PESSIMO QB e punto. Per non parlare del fatto che ha la peggior media di yrds per game a partita…poi se è buono a tenere avanti i drive perchè è un OTTIMO ATLETA è un’ altra cosa ma questo non toglie che sia un QB di infimo livello in grado di passare solo a uomini visibilmente liberi o a lanci lunghi che non implichino una gran riflessione sulle routes e sulla disposizione delle difese…poi non dico che possa migliorare ma per il momento questi sono i fatti…per non parlare del fatto che tutti lodano tebow e dimenticano una squadra dietro e soprattutto una difesa. e penso anche che in teoria non ci sia difesa migliore (nel senso che è orribile) per Tebow come quella di NE.

  20. leggo questo sito da anni, e tanti commenti su un post di NFL non li ho mai visti…
    questo è l’effetto Tebow, ed è straordinario!!
    a parte questo, denver ha preso delle sonore batoste da NE, troppo superiori in ogni ruolo, non solo nel confronto tra qb

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.