NBA

I Golden State Warriors e la ricerca del repeat

Siamo alle soglie di una nuova stagione NBA e dopo un campionato da 67 W – ed un anello al dito – è d’obbligo accostare la parola “favoriti” di fianco al piccolo e stilizzato Bay Bridge su sfondo blu che rappresenta gli Warriors. Free-Agency Seguendo il vecchio detto: “If it ain’t broke, don’t fix it”, Bob Myers ha limitato

Continua a leggere

NBA

NBA Finals 2015 – Analisi di Gara 4

Ci siamo lasciati con questo post  dopo gara 3, andando ad analizzare le difficoltà di Golden State ad attaccare la difesa dei Cavs in situazione di pick&roll. Dopo gara 4 sembra che anche Steve Kerr abbia capito che la chiave sia esattamente questa. La prima novità è stata infatti la promozione di Andre Iguodala in

Continua a leggere

NBA

NBA FINALS: COME GOLDEN STATE PUO’ RIBALTARE LA SERIE

Terzo quarto di gara 3: Cleveland è sopra di 20 punti in casa; James e Dellavedova trascinano i compagni al massimo vantaggio e fanno esplodere il pubblico di casa. Partita finita? Non proprio. Golden State reagisce e a 7 minuti e 24 secondi dalla fine della partita si ritrova a -4: 77 a 73. Merito

Continua a leggere

NBA News

NBA – Curry trascina i Warriors, Chicago KO.

Washington Wizards – Atlanta Hawks 102 – 106 Atlanta porta a casa la sua seconda vittoria stagionale ai danni di una Washington poco incisiva, in cui, oltre al solito Wall (21 punti, 13 assist, 5 rimbalzi e 1 rubata), c’è da segnalare il sorpasso di Paul Pierce, ora al diciassettesimo posto, ai danni di Jerry

Continua a leggere

NBA News News

NBA – Bogut si ferma, tegola in casa Warriors

Pocket

Nella mattinata italiana i Golden State Warriors hanno raggiunto matematicamente il sesto seed ad Ovest grazie ad un’ennesima vittoria in rimonta ai danni degli – sfortunatissimi – Minnesota Timberwolves.

La  stagione dei Guerrieri – ottima seppur non eccellente come il roster formato l’estate scorsa faceva presagire – ha però subito un duro colpo proprio sulla linea del traguardo.

1d0c7352e07f5582b88f17adb37c959b_crop_northDifatti Andrew Bogut, il centro titolare vero e proprio ago della bilancia nella sottovalutatissima difesa dei californiani – salterà certamente le prime gare della post-season, e probabilmente non riuscirà a recuperare nemmeno per eventuali turni successivi,  a causa della  frattura di alcune costole.

Infortunio – a detta di Bogut – subito in uno scontro con Kenneth Faried ed aggravatosi in seguito ad uno scontro con i lunghi di Portland nella successiva trasferta.

Il posto da starter sarà sicuramente occupato dal veterano Jermaine O’Neal mentre appare fantascientifico un reintegro a roster di Festus Ezeli lungodegente dell’infermeria gialloblù che nell’ultima regular season non ha giocato nemmeno un minuto.

Mark Jackson, coach della franchigia di Oakland, intervistato in seguito all’infortunio ha dapprima ironizzato sullo stesso affermando che non rende i Warriors sicuramente più forti e successivamente ha affermato di poter contare su Lee e Speights nello spot di 5, rinunciando così alla sostituzione dell’australiano e vertendo su un quintetto piccolo ed atipico, così da liberare il ruolo di ala grande per Barnes che tanto bene figurò nella post-season della scorsa stagione nel ruolo a lui più congeniale per creare eventuali mismatch.

 

Continua a leggere