Leggende da playground NBA

Leggende da Playground: Ray Lewis

I nostri racconti di playground ci hanno accompagnato spesso sulla costa atlantica, dalle parti di Manhattan; in quest’occasione invece, faremo una capatina sulle assolate rive del Pacifico, per raccontarvi la storia di Raymond Lewis, uno degli indiscussi sovrani dei campetti di Los Angeles e non solo, un fenomeno cestistico scelto al primo giro del draft

Continua a leggere

NBA News News

NBA – Carmelo Anthony smentisce i problemi con Kobe Bryant

Pocket

Anthony e Bryant, ciò che poteva essere e non è stato.

Carmelo Anthony ha dichiarato che la sua “non firma” con i Los Angeles Lakers non sarebbe in alcun modo dipesa dai problemi che avrebbe avuto nel dover giocare con Kobe Bryant.

“Diavolo no. Certo che no!” ha detto Anthony. “Se avessi pensato che giocare con i Lakers fosse stata la giusta situazione per me dal punto di vista generale,  fino a far parte di quella squadra, avrei guardato a quella possibile soluzione in maniera più accurata. Ho solo sentito molto più confortevole stare qui a New York. Ma per quanto riguarda giocare con lui [Bryant n.d.r.]… io sono qui ora, ma ho sempre amato giocare con Kobe”.

Inoltre Anthony ha dichiarato che lui e Bryant, che si considerano ottimi amici, hanno avuto delle intense e frequenti conversazioni durante il suo periodo di free agency, ma Kobe non ha mai fatto alcuna pressione su di lui.

“Lui non mi ha chiamato ogni giorno dicendomi ‘Vieni qui! Ti voglio qui!'” ha detto Anthony. “Abbiamo avuto svariate conversazioni a riguardo alle differenti situazioni che ci sono a New York e Los Angeles, ma nulla più. Non ci sono state pressioni, ne tentativi di convincimento, ne sms o chiamate del genere.”

Continua a leggere

NBA

Rivers e CP3 insieme per trasformare i Clippers in una vera contender

L’obiettivo dell’estate dei Clippers non poteva essere solo quello di rifirmare Chris Paul, giocatore simbolo della franchigia e guida in campo “dell’altra” Los Angeles. Sembra un’assurdità, detta così, ma è la verità: per firmare Paul occorrevano altre mosse sul mercato, e la prima non poteva che essere quella di sostituire Vinny Del Negro, pur dopo

Continua a leggere