NHL PLAYOFF 2014

Atlantic Division – Round 1

54-18-9 (117 Pt)

38-27-15 (91 Pt)

Bruins Vs Red Wings

REGULAR SEASON

05/10/2013 DET@BOS 1-4
14/10/2013 DET@BOS 3-2
27/11/2013 BOS@DET 1-6
02/04/2014 BOS@DET 2-3

Alla fine della fiera, l’abbinamento che i Bruins avrebbero preferito evitare si è concretizzato. Difatti, di fronte alla loro sfrenata corsa verso la Stanley Cup, si porranno i Red Wings, squadra capace di battere i vicecampioni in carica per ben tre volte su quattro in questa stagione. Una sfida che proporrà la tradizione, quella di Detroit, contro un team che ha ripreso solo negli ultimi anni la sua voglia di successi, conquistando la serie finale in due delle ultime tre occasioni, portando a casa il trofeo nella prima di esse, precisamente nel 2011, contro i Vancouver Canucks. Quest’anno Boston è riuscita ad agguantare il primo posto ad Est e, non contenta, anche il President’s Trophy. I Red Wings, invece, hanno faticato parecchio, guadagnandosi l’accesso alla post-season solo nell’ultimo mese, dopo una stagione alquanto altalenante che li ha visti privi di capitan Henrik Zetterberg e in cui non è bastata l’esperienza di gran parte del nucleo per riuscire a guadagnare le prime posizioni. Ma anche lo scorso anno – quand’erano ancora nella Western Conference – non avevano avuto una regular season esaltante, per poi sorprendere letteralmente nei playoff, arrivando addirittura ad un passo dall’eliminare i futuri campioni dei Chicago Blackhawks. Quindi, mai dar per morta una squadra che sarà pure avanti con l’età, ma il quale – come ci insegnano anche gli Spurs nella NBA – può dire ancora la sua e mettere i bastoni fra le ruote a franchigie ben più quotate. Una sfida, quindi, che si preannuncia entusiasmante, nonostante sia solo il primo turno. Una sfida che merita sicuramente un’analisi più approfondita ed eccovi serviti.

Attacco
Una squadra completa come i Bruins non può non avere un attacco micidiale (terzo della lega), capace di cambiare la partita anche nel giro di pochi minuti. Il pericolo più grande, come ho già scritto nel mio articolo a loro dedicato, arriva dall’ala destra, in cui sono presenti il miglior marcatore della squadra (insieme a Patrice Bergeron), Jarome Iginla, oltre che agli stupefacenti Reilly Smith (20 gol e 31 assist quest’anno) e Loui Eriksson (10 e 27). Al di là del già citato Bergeron – che è uno dei papabili a vincere (ancora) il Selke Trophy – nel ruolo di centrale, troviamo David Krejci (19 e 50) e Carl Soderberg (16 e 32), senza dimenticare gli ottimi Chris Kelly e Gregory Campbell,che vengono chiamati in causa quando c’è la necessità. Sul lato sinistro, Brad Marchand (25 gol e 28 assist) e Milan Lucic (24 e 35) fanno la voce grossa, con Daniel Paille (al momento fermo ai box per problemi fisici) e l’intramontabile Shawn Thornton, a dar man forte.

Per quanto riguarda i Red Wings, la fase offensiva non è sicuramente il loro punto forte (sedicesimi per reti realizzate), nella quale sono i giovani Gustav Nyquist (28 gol e 20 assist) e Tomas Tatar (19 e 20) a tirare avanti la carretta, anche per via dei numerosi infortuni che hanno colpito i giocatori più “anziani”, specialmente quello del succitato Zetterberg. L’aver ritrovato, in tempo per il rush finale, il centre russo Pavel Datsyuk fornisce certamente un’arma in più ai bianco-rossi, ma potrebbe non bastare contro i solidi Bruins, perciò ci sarà bisogno dell’apporto di gente come Johan Franzen, Darren Helm, Todd Bertuzzi e il quarantunenne Daniel Alfredsson se si vorranno avere delle speranze nel mettere in difficoltà il team bostoniano.
Vantaggio: Boston

Difesa
Anche qui il matchup appare abbastanza impari, con i Bruins che possono vantare un settore arretrato alquanto efficiente, come dimostrano i 171 gol (2.08 di media) subiti nel corso della stagione. Un settore che basa le sue prestazioni principalmente sul capitano Zdeno Chara e il suo fido compagno di reparto Torey Krug, letteralmente esploso in questo campionato. Se si fa di necessità virtù, dalla panchina sono pronti a giungere Dougie Hamilton che coach Julien ha già elevato a futuro leader della difesa dei giallo-neri, anche per via dei suoi 20 anni. Insieme a lui, è pronto ad intervenire Johnny Boychuk, altro giocatore che si spinge lontano, arrivando in zona porta in una maniera discretamente efficace. Per sostituire l’infortunato Dennis Seidenberg (ne avrà per il resto della stagione) è stato prelevato dai Flyers Andrej Meszaros, anche lui abbastanza propenso alla fase offensiva.

La difesa dei Red Wings, invece, presenta differenti lacune che li hanno piazzati al sedicesimo posto per numero di gol subiti, tanto che gli shutout si possono tranquillamente contare sulle dita di una mano, per non parlare del plus/minus, che vede i soli Danny DeKeyser e Alexey Marchenko in positivo, oltre a Jonathan Ericsson, il quale, però, è infortunato e non si sa ancora se potrà rientrare in tempo per giocare almeno qualche partita di playoff. Tralasciando i giovani appena elencati, il pilastro della squadra è di per certo Niklas Kronwall che quando arrivò a Detroit, dieci anni fa, veniva designato come l’erede naturale del connazionale Lidstrom, senza riuscire a stupire più di tanto i suoi detrattori.
Vantaggio: Boston

Portieri
Grazie anche alla granitica difesa, Tuukka Rask ha collezionato la bellezza di 7 shutout che rappresentano il suo nuovo record personale e che lo hanno portato a vincere la speciale classifica. Il goalie finlandese sta crescendo di anno in anno e questa è stata la stagione della sua definitiva consacrazione, meritandosi la candidatura al Vezina Trophy, molto di più rispetto a quella passata che rimane comunque un’annata memorabile, nonostante il numero di partite ridotto dal lockout. Nel caso ce ne fosse bisogno, è pronto Chad Johnson. Il canadese ex Rangers e Coyotes ha giocato 26 gare quest’anno, facendo rimanere inviolata la sua porta per ben due volte che sono lo stesso numero raccolto da Jimmy Howard e Petr Mrazek, rispettivamente primo e terzo portiere dei Red Wings. Una disparità che, quindi, si presenta anche in questo settore, ponendo Boston decisamente in vantaggio.
Vantaggio: Boston

Special Teams
In questo caso non si può fare una vera e propria comparazione, anche perché i Bruins hanno avuto appena 230 opportunità di powerplay (ultimi in NHL) contro le 282 dei Red Wings. La cifra di gol in superiorità numerica è quasi identica, ma, visto il numero di possibilità inferiore, Boston possiede un’efficacia maggiore rispetto ai rivali. Perciò, è consigliabile ai giocatori di Detroit evitare il più possibile le penalità, mentre per i Bruins non pare essere un problema andare in shorthanded, in cui hanno segnato la bellezza di 9 reti, con una percentuale di penalty killing dell’83.6%, comunque non molto differente a quella dei bianco-rossi, fermatasi all’83%. Per questi motivi appare difficile mettere una squadra davanti all’altra, anche perché dipenderà molto dal frangente della partita e dalla spinta che entrambe le squadre avranno.
Vantaggio: Boston, ma di poco.

Coach
Non ci poteva essere sfida migliore per quanto riguarda gli allenatori, dato che entrambi sono canadesi ed entrambi hanno portato a casa l’oro nell’ultima edizione delle Olimpiadi. La bravura di Mike Babcock sta sicuramente nel saper lavorare a meraviglia con i giocatori, anche se in campo non avrà di certo il talento di Sidney Crosby e Jonathan Toews, ma si deve accontentare di un roster alquanto datato da cui, nonostante gli sfavori del pronostico, è riuscito a trarre il meglio, lanciando anche alcuni giovani interessanti. Dal canto suo, Claude Julien, ha raccolto la fama di pacato pacioccone, più pragmatico nella sua gestione delle partite rispetto a Babcock, ma vincente uguale.
Tie

In conclusione, possiamo dire che Boston parte certamente con i favori del pronostico, ma i Red Wings non staranno di certo a guardare, soprattutto grazie alla loro enorme esperienza in partite di questo genere. Perciò, non ci rimane che farsi crescere la barba e vedere chi se la dovrà tagliare prima.

Calendario

GARA 1 – 19/04/2014 h 1.30  CEST @BOS
GARA 2 – 20/04/2014 h 21.00 CEST @BOS
GARA 3 – 23/04/2014 h 1.30 CEST @DET
GARA 4 – 25/04/2014 h 2.00 CEST @DET
*GARA 5 – 26/04/2014 h 21.00 CEST @BOS
*GARA 6 – 29/04/2014 TBD @DET*
GARA 7 – 01/05/2014 TBD @BOS

*se necessario

Post By Nicholas Lippolis (112 Posts)

Scrive per playitusa dal 2012. Esperto di NBA, NHL ed MLB.

https://twitter.com/NikLippolis

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Commenta