La Week 3 della NFL ha offerto ai fan tutto ciò che potevano aspettarsi: partite tirate, vittorie allo scadere, overtime, grandi rimonte e tanto, tanto spettacolo.
Una delle grandi sorprese della giornata è arrivata da Pittsburgh, dove gli Steelers padroni di casa ospitavano dall’alto delle loro due vittorie in due partite i Chicago Bears, i quali avevano ancora uno zero nella casella delle W.
Chiaramente gli Steelers erano i grandi favoriti della contesa, ma a sorpresa sono stati i Bears a vincere, 23-17 in overtime, guidati dal loro sophomore running back Jordan Howard. Quest’ultimo ha semplicemente spaccato in due la partita con le sue corse di potenza, accumulando 138 yards e 2 TD in 23 portate, a cui ha aggiunto anche 5 ricezioni per ulteriori 26 yards.
Howard ha aperto le marcature già nel primo quarto, con una corsa da tre yards che andava a punire un’ingenuità degli Steelers su un punt di Chicago, ed ha poi, dopo una serie di corse inarrestabili, lasciato il segno finale sulla partita: è infatti il #24 ad aver firmato, nel supplementare, la corsa da 19 yards che ha terminato la partita con la vittoria dei Bears.
La star di Alabama-Birmingham prima e Indiana poi aveva messo a referto una stagione da rookie fantastica, con 1313 yards corse (secondo assoluto nella lega, dietro solo a Ezekiel Elliott) e 298 ricevute in 15 partite. L’unico neo, se vogliamo, era stato l’esiguo numero di touchdown, solamente 7.
Nelle prime due partite di questa stagione, però, Howard non era certamente partito con il piede giusto: 53 yards contro Atlanta all’esordio, addirittura solo 7 in 9 portate contro Tampa Bay in Week 2. Alle sue spalle, poi, la pressante concorrenza del suo backup Tariq Cohen (rookie da North Carolina A&T) sembrava diventare sempre più pressante, ma Jordan ha saputo con la classe e lo stile potente che lo contraddistinguono.
Con la prima vittoria stagionale i Bears muovono certamente la classifica ma rimangono all’ultimo posto solitario della NFC North: Green Bay, Detroit e Minnesota, infatti, hanno tutte un record di 2-1.
E proprio i Packers guidati da Aaron Rodgers sono i prossimi avversari di Chicago, nel Thursday Night ch aprirà la Week 4: sarà certamente una sfida combattuta che anche Howard, ora che ha rotto il ghiaccio, combatterà al pieno delle proprie forze.

Post By Cern (182 Posts)

Andrea Cornaglia, classe ’86, profonda provincia cuneese, si interessa al football dal 2006, prendendo poi un’imbarcata per il mondo dei college dal 2010: da lì in poi è un crescendo di attrazione, inversamente proporzionale al numero di ore dormite al sabato notte

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Commenta