Pocket

Stiamo probabilmente parlando del più bel campionato del mondo ma cari lettori, quanta pazienza che ci vuole se si ama la National Football League: da febbraio a settembre tentiamo di riempire le nostre giornate leggendo articoli piuttosto inconsistenti che spesso sfociano nel gossip più banale oppure immaginandoci se quel free agent aggiunto da quella squadra riuscirà ad adattarsi al gioco di quel quarterback o di quell’allenatore… insomma, ci vuole un bel po’ di fantasia per riuscire a superare indenni la offseason.
Adesso finalmente siamo ad agosto, la preseason è alle porte e- anche se difficilmente mi lascio andare a qualcosa di più clamoroso di un “uhm, okay!”- fino a febbraio avremo finalmente qualcosa per cui perdere notti di sonno, sanità mentale e soprattutto avremo ogni settimana qualcosa di cui parlare tutti insieme.
Per celebrare questo importantissimo traguardo, ovvero quello dei trenta giorni al kickoff- perdonatemi, si vede che sono millennial?- ho pensato di stilare una lista di ciò che ciascuno di noi sta più aspettando da questo 2017.
Sperando di azzeccarci il più possibile…

1) La perfezione dei Patriots
Titolo impegnativo, però non neghiamolo: a fronte dei nuovi acquisti e del rientro di un Gronkowski più sano e green che mai, è lecito aspettarsi una stagione migliore da parte dei Patriots rispetto a quella dello scorso anno. E “migliore” rispetto ad una stagione conclusa con una pazzesca vittoria al Super Bowl dopo una regular season da 14-2 significa solamente una cosa: 16-0 ed anello.

2) La riscossa dei Falcons
Poveri Falcons da 28-3 a… ok già lo sapete. Ciò che vogliamo vedere tutti è se l’exploit del 2016 è stato qualcosa come quello avuto dai Panthers l’anno prima o segna l’inizio di un corso che porterà a breve ad un Lombardi Trophy: i pezzi ci sono tutti, anche se Shanahan si è accasato ai 49ers, e Brady 25 punti non li può rimontare sempre… vero?

3) L’arrembaggio dei Buccaneers
In una offseason sono passati dall’essere scelta hipster/romantica per la conquista di una wild card a veri e propri favoriti per la NFC South: Winston, Evans, Jackson, O.J. Howard e Cameron Brate, non vedo l’ora di vedervi in campo tutti assieme.

Ci si attende molto sia da Winston che da Mariota: sapranno ricompensare tutta questa fiducia?

4) Titans: i Buccaneers della AFC
Tampa Bay e Tennessee, Tennessee e Tampa Bay: due squadre in ripresa dopo anni di anonimato, due squadre da tutti viste come “sorprese”- ed a questo punto dov’è la sorpresa?- della NFL e soprattutto due squadre guidate dalla prima e dalla seconda scelta del draft di due anni fa. Che tutto questo supporto crei pressione?

5) Il ritorno di Beast Mode
Non credo di dover dilungarmi troppo: Marshawn Lynch è tornato!

6) Le quattro B
Ben, Bell, Bryant e Brown saranno finalmente in campo insieme, infortuni permettendo, questa stagione: visti da tutti, insieme ad Oakland, come unica antagonista all’egemonia Patriots, saprà finalmente questa squadra usare tutto il proprio potenziale offensivo per arrivare alla partita importante di febbraio?

7) Luck, solo di nome
Cari lettori, davanti ai nostri occhi si sta consumando un terribile sacrificio: un talento generazionale come Andrew Luck a causa dell’inettitudine della dirigenza sta sprecando gli anni migliori della carriera, nonché la propria salute, in una squadra totalmente incapace di costruire qualcosa di decente attorno ad un quarterback che potrebbe già essere leggenda.

8) L’anno buono?
Lui un Super Bowl lo ha vinto ma è innegabile che da Rodgers tutti si aspettino molti altri anelli: un anno è la difesa che è terribile, un anno Lacy è sovrappeso, un anno ai playoffs i receivers titolari sono un ciabattino ed un taglialegna, un anno la secondaria sembra uscita dal film “Le Riserve”- se vi piacciono football e quarterback che inevitabilmente rimorchiano la cheerleader più bella, ops spoiler, guardatelo!- e l’anno dopo… il tempo passa, che sia questo l’anno dei Packers?

9) J.J. e J.Clowney
Se a fine anno ci saranno tanti sacks quante “J”, probabilmente Houston sarà ai playoffs.

10) La gara dei sacks
Mack, Miller e Watt, ma anche Bosa, Beasley e Golden: chi si porterà a casa la corona di “sacks’ master”? E dopo un anno relativamente povero- 15.5 sono stati quelli messi a segno dal leader Beasley- qualcuno riuscirà ad avvicinarsi ai tanto chiacchierati 30 sacks?

11) La perfezione al contrario?
Se dai Patriots sempre più persone si attendono la stagione perfetta, altrettanti si aspettano tutto ciò anche dai New York Jets: saranno loro a fare compagnia ai Lions come unica squadra incapace di vincere una singola partita in una stagione?

Gli occhi inevitabilmente saranno puntati su Colin Kaepernick, in campo o meno.

12) Gli sviluppi di una situazione ridicola…
Potete essere contro, a favore o indifferenti alla protesta (ed ai modi impiegati) messa in atto da Kaepernick la scorsa stagione, ma ovviamente il fatto che oggi, 8 agosto 2017, l’ex 49er sia ancora senza squadra deve destare molti sospetti: non ci sono 32 quarterbacks migliori di Kaepernick in questo momento nella NFL, anzi dirò di più, non ce ne sono nemmeno 20.

13) … una squadra da tifare per forza
Qualsiasi squadra abbia il coraggio di mettere sotto contratto il buon Colin dovrà essere presa obbligatoriamente in simpatia. Perché di sì.

14) Nuova città, cambio di rotta?
I San Die.. Los Angeles Chargers vanno a regalare alla città degli angeli la seconda franchigia di football in due anni ed anche se il ricollocamento dei Chargers inarca molte sopracciglia, fra cui le mie, sarà utile a portare Rivers finalmente a competere per l’anello? Non credo, giocare davanti a poco più di 30000 anime annulla il vantaggio del fattore casa e soprattutto alla sfortuna non ci sono cure: in due settimane di training camp sono già finite le stagioni delle prime due scelte al draft.

15) Dai Browns!
Dovrei essere imparziale ma ammetto che fatico a non simpatizzare per gli adorabili Browns che sembrano finalmente essere sulla strada giusta, anche se poi quando ti rendi conto che c’è una discreta possibilità che il QB titolare sia Osweiler… dai, Browns!

16) Dak-Zeke capitolo II?
Dopo una fantastica stagione da rookie, saprà il duo riconfermarsi? Saprà Prescott non abbassare il livello delle proprie giocate? Sarà in grado Elliott di finire di fare lo stupido?

17) Bortles, toccato il fondo si può solo salire, no?
Il talento, soprattutto in difesa, non manca ai Jacksonville Jaguars le cui speranze di playoff vengono mitigate da colui che doveva essere il nuovo uomo franchigia, Blake Bortles: dopo un 2016 ignobile costellato da gravi problemi di meccanica, con un Fournette in più, Bortles riuscirà a salvare la sua carriera?

18) Qualche ritorno/riscossa
Non vedo l’ora di vedere i vari Cam Newton, Bridgewater (che spero vivamente possa riprendersi la maglia da titolare), Gronkowski, Keenan Allen, Earl Thomas e molti, molti altri giocatori provenienti da un 2016 sottotono o dalla lista IR.

19) All-Day anche a New Orleans?
Adrian Peterson nella sua incredibile carriera ha sconfitto più e più volte la logica, ma a 32 anni dopo un grave infortunio è veramente arrivata la fine dell’ex “Purple Jesus”? Onestamente non saprei pronunciarmi: a te la palla AP!

20) I runningback non sono morti
Riuscirà David Johnson a raggiungere le mille yards sia ricevendo che correndo? Riuscirà Le’Veon Bell ad essere pagato “come un RB1 ed un WR2”? Elliott, McCoy e Ajayi passeranno la soglia delle 1200 rushing yards? Ad ogni domanda risponderei con un sonoro sì. Spero di non fare brutte figure.

Nessuno al momento sembra avere più possibilità di superare quota 2000 yards rispetto a Julio Jones.

21) 2000 per davvero?
Sarà questo l’anno in cui la mitica soglia delle 2000 yards ricevute verrà sorpassata? I vari Julio Jones, A.J. Green, Antonio Brown, Mike Evans e OBJ sono pronti a giurarci, ma dopo un 2016 in cui il receiving leader non ha nemmeno passato le 1500 yards…

22) Ceeeelebration time, come on!
A quanto pare quest’anno ai giocatori verrà permessa una cosa impensabile fino all’anno scorso: udite udite, potranno festeggiare una volta segnato un TD senza venire penalizzati ogni qualvolta la celebrazione si spinga aldilà di una calorosa stretta di mano.

23) La nuova casa dei Falcons
Per uno come il sottoscritto che ha girato per gli stadi di mezza Italia, vedere qualcosa come lo stadio dei Falcons… non riesco a parlarne!

24) Thanksgiving Football
Anche se non ho motivi di celebrare tale festività, del football in un anonimo giovedì sera pre-invernale è alquanto apprezzato: se poi il piatto forte è Giants-Redskins…

25) I quarterbacks rookie
Kizer, Watson, Mahones e Trubisky, chi farà meglio? Chi vedrà prima il campo?

26) I Dolphins di Jay Cutler
L’accoppiata Cutler-Gase ha dimostrato di essere solida e produttiva, ma basterà ciò per confermare i playoff conquistati la scorsa stagione con Tannehill? E soprattutto, dopo quanto verrà fotoscioppata una sigaretta in bocca a Jay Cutler? Già iniziato?

27) La battaglia per la AFC West
Non esiste division più competitiva, almeno per adesso, della AFC West: Chargers, Chiefs, Raiders e Broncos hanno tutte motivi ben validi per essere accostate al successo di division, chi per l’effetto sorpresa (Chargers), chi per la propria difesa (Broncos), chi per il proprio attacco (Raiders) e chi per la propria solidità e profondità (Chiefs). Chi la spunterà?

28) Il fantasy football
Volete godervi serenamente la vostra meritata stagione NFL? Benissimo, rinunciate al fantasy football. Volete godervi fino in fondo la vostra sempre più meritata stagione NFL? Trovate subito una lega ed iscrivetevi.

29) La corsa per l’MVP
Brady e Rodgers sono candidati a prescindere insieme al favorito per il DPOY, ma chi sarà il Matt Ryan/Cam Newton della stagione? Dalton? Winston? Mariota?

30) La sacralità della domenica sera
Non esiste ragazza o impegno che tenga, la domenica sera arriva puntuale a ricompensarci per la lunga settimana di lavoro/studio che ognuno di noi si appresta a ricominciare nel giro di poche ore: le domeniche finalmente torneranno ad avere un senso ed il lunedì vi aspetto tutti qua per commentare quanto successo (o non successo) la sera prima.
Io sono pronto, e voi?

Post By Mattia Righetti (103 Posts)

Mattia, 21 anni.
Una versione più irsuta e povera di Larry David, ma il concetto è lo stesso. Ogni tanto credo di essere Julian Edelman.

Connect

6 thoughts on “Un mese al kickoff: le 30 cose che più stiamo aspettando della NFL

  1. mi domando perchè i Patriots vanno sempre ai playoffs e mantengono il vantaggio del campo amico. Semplice: giocano nel girone più facile AFC East con squadre come Jets Dolphins e Bills che hanno sempre record negativi. E’ ovvio che i Patriots dominino contro di loro e giocando più partite con queste squadre piuttosto che con altre avranno sempre un record ottimo. Nessuno ha mai pensato di rimescolare le squadre?

    • Ciao Massimo!
      Risponderò alla tua domanda con un’altra domanda: secondo te se Jets, Dolphins e Bills, franchigie dal passato glorioso, in questi 15 anni non sono riuscite a mettere insieme roster competenti, ci sarà un motivo?
      Questo motivo sono sicuramente i Patriots, il cui dominio ha completamente distrutto anche dal punto di vista societario queste franchigie.
      Dubbi?
      Brady contro Pittsburgh è 8-2, contro San Diego 7-2, contro Baltimore 7-3, Cincinnati e Cleveland 5-1, solo contro Denver ha un record negativo di 7-9.
      Mischiare le squadre non avrebbe assolutamente senso e pure qua ti faccio un esempio: nel 2014 Carolina vinse la NFC South con un ridicolo 7-8-1, nel 2015 e nel 2016 dalla South sono uscite due squadre andate al Super Bowl e per motivi piuttosto ragionevoli quest’anno è lecito affermare che forse potranno andarcene tre di squadre ai playoff.
      La NFL è ciclica, ed essere preso ripetutamente a schiaffi da Brady e Belichick ha distrutto gli altri team della AFC East.

  2. Ma come?? Neanche un accenno ai miei Seahawks??? E’ vero che la linea offensiva è sempre l’anello debole, ma rispetto all’anno scorso ci sono delle differenze: prima di tutto proprio la O-line ha 1 anno di esperienza in + e visto che almeno 2-3 elementi l’anno scorso erano rookies non è roba da poco (ovviamente non andranno a competere con le O-lines più forti, ma mi aspetto un bel salto in avanti). Inoltre, al contrario dell’anno scorso, Wilson è in perfetta forma ed è anche dimagrito: la sparo lì, stagione da 4.500 yards lanciate e 700 di corsa. Infine tutti i titolari sono arrivati al training camp abili ed arruolabili e finalmente possono fare tutta la preparazione al meglio: fieno da mettere in cascina per essere pronti x la regular season. 2 nomi che secondo me quest’anno faranno faville: Graham e Prosise, Spero di non essermela jettata..

    • I Seahawks sono oramai un dato di fatto, dire che sto aspettando di vedere i Seahawks sarebbe andato bene se fossimo nel 2014! Ovviamente li sto aspettando, loro come tutti, solo che fra le 30 cose/novità che attendo di più non ci sono i buoni vecchi Hawks!

    • Receivers a parte i Chiefs sono completi e “profondi” soprattutto in difesa: chiunque è in grado di entrare e produrre.

Commenta