Per quanto strano possa suonare, dal momento che mancano sei mesi, la strada per Super Bowl LII è ufficialmente iniziata: salivare per le scouting combine è alquanto difficile, però free agency e draft sono gli unici eventi che ci sazieranno la voglia di NFL fino a settembre, e nonostante le armature lascino spazio ad improbabili gessati o mocassini tappezzati di diamanti o improbabili borchie, è qua che il 50% delle possibilità di raggiungere il biggest game of them all si decidono.
Vediamo insieme dunque due mosse che ogni squadra dovrebbe compiere per spodestare i Patriots, o almeno, provarci.

AFC NORTH
Cleveland Browns
Trade per Jimmy Garoppolo. Non sono Mel Kiper Jr., potrei fare una figura piuttosto magra, ma al momento nessun QB draftabile mi sembra valere più di Garoppolo, potenziale franchise quarterback, sperando che il suo successo non sia da attribuire ai Patriots. Hanno tantissime scelte in questo draft, now or never.
-Trust The Process. Rubo la citazione ai Philadelphia 76ers, ma bisogna dare tempo al trio DePodesta-Brown-Jackson: tutti questi anni di mediocrità sono dolorosi da vedere, pensare e commentare, ma la strada sembra quella giusta, veramente.

Baltimore Ravens
-Pass rusher, pass rusher, pass rusher
. Suggs ad ottobre avrà 35 anni, Dumervil non riesce a stare sano: urge un rinnovamento, perché con un pass rush non efficace, le responsabilità della secondaria aumentano, e come si è visto negli ultimi due anni, così non si va ai playoff.
-Skill position. Non puoi pensare di andare ai playoff con un receiving corp che vede Mike Wallace come main target, e con Terrance West come RB titolare. Garcon sarebbe un’ottima presa.

Pittsburgh Steelers
-Evitare drammi con Brown e Bell. Brown è probabilmente il miglior receiver della lega eppure il suo stipendio il ventesimo nella posizione: gli sconti sono finiti, pagare. Stesso discorso per Bell, al quale verrà probabilmente appiccicata la franchise tag, rimandando il problema di un solo anno.
-Pass rusher. L’esperimento Jarvis Jones è ufficialmente fallito, James Harrison prima o poi si renderà conto di avere 39 anni, teoricamente. Dupree sembra in crescita, ma urgono rinforzi.

Cincinnati Bengals
-Guardia. Larry Warford è free agent, ed un miglioramento dell’offensive line è alquanto indispensabile per evitare un altro anno catastrofico per il running game. Manca Hue Jackson, eh?
-Velocità per i linebacker. Dansby e Maualuga non sono linebacker da NFL moderna: non possono correre con tight end e slot receivers, sono discreti run stopper, ma purtroppo per loro (e per i Bengals) non puoi giocare la posizione senza contribuire pure nel passing game.

Ci sono tutti i presupposti per una vera e propria asta per Alshon Jeffery.

AFC SOUTH
Houston Texans
-Sperare in un miracolo. Con Osweiler Houston non può vincere: pensare di trovare qualcuno disposto a pagare 17 milioni un quarterback d’una tale inettitudine. Houston è condannata a tenerlo pure quest’anno, limitando pesantemente il margine di manovra in offseason.
-Rafforzare l’offensive line. Le competitività dei Texans passa da Lamar Miller, il cui successo aprirebbe le porte a play action passes vari: Ronald Leary difficilmente rinnoverà con i Cowboys, ed è un ottimo run blocker.

Jacksonville Jaguars
-Migliorare la protezione a Bortles. Il 2017 è l’anno della verità per Bortles, che almeno per questa offseason godrà del privilegio del dubbio: l’involuzione è reale, però aggiungere qualcuno come Kevin Zeitler garantirà al buon Blake una tasca più pulita. Da lì in poi, tocca a lui.
-Cover safety. La difesa, soprattutto verso fine stagione, è stata una delle poche note positive della stagione dei Jags: Ramsey potrebbe diventare una star, ma in questa NFL serve un safety in grado di far giocate sul pallone, e Cyprien è un buon tackler, ma come testimoniano i due intercetti in quattro stagioni, non vede molto il pallone.

Indianapolis Colts
-Esame di coscienza. La questione è una e piuttosto semplice: se Grigson è stato cacciato, perché mai Pagano è ancora lì?
-Tackle. Scrivere “difesa” aprirebbe un discorso che per trattarlo decentemente ci vorrebbe un articolo, perciò andiamo con i tackle: Castonzo ha giocato bene, altrettanto non si può dire del rookie Haeg, e considerando che Ricky Wagner sarà probabilmente sul mercato…

Tennessee Titans
-Go to target. Delanie Walker è sempre affidabile, ma serve un receiver di primo livello per rendere ancora più pericoloso un attacco comunque fondato sul running game: la quinta scelta al draft potrebbe senza dubbio risolvere il problema, ma attenzione, che si parla anche di Alshon Jeffery!
-Cornerback. Si sono già liberati del disastroso Perrish Cox, ma occorre assolutamente migliorare il livello dell’organico, perciò la quinta scelta al draft potrebbe essere spesa nel tentativo di fermare immediatamente la regressione di uno dei peggiori reparti della lega.

AFC WEST
Kansas City Chiefs.
-Pagare Eric Berry. Dopo aver sconfitto il linfoma di Hodgkin, Berry è tornato nel 2016: First team All-Pro, pick six dopo pick six, ha fatto veramente tutto per meritarsi il contratto di safety più pagato della lega. Pagare.
-Tony Ro…. E’ inutile, con Alex Smith il ceiling di questa squadra è il divisional round. Piccolo segreto: Tony Romo è un gran bel quarterback, seppur troppo fragile, ma a questo punto perché non rischiare?

Los Angeles Chargers
-Purtroppo, receiver
. E’ una delle storie più tristi della lega: Keenan Allen quando è in campo è uno dei migliori receiver della NFL, ma non riesce proprio a restare sano. Al draft sono settimi, lo spazio salariale disponibile è basso perciò…
-Tanta, tanta, tanta fortuna. Sono la squadra più sfortunata della lega, inutile girarci attorno: infortuni e finali di partita bizzarri perseguitano questa franchigia da anni, speriamo che L.A. porti bene!

Denver Broncos
-Upgrade all’offensive line. Okung è stato disastroso, ed entrambe le guardie non sono state certamente di livello: Andre Whitworth darebbe una grossa mano, e proteggere il blind side di un giovane quarterback è parecchio, ma parecchio importante.
-Tight end. Lo scorso anno, nonostante la sapienza di Kubiak sulla posizione, la produzione dei tight end non c’è semplicemente stata. O.J. Howard da Alabama potrebbe svoltare la situazione.

Oakland Raiders
-Provarci per Hightower. Lo spazio salariale non è un problema, perciò pagare Dont’a Hightower sarebbe totalmente possibile e sensato: migliorerebbe da subito una difesa che schiera già Khalil Mack, attenzione.
-Run stopper. Brandon Williams dei Ravens è facilmente il giocatore più sottovalutato della lega: se i Raiders diventano una squadra in grado di non concedere molto nel running game, la situazione si fa veramente interessante.

AFC EAST
New England Patriots.
-Monetizzare con Garoppolo. Brady giocherà altri 4-5 anni, è surreale pensare che Jimmy G. starà in panchina tutto questo tempo: ottenere una scelta al primo round, o un paio al secondo, tornerebbe davvero utile a Belichick.
-Bring Marty back. Gronkowski è il giocatore più dominante del campionato, quando sano: Bennett ha saputo non far sentire eccessivamente la mancanza di Gronk, aggiungiamo pure che è una delle personalità più interessanti del panorama NFL … Rinnovate!

New York Jets
-Eh, quarterback. Che Petty a settembre sia under center è alquanto improbabile. Hackenberg time? In ogni caso serve tutelarsi, Romo probabilmente sarà lì, perciò…
-Pulizia. Via Revis. Via Sheldon Richarson, uno dei giocatori meno professionali della lega, intanto c’è Leonard Williams. Potrebbe trovarsi alla porta pure Brandon Marshall, ma in ogni caso serve liberarsi dai contratti pesanti per ricostruire seriamente, questa volta.

Miami Dolphins
-Completare l’offensive line. Branden Albert è stato già rilasciato, Tunsil tornerà nel suo ruolo naturale, offensive tackle: si apre un buco per la posizione di left guard, Ronald Leary è sul mercato.
-Rinforzare il pass rush. Cameron Wake probabilmente un giorno realizzerà di avere 35 anni e considerando che Mario Williams è stato tagliato (per fortuna), investire su Jason Pierre-Paul avrebbe molto senso.

Buffalo Bills
-Fare i conti con la realtà. Lo spettacolino che i Bills stanno mettendo in scena con Taylor è alquanto penoso, certamente 30 milioni non li varrà, però Cousins escluso non vedo chi potrebbe dare a Buffalo una miglior chance di vincere subito.
-Ricevitori. Ho usato il plurale: al di fuori dello spesso infortunato Watkins, sapreste nominarmi un ricevitore dei Bills?

Calais Campbell è il miglior giocatore defensivo disponibile: a settembre gli anni saranno 31, ma la produzione è stata troppo consistente in queste stagioni per non correre il rischio.

NFC NORTH
Green Bay Packers
-Cornerback. Ve lo ricordate ancora l’NFC Championship Game, vero? Andiamo avanti.
-Running back. Lacy prima dell’infortunio stava giocando veramente bene, e non mi sento di dire che con lui in campo sarebbero arrivati al Super Bowl, però supportare Rodgers è la priorità: Lacy è free agent, che fare?

Detroit Lions
-Jason Pierre-Paul. Ziggy Ansah e JPP? Lancerebbero questa squadra immediatamente in un’ottica playoff che va ben oltre la semplice partecipazione.
-Cover linebacker. Serve un linebacker in grado di giocare tutti e tre i down, è il 2017: probabilmente Jabril Peppers sarà ancora libero quando sarà il loro turno al draft, e anche se non ha un ruolo preciso il suo atletismo lo rende veramente intrigante per una squadra in cerca di velocità come Detroit.

Chicago Bears
-Riiniziare da capo. L’era Cutler è finita, la relazione fra Smoking Jay ed i Bears è sempre più tossica: serve un volto nuovo, anche un game manager, perché l’attacco dovrebbe essere costruito attorno a Jordan Howard.
Calais Campbell. Chicago contro le corse ha faticato tutta la stagione, ed il problema persiste da un bel po’ di anni: Campbell porta anche molto al pass rush, pay the man!

Minnesota Vikings
-Rifondare l’offensive line. Solo il centro Joe Berger si è dimostrato di livello la scorsa stagione: running game inesistente e protezione a Bradford ridicola, la difesa è senza dubbio buona, ma senza un makeover della linea d’attacco non si può pensare di giocare a gennaio.
-Running back. Eh sì, l’era Peterson è agli sgoccioli: lo spazio salariale è poco, ma per come è improntata questa squadra è necessario investire sulla posizione, senza se e senza ma.

NFC SOUTH
New Orleans Saints
-Dedicare corpo ed anima alla difesa. Finire 7-9 segnando 29.3 punti a partita? E’ doloroso scriverlo, sul serio. Brandon Williams dei Ravens risolverebbe gran parte dei problemi per quanto riguarda la run defense, però pensare di sistemare tutta l’unità in una sola offseason…
-A.J. Bouye. Breakout player of the year senza dubbio che chiederà il primo grande contratto: quando si è disperati rischi del genere si prendono, Brees non giocherà per sempre, no?

Pay the man.

Tampa Bay Buccaneers
-Top safety. Attenzione: Tampa Bay ha 72 milioni di dollari disponibili nel salary cap, la secondaria ed i safeties in particolar modo sembrano zavorrare una difesa che altrimenti sarebbe fra le migliori della lega. Eric Berry?
-Aiuto per Mike Evans. Il ragazzo è un fenomeno, però non può fare reparto da solo e 173 targets in una stagione sono troppi. Ad un certo punto della stagione giocavano con Freddie Martino come receiver… Eh.

Carolina Panthers
-Offensive tackle. Mike Remmers è stato disastroso all year long, Ricky Wagner o Sebastian Vollmer dei Patriots proteggerebbero Newton certamente meglio, così magari Cam non rischierebbe la vita per un primo down.
-Cornerback. Bradberry e Worley saranno certamente migliori rispetto all’anno appena passato, rookie season per entrambi, ma serve assolutamente qualcun altro, e lo spazio salariale ci sarebbe.

Atlanta Falcons
-Pagare Devonta Freeman
. Nonostante l’ingombrante presenza di Tevin Coleman, Freeman ha messo insieme più di 1500 yards dallo scrimmage confermandosi come uno dei RB più esplosivi della lega: pagare, ora.
-Pass rusher. Beasley è esploso, ma non si vincono i Super Bowl con un solo pass rusher di livello: Lorenzo Alexander ha appena avuto una stagione da 12.5 sacks, e nonostante i 34 due o tre stagioni di livello potrebbe farle.

NFC WEST
Seattle Seahawks
-Una buona polizza sulla vita per Russell Wilson. Carroll sembra credere nell’offensive line del 2016, e non sembra intenzionato a voler investire troppo sul reparto: buona fortuna Russell Wilson.
-Un amico per Richard Sherman. Sherman, Thomas e Chancellor più qualcun altro: serve che quel qualcun altro resti lo stesso per almeno un paio d’anni, basta rincalzi.

San Francisco 49ers
-Kirk Cousins. Sono previsioni, ed in questo caso la voglio sparare grossa: Cousins+Shanahan? Make the 49ers great again!
-Pass rusher. In uno scenario ipotetico in cui Cousins veramente si unisce ai 49ers, il secondo bisogno più impellente è quello di trovare qualcuno in grado di portare pressione al QB avversario: Garrett probabilmente sarà preso da Cleveland, in caso contrario, no brainer.

Los Angeles Rams
-Aiutare Todd Gurley. Ve lo ricordate Todd Gurley? L’estate scorsa ne parlavamo come prima scelta assoluta nei fantasy draft: dopo un 2016 orribile, un run blocker come Leary potrebbe rimettere in carreggiata la carriera di colui che era visto come il nuovo Peterson.
-Wide receiver. Vengo preso più seriamente io quando accosto il mio nome a quello di Sara Sampaio piuttosto che Tavon Austin al concetto di “go to guy”. Similitudine gratuita a parte, avete capito il mio punto, no?

Arizona Cardinals
-Pianificare una vita dopo Palmer. Il 2016 ci ha mostrato un Palmer in evidente regressione, e purtroppo il tempo va solo in avanti, quindi il 2017 potrebbe veramente essere l’ultima stagione del buon Carson: guardare al futuro già a partire da questo draft.
-Un cornerback. Patrick Peterson è uno dei migliori nella NFL, ma i cornerback in campo sono due o sempre più spesso tre: Stephon Gilmore è free agent, serve qualcuno!

La storia principale dell’offseason: che ne sarà di Kirk Cousins?

NFC EAST
Washington Redskins
-Pagare Cousins, ora. Trovatemi una miglior alternativa, al momento, a Cousins. Difficile? Probabilmente sarà pagato eccessivamente, ma questa è la NFL del 2017.
-Rinforzare l’interno della defensive line. Imputare la mancata qualificazione ai playoff a Cousins è follia, in quanto chiunque ha corso in faccia ai Redskins nel 2016: Brandon Williams qua sarebbe veramente utile.

Philadelphia Eagles
-Ricevitori, tanti ricevitori. Jordan Matthews è un buon giocatore, ma dopo di lui il nulla: Agholor, se fortunato, avrà l’ultima possibilità per raddrizzare una carriera fino a qui disastrosa, DGB deve crescere prima di tutto come persona, e se sono io a dirlo la situazione è veramente grave.
-Running back. Ryan Mathews non è un RB1, ripetetelo con me: data la profondità della posizione al draft, investire sembra obbligatorio.

New York Giants
-Left tackle
. Flowers sta deludendo e non fa intravedere miglioramenti, perciò Whitworth avrebbe tutto il senso del mondo: manca poco a questa squadra per arrivare al Super Bowl ed incontrare i Patriots per la terza vol… Ok, mi fermo.
-Linebacker. La produzione dai linebackers latita da anni: risolvere subito questo problema per arrivare al Super Bowl ed incontrare i Patr… Ok, la smetto sul serio.

Dallas Cowboys
-Demarcus Ware. Aspettate, ha senso: i soldi non saranno un problema per uno dei simboli dell’America’s Team, ed essere mentore di un gruppo di talentuosi ma problematici pass rushers sembra ideale, non solo romanticamente.
-Dak’s team. Romo vuole giocare, lasciatelo andare: questo è il team di Prescott, e qualche scelta al draft per il veterano sarebbe ideale per Jerry Jones.

E voi, che ne pensate?

Post By Mattia Righetti (97 Posts)

Mattia, 21 anni.
Una versione più irsuta e povera di Larry David, ma il concetto è lo stesso. Ogni tanto credo di essere Julian Edelman.

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

4 thoughts on “NFL Offseason 2017: Due mosse che ogni franchigia dovrebbe fare

  1. Ciao Mattia,
    anzitutto complimenti per l’ottima disanima di tutti i team!
    Parlando dei miei Steelers, oltre al contrattone di Brown e al (probabile) tag per Bell + la situazione OLB,
    abbiamo anche il problema per la rifirma del forte ILB Timmons (in una difesa giovane come la nostra, un veterano come lui fa cmq parecchio comodo, a patto però che non sia troppo logorato) ed avere una vera alternativa a Big Ben, visto che nelle ultime stagioni è un po’ malridotto

    Cmq mi piacerebbe pensare cosa ne pensano anche gli altri tifosi sulla situazione delle loro rispettive squadre

    • Ciao Maurizio!
      Brown WR più pagato della storia, che shock: mossa ovvia, ovviamente davanti ad una produzione del genere si ha ben poco da dire, però sarà interessante vedere come riusciranno a costruire una difesa competente con così tanti soldi investiti nell’attacco (Ben, DeCastro, Brown e Bell…)!
      Vediamo che succede al draft!

      • Anche Pouncey, che è il centro più pagato
        Siamo molto sbilanciati (anche anagraficamente) verso la O-Line, ma di positivo c’è che, giocando tutti assieme da tempo, gli automatismi dovrebbero essere ben oliati.
        E anche il QB per il dopo Big Ben dovrebbe trovare una situazione agevole (a pattto che sia più affidabile di Landry “sciagura” Jones)

        Per la difesa.. se Timmons non rimane son tutti giovanotti, tranne il sempreterno Harrison (ma credo che verrà cmq preso un giovane OLB al draft), Heyward e Mitchell.

Commenta