Nel Divisional Game 2016-17 i Dallas Cowboys hanno ospitato i Green Bay Packers in quella che di fatto è stata la rivincita della gara di due anni fa, quello della famosa presa non presa di Dez Bryant. I padroni di casa hanno iniziato la partita col possesso della palla e sin da subito si è capito che i rookie dei Cowboys non sentivano più di tanto la pressione, riuscendo di fatto a portare a casa 3 punti con un field goal del kicker Dan Bailey. Green Bay ha risposto al drive successivo con il sempre eccellente Rodgers e il suo gioco di lanci che hanno portato alla segnatura del primo touchdown della partita, ricevuto dal tight end Richard Rodgers percorrendo una fade marcato a uomo dal right outside linebacker Sean Lee che nonostante una buona copertura non è riuscito a contrastare il passaggio.

Nel secondo quarto gli ospiti hanno portato i punti di vantaggio a 18 segnando due touchdown su corsa consecutivi con Ty Montgomery, entrambi da breve distanza, il primo dalla shotgun e il secondo da una strong formation seguendo il blocco del fullback Ripkowski. Dallas negli ultimi 5 minuti di metà partita è riuscita a riportare la partita in equilibrio segnando 10 punti consecutivi, i primi 7 derivanti da un touchdown da 40 yards di Dez Bryant su una vertical seam marcato a uomo da Gunter senza aiuto della safety, i seguenti 3 segnati da Dan Bailey con un field goal dalle 33 yards.

Il terzo quarto è stato l’unico quarto dove le difese sono riuscite ad imporre il proprio gioco limitando i punti segnati a soli 7, i quali sono stati segnati dal tight end Jared Cook al primo drive dei Packers del terzo periodo su un play action pass dalla goaline formation che lo ha liberato dalla marcatura di Wilcox. Nel quarto periodo i Cowboys sotto di 15 punti sono riusciti a pareggiare la partita a quota 28 grazie a un ottimo duo Dak Prescott – Dez Bryant e a un’ottima difesa contro il gioco aereo di Rodgers, composta da una notevole pressione sul quarterback dei Packers e un mix di coperture a zona nelle secondarie che hanno portato alla fine la striscia di gare di Rodgers senza un intercetto. Striscia terminata dall’intercetto della safety Jeff Heath, che ha sfruttato uno dei rarissimi errori del quarterback di Green Bay,  il quale lanciando all’interno a Davante Adams su una vertical seam ha reso possibile l’intervento di Heath grazie un ottima lettura.

I due touchdown con cui i Cowboys hanno pareggiato la partita sono stati due touchdown su ricezione, il primo del tight end Jason Witten su una play action percorrendo una post route mentre il secondo di Dez Bryant anch’esso su una play action ma percorrendo una slant usando il vantaggio fisico per assicurarsi il possesso del pallone, seguito dalla conversione da due punti effettuata con successo che ha portato Dallas al pareggio. Green Bay è riuscita con 1:35 a portarsi in raggio da field goal dando a Mason Crosby l’opportunità di segnare un field goal dalle 57 yards, opportunità sfruttata magnificamente dal kicker veterano dei Packers.

Prescott dall’altra parte è stato ottimo mettendo Dan Bailey nella condizione di segnare il field goal del pareggio dalle 52 yards, cosa anch’essa riuscita con soli 35 secondi alla fine del quarto periodo. Quando tutto sembrava portar all’overtime ci hanno pensato Rodgers e Cook a cambiare le cose, visto che con soli 3 secondi alla fine della partita il tight end dei Packers ha ricevuto sulla sideline una palla quasi impossibile da tenere dando l’opportunità a Mason Crosby di vincere la partita con un field goal dalle 51 yards. Crosby segnando il calcio aveva dato l’illusione ai Packers di avere vinto ma coach Garrett aveva chiamato timeout prima dello snap quindi il veterano kicker di Green Bay è dovuto tornare sui suoi passi, realizzandolo nuovamente e dando definitivamente la vittoria alla sua squadra proiettandola al Championship dove affronteranno gli Atlanta Falcons al Georgia Dome.

MVP: Mason Crosby

Post By albertomanf (35 Posts)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Commenta