Con una solida e determinata prestazione i Pittsburgh Steelers sconfiggono i Miami Dolphins, 30-12, si qualificano per il Divisional Round dove affronteranno in trasferta Kansas City la prossima domenica e continuano la stagione di grazia dello stato della Pennsylvania che già ha visto il suo college di punta, la storica Penn State, vincere la propria conference (la Big Ten), sfiorare i playoff e perdere di poco il prestigiosissimo Rose Bowl.

Già in sede di presentazione la partita contro i Miami Dolphins non sembrava essere una sfida troppo impegnativa per i gialloneri in quanto questi, già qualificatisi a sorpresa per la postseason, si presentavano privi del loro giocatore più rappresentativo, il QB Ryan Tannehill, che si era infortunato al ginocchio nella sfida dell’11 dicembre contro gli Arizona Cardinals: Tannehill si era allenato in settimana ma le parziali lesioni ai legamenti non erano ancora abbastanza lontane per permettere al #17 di scendere in campo.

I 12 punti di vantaggio che i bookmakers davano a favore degli Steelers sono già diventati realtà nel primo tempo e per di più in nemmeno 20 minuti di gioco, quando i loro primi tre drive si sono trasformati in tre touchdown: le tre stelle offensive della squadra, il QB Ben Roethlisberger, il WR Antonio Brown e il RB Le’Veon Bell giocavano la loro prima partita di playoff insieme e gli effetti si sono subito visti in quanto tutte e tre le segnature sono state merito loro, con il primo abile a trovare il secondo per due TD da 50 e 62 yards ed il terzo a completare l’opera con una corsa da una yard ad inizio del secondo quarto. Miami ha faticato per tutta la partita a dare continuità al suo gioco offensivo: il QB Matt Moore, sostituto di Tannehill, ha subito ripetutamente la grande (a volte troppa e troppo concessa dagli arbitri) aggressività della difesa Steelers, racimolando solamente due FG nei primi drive e bruciando due importanti occasioni di segnare perdendo due fumble (di cui uno nella redzone avversaria) grazie a due ottimi interventi prima di James Harrison e poi di Stephon Tuitt in inizio di terza frazione di gioco, sul punteggio di 20-6 per i padroni di casa.

Questo fumble era l’inizio di un terzo periodo ancora più disastroso per i Dolphins, con i primi tre drive offensivi chiusi appunto con questo turnover e, a seguire, un intercetto di Ryan Shazier e un quarto down non convertito, abortendo così sul nascere qualsiasi possibilità di rimonta. Dall’altra Pittsburgh dava il colpo di grazia alla partita, prima con un FG di Chris Boswell e poi con il secondo TD di giornata di Bell, questa volta una corsa da 8 yards che portava il punteggio sul 30-6. Il TD pass di Moore per Damien Williams serviva solamente per fissare il punteggio sul 30-12, con la conversione da due punti che non andava a buon fine.

La prima apparizione ai playoff dei Dolphins dal 2008 si chiude quindi con una pesante sconfitta ma quanto visto in questo 2016 può solo rendere felici i tifosi di Miami, i quali ritrovano una squadra giovane e competitiva, che negli anni futuri può confermarsi a questi livelli. Può dispiacere che Miami non abbia potuto giocarsi le sue carte fino in fondo ma è probabile che nemmeno con Tannehill avrebbe potuto sovvertire il pronostico, data la grande differenza di talento e fisicità che questa sfida ha mostrato.

Dall’altra parte Pittsburgh si regala il viaggio in Missouri mettendo in mostra i suoi talenti offensivi ma anche una difesa ermetica, capace di controllare bene il QB Moore e i suoi WR ma anche di limitare in maniera perfetta il RB Jay Ajayi, altro giovane talento scovato dai Dolphins, a sole 33 yards in 16 portate e più in generale l’attacco su corse avversario a sole 52 yards. Sono però i numeri della pressione a fare paura: detto dell’intercetto e dei due fumble recuperati, gli Steelers hanno messo a referto 5 sacks e 10,5 TFL. Avanti con Kansas City, dunque, ma questa facile partita potrebbe aver portato agli Steelers una notizia orribile: in uno degli ultimissimi snap della partita Roethlisberger ha subito un infortunio alla caviglia che lo ha costretto a uscire dallo stadio con uno stivale protettivo: Big Ben ha dichiarato che per la sfida con i Chiefs ci sarà ma la situazione desta preoccupazione in vista di una sfida fondamentale: cosa si facesse ancora in campo a così poco della fine e con quel punteggio, però, è decisamente un mistero.

Post By Cern (177 Posts)

Andrea Cornaglia, classe '86, profonda provincia cuneese, si interessa al football dal 2006, prendendo poi un'imbarcata per il mondo dei college dal 2010: da lì in poi è un crescendo di attrazione, inversamente proporzionale al numero di ore dormite al sabato notte

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

2 thoughts on “Pennsylvania sempre on fire: Steelers al Divisional Round

  1. E’ stato un massacro. Purtroppo i miei Dolphins non hanno opposto nessuna resistenza nei primi due drive e quindi in un amen siamo andati sotto di 14 punti. Gli Steelers hanno dominato ma a un minuto dalla fine del secondo quarto eravamo a 5 yd dal touchdown per riaprire tutto inopinatamente, ma invece abbiamo perso palla e subito un sack … mortale. Nel terzo e quarto quarto poi altri errori si sono sprecati (Lippet che tenta di intercettare un FG partendo in anticipo e regalando il primo down da cui abbiamo subito un TD, Moore che si scontra con Ayaji e perde palla…) e ne è venuto fuori un disastro. Non siamo ancora a livello da playoff, dove si sbaglia nulla e si difende forte. Ma non importa. L’inversione di rotta rispetto agli ultimi 8 anni è netta: i ricevitori ci sono, il QB va bene, il RB finalmente c’è, la linea offensiva al completo è buona, la linea difensiva anche. Nella off season non si dovrà ripartire da zero, ma rinforzare pesantemente la difesa (linebackers e secondarie) e potremo trovarci ad essere finalmente competitivi in maniera durevole. Per adesso, nonostante una orrida partita di wild card, godiamoci il 10-6 della regular. Steelers? Più preparati di noi a partite di playoffs e più esperti, ma non li ho visti poi così forti.

Commenta