Questa stagione della NFL ha visto affermarsi con evidenza due franchigie come principali candidate al Super Bowl, gli storici New England Patriots e dei freschissimi Dallas Cowboys.

New England parte favorita a mio avviso, se non favoritissima nella corsa a questo Super Bowl 2017, dal ritorno di Brady i patrioti di Boston sono stati inarrestabili: ben 10 vittorie ed una sconfitta. Sconfitta maturata in casa contro dei sorprendenti Seahawks – che per il bene dei Pats non prevedo arrivare in fondo questa stagione altrimenti sarebbe un’enorme occasione di vendetta per Pete Carroll & company – che è servita alle truppe comandate da Brady a livello psicologico perché si sa, è sempre meglio non arrivare imbattuti alla post season come il passato dimostra.

I Patriots, che quest’anno sentiranno l’assenza di Gronk ma che come sempre possono contare su Tom Brady, un ottimo core di ricevitori (che Tom è capace di sfruttare benissimo), un affidabile running game ed una difesa che quando conta di più è capace di dimostrarsi insuperabile, non hanno molto da temere nella AFC. I Raiders reduci dalla perdita di Carr li sono ormai fuori dai giochi, i Texans sono un team mediocre che accede ai playoffs anche quest’anno solo perché in una divisione ancora più mediocre, i Dolphins si sono dimostrati sorprendenti quest’anno ma a mio avviso ancora troppo inesperti per poter mettere paura ai Pats, i Chiefs che anno dopo anno sembrano una squadra solida e affidabile ma rimangono incapaci di arrivare a grandi risultati finchè il loro quarterback rimarrà Alex Smith, ed infine gli Steelers di cui si deve notare l’attacco stellare ma di cui non si può ignorare la difesa talvolta ridicola, anche se nelle ultime settimane è apparsa migliorata e parzialmente affidabile.

In ultima analisi, credo in questi Pats e nelle loro possibilità di andarsi a giocare il Super Bowl perché credo in Tom Brady, che quest’anno forse per l’ultima volta nella sua carriera considerata l’età, ha la possibilità di vincere il premio di Mvp e di poter fare la differenza per New England.

I Dallas Cowboys sono la squadra rivelazione dell’anno, i rookie Elliott e Prescott hanno ampiamente superato le aspettative (tanto che per i due si parla addirittura di possibili candidature all MVP award) ma soprattutto coach Garrett è stato capace di costruire un attacco logorante, che tiene possesso per la maggior parte del tempo, che conquista di 10 yarde in 10 yarde tutto il campo.

Eppure si tratta di rookie, ed io non scommetterei mai un euro su questi Cowboys in una possibile finale della NFC contro i Giants (che hanno già batutto due volte Dallas nella regular season), tantomeno in uno scontro con Seattle (che non mi sento di chiamar fuori dai giochi perché la Legion of Boom è stata capace di fermare almeno una volta ogni franchigia dell’NFL e credo sarebbe all’altezza di questi Cowboys) o Green Bay (che riuscirà ad vincere un posto nei playoff e che darà filo da torcere a chiunque).

Insomma non me ne vogliano i Cowboys ma la competizione nella NFC è molto più concreta, considero Dallas molto meno favorita di quanto New England lo sia nella propria conference, e per di più considero New York la vera incognita di tutta la stagione 2016-2017.

Post By valerioi (3 Posts)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

3 thoughts on “Patriots vs Cowboys, abbiamo già il prossimo Super Bowl?

  1. Siamo così sicuri che New England sia così favorita? Certo, è favorita per esperienza e collettivo, però io non la vedo affatto sicura partecipante al SB. Dovrà giocare 2 partite molto insidiose, probabilmente contro KC e Steelers che potrebbero rivelare molte sorprese. KC è una squadra molto solida. Se la partita dovesse iniziare con un TD regalato dagli special team di NE (non esenti da errori), io vedo una partita molto scomoda.
    D’altra parte il talento offensivo degli Steelers può vincere (o perdere) da chiunque, ma credo che la difesa di NE sia sopravvalutata a causa di statistiche gonfiate da un calendario facile.
    Insomma, bene NE favorita, ma dovrà sudare parecchio e nei playoff nulla è scritto!

  2. COWBOYS???? MAGARIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII Ma c’è la farà Preascott ha superare l’inesperienza del primo anno da pro a vincere le partite di Play offs?….. Dovra entrare il re leone ferito TONY ROMO a togliere le castagne dal fuoco e vincere finalmente le partite che contanpo? dopo 21 anni di attesa sarebbe ora…. :-) BUON ANNO A TUTTI

  3. La situazione dell’AFC è piuttosto scontata. Ci sono solo due partite interessanti ed equilibrate da vedere: il divisional tra i Chiefs e gli Steelers (che batteranno facile i Dolphins) e il Championship tra la vincente di queste due e i Pats (che avranno un divisional in discesa comunque vada a finire a Houston). Sono due partite equilibrate e dagli esiti apertissimi ma alla fine anch’io dico Pats. Brady e BB sanno di avere due settimane e una sola partita per arrivare al Grande Ballo la prepareranno con cura e non la falliranno.
    Nella NFC invece secondo me l’equilibrio regna sovrano.
    Al Championship andrà la vincente della sfida tra i rapaci: Falcons e Seahawk (che strapazzeranno i Lions) sono squadre solide ed equilibrate e chiunque la spunti ha le doti per arrivare fino al Grande Ballo.
    Per Dallas la strada è in salita per due ragioni. La prima è l’inesperienza dei due rookie che sicuramente si farà sentire nelle partite che contano (chissà che non torni buono proprio Tony Romo) e la seconda è la difficoltà del percorso da compiere per arrivare al Grande Ballo.
    Per farlo dovranno infatti superare prima la vincente di Giants-Packers e, quindi, comunque vada un osso durissimo. I Giants hanno già battuto Dallas e i Packers della parte finale della stagione sono davvero ostici per chiunque.
    Dopo questo ostacolo avranno un Championship comunque vada altrettanto difficile.
    Vedo 5 squadre che possono arrivare fino in fondo e 5 partite aperte ad ogni risultato e non certo una passeggiata per i Cowboys

Commenta