Pocket

Clay Matthews: inizio di stagione da dominatore

Mitico Thor

Gli manca solo il martello, per il resto e’ proprio lui: forza eccezionale, capello biondo fluente, muscoli tirati al massimo. Stiamo parlando ovviamente di Clay Matthews, che ha distrutto la linea offensiva dei Bears con 3,5 sack che si aggiungono ai 2,5 della partita con i Niners. Il totale eguaglia gia’ quello della stagione passata; se i prossimi avversari di Green Bay non troveranno un modo arginarlo potrebbe davvero battere il record di 22,5 sack in una stagione di Strahan.

Per un punto Martin perse la cappa…

… mentre Andy vinse due partite. Non era mai successo che una squadra NFL vincesse di uno le due prime partite stagionali. Gli Eagles ci sono riusciti battendo Browns e Ravens in rimonta, dimostrando carattere ma evidenziando anche di essere troppo dipendenti dalle improvvisazioni di Vick. Qualche volta puo’ andare bene, ma la dose di buona sorte per la stagione potrebbe essere gia’ esaurita: se il tuo QB lancia 6 interecetti in due gare difficile essere con la colonna delle sconfitte vuota. Aggiungiamo poi che Vick, non proprio un iron man,  viene colpito duro una volta ogni due lanci… quanto potra’ durare?

Weeden ai Broncos

Nel primo quarto del Monday Night football sembrava proprio che la squadra del Colorado avesse scambiato uno dei QB piu’ forti della lega, Peyton Manning, con il rookie forse meno attrezzato della nidiata di partenti di quest’anno, Brandon Weeden. Non da Manning infatti il poco invidiabile record di tre intercetti tre nel solo primo quarto di gioco. La difesa dei Falcons ha fatto un grande lavoro per cercare di confonderlo, ma da un giocatore che ha nel suo punto di forza la capacita’ di decifrare in anticipo le difese non ci saremmo aspettati tanti errori a ripetizione.

L’essenziale e’ invisibile agli occhi

In uno sport come il football alcuni aspetti del gioco e’ essenziale che rimangano invisibili o per lo meno che non si facciano notare, perche’ se risaltano vuol dire che qualcosa non va. Un esempio e’ il lavoro del CB: se non ti accorgi che c’e’ e’ segno che sta giocando alla grande, niente pass intereference, ottima copertura, tanto che il QB avversario non cerca il suo uomo. Altro esempio: gli special team. E’ proprio qui che si possono fare grossi danni (e ve lo dice un tifoso 49ers che durante l’NFC championship l’ha sperimentato sulla propria pelle). In week 1, i Raiders hanno buttato alle ortiche una partita ancora in bilico per 3 punt giocati malissimo a causa dell’infortunio al long snapper titolare. Nella serata di domenica i Cowboys sono stati riportati sulla terra dai Seahawks  dopo l’esaltazione dell’opener grazie ad una partenza 10-0 propiziata da un fumble sul primo ritorno di kickoff e ad un punt bloccato e riportato in meta nel drive successivo.

La zappa sui piedi

Sei avanti 21-6 fuori casa, poi vai sotto di 2, torni avanti 28-23, ma ti sorpassano di nuovo per il 31-28. A poco piu di un minuto ti porti sulle 30 avversarie con un lancio che non prende il primo down ma ti permette di giocare un quarto e uno se vuoi provare a vincere o di calciare un field goal dalle 47 per cercare il pareggio. Come puoi buttare via una partita emozionante ancora in bilico? Chiedete a Josh Morgan, WR dei Radskins: dopo aver ricevuto il passaggio si rialza con la palla in mano e la scaglia a tutta forza contro il CB che l’aveva placcato; pur essendo non molto esperti, anche i replacement referee sanno che e’ una penalita’ per condotta antisportiva e ti mandano 15 yard indietro, per un “comodo” field goal dalle 62 che ovviamente non si avvicina nemmeno alla porta. E i Rams ringraziano…

Da Cenerentola a principessa?

Unanimemente considerata la peggiore division della lega, la Cenerentola NFC West si e’ tolta una bella soddisfazione in Week 2, con 4 successi su 4. Se la vittoria dei Niners sui Lions poteva essere messa in preventivo, alzi la mano che avrebbe pensato di vedere i Seahawks dominare i Cowboys o i Rams mettere in piedi un’altra rimonta, questa volta vincente, contro il rookie delle meraviglie di Washington o addirittura i Cardinals guidati da Kevin Kolb battere i campioni della AFC fuori casa bastonando i Patriots con una difesa granitica! Tanto per dare un’idea, delle 6 squadre imbattute dopo due giornate, due sono nella NFC West.

Post By multiple (12 Posts)

Appassionato NFL dai tempi di Bagatta la domenica mattina su Canale 5 (per i piu' giovani specifico che parlo di meta' anni 80 del secolo scorso), tifo per i San Francisco 49ers

Connect

2 thoughts on “Week 2 in Review: Matthews, Vick, Manning e Morgan

  1. Beh per quanto riguarda Washington questo è un modo “quasi” normale di buttare via la partita. Nelle ultime stagioni (da quando riesco a vedere tutte le partite degli skins) ho visto sconfitte con prestazioni al limite del ridicolo; arrivavo al lunedì che non avevo più le unghie (mangiate).
    Se c’è una squadra che ha fantasia nel buttare le partite sono proprio i Redskins.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.