Un altro brutto incidente ha caratterizzato le prove in vista della 500 Miglia di Indianapolis. James Hinchcliffe è infatti finito violentemente a muro alla curva 3 a causa della rottura della sospensione anteriore destra. Il pilota canadese, che non ha mai perso conoscenza, è stato immediatamente trasportato al Methodist Hospital di Indianapolis dove  è stato operato ad una coscia, che gli è stata perforata dalla sospensione penetrata nella scocca, facendogli perdere molto sangue. Ancora incerti i tempi di recupero.

Per quanto riguarda i tempi, la migliore prestazione della giornata è stata fatta segnare da Sage Karam alla media di 227.831 mph davanti al compagno di squadra e polesitter domenica prossima Scott Dixon. Continua il dominio Chevrolet, con sette vetture ai primi sette posti. Hinchcliffe alla fine della giornata è rimasto comunque il secondo migliore tra i piloti Honda, nono alle spalle di Ryan Hunter-Reay. La prossima ed ultima sessione sarà il Carb Day di venerdì prossimo. Dopo l’infortunio di Hinchcliffe lo Schmidt Peterson Motorsports dovrà trovare adesso un sostituto per la gara, e il nome più gettonato è quello di Kathrine Legge, che dovrebbe scendere in pista nel Carb Day di venerdì.

Post By Marco Strazzulla (155 Posts)

Sono un grande appassionato di sport americani, in special modo di basket NBA e football NFL, ma soprattutto di automobilismo. Considero la IndyCar la migliore categoria al mondo per spettacolo, sportività e completezza dei piloti. Ho assistito di persona alla 500 Miglia di Indianapolis 2008, uno spettacolo indescrivibile.

Website: → Indycar Italy

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Commenta