PITTSBURGH STEELERS at ATLANTA FALCONS 27-20
Dopo due quarti condotti in maniera abbastanza tranquilla, gli Steelers rischiano di farsi rimontare nel finale, quando Atlanta si sveglia e cerca di imbastire una comeback tardiva; in vantaggio con Shaun Suisham, che trasforma 2 field goal, entrambi da 38 yards, nel primo quarto, gli ospiti allungano ad inizio secondo periodo, quando William Gay pizzica l’ovale lanciata da Matt Ryan, 26 su 37 per 310 yds, sulle 52 yards e la riporta fin oltre la linea di meta.
Prima dell’intervallo accorcia Devin Hester, su ricezione da 17 yds, ma Pittsburgh riesce a tenere botta grazie al solito Le’Veon Bell, che prima, a ventisette secondi dall’haltime, realizza su corsa da 1 yard, e poi decide la partita nell’ultimo quarto, piazzando una run vincente, da 13 yds, che rende vani i calci di Matt Bryant, a segno da 28 e 22 yards, e la meta finale di Roddy White, su presa da 4 yds.

JACKSONVILLE JAGUARS at BALTIMORE RAVENS 12-20
Parte benissimo Baltimore, a segno con Kamar Aiken su ritorno da 11 yards in seguito ad un punt bloccato, che si fa poi rimontare da Jacksonville e soprattutto da Josh Scobee, abile a trasformare 4 field goal, 2 da 53 e 2 da 45 yds di distanza, prima di accorciare le distanze a pochi minuti dall’intervallo con un piazzato, da 22 yards, di Justin Tucker.
Segnatura utile per rimanere agganciati agl’ospiti e piazzare la rimonta definitiva nel secondo tempo, ribaltando con Owen Daniels, su pass da 3 yds di Joe Flacco, 20 su 30 per 221 yards, prima di allungare in maniera definitiva con un altro calcio del kicker, a segno da 33 yds di distanza; nei minuti finali, decisivo l’intercetto subito da Blake Bortles, 21 su 37 per 210 yds, che nel tentativo, ultimo, di riportare sotto Jacksonville si fa pizzicare da Jeromy Miles, consegnando la vittoria a Baltimore.

GREEN BAY PACKERS at BUFFALO BILLS 13-21
Niente da fare, i Bills si confermano la bestia nera dei Packers, che a Buffalo hanno perso 6 partite consecutive e giocano probabilmente il peggior match di questa stagione, soprattutto a causa di una difesa Bills che concede pochissimo e chiude puntualmente la porta in faccia ad Aaron Rodgers, 17 su 42 per 185 yards, tradito, più volte, dai suoi ricevitori; e dire che la giornata sembrava essere buona per Green Bay, passata in vantaggio con Mason Crosby, su piazzato da 45 yds, nel primo quarto, e poi abile a rimanere punto a punto con i padroni di casa, recuperando con una run, da 1 yard, di Eddie Lacy il momentaneo sorpasso firmato da Marcus Thigpen, su punt return da 75 yds.
A pochi minuti dalla pausa, sale però in cattedra Dan Carpenter, che centra i pali da 27 yards di distanza prima di diventare il grandissimo protagonista della sfida nel secondo tempo, quando permette ai Bills di prendere il largo trasformando 3 field goal, da 51, 35, e 48 yds, a cavallo di due quarti; sotto di nove punti, e con Jordy Nelson che droppa un pallone pazzesco, gli ospiti fanno infatti di tutto per rientrare in gioco, ma dopo aver accorciato ancora con il kicker, su calcio da 34 yds, continuano a sbagliare, e successivamente al secondo intercetto, messo nuovamente a segno da Bacarri Rambo, subito da A-Rod, si fanno fermare in endzone dalla difesa avversaria, che placca Lacy realizzando la safety che spegne i sogni di rimonta avversari.

TAMPA BAY BUCCANEERS at CAROLINA PANTHERS 17-19
Match combattuto tra le due rivali della NFC South, con i Panthers che nel primo tempo cercano di tenere a bada i Buccaneers andando a segno in 3 occasioni con Graham Gano, bravo a centrare i pali da 29, 49 e 38 yards di distanza, e permettere ai padroni di casa di rimanere agganciati agli ospiti, che hanno chiuso in vantaggio i primi trenta grazie alla meta su ricezione, da 8 yds, di Mike Evans, che pareggia il record di franchigia con 11 TD rec. in stagione, e al field goal calciato, da 48 yards, da Patrick Murray.
Nel secondo tempo, più reattiva Carolina, che passa a condurre con Jerricho Cotchery su passaggio da 2 yds di Derek Anderson, 25 su 40 per 227 yards, e allunga con un nuovo piazzato, da 45 yds, del kicker, utile a respingere gli ultimi assalti Bucs della partita; dopo la meta su corsa, da 16 yards, di Josh McCown, 13 su 28 per 154 yds, Tampa tenta la rimonta fino all’ultimo, ma a pochi secondi dal termine della sfida proprio un errore del QB, intercettato da Luke Kuechly, pone fine alle sue residue speranze.

CINCINNATI BENGALS at CLEVELAND BROWNS 30-0
Se Johnny Manziel, 10 su 18 per 80 yards, ha mai sognato il suo esordio da titolare tra i professionisti, di certo questo non aveva i connotati dell’incubo vissuto ieri contro i rivali Bengals, che lo hanno ridicolizzato, forse esagerando, ogni volta che riuscivano a fermarlo, sia inchiodandolo al terreno con un sack, 3 quelli subiti dal prodotto di Texas A&M, sia fermandolo con un intercetto, 2 i palloni pizzicatigli, da Dre Kirkpatrik e Adam Jones; errore che invece non condiziona più di tanto il suo collega Andy Dalton, 14 su 24 per 117 yds, ancora poco produttivo, fermato da Craig Robertson e aiutato, enormemente, a raggiungere la nona vittoria stagionale, da un running game in grandissimo spolvero.
Promosso starter in settimana, Jeremy Hill, 23 portate per 148 yards, non ha affatto deluso, andando a segno in 2 occasioni nel primo tempo, quando ha varcato l’area di meta con altrettante run vincenti, da 2 e 16 yds, consegnando le chiavi del match nelle mani di Cincinnati, brava a chiudere il discorso già prima dell’intervallo, con 2 field goal, entrambi da 44 yards, realizzati da Mike Nugent; sempre il kicker ha ulteriormente allungato, con un calcio da 34 yds, nel terzo periodo, anticipando la chiosa finale di Rex Burkhead, che a 23 secondi dal termine ha fissato il risultato con una corsa da 10 yards.

HOUSTON TEXANS at INDIANAPOLIS COLTS 10-17
Aprono con 1 intercetto riportato in endzone, da Kendrick Lewis per 27 yards, i Texans, che perdono prestissimo Ryan Fitzpatrick e sono costretti ad affidarsi al rookie Tom Savage, 10 su 19 per 127 yds, in cabina di regia, subendo un ritorno fulmineo dei Colts, abili a ribaltare il parziale già prima dell’intervallo, con le ricezioni di Hakeem Nicks, 26 yards, e Dwayne Allen, 3 yds, su lanci di Andrew Luck, 18 su 34 per 187 yards, velocissimo a cancellare l’errore commesso e a riportare davanti i suoi.
Vantaggio, di 7 punti, che dura per l’intero terzo periodo, prima che Randy Bullock riduca il divario con un piazzato da 53 yds, utile, solo, a rendere meno amara la sconfitta per Houston, che non riesce ad avvicinarsi ulteriormente dopo aver subito il calcio, da 29 yards, di Adam Vinatieri, facendosi fermare nel drive del possibile pareggio da Vontae Davis, che pizzica il rookie QB chiudendo la sfida della AFC South in favore di Indy.

OAKLAND RAIDERS at KANSAS CITY CHIEFS 13-31
Questa volta non si fanno fregare i Chiefs, che tengono a debita distanza i Raiders per l’intera durata del match, chiudendo già in vantaggio il primo tempo grazie alle segnature di De’Anthony Thomas, su punt return da 81 yards, e Cairo Santos, che centra i pali da 41 yds di distanza, anticipando di poco il piazzato, da 53 yards, dell’intramontabile Sebastian Janikovski; sempre Jano apre le danze nei secondi trenta, con un calcio da 33 yds, prima che salga in cattedra l’attacco di casa, trascinato da uno straordinario Knile Davis, autore di 2 touchdowns nel terzo quarto.
Il second year da Arkansas realizza prima su corsa da 3 yards e poi su ricezione da 70 yds, scavando un solco consistente tra le due squadre, già aumentato in precedenza dalla presa, da 20 yards, di Travis Kelce, servito dal QB Alex Smith, 18 su 30 per 297 yds; a trenta secondi dalla fine, touchdown della bandiera per Oakland, con David Carr, 27 su 56 per 222 yards, che pesca James Jones, pass da 1 yd, liberissimo in endzone.

MIAMI DOLPHINS at NEW ENGLAND PATRIOTS 13-41
Combattutissima, nei primi due quarti, la sfida della AFC East tra Patriots e Dolphins, con i primi che trovano il vantaggio in apertura, grazie al ritorno su punt bloccato, da 65 yards, di Kyle Arrington, che rompe il ghiaccio consentendo ai padroni di casa di mantenersi davanti fino all’intervallo, nonostante Miami risponda con Caleb Sturgis, FG da 24 e 53 yds, e Mike Wallace, con spettacolare ricezione ad una mano da 32 yards, alla corsa vincente, da 3 yds, ad inizio secondo periodo di Shane Vereen.
Run utile a tenere a distanza gli ospiti prima dell’accelerata decisiva nel terzo quarto, resa possibile dalle 4 segnature in rapida successione di New England, che realizza con LeGarrette Blount su corsa, 3 yards, con Stephen Gostkowski su calcio, 35 yds, con Rob Gronkowski su ricezione, da 27 yards, e con Julian Edelman su lancio, da 6 yds, di Tom Brady, 21 su 35 per 281 yards, che si riscatta così dell’intercetto subito in precedenza da Jason Trusnik; riscatto che invece non trova il suo collega Ryan Tannehill, 29 su 47 per 345 yds, pizzicato 2 volte durante la partita, da Duron Harmon e Patrick Chung, e incapace di condurre in porto un drive nel secondo tempo, quando i Phins non riescono a smuovere il tabellone e vengono completamente surclassati dai Pats, ancora a segno con il kicker, su piazzato da 36 yds, nel quarto finale del match.

WASHINGTON REDSKINS at NEW YORK GIANTS 13-24
Tengono botta per tre quarti i Redskins, che trovatisi privi di Colt McCoy, uscito di scena per il riacutizzarsi dell’infortunio alla schiena, si affidano a Robert Griffin III, 18 su 27 per 236 yards, e ritrovano sprazzi di quel campione che aveva infiammato le folle nell’anno da rookie, rimanendo agganciati ai Giants per buona parte del match; in vantaggio Kai Forbath, su calcio da 35 yds, il team di casa respinge il primo assalto ospite, ricezione vincente da 10 yards del rookie Beckham, trovando la via dell’endzone con Chris Thompson, servito da un pass da 9 yds del numero 10 a metà del secondo periodo.
Quarto che si tinge di giallo nel finale, quando al prodotto di Baylor viene tolto un TD su corsa che sembra regolarissimo per una presunta perdita di possesso dell’ovale mentre si tuffa in endzone; ipotesi che le immagini sembrerebbero escludere, soprattutto in virtù del fatto che, notoriamente, quando un giocatore supera, o tocca, in volo, la linea di meta con la palla in mano, il touchdown viene sempre considerato valido. Cosa che invece non succede nella sfida tra New York e Washington, e che costa l’espulsione al veterano Santana Moss, reo di aver ripetutamente offeso gli arbitri Jeff Triplette e Alex Kemp.
Tornata la calma, a fatica, dopo l’intervallo, gli Skins sono chiamati a difendere il risicato vantaggio acquisito prima dell’halftime, e riescono a farlo fino a metà del terzo periodo, quando rispondono con un field goal, da 38 yards, del kicker ad un piazzato, da 32 yds, di Josh Brown; un ultimo sussulto prima dei 2 touchdowns decisivi firmati da Odell Beckham Jr., che nel quarto finale realizza su altrettanti lanci, da 35 e 6 yards, di Eli Manning, 23 su 34 per 250 yds.

MINNESOTA VIKINGS at DETROIT LIONS 14-16
Minnesota parte bene e poi si spegne, facendosi rimontare il doppio vantaggio iniziale, ottenuto con una corsa da 2 yards di Matt Asiata ed una ricezione da 8 yds di Greg Jennings, da Detroit senza più colpo ferire, complice i 2 intercetti, lanciati nel secondo quarto da Teddy Bridgewater, 31 su 41 per 315 yards, che han di fatto cambiato l’inerzia della partita, spostandola in favore dei Lions, piuttosto in difficoltà all’inizio della stessa.
I palloni pizzicati da Glover Quin e Darius Slay hanno infatti dato nuova linfa ai padroni di casa, che dopo aver accorciato le distanze, con Golden Tate, su pass da 7 yds di Matthew Stafford, 17 su 28 per 153 yards, e Matt Prater, su FG da 29 yds, già prima dell’intervallo, completano il sorpasso nel secondo tempo; a realizzarlo ancora il kicker dei Lions, che nei due quarti rimanenti trasforma altrettanti piazzati, centrando i pali da 30 e 33 yards di distanza.

NEW YORK JETS at TENNESSEE TITANS 16-11
Sfida poco emozionante, tra due squadre deluse da una stagione ben al di sotto delle iniziali aspettative, quella andata in scena a Nashville tra Titans e Jets, con i primi costretti a fare i conti con l’ennesimo infortunio subito dallo sfortunato Jake Locker e affidarsi nuovamente ad un quarterback backup, Charlie Whitehurst, 10 su 24 per 203 yards; con un attacco obbligato a cambiare un’altra volta guida, i padroni di casa hanno faticato a mettere punti sul tabellone, affidando la missione al kicker Ryan Succop, a segno su FG da 40 yds nel primo quarto, e alla difesa, che ferma Geno Smith, 16 su 28 per 179 yards, dentro l’endzone, realizzando una safety che gli consente di chiudere davanti i primi trenta, respingendo l’assalto degli ospiti con Nick Folk, su piazzato da 51 yds.
Dopo l’intervallo ancora il kicker di Tennesse prova a tenere a galla i suoi, trasformando da 33 e 51 yards di distanza, ma New York conquista sempre più terreno, e dopo essersi portata per la prima volta a condurre con John Conner, ricezione da 9 yds, trova il vantaggio decisivo con Chris Ivory, che nel quarto finale chiude i conti con una corsa da 1 yard, lanciando i titoli di coda del match.

DENVER BRONCOS at SAN DIEGO CHARGERS 22-10
Continua il dominio dei Broncos nella AFC West, sancito dalla vittoria nella sfida divisionale contro i Chargers, messi alle strette già nel corso dei primi trenta di gioco, quando l’attacco ospite, nonostante un Peyton Manning, 14 su 20 per 233 yards, non al meglio riesce a smuovere il box score con 3 piazzati di Connor Barth, a segno da 19, 26 e 19 yds di distanza; risponde al collega Nick Novak, che prima dell’intervallo accorcia con un calcio da 30 yards, mantenendo momentaneamente in corsa i padroni di casa, staccati sul finire del terzo periodo da una ricezione, da 28 yds, di Demariyus Thomas.
Sotto di 13 punti, San Diego prova a rifarsi sotto con Antonio Gates, che riceve un pass da 5 yards da Philip Rivers, 24 su 41 per 232 yds, in apertura di ultimo quarto, ma è costretta ad arrendersi all’allungo di Denver, siglato dal kicker, che chiude la giornata in bellezza trasformando 2 field goal, da 49 e 44 yards; decisivi, nel finali, gli intercetti subiti dal numero 17, che nel tentativo disperato di recuperare si fa pizzicare da Aqib Talib e Rahim Moore.

SAN FRANCISCO 49ERS at SEATTLE SEAHAWKS 7-17
Solita partita dal basso punteggio tra Niners e Seahawks, squadre che si conoscono ormai alla perfezione e che danno vita sempre a sfide combattute, come nella giornata di ieri, quando sul finire del primo tempo, i californiani hanno accarezzato l’idea di rilanciare la loro stagione dopo essersi trovati improvvisamente in vantaggio a pochi minuti dall’intervallo, grazie ad una meta di Frank Gore, su corsa da 10 yards, e, soprattutto, all’intercetto messo a segno da Eric Reid, che ha costretto i padroni di casa ad accontentarsi del solo FG, da 38 yds, di Steven Hauschka, nel primo tempo.
La stessa Seattle cambia però marcia una volta rientrata in campo, e spegni ogni possibile speranza di successo degli ospiti trovando due touchdowns nel giro di cinque minuti; a riportarla davanti è il solito Marshawn Lynch, con una run da 4 yards, e a firmare il vantaggio decisivo, e definitivo, è invece il rookie receiver Paul Richardson, che completa la presa su un lancio da 10 yds di Russell Wilson, 12 su 24 per 168 yards, giunto alla trentaquattresima vittoria della carriera da professionista.

DALLAS COWBOYS at PHILADELPHIA EAGLES 38-27
Inizio fulminante dei Cowboys, che segnano 3 touchdowns in rapida successione, con DeMarco Murray su corsa da 1 yard e con Dez Bryant, su ricezioni da 4 e 26 yds, prima di cedere il passo agli Eagles, pronti a rifarsi sotto ed accorciare notevolmente in dirittura dell’halftime con una run vincente, da 5 yards, di Chris Polk e un field goal, da 47 yds, di Cody Parkey; sempre il runner da Washington, avvicina ulteriormente Philadelphia in apertura di terzo periodo, entrando in endzone con una portata da 1 yards, azione che viene replicata poco dopo dal suo compagno di squadra Darren Sproles, che dalla stessa distanza firma il primo vantaggio della partita per i padroni di casa.
Immediata, però, la reazione ospite, che trovano nuovamente la via per l’area di meta con Murray, questa volta su run da 2 yds, a pochi secondi dall’inizio di un ultimo quarto che si conferma da subito decisivo per l’esito del match, con l’inerzia che pende con decisione in favore di Dallas dopo la terza ricezione vincente della giornata di Bryant, che fa suo un lancio, da 25 yards, di Tony Romo, 22 su 31 per 265 yds; inutile, pochi minuti più tardi, il piazzato, da 43 yards, di Parkey, che rende solo meno amara una sconfitta anche condizionata dagl’intercetti subiti da Mark Sanchez, 17 su 28 per 252 yds, pizzicato da Bruce Carter e J.J. Wilcox in un secondo tempo chiuso dal calcio, da 49 yards, di Dan Bailey.

Post By Andrea Cresta (367 Posts)

Folgorato sulla via del football dai vecchi Guerin Sportivo negli anni ’80, ho riscoperto la NFL nel mio sperduto angolo tra le Langhe piemontesi tramite Telepiù, prima, e SKY, poi; fans dei Minnesota Vikings e della gloriosa Notre Dame ho conosciuto il mondo di Playitusa, con cui ho l’onore di collaborare dal 2004, in un freddo giorno dell’inverno 2003. Da allora non faccio altro che ringraziare Max GIordan…

Website: → FootballNation.it

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Commenta