Pocket

La notizia circolava in veste informale già da qualche tempo, ma adesso arriva l’ufficialità. Ettore Messina torna in Nba, in qualità di assistant coach dei San Antonio Spurs, campioni Nba.

L’allenatore aveva già lasciato la guida del CSKA Mosca nei mesi scorsi, dopo due anni trionfali in Russia. La notizia è stata ufficializzata anche da un tweet dei San Antonio Spurs.

Gregg Popovich ha accolto Messina nella maniera migliore possibile: “Sono onorato di aver aggiunto al nostro programma un pezzo così importante. Coach Messina è un allenatore eccezionale, un grande leader ed una persona da cui tutti noi possiamo imparare qualcosa”.

Non è certo un mistero che coach Popovich abbia sempre guardato con occhio attento a quello che succede nella pallacanestro d’oltreoceano, e non è un mistero neanche la stima che il mondo Nba ha sempre avuto per Messina, uno degli allenatori più vincenti di sempre in Europa (4 volte campione d’Europa e ben 10 campionati vinti fra Italia e Russia).

Il coach italiano aveva già vissuto un’esperienza negli States, quando Mike Brown lo aveva scelto come consultant coach ai Lakers nel 2011. Un’esperienza che era stata anche immortalata dal libro “Basket, uomini e altri pianeti”, scritto a quattro mani insieme a Flavio Tranquillo.

Lo scorso anno alcune squadra Nba lo avevano anche preso in considerazione come head Coach (specialmente gli Hawks), a riprova della grande credito che Messina ha ottenuto negli anni.

Adesso torna in Nba, nella squadra che ha dominato le ultime finali, e agli Spurs ritroverà vecchie conoscenze come Belinelli e Ginobili (i quali lo hanno già accolto calorosamente tramite Twitter).

La veste di assistant coach è sicuramente un importante salto di qualità in un mondo che spesso è stato refrattario agli allenatori che hanno fatto le loro fortune dall’altra parte dell’Atlantico. Ma i tempi stanno decisamente cambiando, basti pensare a David Blatt, vincitore col Maccabi Tel Aviv dell’ultima Eurolega ed adesso head Coach dei Cavs del “figliol prodigo” LeBron.

Questa è sicuramente un’importante occasione per Messina, che si ritrova sulla “sedia” che è stata tra gli altri di Mike Budenholzer, di Jacque Vaughn e di Tom Thibodeau, tutti adesso head Coach affermati nella Lega. Chi lo sa che questa nuova esperienza non sia il definitivo trampolino di lancio per un allenatore ed un uomo che non deve più dimostrare niente a nessuno.

Alcuni rumors parlano pure di un Popovich deciso a lasciare la panchina all’allenatore italiano tra qualche anno, quando l’attuale Coach of the Year Nba passerà ad un ruolo dirigenziale. Sono solo rumors, ma è bello crederci.

Post By Francesco Trafficante (95 Posts)

Seguo il basket NBA dal 2000, quando Vince Carter volava sui cieli di Oakland e quando i Lakers battevano i Trail Blazers alla settima. Studio giurisprudenza presso la facoltà di Palermo, mi piace la musica e suono la chitarra. Ma soprattutto, sono NBA-dipendente... Email: big.ideas@hotmail.it Twitter: @sleepinpill87

Connect

Commenta