Siamo al giro di boa di stagione e come di consueto la Nascar torna a Daytona dove i pronostici sono tutti a favore di “Superman” Johnson, vincitore della prima prova.

Il 48 cercherà sicuramente di confermare lo strapotere mostrato nelle 17 gare precedenti, sopratutto grazie ad un bilanciamento dell’ auto praticamente perfetto e anche se, a volte ha avuto qualche strategia errata può contare sul solito Chad Knaus, uomo dalla mano delicata.

Se si cita Johnson, non si può tagliar fuori Matt Kenseth fresco vincitore in Kentucky ed unico pilota, al momento con 4 vittorie stagionali. Il pilota di Cambridge, Winsconsin sta avendo una stagione memorabile degna di un possibile titolo a fine anno. Inoltre nella nottata scorsa è andato a vincere la gara della Nationwide, a dimostrazione di uno stato di forma più che eccellente.

Un altro pilota che potrebbe fare bene nella nottata è Dale Jr alla ricerca di una vittoria che manca da un anno, ma quando si parla di Daytona bisogna tenere d’occhio quell’ 88, capace sempre di brutti scherzi. Non a caso è giunto tra i primi tre nelle ultime partecipazioni.

Anche i fratelli Busch potrebbero dire la loro comodamente: la spinta che offrono alle auto nei tandem di gara sono inavvicinabili tanto che con loro dietro sembra di volare verso il paradiso. A mio modo di vedere sono considerati come veri e propri outsiders.

Sullo stesso livello vanno messi anche Danica Patrick, David Ragan e Tony Stewart:

Danica, la “ragazzina” criticata da Petty la settimana scorsa, ha ottenuto a Daytona la miglior prestazione stagionale, è stata capace di catturare la pole e questa volta partirà da un discreto 11° posto.

E’ pur sempre donna ma gareggiare contro dei maschiacci non deve essere certo facile, e chissà magari con l’aiuto di uno di loro, potrebbe dare la sorpresa di giornata.

Il suo compagno di team Tony Stewart è sempre stato un aeroplano sull’ ovale della Florida e la sua sete di vittoria è più grande che mai. Alla ricerca di una conferma dopo il sibillino trionfo a Dover per salvare il disastroso rendimento stagionale del suo team.

È la volta di David Ragan vincitore al ‘Dega quest’anno e di Daytona in notturna, un paio di stagioni fa. A dire il vero Ragan non ha mai brillato in questa stagione così come nelle annate precedenti, ma ha già dimostrato come comportarsi nei super Speedway. Lui e l’altro David ( Gilliland) cercheranno di dare filo da torcere agli avversari.

Infine attenzione all’ accoppiata McMurray- Montoya, capaci in passate edizioni di rasoiate molto taglienti.

I piloti che possono dire la loro sono fin troppi, non resta che aspettare la bandiera verde fissata per l’1.30 di stanotte e godersi una volta di più lo spettacolo che Daytona riserva per i suoi fan.

Post By Davide Sarti (237 Posts)

Sono un grande appassionato di motori americani, che a 27 anni ha seguito le orme dei grandi campioni. Tramite la mia passione e le mie conoscenze cercherò di raccontarvi il mondo della NASCAR nel modo più dettagliato possibile. Possibilmente, cercherò di farvelo amare

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

One thought on “NASCAR – Il ritorno a Daytona

Commenta