>20130413-173530.jpgA 34 anni suonati, dopo l’ennesima incredibile stagione da MVP (27 punti, 5 rimbalzi e 6 assist di media in oltre 38 minuti a partita), per Kobe Bryant é arrivato l’infortunio più grave dei suoi 17 anni di carriera: lacerazione del tendine d’Achille alla gamba sinistra, stagione finita e, considerata l’etá, carriera a rischio.

Questo tipo di infortunio, infatti, benché generalmente considerato meno grave della lacerazione del legamento crociato del ginocchio, comporta tempi di recupero lunghi (almeno 1 anno) e in alcuni casi ha comportato addirittura il ritiro del giocatore: il caso più eclatante rimane quello di Isiah Thomas, ritiratosi a soli 32 anni. D’altra parte, Dominique Wilkins, che patí lo stesso tipo di infortunio a 32 anni, tornò a giocare 2 All Star Game e si ritirò solo a 39 anni.

Recentemente, Chauncey Billups ha subito questa tipologia di infortunio a 35 anni: rientrato, non ha però dimostrato di essere tornato quello di un tempo.

L’infortunio a Kobe è arrivato dopo un 48 minuti giocati in back-to-back contro Portland, e al minuto 44 della partita contro i Warriors: inutile dirlo, grosse responsabilitá sono da addebitare a coach D’Antoni che non ha saputo convincerlo a uscire dal campo almeno qualche minuto, per concedere al suo fisico da super-uomo un po’ di tregua.

Post By Max Giordan (984 Posts)

Max Giordan
segue l’NBA dal 1989, naviga in Internet dal 1996.
Play.it USA nasce dalla voglia di unire le 2 passioni e riunire in un’unico luogo “virtuale” i tanti appassionati di Sport Americani in Italia.
Email: giordan@playitusa.com

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

5 thoughts on “NBA – Stagione finita per Kobe Bryant, carriera a rischio?

  1. Anche l’altra volta si infortunò nel finale, proprio quando bisogna dare il 100% e non è facile stare giù, soprattutto per un giocatore come lui, abituato a risollevare le sorti della sua squadra sempre e comunque. Questa volta però, è stato fatale ed è inutile trovare capri espiatori perchè non si fa altro che peggiorare una situazione già di per sé difficile. Kobe è il mio giocatore preferito sin dai tempi in cui si ritirò Michael Jordan e mai mi sarei aspettato uno scenario peggiore, soprattutto nello stato in cui sono i Lakers adesso come adesso. Questa è la mazzata definitiva alla nostra stagione, ma non voglio sentire parlare di ritiro. Kobe tornerà, ancora più forte di prima. Auguri Campione!

  2. Anche se tifo celtics spero tanto che torni, perché la carriera di un grande campione come lui non può finire così. Già è un peccato che i Lakers in rimonta lo perdano per i playoff, che tra l’altro è brutto immaginare senza kobe….

Commenta