Hawks 103 – Pacers 114

E con questa sono 15 le partite vinte consecutivamente da Indiana in casa. Un numero che fa davvero ben sperare ai tifosi della squadra che ora si trova al terzo posto della Eastern Conference.

La partita è abbastanza combattuta e si gioca punto a punto, ad eccezione del terzo quarto “sfuggito” agli ospiti di Atlanta e chiusosi sul +10 per i padroni di casa, che ha visibilmente compromesso la partita, visti gli 11 punti di distacco finali. Nessuna grande sorpresa però nel risultato in una partita dove lo spettacolo viene sempre fornito da chi l’All Star lo ha meritato e continua a farlo.

Paul George infatti è l’asso della serata e ci delizia con 29 punti, accompagnato dai due fedeli compagni Goergoe Hill e David West, con 15 punti a ciascuno. Jeff Teague per gli ospiti si porta a casa 24 punti e 8 assist, più 15 di Horford e 14 di Jenkins.

Lakers 92 – Nets 83

Partita divertente con tanti colpi di scena e cambi di scenario; infatti ogni quarto fa storia per conto suo. Una partita con 2 quarti per ogni squadra e la differenza la fanno i punti rifilati nel secondo periodo dagli uomini di D’Antoni, che erano partiti in balia dei padroni di casa al Barclays Center di New York. Ben 12 pareggi e 18 cambi di vantaggio in tutta la partita, a sottolineare l’andamento molto incerto della gara.

Il primo periodo di gioco si chiude infatti in favore dei newyorkesi con un parziale di 18-24, e i Lakers, privi di Dwight Howard per infortunio, e Metta World Peace per la sospensione riguardante colpi proibiti a Knight, si trovano a dover ribaltare la situazione, e riescono perfettamente nel loro intento. Il secondo quarto è una risposta forte dei gialloviola che rifilano 15 punti a Brooklyn chiudendo il quarto sul 31-16 e arrivando all’Half time a +9.

Al rientro in campo si ricomincia da zero. Infatti il terzo periodo è la copia del primo e termina nuovamente 18-24, ma rimanendo a +3 i losangelini rispondono ancora ai Nets chiudendo 25-19 l’ultimo quarto e portandosi a casa una ottima vittoria che li avvicina sempre più alla zona playoffs.

Per Los Angeles, il top scorer è il solito Kobe, che però non vive certo una serata perfetta, e chiude con 21 punti e un brutto 9/24. Bella prova del giovane Clark con 12 rimbalzi e 14 punti e di Steve Nash con 17 punti e 8 assist. Per Brooklyn invece la costante è la bassa percentuale al tiro con i 5/13 di Deron, i 3/10 di Wallace, i 4/15 di Johnson e un complessivo 6/23 dall’arco. Migliore uomo è Brook Lopez che arriva a 30 punti e 11 rimbalzi.

Suns 96 – Grizzlies 90

Phoenix vede qualche vittoria, ma non è abbastanza viste le ultime 4 cadute su 5 partite, prima di stasera. Ma contro i Grizzlies, reduci dalle trades che hanno portato via parte della squadra, e un andamento molto altalenante con il quarto posto in bilico, trovano una vittoria che fa respirare, anche se i playoffs sembrano ormai troppo lontani.

La partita è sempre sul filo e viene decisa dalla prova di forza dei Suns all’ultimo periodo di gioco, con un ottimo +12 che capovolge la situazione di inizio quarto, partito dal +6 per i padroni di casa.

Al FedExForum di Memphis nonostante la vittoria, i giocatori più attesi degli ospiti continuano a fare fatica come Beasley che scrive a referto solo 6 punti, che per un giovane di talento, come ci aveva mostrato l’anno passato, sono ben pochi. Anche Dragic non è dei migliori con 17 punti ma solo 4 assist, che per uno dei migliori assist man di Lega non sono soddisfacenti. Gortat invece si fa valere e in questa serata segna ben 20 punti.
Dall’altra parte ottimi i 29 punti di Bayless con una fantastica percentuale al tiro con i suoi 11/15 canestri a segno. Ottimi anche 21 punti e 13 rimbalzi per Randolph, che è ormai il leader della squadra dopo la partenza di Gay. Modesta prova per Prince che segna 11 punti con un 5/12 al tiro.

Warriors 109 – Rockets 140

Letteralmente schiacciati i Warriors, che arrivano a Houston con buoni propositi, trovandosi sopra in Regular. Buoni propositi che finiscono sotto la macchina da punti Lin-Harden. Per ben 3 periodi infatti, Houston termina il periodo con più di 35 punti sommergendo la povera prestazione di Curry e compagni.

Il primo periodo finisce col botto, chiudendosi sul 37-38. Poi la partita si normalizza, solo per una delle due squadre però! Infatti i seguenti periodi sono una disfatta con un 25-39 al secondo, 24-27 al terzo e 23-36 all’ultimo periodo.

Bella serata per Jeremy Lin con 28 punti e 9 assist, seguito dal “Barba”, con 18 punti e 7 assist e 4/5 dall’arco. Ottime doppie doppie per Asik con 11 punti e 15 rimbalzi e Patterson con 12 punti e 10 rimbalzi.
Spente le stelle di Oakland al Toyota Center, dove Thompson mette 6 punti e Curry 7 (3/12 al tiro). Buone prestazioni per Jack con 20 punti e Lee con 18.

Bucks 104 – Nuggets 112

Tesa anche la partita in Colorado, dove i padroni di casa del Pepsi Center si svegliano solo all’Half time facendo tirare un sospiro di sollievo ai tifosi. Continua così la striscia positiva che ora è di 7 vittorie per Denver, seconda solo a San Antonio (10 vittorie consecutive).

Prima della pausa i due quarti sono un dominio rosso-verde con un +15 maturato dalla strepitosa gara di Dalembert.
Nella seconda metà il tempo cambia nella capitale del Colorado, e inizia a vedersi la luce oltre le nuvole del temporale, dove con un +8 nel terzo periodo torna la speranza che grida alla vittoria. L’ultimo tempo parte quindi con un -7 dei padroni di casa, che sbaragliano l’armata Milwakee concludendo con un +15 nel quarto, per il +8 finale.

La gara ha un sapore dolce per l’Italia, per il tiro denominato già da tanti “The Shot of the Century” o “semplicemente” il canestro dell’anno, con cui il Gallo a 50 secondi da fine partita si mette in mostra. Un Circus shot che fa lamentare dell’esclusione dell’italiano dall’All Star Game. Altra seratona quindi per Gallinari che è anche il top scorer insieme a Ty Lawson con 22 punti per Denver, insieme ad un buon Faried con 13 punti e 10 rimbalzi.

Spenti i 3 point shots, spenti i Bucks. Il 18,8% dall’arco è infatti pessimo per una squadra come Milwakee con ottimi tiratori come Ilyasova (0/2 da 3), Ellis (0/5), e Jennings (0/3). Unica nota positiva, la strepitosa serata di Dalembert, già citato in precedenza, che con 35 punti, con cui segna il suo career high e 12 rimbalzi, con un ottimo 17/21 al tiro.

Post By elix (8 Posts)

Classe ’91, ho iniziato a seguire il basket nel 2004 con Vince Carter sulla copertina di un gioco, e mi sono innamorato di Vincredible e The Answer.

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Commenta