Chicago 34 at Dallas 18

La difesa di Chicago ha rovinato la serata a Tony Romo

Una partita disastrosa di Tony Romo permette ai Bears di espugnare il Cowboys Stadium e di portarsi in testa assieme ai Vikings nella nfc north. Dopo un primo tempo tutto sommato equilibrato terminato con il punteggio di dieci a sette in favore degli ospiti, sono i restanti trenta minuti a fare la differenza tra le due formazioni con l’attacco dei Boys che non riesce più a venirne a una.

Tony Romo lancia 307 yards completando 31 passaggi su 43 e un td pass per Miles Austin ma subisce cinque intercetti. Quelli del cornerback Charles Tillman e del linebacker Lance Briggs vengono riportati in touchdown ma anche i wide receiver del numero nove di Dallas ci mettono del loro commettendo numerosi drops. Il reparto corse è stato ben limitato dalla difesa Bears quindi il miglior contributo è arrivato dal tight end Jason Witten,capace di ricever 13 palloni per un totale di 112 yards e 1 td lanciato dal back up Kyle Orton,fatto entrare dopo il quinto intercetto. Difesa tutto sommato negli standard ma giocare numerosi snap non è un bene per chiunque.

Bears vincenti con una difesa che blocca ottimamente le corse e che spezza le gambe ai Boys nel tentativo di rientrare in partita. Jay Cutler registra 18/24, 275 yards e 2 td pass per Devin Hester e Brandon Marshall( 7 catch e 138 yards) trovando una buona intesa con tutti i suoi bersagli; Matt Forté corre 52 yards ma è continuamente tormentato dal problema alla caviglia diminuendo la sua presenza in campo ma per oggi sono bastati gli errori dell’attacco dei Cowboys.

Post By Federico Vedovelli (550 Posts)

Student, rugby referee, Carolina Panthers, NCAA Football, NBA, Radio Play.it. Affascinato da Twitter: CamFederico

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

One thought on “NFL – Debacle Romo nel Monday Night

  1. Ricordo che un paio di anni fa si sviluppò una serie di post tsi al confronto tra Rodgers e Romo. Rodgers era poco più che rookie, mentre Romo era più esperto.
    La mia conclusione (e anche quella di quasi tutti i partecipanti al forum di playusa.it)
    fu quella che Rodgers sarebbe potuto migliorare e diventare (allora non lo era ancora)un fuoriclasse, mentre Romo non lo sarebbe mai stato.
    Le ultime due stagioni direi che ci hanno dato sonoramente ragione: Rodgers è ormai nell’olimpo de qb della nfl, Romo è un qb che riesce a far notizia quando non compie erroni grossolani.

Commenta