Pocket

Game 7: Boston 88 @ Miami 101

Dopo una Gara 7 molto intensa, con Boston avanti per quasi 3 quarti di partita, i Miami Heat vincono con merito grazie al rush finale dei 3 Amigos (Wade 23p 6r 6a – James 31p 12 r 2a – Bosh 19p 8r) e torna in Finale.

E’ stata probabilmente l’ultima partita insieme dei Big3 di Boston (Allen 15p, Garnett 14pp 7r, Pierce 19p 4r), coi primi 2 in scadenza di contratto. Decima tripla doppia nei Playoffs per Rajon Rondo (22p 14a 10r).

Post By Max Giordan (984 Posts)

Max Giordan
segue l’NBA dal 1989, naviga in Internet dal 1996.
Play.it USA nasce dalla voglia di unire le 2 passioni e riunire in un’unico luogo “virtuale” i tanti appassionati di Sport Americani in Italia.
Email: giordan@playitusa.com

Connect

16 thoughts on “NBA – Miami batte Boston in Gara 7 e torna alle Finals

  1. signori il ciclo dei big three è ufficialmente concluso, queste erano proprio le ultime cartuccie, l’ultimo canto del cigno, l’ultimo assolo, hanno vinto poco per le qualità, peccato

  2. Ora che il ciclo dei big three di Boston è definitivamente concluso si può fare un bilancio di questi 5 anni.

    E devo dire che è assolutamente in attivo, 70% complessivo di vittorie in regular season tra il 2008 e il 2012, un anello stradominato, una finale raggiunta da underdog e portata a gara 7, una finale di conference finita anch’essa a gara7 e due semifinali di conference (di cui la prima senza Garnett).

    KG ha cambiato la mentalità e l’approccio difensivo dell’intera franchigia, continuando a fornire prestazioni da campione con continuità nonostante l’età avanzasse, Pierce ha fatto decine di partite memorabili sfoderando quasi sempre palle d’acciaio e trascinando la squadra nei momenti più difficili, Ray of Light ha incantato per lunghi tratti con i suoi jump shot tecnicamente perfetti, Rondo è via via esploso diventando forse il miglior play della lega in molti aspetti. E poi Ciccio Davis, Perkins, Tony Allen…

    Emozionante epopea anche se durata solo 5 anni, ma 5 anni intensi. Complimenti ai Celtics.

  3. non ci posso pensare che garrnet sia a fine carriera, uno dei giocatori più completi che ho visto :(
    comunque auguroai celtics di trovare due all’altezza di allen e kg, è molto dura perchè parliamo della storia ma me lo auguro

  4. Ad inizio anno Il pronostico dei più grandi esperti era Miami-Oklahoma. Dopo una stagione voluta velocissima…..finale Oklahoma-Miami.

    • Sembra la danza nel quadro di Matisse. Bisogna divertirsi nella vita e sembrano sposare lo spirito brasileros. Turiaf idolo incontrastato, si spingono come scimmie, Bosh sente scorrere le giuste note, Chalmers e Wade si muovono bene, poi arriva Lebron che smanetta e piazza la tripla doppia ballando scalzo. Qualcuno potrebbe lasciarli in mutande, ma lo sport e prima di tutto divertimento, scaricare l’adrenalina dopo una doppia impresa – Pacers, Celtics – e normale. Ho ballato anch’io per due minuti, pur tifando per i Bulls.

  5. dr. harving – larrok

    sacrosante parole….amen
    sono andato a dormire alle 5,30 di notte,e pensavo proprio a questo…5 anni,un lustro di una grande squadra,e soprattutto il ricordo di questi big 3…cavoli,da milwaukee a seattle a minnesota ed ora a boston…fa male, ma hanno fatto una carriera enorme e una stagione da applausi…chapeau….ora ce rondo,ottimo e doc rivers,uno dei migliori coach nba!

    ora ce okc…potenzialmente possono pure vincere 4-0 ma non voglio gufare,spero in un massacro, miami gioca da cani…sarebbe solo giusto

  6. Non mi sbilancio ad elaborare pronostici per le Finals, si troveranno di fronte due squadre giovani ed atletiche che sicuramente daranno spettacolo. I Thunder partiranno coi favori del pronostico, hanno un roster più profondo e completo e sono meno sottodimensionati nel pitturato, ma la voglia di definitiva consacrazione di James potrebbe far pendere la bilancia in favore di Miami.
    Il ciclo dei Celtics è ormai finito, il bilancio è ottimo, probabilmente se Perkins non si fosse infortunato nella serie contro i Lakers avrebbero vinto il secondo anello. Le basi per ricostruire una buona squadra partendo da Rondo ci sono.

  7. Per voi che amate le partitaccie dell’Eurolega a 60 punti giocano male per me sono uno spettacolo gli Haet.
    Vedere tre giocatori così è una goduria.E i Thunder sn molto simili a loro.
    .

  8. Anch’io non condivido molto il “giocar male” di OKC e Heat; sicuramente non giocano bene, ma tendenzialmente il basket contemporaneo Nba sta favorendo il talento al gioco, quest’anno più che mai…

  9. Che dolore per i miei Celtics! Comunque vedo i Thunder strafavoriti, troppo più completi… Gli Heat hanno speranze solo se Wade e James si mettono in testa che devono giocare col p&r e se Bosh continua a mettere triple su triple. Sinceramente ho dubbi su entrambe le situazioni (e sulla prima non trovo veramente spiegazioni, se non la totale passività di Spoelstra nello spogliatoio).

  10. Ooooh che sorpresa!!!!!! E io che pensavo che la NBA avrebbe sprecato le magliette e le favolose anticipazioni sul suo sito!
    Comunque anche se il risultato è tutto nel numero di falli fischiati, i Celtics pagano almeno tre fattori importanti
    1. La scellerata cessione di Perkins in cambio di …. niente
    2. La scriteriata decisione di rinunciare a Thibodeau e tenere Rivers
    3. L’assurdo ingaggio degli O’Neal
    Ora devono ricostruire da zero, ma quello che è più importante cambiare non sono i giocatori, anche se 15 nuovi sono il minimo per sperare in una seppur minima ripresa entro i prossimi 10 anni.

  11. Concordo in parte con timeout, credo anche io che le cessioni di Perkins, ed aggiungerei Tony Allen hanno indebolito una squadra che forse poteva raggiungere qualcosa in piú.
    Comunque credo il bilancio dei Big three sia estremamente positvo. Credo da Rondo si possa ripartire, anche se ci vorrá tanto tempo.
    Speriamo bene

Commenta