Boston 94 @ Miami 90

Fare il giornalista sportivo ogni tanto ti costringe a “metterti avanti” coi tempi nei resoconti delle gare. Capita quindi che già prima di una partita o durante la stessa si debba provare ad ipotizzare un eventuale finale.
Difficile e rischioso, soprattutto quando si parla di basket. Soprattutto quando si parla di Celtics.

Il ritorno di Bosh (bene ma non benissimo) ed un primo quarto di abbacinante strapotere fisico (24-16) sembrano il preludio alla prevedibile vittoria di Miami.
Nei secondi 12 però la second unit degli Heat sparisce dal parquet (James è l’unico dei suoi a segnare dal campo) e la premiata ditta Allen-Garnett piazza il contro parziale che manda i biancoverdi a riposo sul -2.
La gara esplode nella ripresa: Rondo, in serata non entusiasmante al tiro (3/15), comincia a regalare boeri ai suoi (saranno 13 gli assist a fine gara) per tenere il passo delle scorribande dei padroni di casa che allungano con 9-0 targato Haslem (3 e 14 per lo scudiero) e Battier.
Boston alza l’intensità difensiva e piazza l’ennesimo ribaltone della gara con un 11-1 concluso dai canestri pesantissimi di Dooling e del sempre più decisivo Pietrus (13 con 5/8 dal campo).
Sembra finita ma la premiata ditta James-Wade (57 per il duo più criticato del pianeta) riporta la gara in parità a 1.39 dalla sirena.
Il mini OT a cui si assiste non è roba per palati fini, fatta eccezione per la ridiculous bomba di Pierce in faccia al prescelto e per la risposta in lay-up dello stesso numero 6 (primo canestro della post-season nei momenti clutch..).
Di Garnett, manco a dirlo, i liberi della staffa nel finale.

Gara 6 giovedì notte al Boston Garden paradossalmente potrebbe essere l’ultima anche per un altro trio…

Post By Niccolò Coveri (44 Posts)

“It’s just giving people opportunities..”

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

18 thoughts on “NBA – Immensa Boston: gara 5 è biancoverde

  1. A onor del vero LBJ ha messo la bomba del pareggio negli ultimi secondi di gara 4, sorvoliamo sull’overtime, resta il fatto che questi Celtici sono tosti, sono carichi, sono determinati e maledettamente affascinanti da vedere.
    Mi spiace molto ma temo che LBJ resterà a bocca asciutta ancora per un bel pezzo..

  2. Ma se venisse a Boston il Signor James, gli insegnamo cosa vuol dire giocare in una Squadra. Poi vedrai come cambia il ragazzo :D

    Comunque grandi C’s!!! Mai mi sarei aspettato di essere ad una vittoria dalle Finals!

  3. Ma piantatela con questo LBJ…..
    Anche se dovesse passare in finale (cosa a questo punto compromessa), la squadra non ha nessuna speranza con OKC o peggio con SAS.

  4. secondo me ora viene il bello. Ora si vede quanto vale veramente lebron. La palla passa a lui giovedì sera. Vediamo se è un vincente.

  5. Vedere i vecchietti di Boston vincere a Miami mi ripaga dei 10$ spesi per NBA.TV
    Adesso però Sky basta scherzi sui play off.

  6. LBJ, che io sinceramente detesto per i suoi atteggiamenti, mi sembra non possa essere crocifisso per questa gara 5. Il problema è che spesso si fanno i conti senza l’oste: il basket è un meraviglioso sport di squadra e talvolta anche avere 3 giocatori meravigliosi nello stesso roster può non essere sufficiente per vincere un titolo. Ci vuole chimica, intesa, aggressività, voglia di sacrificarsi l’uno per l’altro, cuore. Alcune di queste qualità, gli Heat non le hanno. I Celtics invece saranno vecchi, acciaccati, scarsi…tutto ciò che volete ma lottano tutti per lo stesso obiettivo ed hanno un orgoglio infinito….Non sono ancora sicuro che andranno alle Finals, ma certamente ci stanno offrendo una dimostrazione grandiosa di cosa significa il concetto di SQUADRA.

  7. Sky non fa scherzetti ha i diritti per un tot di partite quindi non vuole rinunciare ad eventuali gare 7 quindi è costretta a lasciare qualche gara per strada.. Il problema del progetto di Miami è che indipendentemente dal passaggio del turno con Boston, si chiama OKC che se rimane come è, è destinata a dominare la nba (non rimarrà così, ma Sam Presti mi sembra un GM che buona dose di materia grigia per sopperire a tutte le evenienze).. Per il momento pagherà solo il filippino ma il prescelto farà bene a farsi due domande e se vuole vincere l’anno a pensare a qualcos’altro.. Chiaro la media heat degli ultimi 24 è scandalosa e fare due punti in un supplementare altrettanto!! Cmq la serie non è finita..

  8. Concordo con chi dice che la serie è tutt’altro che finita.
    I Celtics avranno bisogno di una grandissima serata, per passare.
    Gli Heat, paradossalmente, quando sono con le spalle al muro, si liberano di tutte le pressioni e danno il meglio, come è successo in gara 4 ad Indianapolis.
    Bosh, misteriosamente lasciato fuori nel quarto periodo, giocherà di più e renderà ancora più grave il problema dei rimbalzi d’attacco che Boston concede troppo.
    I Celtics sono stanchi, e hanno rotazioni più corte.
    Non so quanto possano alzare ancora il livello, ma credo dovranno farlo.
    In ogni caso è già incredibile che siano arrivati a questo punto.
    Per chi non lo ricordasse: due giocatori fuori per la stagione per problemi al cuore(record assoluto nello sport, probabilmente). Un lungo ormai finito ma comunque in grado di tenere il campo per una decina di minuti(JO)? Niente da fare…Fuori per la stagione. Giocatore rivelazione in grado di dare un ottimo contributo soprattutto in difesa? No problem…Fuori per la stagione. Pietrus? Da operare al ginocchio a fine stagione…Allen? Speroni ossei…Pierce? Lesione al legamento mediale.
    Quello che stanno facendo i Celtics è pazzesco.

  9. Da famoso LBJ hater quale sono, quest’anno ho poco da dire al #6. Probabilmente ha dato tutto per vincere, ma da soli non si vince, e neanche in 2. La serie non è finita, ma vincere in casa C’s la vedo dura.

    Auguri a LBJ in caso dovesse uscire, spero abbia un buono psicologo.

  10. Serie non ancora finita: in NBA ultimamente contano più l’atletismo e il tonnellaggio del gioco! Sono 4 gare che Boston gioca benissimo, secondo me scoppiano.

  11. PS: garnett a livelli come nemmeno due-tre anni fa, e Pierce sembra pesare almeno una decina di kg in meno rispetto all’anno scorso!

  12. Io non mi stupisco dei risultati raggiunti da Boston, quello che conta per andare avanti nei playoff, oltre ad vere il go-to-guy è la capacità dei gregari di salire di tono nei momenti cruciali ( vedi Barea l’ anno scorso ). I Celtici, pur essendo “vecchi” hanno un bravo allenatore ( ottima idea quella di far schierare Garnett da pivot quest’ anno ), un sistema di gioco collaudato che coinvolge tutto il quintetto, giocatori con caratteristiche tecniche complementari. Gli Heat hanno due doppioni che monopolizzano i possessi, una batteria di tiratori più o meno validi, una buona difesa che però spreme troppo il duo di cui sopra e in panchina il filippino mi sembra inconsistente. Il massimo sarebbe una finale “vintage” Speroni vs Celtici.

  13. Se Miami dovesse uscire a mio parere sarebbe una batosta ancora maggiore per James rispetto alle finals passate: mentre l’anno scorso buona parte delle colpe erano sue, quest’anno è indubbiamente il migliore dei suoi, sa che non dipende solo da lui e dall’altra parte OKC fa paura.

  14. Da LBJ hater di brutto…

    ragazzi Miami fa paura… tolto wade e bosh che non mi sembra porprio in forma il resto è 0. L’unico giocatore di basket del roster (Miller) corre peggio di un ottantenne.
    LBJ non ha del tutto la mentalità del vincente e di fronte ne ha uno che a livello di testa secondo me è il secondo della lega (the captain and the truth) dietro al mamba ma si ritrova una carretta di squadra..
    Boston ha secondo me un quintetto da titolo però potrei partire io dalla panchina

  15. Semaforo rosso per i Celtics. Dan Crawford torna in campo.
    Garasette a Miami ha un esito scontato.

Commenta