Indiana 83 @ Miami 115 (2-3)

Nella bolgia dell’American Airlines Arena il duo delle meraviglie replica la prestazione convincente di gara 4 e conquista l’inerzia della serie. Dopo un primo tempo di sostanziale equilibrio Indiana molla la presa, complici gli infortuni di West e Granger (più serio del previsto, a rischio per gara 6) ed una considerevole differenza nelle percentuali realizzative.
I Pacers scelgono il momento peggiore per andare in letargo, facendo amicizia col ferro dalla lunga distanza (6/21) e dimenticando l’importanza del dominio sotto le plance (49-35 il conto dei rimbalzi a favore dei padroni di casa).
Gli Heat da par loro pescano il franchise record ai playoff col 61.4% dal campo, trovando nelle bombe di Battier (13 con 4/5 dal perimetro) il vero ago della bilancia. Wade è in vena di circus shots e Hansbrough decide di maltrattarlo tirando giù la mannaia. Haslem (rinato, 10 con 5/6 dal campo in 16′) vendica il proprio capitano con un fallo esiziale, dandogli l’input per un personale 11-2 a inizio ripresa che, in contumacia a Granger (eroico, ma deve cedere alla caviglia dolorante), ipoteca gara e probabilmente serie (Wade avrà vendetta personale nel quarto finale stuprando Psycho-T con una stoppata “ridicola”).
Last but not least il vituperato numero 6 piazza un’altra prestazione monstre (30, 10 e 8) alle soglie della tripla doppia, facendosi notare per qualche highlights play e per delle simpatiche dichiarazioni pre-gara sul comportamento di Granger nella serie (“Whatever he’s trying, it’s not working. I guess he’s doing it for his own psyche. It’s stupid..”).
Nella Waterloo dei Pacers steccano praticamente tutti, a partire dal back-court (il duo Hill-George combina per 17 punti ed un mesto 1/9 dal perimetro) passando per la tanto osannata front-line (8/23 per Hibbert e West).
Giovedi notte a Indiana primo match point Heat.

Post By Niccolò Coveri (44 Posts)

“It’s just giving people opportunities..”

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

27 thoughts on “NBA – Prova di forza degli Heat: 3-2

  1. come sempre james nelle dichiarazioni la fa fuori dal vaso… granger ha reagito a ragione perché sia james che wade due volte hanno tentato di rifilarli delle subdole gomitate. che vigliacchi

      • Si…ma leggete le dichiarazioni di Granger per cui LeBron ha detto questa cosa.Sempre a sparare a zero quando non ce n’è bisogno.E’ tutta la serie che fa falli,rompe le scatole,dice robe del tipo ‘voglio far vedere a LeBron che non ho paura di lui’.Come definirlo se non stupido? Ma come dico sempre ‘karma is a bitch’ e si è infortunato…

        • si che poi non ha detto che Danny è stupido. Ha detto che quel tipo di attitude è stupida..e ha ragione. Questo lo disintegrano ad ogni partita e in più deve anche starsi zitto? Risponde sul campo e ai microfoni, senza offendere nessuno..granger dovrebbe darsi una calmata

  2. Grandissimo Lebron..
    Quell´inferiore di granger non ha altri mezzi che cercare provocazioni di infimo livello per far alterare in qualche modo il PRescelto..
    Che risponde alla grande, con saggezza ed equilibrio.. e soprattutto con le triple doppie e 12/19 dal campo

  3. io non ho letto le dichiarazioni, ma in campo lebron un paio di volte e wade un altra volta hanno tentato di rifilarli una gomitata (una quando granger lo ha tirato per la maglia e lebron ha teso il gomito per prenderlo in faccia). giustamente granger li ha fatto il muso duro. credo che ognuno di noi lo avrebbe fatto.

    che poi lebron sia un grande giocatore non giustifica ste cose, e granger non deve aver paura solo perché lebron ha uno status da stella.

    poi le dichiarazioni. ci sono pochissimi giocatori che fanno dichiarazioni interessanti e james non è uno di questi

    • in gara 2 e 3 ci sono stati quei due gomiti alti…che sono da condannare..però è da gara 1 che granger sta facendo il bullo.

  4. granger è il simpaticone che ai mondiali ha giocato forse 10 min in totale è ha twittato qualcosa del tipo “gli europei puzzano”.

    non facciamolo passare per gandhi.

    • figurati, ho detto che in generale i giocatori sono stupidi, in tutti gli sport. detto da un americano è un onore :D

  5. Peccato comunque per gli Heat che si siano giocati questo bonus dalla panchina in questa partita… Una prestazione del genere di Battier & co. sarebbe stata molto più utile contro Celtics o Spurs…

    • è un “bonus” che accade una volta ogni anno? ahah
      in teoria quell’apporto dovrebbe essere il “normale” apporto della panchina..tiratori da 3 che segnano da 3..sono pagati per quello

      • Sei talmente accecato da Lebron da non accorgerti che i panchinari giocano così bene più o meno una volta al mese?

        • ma c’è poco da essere accecati..il problema è che dovrebbero giocare così sempre..o cmq a % medio alte..il problema è che si stanno dimostrano inaffidabili. Poi che c’entra lebron se sto parlando del supporting cast. Forse sei tu accecato dall’odio ;)

    • Wade quest’anno ha disimparato a tirare i liberi? Ha percentuali più elevate nei tiri da circo che non in quelli dalla lunetta

  6. Mi piacerebbe vedere gare 7, ma l’inerzia sembra esser cambiata.
    Lbj? andiamo avanti. Toglietegli la palla a inizio azione e sarà ancor più decisivo.

  7. heat dominati a dire poco, senza bosh e sottilineo senza bosh che cmq sia è un giocatore che sarebbe titolare nella maggior parte dei team! se tirano da tre non dico come stanotte ma intorno al 40% x me rimangono i favoriti anche piu degli spurs o dei thunder

  8. granger e’ un idiota e’ assodato…anche nei mondiali fece delle uscite da cretino totale..del tipo i giocatori europei puzzano dovrebbero comprarsi un deodorante…insomma un perfetto idiota che se la cerca.

  9. in realtà non parlò dei giocatori europei ma degli iraniani, pensando che l’iran fosse, tra l’altro, in Africa. Nella sostanza non cambia nulla, rimane un mezzo demente.

    • credo sia granger, che tra l’altro aggiunse la parola “asino” sul fatto che gli europei o africani insomma puzzassero (come asini)..Evidentemente è stato allattato da qualche asino da piccolo :-)

      • solo Granger? mah mah, mi permetto di dubitare in quanto sto stridore si avverte da ogni latitudine. Alcuni fuggiasci si sono nascosti per bene nei loro Bunker Hitleriani costruiti nel bel mezzo di una serie contro Denver, quasi sapevano la fine che li aspettava …Sono rannicchiati, nascosti ( ma spiano) e stridono i denti per il nervoso.

        PS: Danny 33 parlò comunque di europei e basta, secondo il suo olfatto puzziamo di asini morti e putrefatti nella melma …

  10. Sulla dichiarazione di lebron questa volta mi schiero dalla sua parte. Cosa che non faccio dal punto di vista delle prestazioni, dato che sono otto anni che affronta squadrette ai playoff. quando è andato contro squadre serie come san antonio e dallas (oltre che boston) ha fatto la figura del peracottaio. PS: qualcuno sa se stanotte gli han fischiato travelling?

  11. partita totalmente diversa alle altre della serie.
    i primi 15 (su 19 totali)punti di miami sono tutti del supporting cast…
    il truco è stato farli entrare subito in ritmo, e poi i due hanno spaccato la partita tra fine secondo quarto e inizio terzo.
    battier finalmente s’è ricordato di esser un giocatore, haslem anche. chalmers buono in difesa, ma in attacco ha fatto danni.
    lebron con una partita sostanziosa. quando sullo schermo è apparsa la grafica che aveva fatto 18 punti mi sono meravigliato, ero convinto che ne avesse fatti molti meno, e wade(che era a 11) molti di più.
    ha giocato per la squadra in modo perfetto.
    le colpe di indiana sono evidenti, non si possono ignorare così i lunghi, accotentandosi di tiri da fuori, questa difesa ti pressa troppo(e da li i tantissimi punti in contropiede di miami).
    difesa che butta corpi su corpi su hibbert…e sembra che anche lebron se ne stia occupando.
    la sensazione di ieri e l’ho avuta sul 40-44 , è che indiana non aveva una possibilità di vincere questa partita, e che miami stava giochicchiando, poi hanno spinto sull’acceleratore e sono andati via

  12. Diramati i quintetti difensivi dell’ anno. manco a dirlo, colui che ha preso più voti è stato lebron.. tutto questo non fa altro che tormentarmi

  13. a tutti gli scienziati che dicevano pacers favori… ricordo che ho detto che questi appena ne perdevano una in casa si scioglievano.. appunto…

Commenta