harri6868

NBA – Utah condanna Phoenix, il Beli finalmente decisivo

Phoenix 88 @ Utah 100
Era gara da dentro o fuori all’Enery solutions Arena. I Jazz tornano meritatamente ai play-off dopo gli addii di D-Will e Coach Sloan sfatando il tabù Suns (ultima vittoria datata Marzo 2010).
E’ gara vera sin dai primi minuti ma i Jazz sono troppo pesanti sotto le plance per essere impensieriti dai lunghi dell’arizona (Morris e Gortat combinano per soli 8 punti e 4/16 dal campo). Oltre al solito Al-J (d-d da 18+16) esplodono Paulino Millsap (26 con 10/18 al tiro) e un sempre più convincente Favors (13+11 in 28′ sul parquet).
Non basta ai Suns la solita prestazione ecumenica del predicatore canadese (per Nash 14 pt e 11 ast).
Interessante vedere quali saranno le contromisure di coach Pop sotto canestro…

LA Clippers 102 @ Atlanta 109
I Clips falliscono l’aggancio alla terza piazza dell’ovest e cadono sul parquet degli Hawks, che si assicurano il fattore campo contro i Celtics al primo turno.
LA si affida al duo delle meraviglia Griffin-Paul, che combinano per 70 dei 102 totali. Atlanta si dimostra ancora una volta più squadra, decidendo la gara sul finale di terzo quarto con un 15-2 fimato JJ (28 con 10/17 dal campo. superato Kevin Willis nei marcotori all-time degli Hawks) e J-Smove (d-d da 18+10).
Chi ha paura degli Hawks..?

Miami 66 @ Boston 78
Non proprio il massimo della vita da una gara del genere, soprattutto contando che probabilmente sarà l’ultima volta che le due squadre si affronteranno in questa stagione. I Celtics proseguono il turnover consci di aver perso il fattore campo ai danni di Atlanta e spediscono in campo il solo Pierce (17′ senza rischiare) dei Big4. Miami non sembra voler essere da meno e spedisce in campo carneadi di ogni tipo. Senza dilungarmi oltre, lo spettacolo da Lega2 che ne viene fuori può essere riassunto lapidariamente con un buffiano “Bene ma non benissimo”. De gustibus.

Sacramento 110 @ Oklahoma city 118
Dopo il brutto colpo subito, in tutti i sensi, dai Lakers, i Thunder provano a riprendersi ingaggiando una sfida di tiro con i Kings. Dopo il 40-35 del primo quarto si sveglia il solito KD (32 con 19 conclusioni) ma a far la differenza è un sorprendente Cook off the bench (19 per l’ex buckeye con 4/7 dalla lunga distanza). E’ proprio la panchina di Scotto Brooks a vincere la partita nel quarto finale, nonostante l’ormai consueta prova di forza del fascetta Cousins (32 con 13/22 dal campo) e di un ritrovato Evans (18 con 8/13, conditi da 4 rim e 4 ast).

New Orleans 83 @ Golden state 81
I ragazzi di Williams continuano il momento positivo dal passaggio di proprietà e con una difesa convincente superano i resti dei Warriors (ancora privi di Curry,Lee,Bogut e Robinson). In una notte non entusiasmante (nessuna delle due va oltre i 22 per quarto) conquista il palcoscenico il nostro amato “Sdeng”: Belinelli saluta il team che lo aveva draftato con una ottima prestazione da 23 punti (9/14 dal campo) e il layup vincente a 1” dalla sirena.
Per i padroni di casa l’unica nota positiva è probabilmente la continua crescita dell’interessantissimo Klay Thompson (16 con 12 tentativi)..

Post By Niccolò Coveri (44 Posts)

“It’s just giving people opportunities..”

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

35 thoughts on “NBA – Utah condanna Phoenix, il Beli finalmente decisivo”

  1. Peccato per Nash.
    Sondaggio: phila o New York per il settimo posto? Memphis o clippers per il quarto?

  2. Ciao ragazzi, prima mi sono iscritto alla lega playitusa su drive to the finals. Qualcuno mi può spiegare meglio come funziona? Una volta che scelgo i miei giocatori tengo sempre quelli o li cambio per ogni giorno in cui si gioca? Grazie mille!! :)

  3. Solo 7 giornate a merda world pirla? Scandaloso. Fossi in Harden lo denuncerei per tentato omicidio.

  4. direi che ad artest è andata proprio bene, il minimo sindacale, per me 15 giornate per un gesto del genere sarebbe stata la punizione congrua. tra l altro potrà tornare proprio in caso di semifinale di conference contro i thunder, quel furbone di stern ne pensa una più del diavolo eheh

    al jefferson straordinario, con buona pace di quelli che “garnett ai celtics per il nulla”

    1. Sarebbe stato giusto almeno fargli saltare interamente i playoff + una ventina di partite della prossima stagione. Certi gesti devono essere condannati pesantemente altrimenti si creano dei precedenti di cui magari inconsciamente i giocatori tengono conto nel futuro

  5. QUEST’ANNO QUALCUNO RACCOGLIERà I PRONOSTICI PLAYOFF DI TUTTI GL’UTENTI..?????
    INSOMMA COME L’ANNO SCORSO..

  6. concordo che gli è andata bene che harden non si sia fatto nulla e che gli abbiano dato solo 7 giornate

    riguardo i premi sono i definitivi o le ipotesi del giornalista?

  7. dici?

    per questo a malone

    http://www.youtube.com/watch?v=6bM-Y4UoiAY

    diedero una giornata. (e posto questo video anche in risposta ad accio. i falli del genere non ci sono solo in nfl o nhl. secondo me 7 giornate ad artest sono giuste. ma se fossero state 4 non mi sarei scandalizzato, mentre se fossero state 14 si, eccome)

    1. Scontro bruttissimo tra Malone e Thomas. Ma io li faccio entrare nella casistica dei falli, brutti, ma di gioco. In nessun movimenti di Malone vedo la volontà di andare col gomito in faccia a Isiah. Per ad ognuno la propria opinione.

      Invece i gesti volontari sono ben altra cosa. Io non nego l’esistenza di contatti duri all’interno del basket, ma i gesti vilenti e gratuiti non capisco (come la carica di Fisher contro Scola nei PO 2009 che ho visto ieri su youtube).

      1. per Accio

        qua dovrebbe esserci scritto anche cosa successe al tifoso che provocò Artest a Detroit…a me i Lakers mi stanno sulle balle ma non per questo penso siano giuste 20 giornate di squalifica….uno che ha il nick larrybird viene a dire che il suo sguardo era violentissimo,ma finiamola,allora dite che lo volete bandito a vita dalla lega così anche la squadra ci perde sul piano tecnico e siamo apposto,siete più coerenti così e fate anche meno ridere..

        1. dai ma per cortesia ma stiamo scherzando a paragonare i due interventi? quello di malone è duro, non ci sono dubbi, ma come scritto sopra è fallo di gioco… lo vogliamo paragonare con quello di quel criminale di artest??? per me la percentuale giusta era (e non scherzo) una-due giornate a malone e minimo minimo TUTTI i playoff per artest

  8. X il gioco drive to the finals devi scrgliere un giocatore x serata e una volta scelto nn lo puoi più usare.. le tue scelte le puoi cambiare fin che nn inizia la partita

  9. nel momento in cui uno si fa chiamare re, il prescelto (da chi poi non si è mai capito), ecc. ci si aspetta che sul campo da basket domini tutto e tutti. se invece sai di avere dei limiti non farti chiamare re e non fare lo sbruffone, cosi nessuno ti attaccherà, tutto questo l ha attirato lui stesso su di se. ricordo anche la decison, o la presentazione a miami dove ha detto che vincerà 8 anelli di fila. si sa che nello sport chi si rende antipatico è meglio che poi vinca, altrimenti gli si rinfaccia tutto, è cosi ovunque.

    1. il 25 è una giornata di festa dove la gente esce di casa per stare con gli amici, io ho preferito restare a casa per scrivere un discorsetto che non interesse proprio nessuno sulla faccia della terra. Sono un grande.

  10. Io non voglio entrare nel merito della radiazione o sospensioni mega galattiche per Artest. Solo che negli ultimi due giorni si stanno mettendo su link di scontri di gioco brutti ma scontri di gioco appunto.

    Invece ben altra cosa sono i falli avulsi dal gioco. Ora a me non interessa se deve essere squalificato 7 o 15 giornate, solo che vorrei che, se proprio dovete portare esempi, li portiate in modo logico.
    Per fare un confronto dovreste dirmi quante giornate si prese Fisher per l’intervento su Scola ai PO 2009 (http://www.youtube.com/watch?v=A3O7vTDquPs). Lì, anche se meno cruento, l’intervento tu pensato e premeditato. Ma non penso che ebbe tante giornate, eppure se i due giocatori erano a parti invertite (Scola che carica Fisher) quest’ultimo si beccava una spallata in faccia che l’avrebbe lasciato steso a terra per 5 minuti.

    P.S. Non sono un hater dei LAL, sono solo uno che cerca di avere una visione distaccata delle cose.

  11. Metta
    La NBA lo ha premiato. 7 giornate di cui sei di po, non sono nulla. La prossima volta staccherà la testa a qualcuno o lo paralizzerà e forse dico forse gli daranno una squalifica più lunga. D’altronde the show must go on. Perchè punire come si deve un giocatore che dovrebbe essere una pedina importante nei po? Scandaloso.

    Cole Aldrich fa cagare. Non sa giocare, salvo tirare bene i liberi come Mike Sylvester nella Bologna degli anni 80. Dopo averlo scongelato è andato sul campo non capendoci un piffero. Ed è sempre senza un dente. E’ dallo scorso anno che gli manca. Sarà una moda in voga nell’Oklahoma…………Fortuna sua, si è intascato qualche milione di $ prima di ritornare nell’aninimato.

    Jazz meritatamente ai PO. I Suns hanno fatto miracoli assortiti e solo per questo vanno elogiati. I Jazz daranno maggior filo da torcere agli Spurs. Contento per Big Al che ha raggiunto i po. Peraltro ci ha messo lo zampino alla grande. Ieri ha spaccato in due la gara quando contava.

    Griffin segna tanto, ieri 30ello che non gli ha impedito di venire battezzato alla grande dagli Hawks. Negli ultimi 5 minuti ogni volta che riceveva la palla sui 4/5 metri da canestro i difensori avversari gli lasciavano spazio concentrandosi sugli altri. Se questo ragazzo non metterà un tiro decente dalla media non farà moltissima strada. Ai po vedremo cosa farà. Le tendenze e le deficienze le notano tutti e non ho dubbi che verrà ancora battezzato.

  12. Bravissimo Beli con il buzzer finale. Strano nella dinamica ma è valso la vittoria. Il ragazzo ha fatto molti progressi rispetto al passato e questo grazie al suo coach Williams che ha creduto in lui. Non ho dubbi che otterrà un contratto, proprio agli Hornets.

  13. Mi chiedo in base a cosa si possano mettere sullo stesso piano un fallo di gioco (duro ma involontario), tipo Malone-Thomas, con quello fatto ma Artest. Un commentatore di ESPN ha detto una cosa sensata: non si vedeva niente di simile dal cazzotto di Kermith Washington a Rudy T

    Quello che ha fatto non si può assimilare a nient’altro, nè a Fisher con Scola, nè a Horry con Nash, a niente. Non c’era stata alcuna provocazione, non c’erano state avvisaglie, non era minacciato o deriso o disturbato. Ha dato di matto, ed ha sbroccato

    Sono d’accordo sulle 7 giornate di squalifica, ricordiamo che ci sono di mezzo i PO, e di solito si tende ad essere un minimo più morbidi (in RS non sarebbe sceso sotto le 10). Si è cercato di far pesare la non premeditazione, la non “cattiveria” (nel senso che era ovviamente un gesto volontario, ma non voleva necessariamente far male…è solo un matto), perchè per la violenza in se, è un gesto che meritava sanzioni maggiori

    Non venite a raccontare puttanate su falli di gioco, su altri sport, su cose già viste, perchè mi dovete far vedere i filmati in cui uno ha mai fatto una cosa del genere. Nell’hockey o nel football ogni tanto partono le mazzate ma sono ben più protetti, nel basket di risse ce ne sono state, ma per mollare un cazzotto o una gomitata ci sono sempre state scaramucce, falli pesanti o litigi pregressi, mai si era visto uno che dal nulla prende a sbraca un altro

    Certo è che se le 2 squadre si trovano al 2° turno (cosa tutt’altro che improbabile), verrà fuori una serie fuori dal mondo come tensione e fisicità. Vedremo gente come Artest o Perkins dare davvero il peggio del peggio

  14. il 25 è una giornata di festa, ma io ho preferito restare a casa ( come del resto faccio nell’arco di 365 + bonus) per scrivere i soliti commentucci, sfruttando naturalmente la pausa giornaliera per andarmi a segare dentro il cesso. Un’esistenza tristissima.

Commenta