CHICAGO 96 – MIAMI 86 (OT)

Ennesima sfida fra le 2 powerhouse dell’Est, e questa volta Chicago porta a casa la vittoria nonostante un Rose da 2 punti e 1/13 al tiro: lo sostituisce alla grande C.J. Watson (16p e 9a in 27 minuti) ben supportato da Boozer (19p 11r) e Korver (17p in 18 minuti). Dall’altra parte i soliti 30p di James che sbaglia però un tiro libero chiave nel finale dei tempi regolamentari che consente poi ai Bulls di portarsi al supplementare, dove il parziale è di 12-2. 21p per Wade, 20p per Bosh e nessun altro Heat oltre i 4p, troppo poco.

CHARLOTTE 85 – DETROIT 109

50° sconfitta stagionale su 57 partite per gli Charlotte Bobcats, questa volta a causa dei Detroit Pistons. Monroe e Knight collezionano 25 e 21 punti rispettivamente, aiutando i Pistons a strappare il parziale decisivo nel terzo quarto. Per la franchigia del Michigan ci sono altri 8 giocatori a referto con almeno 2 punti e il 52% complessivo dal campo. Niente da fare per i padroni di casa che vedono solo Brown (13), Henderson (13) e Augustin (12) in doppia cifra.

MINNESOTA 82 – LOS ANGELES CLIPPERS 95

7 sconfitte consecutive per i Minnesota TWolves che si presentano in casa contro i Clippers senza il loro giocatore di riferimento, Kevin Love. Minnesota resiste alla fisicità degli ospiti fino al quarto quarto, quando i Clippers piazzano un parziale di 22 a 14. Game high per Blake Griffin (che sbaglia anche una schiacciata in campo aperto!) con 19 punti, seguito da altri 4 giocatori in doppia cifra. Per i Twolves non bastano i 17 di Pekovic e i 14 e 11 rimbalzi di Beasley.

SAN ANTONIO 107 – MEMPHIS 97

3 sconfitte consecutive per gli Spurs prima di questa partita e 4 vittorie invece per i Grizzlies. Tim Duncan sembra 10 anni più giovane e mette a referto 28 punti e 12 rimbalzi, decidendo la paritita per i suoi. Ginobili lo aiuta con 20 punti dalla panchina e 4-9 dal campo. Per Memphis 6 giocatori in doppia cifra, ma nessuno sopra i 20 punti. I record sono ora 34-24 per Memphis e 41-16 per San Antonio.

GOLDEN STATE 103 – DALLAS 112

Dirk Nowitzki porta alla causa Mavs 27 punti (1 rimbalzo) e grazie al suo +21 di plus-minus decide la paritita. Jason Kidd sfiora la tripla doppia con 9 punti, 10 rimbalzi e 12 assist. Il vantaggio di Dallas è costruito poco alla volta, quarto per quarto, fino alla vittoria finale. Per i padroni di casa non bastanoi 30 di David Lee e i 24 di Thompson. Gli ospiti tirano con il 50% dal campo e perdono solo 10 palloni in tutta la partita.

Post By Francesco Grazioli (62 Posts)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

69 thoughts on “NBA – Memphis cade a San Antonio, vittorie per Dallas e Clippers

  1. Se Miller e Chalmers sparacchiano cosi, e a parte i tres amigos gli elementi di contorno non fanno nemmeno quel minimo sindacale che é loro richiesto, ma dove pensiamo di andare… E lo dico da tifoso Heat…

  2. gli Heat semplicemente non hanno uno straccio di gioco,si affidano ai solisti,e chiaramente essendo due fenomeni Wade e James il più delle volte funziona,quando trovi squadre organizzate e che difendono forte,non necessariamente con i ritmi consoni della regular season le cose cambiano…io credo che a prescindere da questa partita per vincere l Est ci siano i Bulls e gli Heat,con i Celtics come possibile outsider…Orlando e INdiana potrebbero dare fastidio ma non le vedo al livello di queste tre…parlando di altro:

    LMA infortunato ha finito per quest’anno.

    Minnesota pure senza Love dopo la gomitata alla tempia contro Denver,una caporetto.

    Dallas preoccupante che ci mette più di 3 quarti per avere ragione dei Warriors che ora come ora hanno come priorità quella di perdere partite

  3. A Miami il play esiste solo sulla carta. Giocano in due/tre se si impegna Bosh. Al momento Watson da più garanzie di uno spento Rose, in evidente ritardo di condizione.

    Mi sembra che gli Heat siano peggiorati, se fosse possibile, nella qualità di gioco rispetto allo scorso anno. Forse ho le pezze agli occhi.

    Spurs la svangano. Se mai ci fosse la riedizione della serie po tra le due li vedo comunque male. Timoteo è un grande pur giocando sulle gambe. Fortunatamente per il basket ha talento da vendere che maschera in parte le difficoltà fisiche. Ieri statistiche da urlo, 10 su 15 dal campo.

    • Se ci fosse la riedizione della serie tra Spurs e Grizzlies con questo Randolph è impossibile che San Antonio perda. Con un Randolph al 110% come lo scorso anno allora se ne può parlare.

      • Dimentichi che non c’era Gay. Zibo salirà di condizione, non sarà quello edizione sfavillante dello scorso anno pur rimanendo un brutto cliente da affrontare.

        • L’anno scorso il fattore contro gli Spurs furono ZiBo e Gasol in evidente stato di grazia. Senza lo stesso stato, il grande tallone d’achille degli Spurs, ovvero uomini tosti da affiancare ad un TD non più sfavillante fisicamente (e lo sto trattando), li porterebbe in enorme svantaggio.

          E’ vero che hanno Gay, ma per i piccoli gli Spurs hanno abbastanza contromosse dal punto di vista difensivo (Leonard, Green ed un sistema difensivo niente male).

        • Gay nelle 4 partite di regular season contro San Antonio è stato abbastanza disastroso: 24/73 (32%) dal campo con una partita da 0/7 e 1 punto. Poi ricordati che questi Spurs non sono quelli dell’anno scorso: stanno molto meglio fisicamente e hanno una panchina molto più lunga.

          • …e l’anno scorso praticamente mancava anche Manu infortunatosi durante l’ultima partita di RS…..

  4. Prevedo una corsa per il 3° seed tra i Clippers e i Lakers. Con gli Spurs a fare da spettatori.
    Memphis (non ho controllato i calendari) difficilmente dovrebbe scendere fino al 7° posto. E’ vero che ha solo due partite di vantaggio, però so sempre due partite e loro comunque sono una squadra abbastanza in salute.

    TD è semplicemente TD. Che altro si può dire.

    Miami che le prende di brutto contro le seconde linee dei Bulls. Nei PO occorrerà altro ad entrambe. Perché non penso che Watson, Korver, Gibson e Asik ti possano portare in finale (occorrerà un Rose in forma fisica almento decente) e nemmeno gli Heat contro questa Chicago (che ha improntato tutto l’anno a ingabbiare i tre amigos nelle finali di conference secondo me) che in difesa sono un gradino sopra a tante (se non tutte) le squadre NBA,

    • Memphis ha un calendario ridicolo, l’ultima tosta la giocavano proprio stanotte con gli Spurs, per me arriveranno loro terzi

  5. Gli Heat dalla botta di ieri non si riprendono. A dire il vero, per quanto mi possa dispiacere per LBJ (anche ieri superbo, chirurgico, 30 punti in una partita a basso punteggio, ed era sopra il 50% prima dell’OT…resta il fatto che superstar incapace di segnare i liberi come lui, o di perdere palloni con la sua banalità…forse non ha capito che se perde quest’anno non si risolleva più, psicologicamente…), sono felice di vederli col culo per terra…

    Prima mettono su una squadra senza un minimo di criterio, con 2 superstar fotocopia, ma vabbè, avevano i soldi, e magari altre 29 franchigie avrebbero fatto lo stesso potendo. Poi prima ancora di vederli in campo, celebrano come se avessero già vinto il titolo (“not 1, not 2, not 3″…cosa, titoli? O calci nel culo presi), poi affidano una fuoriserie ad uno che dovrebbe allenare il minibasket, ma che soprattutto non ha il carisma per tenere a bada quei due, per dargli una dimensione corale…

    E poi l’atteggiamento, si prende per il culo LeBron che a me pare da 10 anni sempre lo stesso, quando c’è un Wade, il buon cristiano (mi ricordo quello che si scriveva di lui ai tempi di Shaq, umanamente parlando), che ha ormai una spocchia insopportabile, la faccia che dice “eh si, lo so lo so, sono un fenomeno”, che passa le partita a protestare con gli arbitri. Bosh vabbè, è un senza palle, dovrebbe dare una dimensione interna che bilanci il back court, e passa le partite a tirare dai 4 metri, poi nei PO voglio vedere quanti ne segna di jumpers…

    Poi si può parlare di 1000 cose, ma la verità è che stanotte, come in molte altre L, sarebbe bastato un supporting cast normale, per vincere in carrozza. Qual’è il ruolo di un supporting cast? Far pagare i raddoppi, chi col tiro da 3, chi ricevendo scarichi sotto canestro, dovrebbero difendere duro, far rifiatare i titolari…insomma non fare danni, se proprio non riescono ad allargare la forbice contro l’avversario

    Ieri qualcuno mi diceva che volevo far passare gli Heat per l’Atletico Van Goof, sbagliavo, è molto peggio. Non c’è un singolo giocatore di ruolo che stia dando un contributo. Tolti i meno peggio (Haslem e Chalmers), che comunque 2 partite buone di fila non te le fanno, rimangono dei lunghi che vanno bene forse per la nostra B1, e due giocatori che dovevano essere il piatto forte dalla panca, ma che farebbero bene a ritirarsi a fine stagione

    Miller stanotte è stato allucinante, ha sbagliato tutti i tiri, da 3 con metri di spazio, da sotto da solo, senza contare le palle perse. Il motivo del suo totale rincoglionimento io non lo conosco, ma dato che fa solo danni, magari si potrebbe pensare di far giocare Jones, che almeno da 3 la mette. Battier (-34 di valutazione stanotte, penso sia un record per una partita finita all’OT) è il parente scemo di quello dello scorso anno, in attacco un pianto, in difesa ha ormai perso il passo, è un giocatore del tutto inutile

    Vogliamo davvero confrontare queste pippe con un Ibaka, un Perkins, un Diaw, un Neal, un Gibson? E non vedo perchè le cose debbano magicamente migliorare nei PO, dato che questi sono gli uomini

    Gli Heat in questo momento vivono di rendita grazie alla prima parte di stagione, ma è da illusi pensare anche solo ad una finale di conference. Se al 2° turno trovano Boston sono fuori, altrimenti si esce con Chicago poi (o contro i verdi). Sono sotto una pressione enorme, tutti li davano per iper-favoriti ad inizio anno, ed invece hanno solo il 4° record, e da dopo l’All Star Game sono da lotteria. Senza contare il 16-13 fuori casa, da veri cagasotto

    questa sconfitta non potrà non avere strascichi, altro che i pianti in spogliatoio nel 2011. Non vedo l’ora di vederli fuori in post season, via quel filippino incapace, via Bosh, via uno tra LBJ e Wade (che ci fanno con Nash? Tanto lo terrebbero ad aspettare gli scarichi), e si riparte da zero, magari questa volta con un minimo di equilibrio

    • Degli appunti: i liberi sono un problema per entrambi. Wade e James tirano col 70% giù di lì e nei finali di gara ne sbagliano parecchi. Non è capitato solo ieri. Il supporting cast è figlio del non sistema e della presenza dei due capoccioni.

      Non si tratta del filippino o della sua presunta incapacità di allenarli, semplicemente nel momento in cui hai firmato James sapevi di che morte morire.

      Un giocatore che ama avere la palla, e senza un play credibile ai suoi occhi, non c’è verso di toglierla. L’unico che lo fa è Wade.

      Tornando al supporting cast, questi sono deresponsabilizzati nel momento in cui non si prendono i tiri. In una rs, per come la vedo io, e con l’esperienza dello scorso anno, devi metter in conto di perdere 5/6 gare in più per mettere a regime i vari Haslem, Battier, Chalmers, Cole, Miller……… Non puoi vedere in ogni gara i tre che tirano 80% delle volte lasciando le briciole agli altri. Come puoi pensare di arrivare ai po e magicamente questi, nulli per mesi, si svegliano e iniziano a segnare? Impossibile. Ieri non ricordo un tiro preso da loro negli ultimi 8/9 minuti.

      I Thunder seppur simili hanno qualcosa dai vari Ibaka, Perkins, Sepholosha…..Capita la gara in cui i tre ne fanno 90 ma è un’eccezione. Quando giocano sai che in un modo o nell’altro il supporting cast la giocata, anche decisiva la fa. Non accade con gli Heat.

    • Mike Miller comunque è dai tempi in cui giocava con i Memphis Grizzlies che non è più lui,qualche volta fa delle belle partite,ma comunque era un giocatore in Tennessee da più di 15 pts di media,attivo in tanti aspetti del gioco non solo il tiro da tre che resta comunque di livello..ora quel Miller lì non c è più

      • Hai ragione. Però se deresponsabilizzi il supporting cast non puoi aspettarti che ai po questi magicamente si risollevino. Ai po le tensioni saliranno ancor di più e come sempre accade la palla andrà ai soliti noti. Che in virtù della stanchezza e della mancanza di lucidità possono commettere degli errori.

  6. Non sono d’accordo Alert

    Di partite Heat ne ho viste molte quest’anno, compresa quella di stanotte, e per quanto il Trio prenda la maggior parte dei tiri (ma è sempre così, non era lo stesso ai Bulls di MJ, Pippen e Kukoc?), mette anche gli altri in condizioni di segnare

    LBJ è capoccione, ma la palla la passa come solo pochi play sanno fare, e Wade è un altro passatore eccellente. In ogni partita, è un continuo di tiri comodi con metri di spazio falliti dai vari Battier, Miller o Chalmers, ogni partita è uno stillicidio di canestri da sotto sbagliati da quell’Armata Brancaleone che sono i lunghi Heat. Con questi risultati, è normale che alla fine Wade e James si mettano in proprio…

    Ripeto, ho visto molte loro partite, e per quando i Due tendano spesso a bloccare l’attacco, allo stesso tempo subiscono raddoppi su raddoppi, e liberano i loro compagni sia sul perimetro che in area. Purtroppo però si tratta di perle ai porci, dato che sono circondati da senza palle

    I giocatori di ruolo sono questi, che giochino 3 o 30 minuti portano qualcosa, il volume di tiri presi è secondario, debbono solo farsi trovare pronti quando serve, con una bomba, una stoppata, uno sfondamento preso. I Thunders in attacco sono altrettanto monotematici, ma la differenza è che ogni singolo uomo del supporting cast porta il suo, Ibaka, Perkins, Thabo, è tutta gente che ha un impatto positivo sulla partita

    • Il mio dubbio é: questi giocatori sono finiti o lontano da Miami darebbero il loro? Non posso pensare che Battier, Haslem, Chalmers e Miller siano così imbarazzanti.

      Non ho visto molte gare per cui mi fido del tuo giudizio anche se non mi capacito del loro rendimento.

      Sembra quasi che i buoni giocatori in quel sistema si imbrocchiscano.

      • secondo me è anche una questione mentale,giocare con 3 che si sa già si prenderanno il 70-80% dei tiri in attacco secondo me cambia l atteggiamento mentale,poi se tiri 5 volte a partita e non ci sei abituato è difficile entrare in ritmo,sbagli i primi 2-3 e poi in automatico deleghi a quelli che sai già che è scontato saranno i trascinatori dell’attacco…
        Chalmers,Haslem,Miller e Battier non sono fenomeni ma li ho visti giocare tutti molto meglio di così…

  7. Certo che la stagione scorsa non v’ha insegnato proprio niente, lo stesso de profundis che leggo oggi lo leggevo dopo il cry gate in seguito alle 4 sconfitte di fila dell’anno scorso…

  8. Heat – Bulls

    Credo che con rose in campo avrebbero vinto gli heat, ma siccome thibo non è un fesso, ha lasciato watson che, assieme ad un Korver assassino, ha vinto la gara.

    Gara come tante altre degli heat. Bosh riesce a mettere 20+8+4blk con il 50% dal campo dando comunque l’impressione di non poter contare un cazzo. Incredibile. Ripeto, se riley lascia il filippino al comando, allora gli heat meritano di uscire, possibilmente in modo clamoroso, tipo i lakers nei passati playoffs.

    Qualcuno riesce ad immaginarsi l’estate di lebron se anche questa volta non vince, o peggio ancora esce in malo modo dai playoffs? A quanto è dato un suicidio dai bookmakers?

    • Per lui in effetti sarebbe parecchio pesante, ma è anche vero che, a parere mio, ha giocato la miglior stagione da quando è in NBA, a livello di maturità.

      Pensare che Miami è così in altro in RS giocando costantemente 1vs5 mi fa rabbrividire…questi con Thibo ne avrebbero perse al massimo 5 per scazzo.

  9. In tutte le partite che ho visto di Miami quest’anno, compresa quella di ieri, Wade, nonostante il 50% al tiro e i suoi 20 e passa punti a serata, che fanno sembra tutto buono, gioca di merda!!

    Più che altro perde dei palloni come se avesse fumato roba pesante. Inconcepibile per uno come lui. Comunque quella di ieri è stata una partita vera, da PO, ed è stata vinta da Chicago con un Rose al pari di Wade a livello di demenza, anche se mi permetto di difenderlo in quanto PENSO debba rientrare in ritmo. La panca di Chicago ha sempre vinto negli scontri diretti in questa RS contro i titolari di Miami. Al meglio delle 7 secondo me vince il gioco di Chicago, non perchè è più forte, ma perchè alla lunga vince l’organizzazione (vedi Spurs e Dallas). Lebron sublime nonostante una più che degna difesa di Deng. Unica pecca per il britannico: a difesa senza palla difende divinamente, a difesa con la palla spesso una manina in faccia a tale LBJ si dimentica…almeno provaci.

  10. Aspetto di vedere la replica sta sera.. ma dalla disamina tennica di IYW e dalle partite visate in precedenza mi sembra che i problemi principali degli Heat siano l’aver affidato il team a un allenatore che agli occhi di LBJ-DW nn ha nessun carisma/talento per poter imporre ai due un gioco diverso dal fermare palla e inventare…
    Secondo il supporting cast nn va neanche quest’anno…

  11. Io ripeto che Wade non è uesto immenso giocatore che tutti dicono. Ha azzeccato quelle finali in una condizione di forma allucinante.
    Quando sento i discorsi se vuoi una bella regular season prendi Lebron, ma per vincere l’anello prendi Wade mi vien da dire.
    Quanti buzzer beater ha messo quest’anno? visto che continuate a dire che l’ultima palla è da dare sempre a Wade.
    Ieri Lebron mostruoso , ma grazie a dio il basket è ancora uno sport di squadra ed è giusto che Miami abbia perso.
    Però ad essere onesti se chicago non metteva quella tripla allucinante allo scadere per pareggiare oggi il blog farebbe altri discorsi.
    Se non ci fosse Lebron a mandar avanti la carretta….
    Cmq New York deve arrivare settima, con Miami ha qualche possibilità (molto poche) di passare il turno. Con Chicago zero.

  12. Nelle 4 o 5 partite che ho visto degli heat quest’annno il supportin cast è sempre stato penoso. Sempre.

    I Bulls devono reinserire Rose. Ma credo che il primo turno lo possano sweeppare anche con un Rose al 50%.

    Memphis deve reinserire Zach. I playoff di memphis passano da lui. Questi si accoppiano bene con tutti e saranno una rogna per tutti a meno che in quello spogliatoio non inizino a spararsi tra di loro.
    I lakers se kobe fa un passo indietro e fa giocare anche gli altri potrebbero anche vincere.
    Kobe è un giocatore leggendario ma senza phil jackson avrebbe vinto un quarto di quello che ha vinto. Questa stagione ne è la conferma. Testardo come pochi.

  13. Mad-mel

    Non esageriamo, wade questa stagione non sta benissimo, in passato ha messo delle stagioni assurde, e ai playoffs ha sempre leggermente alzato il suo livello di gioco. Qualcuno si ricorderà quando nel 2004-05 gli heat persero le finali di conference contro detroit proprio perché wade non stava benissimo, ma prima di allora fece dei playoffs assurdi, e la stagione successiva vinse con 34pts di media le finals. Poi la stagione 2008-09 a 30pts ecc…

    Insomma 25pts di media in carriera e 26 nei playoffs. Stoppa come un’ala grande e non è un cagasotto. Il punto è che nonostante questo non ha mai dato la sensazione di poter essere dominante quanto james, più per una questione fisica, ma anche tecnica. James fa tutto quello che fa wade, solo che è alto 10cm in più, può marcare dal play al pivot e sa tirare anche da 3m senza brillare, ma è meglio non lasciargli un piazzato.

    • Quoto, io non ho detto che è un brocco, però neanche un alltime da ricordare, molti giocatori hanno avuto carriere simili.

  14. Quel che ho visto io è una squadra (i Bulls) con un goco e un grandissimo coach, con schemi che valorizzano il materiale tecnico a disposizione, con un’eccezione: Rose un pick n’ roll che sia uno con Boozer non lo gioca, lui ha limiti avidenti ma non è tutta colpa sua,Noah (e qui non centro il coach) è na chiavica, se non mette neanche l’untensità tecnicamente è indecente a dir poco…
    e una squadraccia senza un gioco che sia uno, con una checca (Bosh) un presuntuoso arrogante e superficiale (Wade) e un fenomeno che paradossalmente fa tutto e tutto bene ma da l’impressione di non sapere bene ancora quale sia il suo ruolo in questo non sistema… e dico tutto.
    Ps non è che Miller e Korver sia distanti anni luce come qualità oggettiva, tecnica e neppure come condizione atletica, è che sono usati in maniera diversa, une benissimo, l’altro che peggio non si potrebbe… nelle uscite dai blocchi il secondo non è Allen ma ci somiglia molto, l’altro i di blocchi proprio ne riceve

  15. Sto guardando la replica di Bulls-Heat su sky. Ma sono l’unico che nota la supponenza di wade? Che succede nello spogliatoio?

  16. panchina degli Heat contro i Bulls: 97 minuti di giuoco,7 punti con 3-12 e 8 palle perse…per vincere un anello serve anche una signora panchina,non solo i titolari,se il problema più grande degli Heat fosse Wade sarebbe una passeggiata…

  17. Va anche detto che la passata stagione i bulls in rs chiusero con un netto 3-0 contro gli heat, per poi perdere 4-1 nei playoffs. Korver giocherà sempre così? Non credo. Watson idem, ma al suo posto ci sarà rose, spero in condizioni umanamente accettabili. Poi rimango dell’idea che nei prossimi playoffs potrebbero esserci dei clamorosi colpi di scena. Sinceramente i celtics che battono gli heat o i bulls non mi sorprenderebbe, così come gli spurs che distruggono i thunders.

    • bravo condivido , wade e james mal che vada 50 punti in 2 te li mettono sempre anche ai PO e con un bosh accettabile x me vincono con i bulls…ma siete sicuri che Korver watson tireranno cosi anche qnd conta? io non credo…x non parlare di Looser che ieri manco toccava il ferro solo rete poi qnd serve manco centra il tabellone da 2 metri

  18. sempre piu convinto che nei PO Miami alla fine la spunterà ugualmente con chicago, ma la squadra che mi fa veramente paura sono i Celtics, dove i big trhee sembrano ringiovaniti di almeno 2 anni e Rondo è dominante come pochi! non siete d’accordo???

    P.S: se il filippino non vince giusto mandarlo via a calcio in culo perchè cast o non cast di supporto con wade e james in squadra si deve x forza vincere! guardavo ieri una classifica del 2010 dove in america avevano stilato la classifica dei 10 giocatori piu forti dal 2000 fino ad oggi: 10 iverson 9 NcGrady 8 Wade 7 Kidd 6 Shaq 5LeBron 4 Dirk 3 Kobe 2 Garnett 1 Duncan…ma stiamo scherzando forse??? hai 2 dei 10 giocatori piu forti che si sono visti su un campo da basket e non vinci?? vuol dire che non hai ne le competenze ne la personalità x gestire una squadra del genere

  19. un’altra cosa , sentire che su questo forum si criticano wade e lebron james mi sembra ridicolo a dir poco! sono veramente l’ultimo problema di una squadra che senza loro non credo supererebbe il girone in eurolega e ho detto tutto! inoltre senza coach…

    • Beh senza Wade e James gli Heat avrebbero oltre 30 milioni da spendere e forse avrebbero preso qualche altro top player o pescato al draft qualcosa di succulento.

      Insomma questi post, in numero sempre crescente, spesso sono solo un +1 per le statistiche perché ahimè li trovo senza un fondamento logico.

      • Quei 30 milioni li puoi girare come vuoi sotto/sopra, di lato oppure puoi dividerli in monetine da un cent ma non ci prenderai mai qualcun’ altro che ti porta in finale o ti fà una rs come quella di quest’ anno..

        • Quello è verissimo, ma ci puoi fare una squadra che supererebbe il girone di Eurolega giusto?

          • Si quello sì:)! Ma penso che Matt intendesse solo mettere l’ accento sulla poca qualità del resto della squadra.

    • sono d’accordo ma non l’ho fatta io! cmq al di la delle posizioni era x far capire cosa ha in mano quell’incapace del filippino

  20. spoelstra come allenatore è imbarazzante, ma credo comunque che una buona difesa e lebron-wade in attacco siano + che sufficienti x andare in finale a est… i bulls dipendono troppo dal tiro di korver negli ultimi quarti, e boston è troppo corta per poter andare oltre il 2° turno… indiana e orlando potrebbero dare qualche fastidio ma difficilmente faranno sorprese, la mina vagante potrebbe essere atlanta, ormai hanno esperienza di playoff, hanno aggiustato la panchina e sono abituati a giocare a metà campo come si gioca nei playoff…

  21. Qualcuno mi deve dire se un altro allenatore avrebbe trovato il modo di far giocare Wade e James come cristo comanda. Sarà che a differenza del trio Celtics, questi si pestano i piedi anche se vanno a donne insieme?

    Più li vedo e più mi rendo conto che il loro desiderio di vincere vada a sbattere con la realtà. Poi sbaglierò.

    Piuttosto che avere Wade e/o James sarebbe stato meglio avere un play vero, per togliere quella maledetta palla dalle mani del duo. Che si fanno del male come pochi.

    Quindi non so proprio che può fare il filippino. Puntare una pistola alla testa di James e dirgli di lasciare il compito di creare al play Chalmers?

  22. Si esagera con Miami, si sentono ripetere le stesse cose dello scorso anno, ai playoff la musica e’ diversa e lo si sa. L’anno scorso si dicevano le stesse cose poi sti qua hanno asfaltato tutti fino alla finale dove per dettagli e grosse sorprese (ultimi quarti di james) hanno perso. Io una chicago che batte i tre amigos ai playoff 4 volte su 7 non la pronosticherei mai e poi mai.

  23. off topic calcistico

    giuseppe rossi si è rotto di nuovo il crociato dopo esserselo operato 6 mesi fa.

    che dire, avendomi io rotto sia il crociato sia il collaterale di un ginocchio capisco che calvario possa essere e esprimo qua il mio dispiacere per questo buon giocatore che sarebbe servito all italia in ottica europea..

    forza giuseppe

    chiudo l OT

  24. e chi è sto G. Rossi? Boh io non seguo il calcio da 12 anni almeno… notizia di cui non mi frega proprio niente.
    Quindi dr dre
    gli Heat avrebbero asfaltato tutti e perso la finale per dettagli? Quali ad esempio il fatto che gli altri erano più forti!
    In realtà credo che le serie spesso girino per dettagli e che un 4 a 1 scatursca da una miriade di “dettagli” e raramente da un dominio assoluto
    Come ho già detto haùo mille dubbi sui Bulls e una certezza, se gli Herat incontrano i Celtics come stanno messi ora vanno a casa altro che finale sicura, se anche ce la facessero, in finale contro Thunder o Spurs non c’è storia
    in altre parole condivido tutto quello che ha detto IYW quest non possono vincere neanche quest’anno, non ci credo…

  25. A proposito di supporting cast bella l’idea di far partire R. Allen dalla panca, credo che Rivers dovrebb avere il coraggio di testare in quintetto R. Hollins e aver Bass dal pino, nel suo ruolo naturle sarebbe un lusso. Contro la “front line” degli Heat fa un figurone anche una Steimsma (come si scrive?), hanno recuperato Pietrus che sarà fondamentale!
    Bradley come sostituto di Rondo era penoso, aparte che non è sostituibile Rajon…

  26. Affanculo a ‘sto spam! Avevo scritto un commento di 30 righe e me l’ha pubblicato col cazzo!

  27. @ In your wais
    “LBJ è capoccione, ma la palla la passa come solo pochi play sanno fare”….

    Ma non è un play. Qui, a mio avviso, non ci siamo.
    Non metto in dubbio il valore dell’atleta nè tantomeno la sua effettiva capacità di passatore, così il suo altruismo negli ultimi possessi dove molte volte è stato criticato per il semplice fatto di aver passato la palla a un compagno più libero (basterebbe soffermarsi sul “più libero”).

  28. Il fatto o si decide che Lbj è play, allora si mette un 3 in campo o tu giochi con un 3 a 1 e un 1 a 3……mmmmmm, c’è qualcosa che non funziona. La vedo molto meglio diversamente. Non serve un fuoriclasse, non servono punti, non servono rimbalzi. Serve un play che “piaccia” ai due che inizia l’azione e detta i ritmi. Se Lbj porta palla mette in movimento solo Wade e forse Bosh. Se un play porta palla mette in movimento Lbj+Wade e all’evenienza Bosh…..qualcosa cambia. Poi, a mio avviso, lui in uscita diviene ancor più devastante e anche e sopratutto in quel caso le sue doti di passatore sarebbero eccelse e utili. Sono tante le cose che in questo caso migliorerebbero, basti vederla da parte della difesa (difendere su Lbj che porta palla o in movimento con wade? etc. etc.).

  29. Nel mentre gli Hornets sembra che abbiano trovato il loro owner. Il proprietario dei Saints (squadra NFL di New Orleans) ha deciso di investire anche nel mondo del basket.

    Ora vediamo come si muoverà quest’estate e in futuro.

  30. Poi alla fine può essere che vincano il titolo così come sono e con Lbj play. Ma se dovesse accadere molto più per le loro capacità “fisiche” che per “gioco”.
    Ai Cavs stessa tolfa.

  31. Julius
    Dai l’anno scorso sono arrivati in carrozza in finale NBA annientando i bulls fra l’altro. In finale poi hanno perso meritatamente contro avversari a mio avviso non piu’ forti ma che hanno giocato meglio di loro. Wade peggio di così nn può giocare e di solito ai playoff alza il livello, la panchina idem peggio di così nn si può. Io poi sono il primo che e’ felice se non vincessero nulla ma li vedo come favoriti numeri 1.

  32. Un play in senso stretto non serve, MJ e Pippen hanno vinto con Paxson, Harper e BJ, di certo uno più affidabile ed autoritario di Chalmers non sarebbe male, uno alla Fisher di qualche anno fa, per intendersi…

    Serve un sistema di gioco, nel senso che questi possono vincere un titolo anche giocando come ora (al momento il problema è che il trio, con tutti i loro difetti, è circondato da una masnada di celebrolesi), basterebbe avere gente che segna sugli scarichi, e sostituire i manovali sotto canestro con gente che distingua un pallone da un paio di ciabatte. In questo modo, se raddoppi il Duo, parte lo scarico, se non lo fai, ti fottono per bene loro

    Qui il problema non è che tirano troppo i 3, in tutte le squadre c’è una gerarchia, i Lakers del 1° three peat in attacco giocavano praticamente in 2. Battier non è che era la prima opzione offensiva fino allo scorso anno, ha 9p di media in carriera, quando ha accettato il contratto con gli Heat, sapeva che avrebbe giocato meno, e tirato sugli scarichi, come tutto sommato faceva a Memphis

    Però se tiri col 34% da 3 (ovvero oltre 4 punti percentuali persi), in una squadra che ha due passatori eccellenti, con metri di spazio (perchè anche stanotte, ho visto raddoppi tali da dare perfino un paio di secondi per caricare il tiro), allora vuol dire che è colpa tua, che ti stai cagando sotto

    Miller è vero che da quando ha lasciato Memphis vale la metà, ma nel biennio prima degli Heat qualche cosa in attacco la combinava, specie con i piedi a terra (non fatevi ingannare dalle % da 3, vive ancora di rendita per alcune partite di inizio stagione, quando sparò tipo un paio di 6 su 7 dall’arco, ad oggi azzecca una partita su 10). Per uno con la sua mano, è inconcepibile giocare come ieri sera, sbagliare tiri con metri di spazio

    Giocare peggio di come stanno facendo è impossibile, quindi nulla di strano se nei PO cambiano musica, o magicamente i ritardati cominciano a segnare qualche canestro in 1 contro 0 da sotto. Resta il fatto che fino ad un mese fa si diceva di come la musica fosse cambiata, c’è una maggiore affiatamento, la panca è più lunga (vi ricordate una W ad Atlanta, senza Wade ed LBJ?), ed invece siamo finiti a dare tra i 34 ed i 38 minuti a partita a gente che ne doveva giocare molti di meno

    Ed in una stagione da 66 partite in 4 mesi, queste sono cose che si pagano

    • Ho sempre dubbi verso atleti che giocano male per mesi e d’incanto sentendo la parolina po si ringalluziscono.

      Sbaglierò alla grande, Miller sparerà un 5/8 dall’arco, Chalmers farà il fenomeno, i centri o presunti tali, segneranno e daranno filo da torcere a tutti i frontcourt etc……..

  33. Stagione finita per Olowowiztki.

    Lo rivedremo il prossimo anno a………………..non si sa. Dipende chi prenderanno al draft. Se sarà una PF o Davis i ragazzo farà le valigie.

  34. “questi possono vincere un titolo anche giocando come ora”….

    Sì, sono daccordo. Questi possono vincere anche il titolo così. Così però, a mio avviso, lasciano spazio allo “steccare” di nuovo non ottimizzando le loro possibilità o capacità. Come avere una Ferrari ma non avere la giusta chiave per farla partire. Molte volte vincono ma “non si possono guardare”.

    “Un play in senso stretto non serve…di certo uno più affidabile ed autoritario di Chalmers non sarebbe male”.

    Se a basket si gioca in 5 tolto i 3 amigos rimangono due ruoli liberi e puta caso questi sono l’1 e il 5….poco importanti? in molti lo ritengono l’asse portante. Tolto questo appunto a loro per come sono strutturati e per le loro potenzialità non servono due ottimi, ma bravi gregari. Sono d’accordo sul play che indichi. Per me è qui che alzerebbero nettamente il loro gioco.
    Lbj fin dai Cavs ha sempre, sopratutto ai p.o., il vizio di prendere subito palla in mano e mettersi davanti a una difesa schierata. Non dico che non lo sappia fare o che non ci capisca nulla. Dico che per me è nettamente “riduttivo”. Il problema è trovare un play che tolga la palla dalle mani.

  35. Lebron giocando come sa, ovvero portando palla e gestendo l’attacco, è arrivato alle finals, a gara 7 contro i celtics dell’anello, e perso in finale di conference mettendo 38+8+8 di media. Lui ferma il gioco, spesso vuole troppo la palla, ma quello stile di gioco ha fallito sopratutto perché dopo di lui il più forte era mo williams…cioè, non puoi vincere con mo williams come secondo violino. Per dire prendiamo un kobe: 5 anelli ok, ma vediamo quando è stato lui il primo violino. Lui nei playoffs ha sempre giocato nello stesso modo, ovvero attaccando e attaccando(21-22 tiri a gara) sia quando non aveva compagni all’altezza, ed infatti non andava avanti, sia quando aveva odom+gasol+artest+bynum, lui ha sempre giocato nello stesso modo. Quindi non direi che quel modo sia fallimentare, se hai compagni buoni, vinci, altrimenti no.

    Se vogliamo parlare di monopolizzatore dell’attacco, beh, il sign. Jordan nei playoffs prendeva da 25 ai 27 tiri di media. Un numero assurdo, per dire, kobe che non è propriamente un giocatore di squadra ne prende 21-22… Jordan ha giocato così sempre, e quando non aveva compagni buoni, non vinceva, poi una volta creato il gruppo giusto, con un coach giusto, guarda caso ha vinto, ma senza cambiare modo di giocare.

  36. Partendo dal presupposto che non metto in dubbio le potenzialità e il valore dell’atleta e non ultimo la capacità di passare la palla,

Commenta