Pocket

Ancora firme e sorprese in questa off season.

Tamme seguirà Manning in Colorado

L’arrivo di Manning a Denver ha attirato altri giocatori: dopo Caldwell è arrivato l’ex compagno Colts Jacob Tamme.

Tamme, tight end di buona sostanza, ha firmato un triennale da 9 milioni di dollari, 3.5 garantiti. E’ il secondo tight end ad arrivare in Colorado; i Broncos hanno firmato anche l’ex Houston Joel Dreessen. Da non sottovalutare la firma del cornerback Tracy Porter, cornerback che nel Super Bowl 2009 intercettò un passaggio a Manning e lo riportò in touchdown.

In casa Colts, dopo Mike Pollak volato in Carolina, anche Jeff Saturday ha rinunciato ad un rinnovo e ha fatto le valige per andare a Green Bay. Lascia Indianapolis dopo ben tredici stagioni. Ryan Diem, invece, ha deciso di ritirarsi dopo 10 stagioni passate sempre in Indianapolis. Pagano si trova così a dover ricostruire 3/5 della offensive line.

Altro ritiro quello del running back Bears Marion Barber. Barber lascia dopo 7 stagioni dove ha complessivamente guadagnato 4780 yards e 53 rush touchdown. Ha giocato una sola stagione a Chicago; prima è sempre stato a Dallas ma diversi infortuni ne hanno alterato il rendimento.

Una notizia importante è che al Pro day di Baylor i Colts hanno apprezzato quanto fatto da Robert Griggin III. Pagano sa quanto sia difficile difendere contro un quarterback scrambler e potrebbe farci un pensierino, ma rinunciare a Luck è da pazzi.

 

Post By Federico Vedovelli (550 Posts)

Student, rugby referee, Carolina Panthers, NCAA Football, NBA, Radio Play.it. Affascinato da Twitter: CamFederico

Connect

4 thoughts on “NFL – Firme e sorprese

  1. Io di questo Griggin non ne avevo sentito parlare…

    si forse riescono a risparmiare mezzo dollaro d’ingaggio di Luck dicendo che gli piace Griffin

  2. ma non è un po prematuro il ritiro di barber? ha gravi roblemi fisici? mi pare che nel finale sia stato il (criticato) rimpiazzo di forte prima di essere stato a sua volta sotituito da kahlil.

    In rete ho trovato

    The reason behind Barber’s decision is unknown, although he dealt with a nagging calf injury all of last season.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.