Sacramento 108 – Miami 120

7 W in a row per i Miami Heat, che con la vittoria numero ventisei in stagione si issano al primo posto nella Eastern Conference e nella Lega. Di fronte, dei pur ostici Sacramento Kings, che si lasciano sfuggire la partita solo nel quarto periodo. Top scorer della serata Dwyane Wade, che sfrutta la suo ottima forma per mettere a segno 30 punti, 10 assist e 3 rimbalzi, ma l’outsider della gara è Mario Chalmers, che ne infila 20 in soli 29 minuti di utilizzo. Doppia-doppia da 20pt+10reb per Chris Bosh, mentre nelle file avversarie il migliore è Isaiah Thomas, rookie, che realizza 24 punti e dispensa 5 assistenze. 21pt+10ass per il rookie dell’anno 2010 Tyreke Evans e 23pt per il costante Marcus Thornton.

Detroit 100 – Cleveland 101

Adrenalina pura alla Quicken Loans Arena di Cleveland, dove nella notte si affrontavano i Cavs e i Detroit Pistons, reduci da diverse prove positive. Per tre quarti sono loro a tenere il controllo la partita, ma nel quarto periodo si svegliano Antawn Jamison, 32 punti finali più dieci 10 rimbalzi, e Kyle Irving, autore di 25 punti con 8 assist, che recuperano un deficit che a fine terzo periodo ammontava ad 11 lunghezze. Per gli ospiti, in ascesa rispetto alle prestazioni disastrose di inizio stagione, 24 punti per un confermatissimo Bobby Knight, a cui fanno seguito i 19 di Monroe e i 16 di Stuckey.

 

New Orleans 108 – Indiana 117

Ventesima vittoria stagionale per i Pacers, che pur senza brillare, regolano dopo un supplementare i New Orleans Hornets formato trasferta. Career high per un monumentale Roy Hibbert, che sigla 30 punti con 11-18 al tiro dal campo, a cui aggiunge 13 rimbalzi. Convincente prestazione anche per il “three point shootout contender” Paul George, che nonostante un 2 su 7 al tiro lungo, mette a referto 20 punti, 6 assist e 6 rimbalzi. Per gli Hornet un ottimo Ariza, decisivo nell’impattare la partita sul 100-100 a pochi secondi dalla fine a autore di 21 punti, a cui fanno seguito i 15 punti di Marco Belinelli e i 19 di un ottimo Jarret Jack in uscita dalla panchina.

 

Philadelphia 76 – Memphis 89

Partita dei parziali nella notte al FedEx Forum, casa dei Menphis Grizzlies, che affrontavano i 76ers. Il primo periodo si conclude 30 a 10 per i padroni di casa, ma nel secondo, al contrario di quello che si poteva prospettare, rispondono sonoramente gli ospiti, che infilano un contro-parziale di 32 a 17 che riporta la partita sui binari dell’equilibrio. Gestiranno meglio la partita i Grizzlies nei restanti due periodi, che torneranno alla vittoria fra le mura amiche, dove possiedono un record tutt’altro che disprezzabile. Un Marc Gasol da quasi tripla-doppia è il migliore dei suoi, grazie alla realizzazioni di 15 punt 14 rimbalzi e 7 assist, a cui aggiungerà, tra l’altro, ben 5 stoppate. 14 punti per un Rudy Gay decisamente sotto gli standard, ma il top scorer della serata e comunque nelle fila dei Sixers, che trovano 22 punti da Jrue Holiday, ma poco altro dai restanti giocatori(11 Iguodala, 14 Allen).

 

San Antonio 97 – Portland 137

Partita da dimenticare per i San Antonio Spurs, che nella possibile notte della 12^ W di fila cadono sotto i colpi degli spietati Portland Trail Blazers. Entrambe le squadre risentono delle fatiche del back-to-back, ma i Blazers impongono sin dal rimo quarto la loro intensità, chiudendo già virtualmente la contesa, con un break di41-23 nei rimi 12’. Guidati da Kawhi Leonard, 24 punti, e da ben sei uomini in double figure, gli Spurs non trovano mai il ritmo partita, ma la dulice assenza di Parker e Duncan pesa non poco sull’economia del gioco dei Texani, sia davanti che in difesa. Portland, invece, sempre in controllo, manda a referto 12 uomini,mdi cui sette, dicasi sette in doppia cifra, con il solo Camby autore di una virgola ma senza prendersi tiri. 21 e 20 punti rispettivamente per Aldridge e Crawford, ai quali si accodano i 1 di Crawford e Wallace, in doppia-doppia con i 10 assist.

Post By raffop (31 Posts)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

139 thoughts on “NBA – Irving in volata, bene Indiana Miami e Portland

  1. Ho visto la partita di Miami…ottima prova di Sacramento che ha fatto faticare i Miami per tre quarti e un pò! Concordo con l’analisi di Raffop: al di là dei Big Three (sottolineo ancora come Wade stia tirando con percentuali irreali e giocando cinque minuti e rotti in meno a partita rispetto alle medie di cariera), il vero fattore è stato Chalmers che ha ucciso la partita con una serie di bombe da tre spaccagambe!

    • alla faccia di chi aveva il coraggio di criticare wade! Wade è il miglior giocatore nba assoluto, kobe ha una certa età solo x quello, ma durant rose e james sono sotto

  2. La sfortuna continua impietosa ad abbattersi contro i poveri Trail Blazers: proprio stasera coach Pop ha deciso di far riposare Duncan e Parker con Ginobili e Splitter assenti per infortunio. Povera Portland, proprio non gliene va una dritta. =)

  3. Bravi i Kings. Hano tenuto botta per 3 quarti e mezzo per poi crollare sotto le triple di Chalmers e il talento strabordante di Wade. Alcune giocate dei due di amigos da applausi. I Kings hanno risposto con il piccolo Thomas (altro ventello), assolutamente positivo, un buon Thornton e Evans. Un filino sotto tono Cousisns che ha fatto una giocata delle sue. Peccato che non sia stata riproposta sui video. In pratica sul 70-64 Heat ha preso un rimbalzo ha palleggiato facendo passare la palla in mezzo alle gambe di Chalmers, per poi concludere a canestro su assist di Evans.Fredette si siede in panca come giusto che sia.

    Hornets
    Peccato. Potevano vincerla. Buon Beli che sta giocando in maniera consistente. Buone percentuali dal campo con una discreta difesa. Il ritorno di Kaman ha portato una certa vivacità all’attacco permettendo agli esterni di godere di più spazi. Alla fine ha vinto la squadra con più talento.

    Spurs
    In vacanza. Senza i big three non potevano battere i Blazers. Popovich lo sapeva, ha incamerato una sequenza impressionate di vittorie ed ora in vista dell’ASG non fa altro che preservare i suoi. Classica sconfitta indolore. Per Portland è stato importante per rimanere nel gruppone.

  4. Il caro Pop inizia a fare economia dei suoi gioielli, giustamente…
    Vittoria di carattere quella de cavs, Irving veramento un bel giocatore! Sono contento per loro ma anche per i Pistons che hanno due buoni giovani da crescere…
    Kings con tutto l’impegno che ci possono mettere i tres amigos + marione hanno avuto la meglio…

    Avete letto la nuova bomba di mercato che è spuntata? Io personalmente l’ho letta in due forum sugli heat…
    Gira voce (per me irreale e non possibile) di uno scambio heat-magic:

    wade e bosh per il turco, anderson e howard… E messi va alla pro patria :D

  5. Io continuo a sostenere che Irving non sia il play puro di cui si parlava, però è impressionante, non è la prima partita in cui si accende e porta i suoi alla vittoria con finali da favola.

    p.s. Bobby Knight? WTF?

  6. ennesima partitona di irving che rispetto ai suoi predecessori alla prima chiamata del draft nello stesso ruolo(rose,wall e potrei mettere anche westbrook anche se e stato scelto alla 4 nel 2008) arriva piu pronto tecnicamente parlando.
    non ha il primo passo di wall anche se non e affatto lento,non salta quanto rose pero e piu bravo a crearsi il suo tiro da solo,il tiro da 3 e affidabile.mi sembra anche piu maturo per essere un rookie.tutto cio non significa che avra una carriera migliore rispetto ai vari rose,wall e westbrook pero per una questione di gusto personnale lo preferisco di gran lunga rispetto a loro.in altri termini preferisco i giocatori che puntano piu sulla tecnica che sull’atletismo vedi bryant rispetto a wade o ancora durant rispetto a james.

  7. MIami primiii… come giusto che sia!!!Wade n° 1…come giusto che sia!!
    Contento che il 3 sia tornato(ma già da una settimana) alla sua miglior forma, viaggia con una media di 1 punto a minuto!
    Io proporrei James per Howard!! Formula 2006 con: DH12 al fianco di Flash Wade!!
    Magari…io potrei fare a meno di James point guard…
    Con questo non voglio iniziare una storia(sul 6 e il 3) lunga tuta la giornata…

    • sarebbe un sogno è da giorni che ci penso…charmerls , wade , battier , bosh , howard! titolo facile

  8. Irving ha dei fondamentali che gli altri play usciti negli ultimi anni a parte Paul e Williams si sognano, non è un caso se a nemmeno 20 anni tiri quasi col 49% dal campo, col 43% abbondante dall’arco e con l’85% dalla lunetta, queste sono cifre da Nash, poi per me non è proprio un play ma tecnicamente è veramente su un altro livello ma la cosa che più mi impressiona di questo ragazzo è la facilità che ha nel prendersi la squadra sulle spalle nei minuti finali, ha già dimostrato di avere ottime doti da clutcher.

  9. Sarò l unico, ma a me questa farsa di popovich non è piaciuta granché. D’ accordo fare turnover contro una squadra che non ha più velleità di play off, ma non contro dei blazers pienamente in lotta per gli ultimi posti utili.. Se fossi stern avrei qualcosa da obiettare. Va bene che siamo solo a metà stagione, però un po’ più di correttezza non sarebbe male

    • non mi piace neanche a me,e’ chiaro che Popovich lo puo’ fare,ma cosi’ falsi i risultati,anche per le altre squadre che competono con Portland per i playoff…

      • Il tuo discorso non regge. Perchè non è la gara Spurs-Blazers che falsifica i risultati ma tutte le gare che vedono tizio e caio seduti in panca contro qualsiasi avversario. Non pensare ai Blazers ma pensa a tutte le squadre. Un esempio stupidissimo: stasera Detroit giocherà contro i Raptors senza Bargnani (al 99%). Se vincessero potrebbero avere una vittoria in più che potrebbe fare la differenza a fine stagione. Stesso discorso contro i Rockets il 28 febbraio che potrebbe vedere AB in panca anche se sano.

    • Il tuo discorso non regge specie quest’anno. Gli Spurs sono in viaggio da una vita, 8 gare in 15 giorni (in totale 9 in 17 giorni), erano in b2b con Timoteo e specialmente Parker spremuti come limoni. Quindi valutando la situazione hanno preso un turno di riposo, fregandosene dell’avversario di turno. Dovresti chiedere a Stern e ai giocatori del perchè di 66 gare in 124 giorni.

      Non credere che i malanni alla schiena, le scavigliate, i personal issue….siano tutti veri. Ci sono tanti modi per preservare i giocatori. Ogni franchigia lo fa in maniera differente, ma credimi che gli allenatori e i giocatori si tutelano dagli infortuni per quanto possibile, pur mettendo in conto le sconfitte.

      Tanto per fare un esempio: i Raptors stanno pensando di non schierare Bargnani stasera anche se sembra che sia pronto. Perchè? Nel loro caso per valutare i giovani mentre la realtà è perdere quante più gare possibili. Quindi ognuno a modo suo fa lo gnorri. Lo sanno tutti, in primis Stern.

  10. “Wade n° 1…come giusto che sia!!”

    Mah… mah… Wade meglio di James? Ma in questo universo o in uno parallelo?

    • che palle che siete…a Miami io credo che sia il nuemro 1, stasera l ho è stato e per questo l’ho scritto!
      In tutti gli universi io preferirò Wade…my personal opinion!!!!!!!!!!!!
      Non c’è bisogno di rispondere con questa spicciola ironia

      • Dici di non sollevare polemiche, ma come si fa a non rispondere?
        James sta facendo quasi 28+8+7 ed è palesemente quello che sta giocando meglio degli Heat; arrivi tu a dirmi che Wade è il “n1”, quando sta giocando mediamente molto peggio.

        A me la balla “James, il Pippen di Wade” non è mai andata giù ( discorso generico, non sostengo che tu lo pensi o l’abbia detto in passato), neanche ai tempi di The Decision; figuriamoci ora che i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

        James può stare sul cazzo o meno ( a me infatti non sta simpatico per niente, tutt’altro), però preferirgli come rendimento Wade mi sembra follia.
        Non voglio entrare nel merito delle statistiche perchè sarebbe stupido – oltre che superfluo, in netto favore di James – ma voglio farlo nelle partite, e Wade è stato molto più discontinuo di LBJ.

        Poi se a te piace più Dwyane, opinione e gusti tuoi per carità, ma dire che è più forte è un altro discorso. Anche a me piaceva più Garnett di Duncan, ma credo che il caraibico sia stato complessivamente più forte, anche se di pochissimo, della rivoluzione.

  11. irving sta mettendo su % di tiro (totale,da 3 e ai liberi) degne di Steve Nash,ma la cosa piu’ impressionante e’ che Nash da rookie questi numeri se li sognava,potrebbe diventare davvero un grandissimo giocatore…non me lo aspettavo cosi’ pronto gia’ da subito,di sicuro i minuti e i tiri che ha a Cleveland aiutano ma poi dall altro lato la pressione per un 19enne responsabilizzato cosi’ tanto non e’ poca…

    • ma come vi viene in mente di paragonare irving a nash? Irving è uno scorer nel ruolo di Pm, nash è un Pm vero, è uno che la passa come manco dio in terra. Che cacchio di collegamento ci dovrebbe essere tra i due?

  12. già…una sera anche osh e mike miller sono i numeri uno statistici…ma per favore, finiamola con ste pagliacciate

  13. il relativismo è la più grande truffa e stronzata del nostro mondo sotto alcuni punti di vista…
    è oggettivo che lebron sia meglio di wade in tutto(con tuto che a me piace tantissimo dwade)…anche io posso dire che smush parker è più forte di jason kidd…ma mi sembra evidente che è dire una stronzata, e di certo non posso invocare il parere soggettivo

      • dubiti male :P…in realtà è una serie di cose, anche perchè baker si chiama chet…ma contò anche lui nella scelta di sto nick…anche se è un giorno vorrei riappropiarmi del mio ka huna :P

    • Non puoi invocare il parere soggettivo??Tu sei poprio fuori…ma dove sono capitato!!
      Penso che quì ci sia gente che non sa come sostenere un discorso o dibattito con altre persone…nel momento che una persona esprime un proprio parere l’altro accetta(il pensiero altrui) e può rispondere proponendo la sua tesi, a sua volta il suo pensiero viene recepito dall’altro senza essere “deriso” ma cercando di comprendere.
      Ognuno può rimane della propria idea ma nessuno rimane incaz. perchè c’è stato uno scambio di pensiero corretto.presa.
      Il pensiero soggettivo esiste per il semplice fatto che siamo tutti diversi e abbiamo gusti e preferenze diverse, grazie a Dio!
      Poi che razza di esempio fai(parker vs Kidd) il mio non era così assurdo… wade cmq è per tutti tra i primi 3 in circolazione, se volgiamo prendere in cons. la classifica dell’espn di qualche mese fa.

    • Voi state fuori! Cosa c’entrano smush parker e kidd? Qua si parla di due dei migliori cinque della lega, sarà possibile dire che il 3 e’ meglio del 6 o è eresia? Qui sopra si parlava di Duncan e Garnett: altro esempio azzeccato, secondo me e la maggior parte del mondo Timoteo era piu’ forte tecnicamente e mentalmente (e tifo Boston), ma se qualcuno mi venisse a dire che al fantadraft sceglierebbe KG su Duncan non mi scandalizzerei mica. Nella stagione in cui doveva fare pure il caffé (2009 mi pare), il 3 metteva 30 punti, prendeva 5 rimbalzi e prendeva 7 assist, cui aggiungeva un paio di rubate e piu’ di una stoppata (!) a partita. Qualcuno chiamerebbe questi numeri lebroneschi… Io con entrambi free agent firmerei Wade in certe situazioni e Lebron in altre, il tutto premettendo che PER ME Lebron è piu’ difficile da integrare in un sistema collaudato perché è un tipo di giocatore “diverso” – mentre invece Wade è un 2 fatto e finito.

  14. Boh, questo irving sta facendo cose che nessun rookie ha fatto negli ultimi anni. Ha solo 19 anni, eppure mostra una incredibile sicurezza che riesce ad infondere anche ai compagni, e i cavs sopratutto grazie a lui stanno lottando per i playoffs, solo un anno dopo la decision. Pazzesco. Non forza manco per sbaglio, nei momenti chiave alza il livello e si prende tutte le responsabilità e fino ad ora non ha deluso. Incredibile. Personalmente, fino ad ora considero la sua stagione da rookie, come numeri, sicurezza, capacità di guidare un team, superiore a quelle di rose, james, wade, melo, griffin. Tanto per capirci, questo segna quasi 19pts in soli 30 minuti di gioco, e lo fa con % altissime per un “playmaker” rookie 19enne. .487 dal campo, .436 da 3, .855 ai liberi. insomma, lebron alla stessa età segnava 21+5+6 con % nettamente più basse, mi pare il .410%, senza tirare da 3, e con ben 10 minuti di media in più. Le medie di erving proiettate sul minutaggio di james rookie, dicono 23+4+6… roba da fenomeno.

  15. Io vedo le cose in un modo strano: a che è servito fare 137 punti?
    Ti hanno fatto vincere? Ok
    fai il tuo e basta.
    Che poi
    per fare i fighi
    s’è fatto male Matthews…Hai vinto di 40 e ci hai rimesso lo stesso!!

    • L’avevo detto che ieri ero ottimista
      ma nello sbagliare a scrivere ho fatto danno…

  16. “è oggettivo che lebron sia meglio di wade in tutto”

    Ma in quale mondo?Posso capire se mi dici che in assoluto è più forte ma come cazzo fai a sparare una stronzata del genere?

  17. altra sconfitta x i sixxers..il calendario fa pagare dazio..squadra un pò in calo,ieri poi oltre a hawes(assenza pesante)mancava anche brand..vero che è ectoplasmatico,ma sempre meglio averlo..resto convinto che vinceranno la tlantic x mancanza di avversari,ma insomma,la squadra forse non valeva il record di inizio stagione..si vedrà..per il resto il pop ha fatto una cosa che fan tutti,ma che è counque scorretta..si falsano le cose..un conto poi è farla afine stagione un conto ora che siam si e no a metà..ma tant’è…per fortuna ora c’è la sosta così tutti potranno rifiatare e dimenticare questi ritmi assurdi..mai vista una stagione così falsata e di conseguenza poco veritiera…

  18. Ammiraglio
    Eppure pensavo che si potesse ragionare…
    Ci sono delle cose che hai dimenticato nella tua analisi…spero che ne comprenderai l’importanza!
    Wade post infortunio, prima si vedeva che non era lui ed era discontinuo, viaggia con la media +o- di 24 punti a partita buone statistiche…tuttavia molto meno di James! ATTENZIONE James gioca in media quasi un “quarto” più di wade!
    Il nuomero 3 gioca 25 min di media a partita…tra l’altro con lunghe pause e chi ha giocato sa che possono far perdere continuità.
    Mentre il 6 gioca di più con più regolarità visto che si fa tutto il primo quarto e spesso pure l’inizio del sencondo attaccato e continua con il gioco alla CLEV. prendendo palla sempre alla PG, non che la cosa non gli riesca.
    Però è giusto dire che questo facilita le sue statiche…
    Se non ricordo male l’anno scorso che i due giocavano gli stessi min le staistiche non erano così inferiori tanto che gli esperti nba pensavano già ad un CO-MVP…poi sappiamo come andò a finire.

  19. @ MV3

    Perdonami ma anche io non condivido la tua posizione pur rispettandola… Non amo per nulla James ma quello che sta facendo anche quest’anno è immenso e credo stia dando più di Wade, che rimane un stupendo giocatore che a me, personalmente, piace più di james ma non affermo che lui è il n1!

    Fossi in Stern metterei fine a queste pagliacciate continue in panchina ogni volta che si fa una schiacciata o una giocata… Spieghiamo ai vari James, Howard ecc ecc che Moira Orfei è una cosa, l’NBA è un’altra!

  20. Brutta cosa quella fatta da Pop, falsa una gara, daccordo una su 62, per ora….
    Dovese diventare un’abitudine quella di lasciare due big in panca senza un motivo fisico che non sia la “necessità” di riposare sono certo che la lega si inventerebbe qualche regola per evitarlo
    Ora vanno a Denver magari al completo (vabbè senza Gino e Splitter) e magari vincono, non è giusto
    se a fine stagione Denver e Portland si giocano i PO per una gara vinta in più (cosa probabile) voglio vedere se qualcuno se ne ricorda

    Ps anche Knight dei Pistons non è male, e Stuchey finalmente da guardia, e Gordon nel suo ruolo naturale di sesto, prendessero un Kaman …

  21. In questo momento james è un 203 per 115 che segna 27.6pts di media(ma continua a non essere considerato un realizzatore puro…mah) prende rimbalzi come un’ala grande 8.2, passa come un play 6,8, tira come un pivot(meglio di howard…) e tira da 3 con il 41%. gestisce un numero impressionante di palloni, e fa molte palle perse, ma la sua media di t.o. è uguale a quella di altri big che gestiscono molti meno palloni e la passano di meno. Ha il PER più alto della storia(per quanto possa essere opinabile il per, tendenzialmente premia i più forti giocatori della nba).

    Non c’è nessuna nella nba in grado di fare tutte queste cose a questo livello. Semplice. Poi se qualcuno preferisce wade a james o a durant, o a kobe, non starò certo a gridare allo scandalo.

    • Tu hai ragione a portare queste cifre ma sono decisamente da analizzare in profondità. Che sia un fenomeno è indubbio. Che sia un all around player pure. Che sia un grandissimo realizzatore lo spiegano quelle cifre. Ma andiamo in profondità. Ha percentuali cosi alte al tiro perché ormai non tira più dalla media. Quasi tutte le sue iniziative sono dunk, alley oop, lay up e attacchi al canestro. Fa benissimo perché è efficacie, anche se lo preferivo quando curava il suo tiro dalla media. Da 3 non tira mai se non solo nei momenti in cui è liberissimo o indispensabile. Prende tanti rimbalzi ma perché agisce spesso in area soprattutto sul piano offensivo (non è un Durant per dirla). Fa molti assist perché si cerca tantissimo con Wade per lo scarico sotto canestro o l’alley oop. Insomma queste cifre si spiegano guardando quello che è Miami oggi e su quello che James evita perché giustamente lo considera un suo punto debole. Fa benissimo, la sua stagione parla da sola ma non guardiamo le statistiche asetticamente.

  22. Non voglio parlare di Lebron. Infatti parlerò di Wade. E dire che Dwyane sia oggettivamente inferiore a James in tutto è una pura eresia per non dire vaccata. Non mi soffermo sulla capacità di leggere la partita, eleganza, punti nei momenti chiave, input offensivi e difensivi per quel fisico da 1,93. Tutta la scorsa stagione è stato raccontato questo tranne la serie con Chicago dove Lebron ha trascinato Miami. Questi 2 mesi di stagione, è indubbio che Lebron abbia trascinato la baracca ma negare che quando Wade sta bene ci sia (e si veda) e le numerose volte in cui nei finali di partita ha preso palla e le ha risolte… beh….
    Detto questo io lo preferisco a Lebron ma non posso dire oggettivamente chi sia più forte. Solo i presuntuosi possono farlo. Certo, lui un anello ce l’avrebbe anche al dito dominando una finale….

    • Amen. Il bello è che tra i primi 5 al momento attuale chi scegli scegli bene. Se uno mi dice che Paul è piu’ decisivo di James non è che gli sparo alle ginocchia, mi pare che l’impatto di Paul ai Clippers si veda senza ulteriori commenti… Insomma evitiamo le guerre di religione pliz!

  23. Quoto
    Semplicemente questo io ho espresso.
    Io non dicevo che oggettivamente wade è il migliore e non ho criticato quello che james ha fatto e fa in campo.
    Wade giocando(per esempio stanotte) un primo tempo da 16 min segna 17 punti e serve 4 assist, è una cosa da migliori in Nba.
    Da quando è tornato a fine primo tempo, dove gioca di più rispetto al secondo, è sempre top scorer con medie molto sopra il 50%…

  24. A me sembra che tra Wade e James quello più forte, considerando tutti gli aspetti del gioco, sia il secondo.
    Come tiratore puro e penetratore Wade è superiore a James, mentre difensivamente il secondo è il numero uno, in grado di annullare avversari anche più piccoli di lui. Come visione di gioco e capacità di servire i compagni James è davanti al suo amico, perchè per certi versi assomiglia sinistramente a Magic.
    Dal punto di vista psicologico Wade è davanti al numero 6.

    Però se dovessero sfruttare al meglio il loro immenso talento, vedo James. Non di molto ma la differenza c’è. Poi la carriera di entrambi ci dirà chi ha sfruttato al meglio il proprio potenziale.

    Per James il vero nodo è la testa. Se facesse quel salto di qualità, a partire dai prossimi po ne vedremo delle belle.

  25. fabio

    http://www.basketball-reference.com/play-index/plus/shooting.cgi?player_id=jamesle01&year_id=2012

    Insomma, non starò a rimarcare ogni cosa, ma se qualcuno si mette a guardare le gare degli heat, si accorgerà che james ormai si mette sistematicamente in post, tira jumper con le stesse % di kobe e segna in ogni modo.

    “Prende tanti rimbalzi ma perché agisce spesso in area soprattutto sul piano offensivo (non è un Durant per dirla). Fa molti assist perché si cerca tantissimo con Wade per lo scarico sotto canestro o l’alley oop.”

    Allora, i rimbalzi per prenderli devi stare in area, kidd(193 ne prendeva anche 8 a gara), si parla di ovvietà. Per quanto riguarda gli assist, non li fa per via di wade, anzi da quando e agli heat è molto calato nonostante abbia materiale migliore. Ai cavs ne ha messi 8.6 in stagione avendo non dei fenomeni come wade.

    • Aspetta. Quando ho detto “non tira più dalla media” era una forzatura per rendere evidente il cambiamento che c’è stato nel giocatore. Lo schemino dei tiri che conosco benissimo non dice altro che questo. Conclusioni con distanza ravvicinata al canestro 192. Tutte le altre conclusioni 374. Guarda che non è un dato da poco. Melo Anthony 90 vicino al canestro – 320 tutto il resto. Pierce 88 vicino a canestro – 300 tutto il resto. Ma questi hanno percentuali non confrontabili. Vediamo Durant allora che ha percentuali confrontabili 0,516. Bene 136 al canestro e 469 e passa da fuori! E se andiamo più a fondo vediamo che Durant ha segnato il doppio dei canestri da fuori rispetto a quelli vicino a canestro (102 a 200 e passa) mentre James addirittura….. ha segnato più canestri vicino al canestro rispetto a quelli da fuori! 152 a 150! Assurdo per un’ala piccola! Non voglio dire che se Durant si mettesse a segnare più vicino al canestro come fa James probabilmente avrebbe statistiche che potrebbero superare lo 0,600 (impensabile a rigor di logica ma possibile per Durant) ma voglio dire che segnare gli stessi canestri vicino al ferro rispetto che alla media ma anche piccola distanza (perché ci sarebbe anche la piccola che ho considerato come da fuori) non è da ala piccola. Poi che lui lo faccia perché può permetterselo, perché è efficacie, perché nasconde le sue lacune, beh fa benissimo!! Ma mentre lui tira il doppio dei tiri dalla distanza, le altre ali piccole (le più famose) della Lega hanno un rapporto di 3 volte, 3 volte e mezzo. E che James ha segnato più canestri da sotto il ferro rispetto a fuori. QUESTO spiega quelle percentuali. Perché può permetterselo con quel fisico e perché la squadra lo mette in quelle condizioni.

  26. Non ci vuole molto, sono giocatori simili, solo che james è 10cm più alto e 15 kg più pesante, ma nonostante questo salta di più e in campo aperto è più devastante. Semplice no? Poi una cosa che continuo a leggere: come tiratore puro wade è meglio di james. Ecco, vorrei sapere quando è successo tutto ciò. Wade non ha mai tirato da 3 come james, nemmeno quando si sforzava e la sua percentuale nei jumper è più bassa di quella di james. Ora, se questo fa di lui un miglior tiratore.

    • “sono giocatori simili,solo che james è 10cm più alto e 15 kg più pesante”

      stic***I… il mondo è pieno di donne simili a Belen allora… :D

  27. non guardo maiami ma qualcuno può spiegarmi le pazzesche % dal campo che sta tenendo se hanno una ragione particolare??? sono impressionanti, per non parlare di quelle di james e wade…

    • I big creano molti spazi e quando non finalizzano in prima persona riescono a far tirare gli altri in libertà!!
      la panchina sta giocando in modo eccellente con ottimi schemi offensivi quando sia James che wade sono in panca.

  28. Voi cosa intendete per migliore?

    James è il giocatore che “aggiunge” alla propria squadra più vittorie in RS.. per totalità di gioco e costanza anche fisica. Più di ogni altro Bryant, Wade o Durant che sia. Direi che questo è oggettivo ma magari sbaglio.
    Fatto 30, se devo fare 31 direi che in questo caso qualcuno migliore di lui in giro si trova.
    Insomma, se ho una squadra di mediocri prendo James, manco si discute, è quello che può farmi fare il salto maggiore.
    Se ho una squadra da titolo a cui manca una stella.. AD OGGI prima di LBJ la faccio guidare a Bryant, Wade e perchè no.. anche da Pierce (per questo verrò insultato!!)

    Detto questo… RS veramente insulsa. Non ho davvero il coraggio di criticare Popovich per la scelta..

  29. io voglio lanciare un appello….

    IMPEGNATI DEMARCUS!!!!!!! che potenzialità questo ragazzo…

  30. i 76ers stanno cedendo lentamente fossi in loro cercherei di fare qualcosa prima della trade deadline dando via ELTON BRAND che prende la bellezza di 17 milioni di dollari il problema è chi se lo prende se non ci metti qualcosa di appetitoso tipo YOUNG. Resta il fatto che nel pitturato sono troppo deboli.

    • Holiday Williams Young e Speights (e magari pure Hawes) sono intoccabili, il resto si. Turner da valutare (poca personalità finora ma mi pare faccia bene tante cose), AI e Brand andrebbero smollati in cambio di scelte.

  31. dontrythis@home secondo me è uno spunto molto interessante di vedere le cose e sono d’accordo con te.
    riguardo gli heat mi sembra non abbastanza la spiegazione di MV3 (grazie tra l’altro).. nel senso che pure gasol e bynum dovebbrero liberare spazi sull’arco ma i lakers sono tipo gli ultimi….

    • vabbè mettici pure che Miller e Chalmers sono tra i primi 5 con le % da 3 in questa RS.
      Ho cercato di darti un idea non pensavo che volessi un’analisi dettaglia…I’m sorry
      Cmq io credo che tutti vogliano dimostrare quanto valgono, a differenza dell’anno scorso il gioco è più corale , ci sono più assist e tutti fanno il loro!
      Consdera pure la sopresa Cole che sta dimostrando di avere pers., anche esagerando a volte, prendendosi tiri e coast to coast lasciando Wade e James a guardare.

  32. Molto sinistramente a Magic……quoto e straquoto.
    Su chi è più forte, secondo me è palesemente James. Qua è il tifo ad influenzarvi.
    Se prendete una suqadra qualsiasi dell’nba e infili James diventa subito quasi una contender, da finale di conference. Se infili Wade assolutamente no…e le prove ci sono.
    Cmq secondo me Lebron ha proprio sbagliato scegliere Miami (tralasciando il discorso decision) proprio per un motivo tecnico.
    Si pesta i piedi tremendamente con Wade. James è un play, anomalissimo ma è un play.
    Per carità sono primi hanno fatto la finale nba subito al primo anno, probabilmente vinceranno ma c’è sempre quella senzazione di insicurezza di vittoria data dagli esperti.
    Tiferò Knicks ma se sceglieva New york con l’asse stoudmaire un gallinari vicino harrington e alla fine sarebbe arrivato chandler…..mah

  33. vincenzo
    speights è stato scambiato anzi regalato…chiaro che si passa da brand ma nessuno se lo piglia..amnistiarlo?cedere iguo(che fa tutto bene ma non benissimo)x un lungo?si certo,ma chi?
    il calo adesso è legato a qualche infortunio,a un normale calo fisiologico in questa stagione dove tutti vanno ad alti e bassi e,soprattutto,al calendario più tosto rispetto alle prime diciamo 20 partite,quando si è giocato tipo 3 volte coi wiz, o con i bobcats o cadaveri simili…
    la division penso si possa vincerla,poi dove andranno chissà..certo il salto di qualità passa ovviamente dai 18mil(sigh)di un giocatore o quasi…

    • Lo scambio di Sperights me l’ero perso, chiedo venia… Per due 2nd round picks non alte mi sembra una cazzata abnorme, le qualità si vedevano nella stagione da rookie, poi ci sono pure affezionato visto che a 2k12 il mio giocatore è stato draftato da Phila è il penetra e scarica per Speights è una delle fonti piu’ sicure di punti :).

  34. Jeremy evans al posto di shumpert x la gara delle schiacciate…ma ki è??Ahahahahh…qst anno x la gara delle schiacciate sono andati al risparmio proprio…

  35. secondo il mio punta di vista James è l’antitesi del play, o di quello che erano i play. Non diciamo che è un play perchè porta la palla e distribuisce un notevole numero di assist, se il play è quello che mette in ritmo i compagni e detta i tempi allora il buon Lebron è l’opposto.

  36. concordo con white bamba (anche se è un tossico :)))…
    james fa una valangata di assist attirando su di se raddoppi e poi, essendo bravissimo a passare la palla, sforna l’assist per il compagno libero. Ma come play si intende il regista del gioco che fa muovere la squadra, detta i tempi e crea il gioco… james non fa muovere la squadra nè detta i tempi, nè crea gioco.. ma è una macchina sforna assist motlo diversa da nash, stockton, magic e via dicendo…

  37. Forse Brazz con BRAND si potrebbe tentare di prendere KAMAN sicuramente migliorereste nel pitturato.

  38. @Maicol Filips

    Aspetta. Quando ho detto “non tira più dalla media” era una forzatura per rendere evidente il cambiamento che c’è stato nel giocatore. Lo schemino dei tiri che conosco benissimo non dice altro che questo. Conclusioni con distanza ravvicinata al canestro 192. Tutte le altre conclusioni 374. Guarda che non è un dato da poco. Melo Anthony 90 vicino al canestro – 320 tutto il resto. Pierce 88 vicino a canestro – 300 tutto il resto. Ma questi hanno percentuali non confrontabili. Vediamo Durant allora che ha percentuali confrontabili 0,516. Bene 136 al canestro e 469 e passa da fuori! E se andiamo più a fondo vediamo che Durant ha segnato il doppio dei canestri da fuori rispetto a quelli vicino a canestro (102 a 200 e passa) mentre James addirittura….. ha segnato più canestri vicino al canestro rispetto a quelli da fuori! 152 a 150! Assurdo per un’ala piccola! Non voglio dire che se Durant si mettesse a segnare più vicino al canestro come fa James probabilmente avrebbe statistiche che potrebbero superare lo 0,600 (impensabile a rigor di logica ma possibile per Durant) ma voglio dire che segnare gli stessi canestri vicino al ferro rispetto che alla media ma anche piccola distanza (perché ci sarebbe anche la piccola che ho considerato come da fuori) non è da ala piccola. Poi che lui lo faccia perché può permetterselo, perché è efficacie, perché nasconde le sue lacune, beh fa benissimo!! Ma mentre lui tira il doppio dei tiri dalla distanza, le altre ali piccole (le più famose) della Lega hanno un rapporto di 3 volte, 3 volte e mezzo. E che James ha segnato più canestri da sotto il ferro rispetto a fuori. QUESTO spiega quelle percentuali. Perché può permetterselo con quel fisico e perché la squadra lo mette in quelle condizioni ma cerchiamo di analizzare le statistiche.

    • Il problema è che quando arriva aprile-maggio e attaccare il ferro è piu’ difficile i punti facili per lebron diminuiscono. E’ un fenomeno quindi comunque punti ne fa e pure tanti, ma quando lo si critica che per essere un realizzatore pure gli mancano due-tre soluzioni per alternare il suo gioco si dice proprio questo. Per me Wade come attaccante è piu’ completo anche se dall’arco è meno affidabile o in penetrazione meno devastante.

      • Ci capiamo vincenzo. E per finire il racconto, visto che si è parlato anche di Bryant. Kobe ha 91 conclusioni provate da sotto contro le 651 e dico 651 da lontano il ferro. E’ una guardia, fa cose diverse, sta anche forzando molto quest’anno ma lo dico anche per chi confrontava le percentuali…

        E completando il discorso su Miami, Wade in questo senso segue la stessa linea di James. 140 da sotto – solo 248 lontano il ferro. Addirittura Bosh è quello che in percentuale si prende più tiri da lontano il ferro! 132 da sotto contro i 325. Addirittura si scopre che segna più da lontano il ferro rispetto a sotto! 130 a 90! Questo per un semplice motivo. Quei due intasano l’area, giocando spesso sotto le plance, costringendo Chris a spostarsi fuori per avere una palla giocabile. Questa è Miami. Vincenzo dice che in post season la storia è diversa. Non ci saranno cosi tanti spazi, difese più chiuse, marcature più strette. Come dargli torto? Dovranno affidarsi necessariamente all’intensità difensiva che mettono. Ma se qualcuno non si spiegava le cifre di James e Miami basterebbe analizzare meglio pochissimi dati.

  39. Io ho detto play anamolo….infatti….
    Beh che non mette in ritmo è un po ingeneroso…..se fosse un nash…sarebbe un alieno allora….

  40. kaman..si forse..sempre rotto pure lui però..sarebbe meglio di sicuro,ma il problema è che non vedo tutto sto materiale in giro…

  41. ogni volta che leggo su questo forum comlimenti a rose westbrook e wall mi cadono le braccia! i play che fanno divertire e sono nati x il basket sono nash , CP3, DWill…gli altri sono ignorantoni rubati all atletica

  42. Ma dobbiamo sempre finirla a parlare di scimmione James??? Basta… Fra poco gli contiamo anche i peli nel sedere!!!

    @ d-matt
    beh Rose non sarà un play come quei 3 ma è un giocatore straordinario e nulla si può dire…

    • sicuro non lo metto indubbio! dico solo che io cm tipologia di giocatori preferisco quei 3

  43. Mi rendo conto che gli Spurs stanno sulle palle a molti, o che si possa sguazzare nella polemica, ma davvero non capisco di cosa ci si scandalizzi. Corsa ai PO falsata? Cioè, questi stanno in trasferta da 2 settimane, hanno il 2° miglior record di conference al sicuro (dubito facciano la corsa sui Thunders), hanno un’età media di 60 anni, e dovrebbero spremere Duncan e Parker (che per le assenze debbono sobbarcarsi minuti ed oneri in più)? Per cosa, per una W di cui evidentemente non hanno bisogno?

    Ah no, giusto, perchè sennò il campionato è falsato…mi chiedo perchè non sia falsato allora anche dai Suns, che tengono regolarmente Nash ed Hill a riposo nei back to back. Mi chiedo perchè non sia falsato quando un giocatore è pronto ma non al 100% (vedi Rose, Melo o il Barone queste settimane, o Wade precedentemente), e viene precauzionalmente tenuto in panca dal coach…

    Sono 60 anni che esiste la NBA e sono 60 anni che si fanno di queste cose. A maggior ragione nel 2012, con 66 gare in 124 giorni. Ma di cosa si sta parlando?

    Altro argomento delle scorse settimane…

    Mi chiedo in base a cosa di possa dire che gli infortuni di Portland sono “cose che possono capitare”, o che “tutti hanno i loro infortuni”. Allora andate indietro nella storia NBA, e ditemi quante volte il giocatore franchigia di una squadra si deve ritirare a 27 anni. Si tratta dello stesso Roy che Kobe definiva “l’avversario più duro da marcare”

    Ditemi voi quando è mai successo che ad un evento già di per se luttuoso, ci si mette anche una 1° scelta che in 5 anni ha giocato 82 partite, e che deve operare al ginocchio ogni volta che fa un passo. Come si possono comparare questi infortuni con quelli che capitano di solito in stagione, o con quelli di una squadra che magari perde la sua stella per la stagione (vedi Stat, o il primo MJ, o CP3 nel 2010), con una squadra che in 3 anni ha visto rompersi tutti, da Miller ad Aldridge a Wallace..

    Perfino McMillan, il coach, si è rotto il tendine di Achille perchè, durante un allenamento, dato che aveva solo 7 giocatori sani a disposizione, fu costretto a mettersi la canotta…

    Houston è stata sfigata, con TMac e Yao, ma almeno qualche centinaio di partite insieme i due le hanno giocate (senza comunque passare mai il 1° turno di PO), e Yao ha fatto in tempo a costruirsi una carriera…

    Altra balla…Portland perchè li ha scelti, quei due, sapendo che erano soggetti agli infortuni? Lo ha fatto perchè Roy aveva avuto qualche problema fisico solo da Freshman a Washington, e già comunque aveva perso un paio di posizioni per questo motivo. Odom aveva perso 9 partite nella sua stagione ad Ohio St, ma per una frattura alla mano, non certo un danno strutturale

    E chiunque segua la NBA da almeno 5 anni sa bene come, pur ritenendo Durant un fenomeno, tutti erano concordi sul scegliere al n.1 Greg. Il quale adesso sembra mio zio, ma nella NCAA aveva una mobilità, una elevazione ed un atletismo devastanti, tanto da farlo paragonare a David Robinson

    Dire che “si, ma dopotutto non hanno poi perso molto, quando ha giocato Oden non ha fatto un gran che” è una falsità, perchè non tiene conto del fatto che l’unica stagione di Oden è arrivata dopo un anno di inattività, che le sue medie al minuto di stoppate e rimbalzi erano tra le migliori della Lega, e che Portland lo scelse non perchè diventasse il go to guy, ma perchè nel tempo sviluppasse un gioco offensivo dignitoso (da 17-18 punti a gara), diventando dominante in difesa (e senza infortuni, un Oden da 12-13 rimbalzi e 3-4 stoppate di media era tutt’altro che una fantasia)

    Felton, Roy, Batum, Wallace, Crawford, Aldridge, Mattwes, Oden, Camby…ditemi che non è da titolo una squadra del genere? Con in più almeno 2 elementi da scambiare sul mercato…

  44. Ok oggi si parla di wade lebron.
    In effetti notte avara di spunti come sempre nel ore ASG. A parte irving che ne vince un’altra punto a punto. Mi pare che siamo a tre. E qui potrei dire lebron i finali punto a punto eccetera.
    Ma chissenefrega.
    Su Lebron ho 2 idee molto chiare.
    1. È il giocatore più dominante oggi come oggi.
    2. Se dovessi fare un fantadraft non partirei mai da lui per costruire la squadra.

  45. @ iyw

    concordo anche io su ciò che dici per gli spurs e per i blazers… Quoto in pieno!
    Ma non era Artest che diceva che roy era il più difficile da marcare??? :D

  46. iyw
    come ho già scritto..lo fan tutti di far riposare i pezzi grossi..non è leale,ma si fa..chiaro che si falsa un pò il tutto,ma si fa..il fatto che lo faccian tutti non giustifica..forse in questo si è notato di più per il non secondario motivo che già mancavano gino e splitter ma nonostante questo pop ha fatto la scelta che ha fatto..al che deontologicamente far riposare anche parker e td ci stava meno..tutto qui…
    certo.peggio far finta che robinson fosse rotto per avere più palline..ah ah ah l’ho scritto tanto per ridere non stare a rispondere…

  47. Quei 2 attirano il raddoppio e poi scaricano a bosh che con metri di spazio piazza un tiro dalla media facile facile

    • Benissimo questa è una soluzione, utilizzata ma a intermittenza. Ma a questo punto perché non prendere uno specialista alla Anderson (che va tanto di moda). Attiri la sotto e poi scarichi a lui che la mette anche (e soprattutto) da 3. Non paghi uno stipendio stellare, crei spazio salariale e puoi investire altrove se ormai hai scelto la logica: tutti dentro l’area tanto ci pensa prima uno e poi l’altro. Magari può mancarti Bosh quando giochi senza uno dei due ma io lo farei lo stesso anche perché si spera che quei due nei momenti chiave ci stiano sempre.

  48. Di Tiratori da 3 hanno già mike miller e james jones e anche mario chalmers che quest anno è affidabile, che beneficiano degli scarichi di lebron.
    La squadra va bene così perchè cambiare?

  49. Ma infatti perchè cambiare il giocatolino che funge?! Miami è lì, prima e non la smuove nessuno… Manco i bulls!
    Che rimanga a casa Anderson… Per ora james & co vanno come un treno poi bisognerà vederli nei momenti veri ma, per me, questi vanno ( per quanto li odi vanno di brutto!)

  50. bobby knight “l’uomo con il maglione” mi sa che attualmente non gioca nei kings :)

  51. Avete ragione voi, per carità, il giocattolo finora funziona, la mia era solo un’idea.

  52. IYW

    Portland ha preso Roy, che aveva mostrato problemi alle ginocchia durante gli esami che lo staff medico dei Wolves aveva fatto. Infatti lo hanno scambiato. Non credo che i Wolves fossero così stupidi da lasciare andare un talento. Quindi era sospetto da allora. Se prendi un giocatore sospetto ne paghi le conseguenze nel bene e nel male.

    Prendi Bynum. Se andasse via non esisterebbe nella maniera più assoluta attaccarsi alla sfiga se mai dovesse rompersi. Perchè lo sanno anche i sassi che il ragazzo è un injury prone.

    Rockets
    Un par di palle: questi hanno avuto una sfiga non da poco. Il miglior centro o quasi, e un giocatore al livello di Kobe rotti per una squadra che era stata costruita per vincere.

    brazzz
    Anch’io farei riposare i miei giocatori quando serve. Alla fine devo vincere e se per farlo metto a riposo il giocatore più importante non ci penso due volte. Parliamoci chiaro; se giochi ogni giorno senza contare le migliaia di miglia che si fanno in aereo mi sembra normale una gestione del genere. Giocassero due volte a settimana allora il discorso cambierebbe ma in questo caso parleremmo di una RS di 58/60 gare e non di 82.

    • ricordiamoci che anche Tyson Chandler era injury prone.. e un titolo l’anno scorso l ha vinto

  53. impeccabile l’intervento di iyw

    roy per i primi tre anni a portland non ha avuto alcun problema, segno che al draft era sano, la sfiga è venuta dopo..cosa c’entra bynum che invece fin dalle prime stagioni è sempre stato injury prone

    come giustamente sottolinei houston ha avuto sfiga ma certamente non paragonabile a quella dei blazers visto che yao e tmac li ha avuti sani qualche anno e non ha comunque mai passato il primo turno….nel 2005 pure sprecando un vantaggio di due a zero contro dallas potendo giocare gara 3 e 4 in casa, nel 2007 contro dei jazz dati da tutti per vittime sacrificali

    niente da fare, alert in questo periodo ha come bersaglio dei suoi logorroici strali stoudemire ( da lui definito finito, del resto attaccare chi magari per guai fisici è un po’ in difficoltà è la sua specialità, garnett 2010 docet) e i blazers, aspettiamo il prossimo giro per auspicare un cambio di mirino eheheheheh

  54. ripeto: so per certo che Roy fu scambiato dai Wolves perchè il team medico disse che aveva entrambe le ginocchia rovinate (tifo Wolves,l ho letto nella stampa locale),poi che Kobe diceva che fosse un fenomeno chi lo mette in dubbio? con tutto il rispetto io credo di più a l team medico di una squadra NBA che non a un poster di playitusa,com (solo qualche problema fisico da freshman)..infatti i fatti giustificano quello che dico io…poi le gare a chi ha avuto più sfiga di chi lasciano il tempo che trovano,fatto sta che la carriera di ROy è finita e Oden se torna a giocare si dovranno invocare i miracoli….

  55. è ovvio che al drat Roy era sano…sennò chi avrebbe fatto una trade per pigliarselo?? i problemi erano di carattere strutturale nelle ginocchia del giocatore da ciò che dissero i medici…infatti fin che la salute lo ha sorretto ha fatto faville,poi si è verificato ciò che avevano previsto e purtroppo ci siamo persi un bellissimo giocatore,ma all epoca è chiaro che questo non venne diffuso a mari e monti,sennò che nessuno ti avrebbe dato la scelta 7 (Foye,la metà del giocatore che era Roy,ma comunque da NBA) per uno a cui avevano pronosticato problemi gravi??

  56. allora…l’esempio kidd smush parker era, per l’appunto, un esempio, un paradosso…ma era per spiegare la mia idea…chiunque è libero di dire quel che si vuole, ma se per una SINGOLA partita quest’anno wade ha numeri migliori di james, ecco che tutti gli hater fanno la corsa a dire che wade è il numero 1…sinceramente sta storia ha stufato, e di tanto…mi pare che ogni scusa è buona per attaccare james ed è veramente frustrante trovare l’unico posto in itlaia dove si può parlare di nba, intasato di fanatici anti lebron…
    ora Fabio Massimo Stoppani dice che lebron ha quelle percentuali perchè tira solo layup e schiacciate…ma PERCHE’ CAZZO BISOGNA DIRE QUESTE STRONZATE per avvalorare una tesi????basta andare su 82games.com e si scoprono queste statistiche : Jump
    Shot Att. eFG% Ast’d Blk’d Pts
    Jump 69% .491 34% 1% 12.6
    Close 24% .688 39% 6% 6.1
    Dunk 5% .966 54% 0% 1.9
    Tips 1% .500 0% 0% .3
    Inside 31% .727 41% 5% 8.3

    è veramente irritante la gernte che si inventa le cose per avvalorare la propria tesi…
    inoltre vorrei che qualcuno mi dicesse IL SINGOLO ASPETTO DEL GIOCO in cui wade è meglio di james…forse il primo passe e la penetrazione…il resto no!

    dato che nessuno di noi è uno psichiatra (credo) non possiamo analizzare l’aspetto mentale, negli aspetti tecnici del gioco lebron è migliore di wade e di chiunque altro nella lega…
    preferirne uno diverso è un conto, ma negare che sia il più fore un altro…
    ho sempre reputato duncan il più forte in ala grande, ma gli preferivo sheed…

    • e per completezza…

      ecco quelle di wade
      Shot Att. eFG% Ast’d Blk’d Pts
      Jump 64% .401 35% 4% 8.7
      Close 26% .585 38% 5% 5.2
      Dunk 8% .828 75% 0% 2.3
      Tips 1% .600 0% 0% .3
      Inside 36% .641 48% 4% 7.8

      bryant
      Shot Att. eFG% Ast’d Blk’d Pts
      Jump 89% .441 41% 2% 18.8
      Close 9% .623 47% 5% 2.6
      Dunk 2% 1.000 36% 0% .8
      Tips 1% .500 0% 0% .1
      Inside 11% .671 43% 4% 3.5

      durant
      Shot Att. eFG% Ast’d Blk’d Pts
      Jump 82% .517 47% 2% 16.3
      Close 13% .597 28% 10% 3.1
      Dunk 4% .952 70% 5% 1.4
      Tips 1% .500 0% 0% .1
      Inside 18% .670 40% 8% 4.6

      • il tiratore puro wade tira molto meno dalla media di lebron e molto peggio…
        il vero tiratore puro durant tira più dalla media, poco meglio statisticamente, ma anche in modo più assistito, quindi più in ritmo, il che rende le cose un po più facili…

  57. Concordo con IYW su tutto tranne che su Houston. I miei Rockets davvero sono stati una squadra sfigata. Si poi uno davvero può dire non ha mai superato il turno ma rimane il fatto che un quintetto composto da un play qualsiasi fra i tanti che sono sbarcati a Houston, McGrady, Artest, Scola e Ming con Battier sesto uomo con tutti gli uomini al top sarebbe stato assolutamente da titolo. Poi magari non l’avrebbe vinto per limiti mentali, non c’era un vincente dentro quel gruppo ma mi metto a piangere se ci ripenso. La differenza con Portland è che quei due a detta di tutti erano delle all star pure. Oden avrebbe dovuto dimostrare tutto. Roy, per quanto apprezzi il giocatore, autentica superstar ma a mio avviso lontana dai livelli che avrebbe potuto raggiungere un T-Mac sano. Il fatto è che Portland ha una storia falcidiata dagli infortuni.

    Su Oden, certo, non si può condannarla tanto considerando soprattutto non tanto il precarriera Nba, che conosco solo a grandi linee quanto la voglia di avere una stella che non offuschi Roy (con Durant sarebbe stato cosi) e soprattutto un giocatore pesante da mettere sotto le plance. Comprensibile ma guarda caso fu la stessa identica considerazione che fecero con Jordan. Presero Sam Bowie perché avevano bisogno di qualcuno la sotto scartando Jordan perché sarebbe entrato in competizione con Drexler (la logica Heat non era proprio considerata). Bowie qualche partita la gioco pure ed anche di buon livello ma anche per lui arrivarono gli infortuni. Questo mi pare la fotocopia di quello che è accaduto con Oden. Giocatore ottimo all’università, falcidiato dagli infortuni. Perché è vero, magari Durant non arriverà ai livelli di Jordan ma almeno un anello, probabilmente, glielo avrebbe portato. La storia si ripete.

    • Due giocatori che all’età di 28 e 29 anni si sono rotti e che giocatori, ti fa venire la voglia di maledire tutto e tutti. I Rockets avevano costruito un progetto valido, e sulla carta vincente, ma la sfiga ha voluto metterci lo zampino.

      Poi parliamo della sfiga Blazers anche se dal mio punto di vista quella dei texani è ben peggiore.

      • Ora piango. Le cose più incredibili nella mia vita forse più che Jordan le ho viste fare da T-Mac… Jordan era l’assoluto, è inarrivabile, condiva tutto al meglio ma T-Mac era quello che davvero mi faceva sobbalzare dalla sedia.

  58. X Michele

    Mi mancavi……ehehehehehe

    Dovresti leggere i post e non fare il giornalista che va a spulciare su considerazioni fatte sull’omino verde, Garnett.

    Quando parlo di Stat parlo di un giocatore che non ce la fa a saltare. Punto. Sono fatti. Se poi si riprenderà sarò il primo ad essere contento visto che mi piace il basket con i campioni sul parquet, non dei cessi. Se guardi le gare dei Knicks, potrai constatare come Stat sembra uno zoombie comparato a quello dello scorso anno. Poi si riprenderà e rivedremo una copia non scintillante di quello apprezzato pre-infortunio, ma uno che comunque fa la differenza. E leggendo i post potrai notare che anche qualche altro utente lo ha notato. Sarà un caso?

    Bynum è stato posto ad esempio per enfatizzare il concetto di giocatori che hanno problematiche. Roy era uno di quelli, altrimenti col piffero che i Wolves lo lasciavano andare via. E se conosci un pò di medicina, nel momento in cui un medico ti parla delle ginocchia definendole di cristallo allora ti devi preoccupare. Un conto essere un dilettante che giochicchia, un conto essere un professionista.

    • d’accordissimo su stoudemire…il suo punto di forza era la potenza, l’altletismo e il nash ke aveva…e poi nn sarebbe il primo caso di giocatore ke dopo un infortunio perde moltissimo

  59. Ched le tue stat onestamente nemmeno le ho lette. Innanzitutto perché parti davvero male considerando le mie parole stronzate. Se ti da fastidio che qualcuno tocchi il tuo atleta, cambia forum o cambia vita. Io so rispondere con dati certi, te con percentuali che non posso considerare. Prendendo spunto dal post di Maicol Filips e il suo link a Basketball reference (che presumo in questo spazio conoscano un po’, non ho preso dati da IhateLebron.fuck) gli ho fatto presente che quello stesso link avvalorava la mia tesi. La metà delle realizzazioni di Lebron avvengono sotto canestro. L’altra da fuori. In quei dati c’è scritto espressamente quanti canestri siano stati realizzati sotto il canestro, quanti da 1 metro a 3 metri (ft se non lo sapessi è un piede unità di misura usata dai paesi anglosassoni ed equivale a circa 30 centimetri. Te lo ricordo magari potrebbe mancare al tuo vocabolario visto come ti rivolgi) e cosi via fino ad arrivare ai tiri dalla linea dei tre punti. Sono numeri certi, non percentuali che prendono spunto da chissà cosa. Poi non ci vuole tanto per capirlo. Basterebbe guardare una e dico una, non chiedo tanto, partita degli Heat per accorgersi che Lebron realizza equamente tiri da sotto (diciamo da dentro) che dalla piccola-media e grande distanza. Non che sia un male, fa benissimo, siete voi che lo vedete come un male credendo che il Re possa fare qualsiasi cosa ad occhi chiusi. Lui è più umile di voi e riesce a rendersi conto dei propri limiti diventando letale nei propri punti di forza. Che male c’è? E’ un atleta costruito per vincere. Poi attaccarsi all’assistito quindi più in ritmo…. Di certo nei Thunder non ci sono ne Chris Paul, ne Nash, ne Williams. I Thunder hanno altre qualità, di certo non spiccano nelle assistenze, pur giocando con intelligenza. Dopo la partita degli Heat, guardatela una dei Thunder e vatti a vedere quanto Durant siano facili i suoi tiri. Sono disarmanti per quanto siano semplici….
    Sta scadendo nel chi ce l’ha più grosso e non mi piace. Tu ched comincia a prepararti che all’una ci sono i Thunder contro i Celtics. Sarà la tua prima partita (di basket?). Sei anche fortunato, è una bella partita.

  60. da profano posso dire che LeBroon ha una visione di gioco da playmaker che Kobe sembra non possedere o sono blasfemo ?

  61. così come james non sarà mai come bryant nel trovare spiragli impossibili per andare al tiro intendiamoci

  62. “Jordan era l’assoluto, è inarrivabile”.

    Tipica frase che ho sempre odiato, che dimostra il fanatismo e la totale parzialità di giudizio nei confronti di jordan. Frase abusata, e che conferma la mia idea che se mai dovesse arrivare un giocatore che vince 6 anelli con 5 mvp 6 finals mvp e un premio di miglior difensore, beh, comunque si farà di tutto per trovargli i difetti per evitare a tutti i costi di scalfire un mito, a dir poco esagerato.

    • Te trovalo questo giocatore…sto qua aspettare…e metti anche record punti in playoffs e una decina di classifiche capocannoniere…un mvp a livello difensivo…41 punti con 38 di febbre a gara 6….posso continuare se vuoi….

    • Te trovalo….o aspettiamolo…..ci vediamo nel 2030? ah se non vuoi la febbre guardati gara 7 1992 contro new york…….l’ho odiato e amato….ah altro record nessuna serie playoffs meno di 30 di media.
      Se vuoi negare l’evidenzia…fai pure

  63. Lo considero il più grande giocatore dei 90’s, di gran lunga. Stop. Le storie dell’inarrivabile e cagate simili, lasciano il tempo che trovano.

  64. @ Maicol Filips, non bestemmiare di Jordan non ce ne sarà mai piu uno….troppo superiore a tutti! questo fa capire la tua obiettività….6 anelli con 5 mvp 6 finals mvp e 1 mvp cm difensore ti sembrano poco? non ho neanche voglia di scriverti le statische della RS dei PO e delle finals

  65. Questo per far capire a che livello siamo. Ho detto che mj non era forte? No, ho detto che è stato per me il più forte di un intero decennio, in cui hanno giocato delle leggende. Ma non basta, c’è sempre qualche fanatico che si offende. Incredibile. Le stats di jordan che conosco a memoria comunque. Numeri mostruosi, ma che non fanno cambiare di una virgola la mia opinione, che non è negativa, ma prova a non farsi influenzare dal fanatismo.

  66. Le vostre reazioni hanno delle incredibili somiglianze con il modo di fare dei fanatici religiosi, che non accettano che qualcuno non veneri il loro dio. Ma smettiamola. Se la NBA avesse avuto nei 70’s la visibilità internazionale che c’è stata tra anni 80 e 90, ora qualcuno starebbe difendendo doctor j, o jabbar. Tanto per dire.

  67. Oltre ad aver fatto cadere il muro di berlino. Con una schiacciata ovviamente. Lo capisci vero che fosse nato 10 anni prima, avrebbe giocato nei 70’s e quindi avrebbe probabilmente dominato ugualmente ma senza la stessa visibilità mondiale, perché semplicemente erano altri tempi, o forse jordan ha cambiato il mondo?

  68. giusto per, se non sbaglio, lebron , giocando fino a 35 anni, potrebbe diventare il primo marcatore di ogni tempo in nba…

    • hai rotto i coglioni però con sto Lebron! parliamo di MJ e tu metti in mezzo quel perdente di Lebron? mi può andar bene ancora con Kobe anche se x me nn ce ne ma con MJ..qnd si parla di lui lebron nn va nominato manco

  69. ma perchè dia.volo dovrei parlare con una persona che non si prende nemmeno la briga di controllare dei dati che gli si forniscono…
    parli di mio atleta, ma ti svelo un segreto, a me lebron non mi paga per prendere le sue parti, e neanche a te pagano per andargli contro…
    parli di dati certi, ma non puoi considerare delle percentuali…non capisco cosa ci sia da considerare, 82games èuno dei più importanti siti di statista nba…
    cerchi di insegnarmi cosa sia un piede, innalzandoti con fare sac.cente a unico conoscitore della civiltà aglosassone (lo sono anche i tedeschi che non usano questo sistema, ma farò finta di niente)senza conoscere il tuo interlocutore, cosa che non ho fatto…ho semplicemente definito UNA STRO.NZATA il fatto che tu abbia detto certe cose…il sito molto chiaramente dice che il 70% dei tiri di lebron sono degli jumpshot…e possono esserlo anche da 3 metri…e infatti se avessi guardato quei numeri criticamente, e non assorbiti in modo passivo, ti saresti accorto di come , nella tabella successiva , quella riferita al tipo di tiro, si dica la stessa cosa.
    sempre con la stessa sac.cenza dichiari che non ho visto partite degli heat, di ocklaoma, e anzi, nessuna partita di basket…senza nemmeno considerare che magari io possa essere anche un giocatore di serie a(cosa che non sono).

  70. Ma quello conta pochino secondo me, un jabbar che ha vinto 6 MVP, 2 finals MVP, 6 Anelli, di cui uno incredibile con i buks, al secondo anno, poi una marea di premi in ncaa, credo uno di quelli che ha vinto più premi al college. Uno che ha il record di pts segnati nella nba, che a 38 anni segnava ancora 23pts in regular e 26 nei playoffs…è stato una leggenda, oltre ad essere all’epoca forse il giocatore di basket più famoso del mondo, beh, non se lo fila nessuno. Fosse nato 15 anni dopo, chissà. Poi son discorsi molto discutibili, lo so…

  71. la cosa ridicola è che ormai si può dire tutto e il contrario di tutto senza che nessuno possa controbattere…aldilà della veridicità degli uni o degli altri dati, RIMANE RID.ICOLO affermare che le percentuali di james (55%) è frutto del fatto che lb tia di più da vicino, in quanto chiunque abbia visto una partita degli heat ha ben impresse la quantità di tiri che lebron mette con il jumpshot, frutto soprattutto di scelte migliori, più che di un aumento dei tiri ad alte percentuali,

  72. anche perchè, la vera differenza del gioco di lebron quest’anno, non è la quantità di tiri che va a prendersi nell’area , che sono praticamente identici dal suo primo anno nba, essendo una sua caratteristica,

  73. ma i tiri che va a prendersi spalle a canestro, che non si cncludono solo con layup e schiacciate
    ecco le statistiche, decisamente peggiori, del suo secondo anno nba
    Shot Att. eFG% Ast’d Blk’d Pts
    Jump 67% .396 42% 3% 11.1
    close 24% .648 44% 8% 6.7
    Dunk 8% .984 62% 2% 3.2
    Tips 1% .647 0% 0% 0.3
    Inside 33% .725 48% 6% 10.1

    • poi cosa diavolo c’entra quello che hai detto sulle assistenze proprio non le capisco…che te la da nash o peppe poeta, nella stessa identica situazione e nello stesso identico momento, rimane lo stesso passaggio…nash la differenza la può fare per un tiratore che esce dai blocchi, non per uno come durant, che di certo non è un ray allen…le assistenze sono fondamentali, e se non te ne accorgi mi spiace per te…ftto sta che un 2% di percentuale migliore nei jumpshot è facilmente giustificabile dal 10% in più di canestri segnati per assistenza…
      sinceramente il livello di questo b.log, dialetticamente e qualitativamente parlando, è sceso in una maniera incredibile, lo frequento da anni, e da “the decision” in poi è diventato uno strazio…
      giudicare criticamente non è più possibile, si parla solo accecati dall’antipatiaper chissà quale motivo verso lebron quando questo qui sta guidando la MIGLIOR SQUADRA DELLA LEGA (per record) con la sua MIGLIOR STAGIONE in nba…e ancora lo si sminuisce idolatrando gente che , fino a porva contraria, ha dimostrato meno di lui :wade lo adoro, ha vinto il titolo con una prestazione incredibile e uno shaq in decadenza, ma mi spiace dirlo,di li in poi, con una quadra tuttosommato migliore dei cavaliers, non ha avuto dei risultati incredibili(anche per via degli infortuni) , durant, è giovane, giovanissimo, ma non ha dimostrato ancora niente , apparte essere un grande attaccante…a 23 anni lebron ha portato UNA SQUADRA DI CAPR.ARI alle finali nba, la peggiore che s’è mai vista…durant quest’anno magari arriva in finale, magari vince (fermo restando che adoro durant, non si possono non adorare questi campioni) ma con una sqadra di ben altra levatura rispetto anquei cavs…
      mo rispondi che vuoi…forse domattina risponderò…
      tu Fabio Massimo Stoppani cominciati a preparare, che domani c’è la vita vera

  74. Qll ke diceva maicol filips cmq è vero…se chiedete ad un ragazzino ki è tipo un elgin baylor nn lo saprà mai è pure era un ala piccola ke ha avuto picchi di 35punti 18rimba e 4 assist..conta tanto il periodo in cui hanno Giocato…cosi come negli altri sport x me è impossibile decretare ki è il più forte di tutti..è più giusto parlare di più forte xje epoca…nel calcio si parla tanto di maradona ma x ki l ha visto molti dicono ke di Stefano fosse anke più forte solo ke avendo giocato negli anni 50-60 nessuno se lo ricorda

  75. Son d’accordo pure io…per carità Jordan è stato un dio, però da fastidio che si deve dar per scontato che è stato, è e sarà il più grande, imbattibile! Ma chi lo dice?

    Un po’ come nel calcio dove non si vuole prendere in considerazione Messi, perché Maradona è il più grande è basta!
    La pulce potrà vincere 8 champions, fare 1500 gol, ma Maradona sarà sempre più forte!

  76. Messi nel calcio probabilmente supererà Maradona! noi diciamo solo che x adesso e sottolineo adesso uno come MJ non ce stato, poi tra 1 10 20 anni magari ne nasce uno ancora piu forte! L’unica cosa ogni volta sentir nominare James con lui mi fa venire l’orticaria….Capisco Kobe ma Lebron x favore dai…

  77. Ieri ci siete andati giù pesanti hahahahahahah
    ragazzi MJ è stato il più grande, questo nessuno lo ha messo in dubbio ma il 23 è capitato anche in un momento basilare della visibilità del basket americano… È poi troppo difficile fare confronti con epoche diverse come gli hanni 60 dei celtics, gli anni 70 di chamberlain e alcindor (jabbar) ecc ecc
    posso dire che per me gli anni 80 furono unici e credo una concetrazione di talento a quei livelli non capiterà più…

  78. @In your wais
    Mi è piaciuta molto la tua analisi sui Blazers
    la condivido.
    Io aggiungo, oltre all’infortunio di Nate
    anche le scomparse di due ex giocatori ancora relativamente giovani,
    e non mi risulta che conducessero delle vite spericolate, almeno credo…
    Non c’entra nulla con il campo, anche se Lucas era nello staff tecnico, però cavolo fa pensare.
    Fermo restando
    che non si è sfigati…almeno Io non credo alla sfiga.

  79. su Kareem la risposta sta nella domanda, pazzesco come per la voglia di fare polemica si faccia finta di nulla. Kareem ha vinto 6 anelli e “solo” 2 MVP delle Finals? Do’ un aiutino: forse ad un certo punto non era nemmeno il miglior giocatore della sua squadra? Per chi MJ l’ha visto giocare in diretta, come il sottoscritto, queste discussioni da 16enni che devono mettere togliere gli idoli dal tempio per ribellarsi ai grandi sono assurdi. Giusto per ricordare, MJ ha vinto 6 anelli e 6 MVP finals, i suoi Bulls sono stati la prima squadra del basket moderno a vincere tanto senza avere lunghi di livello (giuro che stacco la testa al primo che dice “Horace Grant”), e infine il tizio in questione si è ritirato per due anni altrimenti i titoli e relativi MVP sarebbero stati 7 o 8. Grandissimo Kareem, un mostro sotto mille aspetti, ma un 218 che domina nella pallacesto fa un po’ meno impressione di uno 20cm piu’ basso che domina ancora di piu. IMVHO.

  80. sul basket non sarò ferrato quanto voi ma sul calcio non scherziamo,messi è inserito in un impianto di gioco fantastico a differenza di quel napoli e non ha ne il tiro ne il carattere del pibe che si caricava l’intera squadra sulle spalle,non bestemmiare più

    • Il tiro????Ahahahahahahahahahaahahahahahahahahahahahahaha, Messi è probabilmente il più grande esecutore della storia del calcio, quando calcia prende sempre la porta, ma di che stai parlando?Maradona aveva un’inventiva superiore, più carisma sicuramente ma il tiro????Ahahahahahahahahahahahah

      • maradona avrà avuto piu fantasia ma il tiro e il dribbling di messi non ce l’aveva! poi le statistiche non mi interessano altrimenti non ci sarebbe storia

Commenta