Lakers 80 – Orlando 92

Nel match di cartello della serata. i Magic battono agevolmente i Lakers di KB24, che nonostante i suoi 30 punti è sempre più abbandonato dai compagni e solo nei momenti che contano delle partite. Imperiale la prestazione di Dwight Howard, che con 21 punti e 23 rimbalzi, mette a tacere qualsiasi confronto con il lungo losangelino Andrew Bynum, autore invece di soli 10 punti con 12 rimbalzi. Per i Magic, tuttolo starting five in doppia cifra, mentre per i viaggianti ennesima doppia doppia per Pau Gasol, che condisce i suoi 13 pt con 10 reb.

Minnesota 101 – Clippers 98

Grande partia alo Staples Center dipinto di bianco rosso per la notte dei Clippers, che però perdono a domicilio a favore dei sorprendenti T-Wolves. No Paul-no party per i Clips, che nonostante portino tre uomini oltre i venti punti, Billups 20, Williams,25, e Griffin 21+11reb, non trovano le misure a un Darko Milicic in serata di grazia, col season high sdi 22pt, e al solito Kevin Love, autore di una double-double da 17pt e 14reb.

Portland 94 – Toronto 84

Ennesima sconfitta interna e settima L consecutiva per i Toronto Raptors ancora privi di Andrea Bargnani.  Partita già chiusa nel primo quarto dai Trail Brazers che, agguantato un vantaggio di 13 lunghezze(27-14), manterrano il controllo della partita fino al 40′. Per gli ospiti prestazione memorabile per il lungo Lamarcus Aldridge che mette al suo score personale 33pt 23reb e 5 ass, seppur con 6 TO. Felton, 14pt, e Crawford. 10pt dalla panchina, completano l’opera, e trovano tenace opposizione solo nel trio Johnson, 23pt, Derozan, 22pt, e Barbosa,17pt, che mettono insieme 62 punti, poco meno dei 3/4 totali di squadra.

Atlanta 76 – Philadelphia 90

Tornano alla vittoria i Sixers che stendono in casa gli Hawks dopo una partita tiratissima. La statistica a dare nell’occhio sono i 51 reb raccolti dai Sixers a fronte dei soli 32 presi invece da Atlanta. che ssottolineano un dominio incontrastato sotto le plance di Brand e compagni, quest’ultimo capace di catturarne addirittura 16 personali. Il top scorer della serata è, però, Taddeus Young, che sigla con un 8-11 dal campo e 4-4 dalla lunetta il suo ventello personale. Altri quattro uomini in doppia cifra per Phila, mentre per gli Hawks è T-Mac a cercare di dare una scossa dalla panca con 10 punti in soli 18 minuti, coadiuvato da Green, top scorer ospite con 14pt.

Denver 108 – Washington 104

Si decide nei minuti finali la partita al Verizon Center tra i Nuggetts di un ottimo Gallinari e i Wizards. La partita si risolve parzialmente grazie alla serata dell’Al Harrington dei giorni migliori, che oltre a 5 bombe, mette insieme 29 punti con media alta dal campo. Gallinari e Lawson, 21 punti a testa sono le altre bocche da fuoco dal Colorado, a cui fanno fronte i 25 punti di Nick Young e la quasi tripla-doppia del sophmore John Wall, che mette insieme 13pt 10ass e 9reb.

Phoenix 79 – Boston 71

Ennesima pessima prestazione per i Celtics di coach Rivers, che cadono nuovamente in casa questa volta sotto i colpi dei Phoenix Suns. Si sente eccome l’assenza di Rajon Rondo nelle file dei versi, che realizzano complessivamente 20 assist di squadra, quando l’All Star ne porta da solo 9.4 di media alla causa. Per i Celtics è Ray Allen il miglior realizzatore, con sole 24 realizzazioni, mentre i Suns sfruttano la magica serata di Marcin Gortat, 24 pt e 12reb, per prendersi un importanta vittoria in chiave playoff.

Milwaukee 100 – New York 86

Un secondo e terzo quartop da incorniciare per Brandon Jennings, che realizza 23 punti a cavallo delle due frazioni, sotto il leit-motiv principale della serata, che vede i Bucks vittoriosi al MSG. L’ex Lottomatica, autore complessivamente di 36 punti, trova risposta colpo su colpo da parte di Melo Antonhy, i cui 35 punti, associati a quelli di Soudemire, 15, e Chandler, 11, non bastano a colmare la differenza di punti realizzate tra la panchina dei Bucks, 26pt, e quella dei Knicks, soli 11.

Memphis 98 – Detroit 81

Rudy Gay mette a segno 24 punti a cui si aggiungono 1 17 con 6 reb di Marc Gasol, nella notte in cui i Grizzlies sbancano il Palace of Auburn Hills di Detroit. I pistons, che escono sconfitti la decima volta nelle ultime 11 partite, trovano l’unico conforto nella serata di Knight, che si conferma ad alti livelli con 22 punti all’attivo.

Chicago 114 – Cleveland 75

Non c’è partita nella notte tra Chicago e Cleveland, e i 39 punti di divario ne sono la lampante giustificazione. I Bulls passeggiano letteralmente alla quicken Loans Arena, mandando a segno ben 11 giocatori dei 13 scesi in campo. Il top scorer della serata è il sudanese Luol Deng, che realizza 21 punti in 33 minuti, a cui i Cavs, pur potendo contare e sfruttare l’assenza di Derrick Rose nelle fila degli ospiti, non trovano nient’altro oltre ai 14pt di Anderson Varejao e ai 13 del rookie prima scelta Kyle Irving.

Sacramento 88 – San Antonio 86

Clamorosa vittoria esterna per i Kings di Tyreke Evans, che sbancano l’AT&T Center a scapito degli irriconoscibili Spurs. I padroni di casa, in contumacia Ginobili da parecchie settimane ormai, vengono scossi solo dai 24 punti di Parker e dal 10+10 di Tim Duncan, che però trovano risposta concreta nei 23pt di Evans, che mette a segno la giocata decisiva con un jump shot dai cinque metri, e nell’ennesima doppia-doppia di Demarcus Cousins, con 17punti e 13 rimbalzi,

Indiana 94 – Golden State 91

Nell’ultima partita della notte, altra vittoria esterna per i Pacers che migliorano il loro record a 10 vinte e 4 perse, mettendo un importante sigillo per aggredire le prime piazze ad Est.  Il marchio sulla serata lo firma Danny Granger che, autore di 26punti con 3-3  dalla lunga distanza, è il top scorer della serata. Serata decisa da un canestro con fallo di George Hill che,l però, visto al replay, tocca il pallone con una gamba nel momento in cui lo sottare a Monta Ellis per partire in contropiede. Per i Warriors da segnalare i 25 punti di Ellis, e i 12 di uno spento Stephen Curry, che sbaglia anche il tiro del possibile overtime.

 

Post By raffop (31 Posts)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

54 thoughts on “NBA – Orlando schianta i Lakers, Boston incognita e Phila si conferma

  1. ho seguito la discussione “Love non decisivo negli ultimi minuti”.
    è vero che forse non lo è e non lo sarà mai con continuità partita dopo partita…ma credo che nella notte abbia dato una bella risposta ai criticoni!

    per il ruolo di uomo da quarto periodo nel giro di 2 anni vedo bene Rubio…tira male in generale ma nei quarti periodi prende liberi preziosi (e non li sbaglia) e quando la palla pesa la mette! non poca roba per uno che l’anno scorso ha fatto male in europa ed è in una nuova realtà da solo un mese!

  2. buzzer beater di kevin love in una giornata PER LUI normale dal punto di vista statistico.
    DH sembra che faccia come a NBA 2k12 e decida quindi di giocare al top solamente le partite chiave: oggi col buon bynum non c’e stata partita.
    aldridge scrive una prestazione monster (33+23+5).
    bello, ma irregolare, il finale tra ind e gs; sorpresa kings con evans in versione 2010 e un cousins solidissimo.
    ma rose che cos’ha? sono parecchie partite che salta.

  3. Sono arrivate ancora conferme nella notte, squadre protagoniste negli ultimi anni, ma con un età media che almeno per ora non riesce a stare dietro a questa season dai ritmi elevati.
    L’accoppiata KB Howard per futuro non mi dispiace affatto, a patto che cresca anche il livello della panchina.
    Ancora sconfitti i Celtics..scusanti ormai non ce ne sono
    Altra sconfitta per san Antonio..giocatori ostici ai PO ma per il momento pagano qualche partita di troppo.
    Rubio

  4. Sono arrivate ancora conferme nella notte, squadre protagoniste negli ultimi anni, ma con un età media che almeno per ora non riesce a stare dietro a questa season dai ritmi elevati.
    L’accoppiata KB Howard per futuro non mi dispiace affatto, a patto che cresca anche il livello della panchina.
    Ancora sconfitti i Celtics..scusanti ormai non ce ne sono
    Altra sconfitta per san Antonio..giocatori ostici ai PO ma per il momento pagano qualche partita di troppo.
    Rubio non brilla ma si accende al momento giusto..ottima caratteristica in chiave futura.
    Aspetto questa notte per gustarmi la mia purtroppo NY contro Denver..strano che le sorti del coach passino per una partita contro i suoi ex giocatori..strano scherzo del destino!

  5. Kobe stanotte la palla l ha passata e i lakers perdono cmq…unico mi pare a tirare con il 50% x 30punti e autore di una gran partita…gli altri a parte qualcosina obbiettivam inguardabili…pankina inesistente…dominante howard…gasol male al tiro e sta dimostrando di nn essere più il quel secondo violino ke era 2anni fa…secondo violino nn è il secondo giocatore della squadra ma è qll ke anke quando la stella gioca al di sotto dello starndard riesce a far vincere la squadra…ecco lui nn lo è più neanke quando kobe gioca bn e serve bene i compagni(8assit ma potevano essere tranquillamente 12-13 senza errori cn metri di spazio)….bynum ha perso nettamente il duello cn howard…Brown?senza parole…

    Grande miniere cn un ottimo love e un buon rubio…griffin ha mostrato oggi alcuni diffetti del quale quale giorno fa avevo già parlato…

  6. Fine primo tempo, sotto di 17, Kobe 6/10, resto della squadra 5/28

    Ai voglia a coinvolgere i compagni, forse qualcuno ha finalmente aperto gli occhi sulla pochezza di questa squadra e che se Kobe si prenda 20 o 30 tiri poco cambia.Squadra letteralmente allo sbando.

  7. Più che altro un unico canestro negli ultimi 3.30 minuti della partita. Evento altamente improbabile ma che inevitabilmente porta alla scofitta.

  8. Bynum solo sei tiri mi sembra. Non ha davvero senso tenere un giocatore simile se non lo servi a dovere. Si è preso molti più tiri addirittura fisher.. detto questo non sono convinto che se ci metti howard al suo posto le cose migliorerebbero di colpo. Anche perché il resto del roster è da film di romero.. new york sempre più inquietante. Nemmeno con i bucks. qua va messo sul mercato uno tra stat e melo per deron magari. A quel punto sarebbe più sensato un duo amare deron

  9. Lakers bollitissimi, rimane solo Bryant ( c’è pure qualcuno che dice che tira troppo). Contento per i Kings, peccato per i Clippers.
    Affranto per New York; a chi segue le partite con costanza, ma perchè fanno così schifo? Alla fine dell’anno passato andavano parecchio bene, ed il roster era quello bene o male.

    • Beh hanno perso l’unico play che sapesse passare la palla quest’estate.
      In più non c’era Chandler ad intasare il pitturato per Stat. E Fields giocava bene perchè c’era uno a far girare la palla in attacco.

  10. Il secondo miglior centro dell’nba. Che se non fosse per gli infortuni potrebbe essere il numero uno è stato annientato dal miglior centro dell’nba. Quello che non sa tirare e non da muoversi.
    La partita non è neanche iniziata. I primi due quarti i lakers non la mettevano dentro in nessun modo. Kobe incluso.
    Ho visto per la prima volta phila. Nel secondo tempo ha iniziato a difendere e Atlanta ha smesso di giocare. Brand ha uno sproposito di contratto ma ieri sera ha giocato molto bene. Turner l’ho visto molto meglio dello scorso anno
    Atlanta resta un’incompiuta.
    Boston è finita.

  11. Comunque bella la difesa dei Clippers sulla tripla di Love, potevano lasciarlo un pò più libero

    • hanno deciso di battezzarlo dopo aver letto il nostro forum in cui continuiamo a ripetere che Love è un perdente che non la mette mai nei minuti finali…

  12. Ho visto la partita. Lakers secondo me principalmente stanchi. In seconda battuta però, devo dire che li vedo male organizzati a livello di gioco, oltre ad un roster inadeguato se escludiamo Bryant, Gasol e Bynum. Odom e Phil Jackson mancano da morire.

    Orlando irritante con la sua assidua ricerca del tiro da tre. Però finchè entrano…
    Ieri cmq palla gestita meglio di altre volte. Molti passaggi dentro per Dwight, che a sua volta ha trovato spesso e bene i compagni sul perimetro, con un funzionamento globale del gioco in-out davvero buono. Nelson ha messo in difficoltà la difesa avversaria con alcune zingarate all’interno del pitturato trasformatesi in comodi passaggi per compagni che tagliavano verso il canestro per due punti facili. E questa a mio avviso è una cosa che si dovrebbe fare di più.

    Bynum potenziale centro numero 1 senza gli infortuni? Nn fatemi ridere.
    In questi giorni sta bene. Ieri stava bene. Annichilito. Subito due falli in pochi minuti nel primo quarto. Per tenere Dwight nn sapeva neanche da dove iniziare.
    Meglio per i Lakers però: quando è scalato Gasol su Howard, DH ha trovato molte più difficoltà. La differenza nel fondamentale si vede, e pende decisamente verso il catalano rispetto al 17 gialloviola.

  13. Presto parlarne ma Adelman nel Minnesota sembra sulla strada giusta.
    Tirata la partita tra i bravi Pacers e Warriors con orrenda scelta arbitrale sull’ultima azione Warriors in parità. Tolto questo appunto Biedrins in 24 minuti 0 punti 4 rimbalzi 4 falli…serve un centro.
    New York? fortunatamente stanno ad Est e questo gli permette di rimanere in corsa P.O. ma un avvio così non me l’aspettavo.

  14. Minnie

    Grande vittoria Minnie con un Love finalmente decisivo (3 punti finali dopo una secca che durava dal 6sto minuto del 3° quarto) e un Rubio che è un fenomeno. Poco da dire sul ragazzo. Ho visto la gara e questo dopo uno 0-10 dal campo segna 9 punti negli ultimi 6 minuti con 3 assist, 3 rimbalzi, una rubata e zero palle perse. Il tutto tenendo botta su Billups, non l’ultimo fesso. Ragazzo che farà la fortuna dei T-Wolves che piano piano stanno salendo di rendimento. Guardatevi il calendario che hanno avuto per avere un’idea della consistenza.

    Kings
    Finalmente una vittoria significativa con un Evans a tutto tondo (sempre sospetto come visione) con Salmons decisivo con 4 punti che hanno riportato la squadra in parità, e un Cousins che è un incubo per le difese avversarie. Questo ragazzo raccatta rimbalzi e fa punti senza avere un gioco disegnato per lui. Oppure se c’è non c’è nessuno in grado di servirlo come si deve. Urge un play.

    Knicks
    Palla a………..Melo. Bene ma non benissimo. Ennesima sconfitta. Godo, perchè fino a quando D’Antoni non verrà cacciato, ci sarà un posto in più disponibile per i po, con i Bucks in primis che ringraziano.

    Celtics
    Potevano battere i Raptors ma non i Suns. Questione di talento. Ovviamente senza Rondo non vanno da nessuna parte. Questi stanno scherzando con il fuoco. Non possono prescindere dal play, che se per qualche motivo dovesse essere fuori per un pò, rischierebbero i PO. Non so cosa voglia fare Ainge ma a naso mi sembrano cotti. Comunque in ottica PO (alla fine li faranno) non so cosa possano fare contro delle corazzate. Urgono cambi.

    Lakers
    Abbiamo capito che verrà Howard, ma se fossi in lui ci penserei due volte. In primis non è un realizzatore e se dovesse accasarsi li non vedo come il roster losangelino possa migliorare a tal punto da essere una contender. Si dirà: amnisto un altro giocatore per liberare spazio. Sarà.

    Phila va a nozze mentre i Raptors ci hanno provato. Purtroppo di fronte avevano una squadra superiore che li ha in parte snobbati (come dargli torto) ma alla fine la W è arrivata. Gocavano due sport differenti.

    Da notare una cosa: I Raptors sono a 2.5 gare dall’ottavo posto. Questo per dire com’è l’est.

    CHED
    Puoi usare il lp ovunque. Ti serve solo la connessione buona. La password è tua e non è vincolata ad alcun pc.

  15. Clippers peccato, con in campo Paul, Butler e senza l’espulsione di Mo Williams per 2 tecnici era una vittoria facile.

    • non sono assolutamente d’accordo, capita spesso che in RS squadre con assenze danno quel qualcosa in più! considerando anche che in pratica quasi tutte la partite si decidono negli ultimi minuti le sorprese sono numerose!

      i clips hanno lacune che di certo non gli consentiranno di fare un grande anno, ma il futuro è roseo

  16. ma scusate ho una domanda da un bel pò ma non riesco a risolverla…già dall’anno scorso si vedeva che con l’arrivo di ANTHONY il sistema run & gun era finito e il baffo era solo un’ombra che metteva gli omini in campo e basta….stesso anche qst’anno…si giocano le partite sugli 85/90 punti e se nn si difende si perdono tutte…anche qui il baffo è solo un uomo messo lì per decidere chi gioca e basta, ma perchè non lo licenziano????????? cosa aspettano, il barone????? l’unico giocatore che farebbe bene nel run & gun sarebbe e rimane nash; io d-will non ce lo vedrei bene..! cmq non penso che phil jackson cambi qualcosa però incominciamo a cambiare radicalmente sistema

    • Secondo me è li il punto. Aspettano il Barone o Nash (difficile che venga) per capire dove possono andare. Nel frattempo perdono.
      Capitolo Melo. Giocatore che mi urta come pochi. Talento immenso ma disfunzionale. Si dirà che i compagni sono pietosi, vero, ma il ragazzo in difesa è imbarazzante. Concede punti a tutti i suoi avversari senza dare l’esempio ai compgani. Immaginatevi questa squadra senza Chandler!

  17. Allora su New York sciopero totale, D’antony è da cacciare ma non è il problema principale, il vero problema è la piazza schizzofrenica e sta cazzo di dirigenza. Quando ho saputo che mandavano via Walsh era palese il fallimento.
    Io melo non l’ho mai voluto…cmq….sono quei giocatori che non ti faranno mai vincere niente…ce ne sono stati a decine nella storia dell’nnba.
    A da quel scambio scellerato con Denver si è rovinato un buon progetto.
    Inoltre non capisco questo contrattone con Chandler….neanche se fosse così buono.
    Prima di morire cmq un anello lo vincerò.

    Quoto McGrady….non capisco chi è stato a mettere in testa a certe persone che se non fossero per gli infortuni Bynum sarebbe il miglio centro dell’nba…(perche ti fa un piede perno ogni tanto e tira bene i liberi?)
    Mentalmente un bambino è più forte, metterci i coglioni non ne parliamo…..e semplicemente sembra forte solamente perchè non ci sono altri centri nell’nba. Se fosse capitato negli anni 90….vedevi il suo valore reale.

  18. ho visto in diretta la partita dello Staples ieri notte, brividi! grande vittoria,lo schema di Adelman sull ultima rimessa e’ stato perfetto!

    • Devi essere orgoglioso di quello che hanno fatto. Il roster è giovane ma sta imparando in fretta. Lo stesso Adelman è felice perchè li ha paragonati a delle spugne. Non potete che migliorare. Poi se c’è il bambino prodigio!!!

      • rimontone assurdo,quante palle devi avere per mettere la tripla del pareggio dopo che sei 0 su 10?? pensavo prima dell inizio della stagione che Rubio potesse essere decente,ma cosi…in piu ieri sera Milicic ha deciso di mettersi a giocare,ottima difesa su Griffin…

  19. Dai ragazzi bynum non è questo.. un giocatore deve sentirsi coinvolto in tutto e per tutto. Lui è quasi dimenticato nell attacco. È solo una mia ipotesi, e magari è sbagliata, ma non credo che stia giocando con il massimo dell intensità. Magari chi vede tutte le partite può rettificare il mio pensiero.. Personalmente non penso che un bynum “sul pezzo” si faccia mangiare in testa così.. Andrebbe visto in un contesto diverso. Detto questo complimenti ad howard

    • Sono d’accordo con te..Bynum rimane un ottimo centro che avrebbe una discreta quantità di punti nelle mani se ricevesse un po’ di più la palla..tuttavia quel che dice Shaq sono pure baggianate perché Howard è NETTAMENTE il miglior centro della lega. Non sarà tecnico, fa passi in continuazione ma è devastante, e nonostante voglia andar via mette un’intensità in campo che è il doppio rispetto a quella di Bynum

  20. Buona vittoria per i Magic che vincono senza Turkoglu contro dei Lakers stanchi e pietosi..è ovvio che Kobe si prenda 25 tiri a partita se i compagni non la mettono mai dentro..avverranno grandi cambiamenti nella città degli angeli che vedranno come primo partente Metta World Peace,tra l’altro non molto pacifico visto che la sera prima aveva martoriato il povero M.Miller. Otis smith rilascia un intervista inquietante in cui afferma che non si stupirebbe di vedere D12 alla fine dell’anno con la casacca del Magic… Inoltre dà una spiegazione sull’involuzione di Nelson che un po’ tutti avevamo immaginato..il ragazzo è deluso dalle trade talks che lo coinvolgono, e come reagisce lui per convincere Orlando a non cederlo?!?!giocando da schifo!!Eccezion fatta per questa sera in cui ha giocato la prima buona partita dell’anno.. vai jameer,vai

  21. Che sia chiaro che la storia di bynum miglior centro l’ho citata come una cosa letta qua da qualche tifoso lakers in delirio. Non lo penso minimamente.
    Ieri c’era poco da coinvolgerlo in attacco: era sempre fuori per falli.

    Ho visto il secondo tempo di Atlanta phila.
    Buone squadre. Resto dell’idea che ad Atlanta manchi un primo violino che dia la scossa. Anche se un col quel tipo di contratti ce l’hanno.
    Phila ha bisogno di qualche cm li sotto. E di vedere se Iguo o magari fra qualche anno Turner saranno in grado di prendere in mano la squadra e portarla a vincere.
    Un Po il problema di Indiana. Vedremo granger ma ho dubbi che ai playoff Cambi marcia

    • per Iguo ormai è tardi..sono convinto che se andasse in una vera contender sarebbe devastante perché è fisico ed è un ottimo difensore. Phila è una buona squadra con ottimi prospetti ma secondo me fino ad ora il record non è veritiero perché il calendario è stato piuttosto clemente

  22. Io non ho ancora capito perchè hanno regalato Odom, penso sia l’idiozia più grande che hanno fatto ad LA, ok dopo la trade andata in fumo per volere di Stern non poteva più restare ma cazzo stiamo parlando del sesto uomo dell’anno che veniva dalla miglior stagione della sua vita, che fretta c’era di tradarlo per il nulla?Hanno preso l’eccezione da 9 mil che forse nemmeno useranno, io dico, cedi il tuo terzo miglior giocatore in rosa, fallo per prendere qualcuno di decente, un play che spedisca in panchina Fisher, un Lou Williams, un Andre Miller, un Felton, bah

  23. Orlando che ha il 4 miglior record della RS, che sta facendo una stagione sopra le aspettative (in qnt squadra provvisoria) e ieri anche senza il turco ha dominato i Lakers (a dire la verita mi sn sembrati un attimo allo sbando) e giorni fà ha vinto e bene contro i Knicks al Madison. Howard a mio modo di vedere ha più chance in questo team per andare in fondo più tosto che andando altrove. Qui è inserito nel gioco e veramente si può fare qlcs di grande. Ora, ok, sto parlando troppo da tifoso, ma perchè la dirigenza magic invece di farsi coinvolgere passivamente da queste voci di mercato, non propone al suo top player qlcs di importante?? Non capisco questo immobilismo, si vuole fare la stessa fine che abbiamo fatto con Shaq, lasciato andare x niente? Qual’è la strategia dei MAgic?? MA è mai possibile che ogni volta arrivi a scadenza un nostro top, se ne vada via?

  24. ho pena per d’antoni…
    il prolema non è lui, in quanto allenatore:mi spiego…è evidente che a questo gli han levato i giocatori funzionali al suo gioco e gli han preso giocatori in antitesi col suo gioco…
    anthony e stat giocano le stesse zone di campo nello stesso modo, chandler chiude l’area alle penetrazioni…e non c’è nash…

    il sistema d’antoniano ha dimostrato di poter funzionare (furto arbitrale a favore spurs…altrimenti avrebbero vinto quell’anno) , ma probabilmente solo con nash al comando, o cmq con deli interpreti specifici, e non con rallentatori come anthony…
    io credo che questo roster con un altro allenatore può far benissimo…e anthony e stat sembrano fatti apposta per la tpo

  25. anche se in ritardo faccio i complimenti a phila (da tifoso hawks) che conferma quanto di buono fatto fino ad ora..squadra compatta brava a far pressione sul portatore di palla,come i jazz,complimenti davvero,anche se atlanta paga una giornata no di smith e la mancata voglia di giocare di jj,vabbe’ io (lo ammetto forse esagero) pagherei il biglietto solo per veder giocare teague( e anche jsmoove)..proporrei alla dirigenza hawks e in particolare a rick sund,in qualita’ di dirigente mercato di non considerare collison centro,piuttosto giochiamo in 4 in campo si fa meno danni.!!

    una considerazione sui lakers da esterno ma il ruolo di assistente allenatore di messina alla corte di brown è pari a zero?? no perchè secondo me messina farebbe meno danni e almeno in fase difensiva sarebbe piu’ attento..ma del resto se i giocatori non ne hanno boh,sinceramente non la trovo una brutta squadra + che howard io cercherei di prendere dwill..in quel caso la vedo dura per tutti(infortuni a parte)

  26. Bynum

    talento tecnico/atletico sopraffino (basta guardare come si muove sul parquet, se si capisce di basket non lo si può negare), per me di quelli 1 ogni 10-15 anni nel suo ruolo. Fin dai primi passi in NBA ha fatto vedere le cose migliori contro i centri più forti (ricordo una prestazione mostruosa contro un TD ancora in forma al suo secondo o terzo anno), confermando che può essere fortissimo, se sano e ben motivato. un “se”, nel suo caso, grande come una casa: sarà mai abbastanza sano per poter fare l’uomo franchigia? ha la forza mentale per caricarsi una squadra sulle spalle? e per trascinare a un titolo? faccio notare però che dare una risposta a queste domande nello sgabuzzino della casa dell’ego di KB e inserito in ogni trade che coinvolga LA non dev’essere facile

    era per spezzare una lancia in suo favore, poi non ho visto la partita ma credo ci stia che abbia giocato male contro colui che è stato scelto per sostituirlo

  27. sixers..buon calendario,vero..ma anche tutte w piuttosto nette e convincenti.piuttosto,3 partite punto a punto(blaz,jazz e pepite)3 sconfitte..ieri poi mancava hawes che a me non piace am quest’anno sogna…qusta è una squadra da secondo turno,visto il livello da cesso che c’è in giro..futuribile..vedremo come spenderanno i soldini di brand..ci vorrebbe un leader,uno da cui andare nei momenti di difficoltà…vedo i pacers messi più o meno allo stesso modo…

  28. @abitato

    lo so benissimo che ha chiesto lui di andare via ma l’hai regalato, non c’era nessuna fretta, penso che per il sesto uomo dell’anno che viene dalla miglior stagione in carriera potevi ricavarci molto di più che un’eccezione da 9 mil, almeno sopperire al buco clamoroso in PG e non sto parlando di big eh, gente come Andre Miller, Felton, Lou Williams, Stuckey, Ridnour e chi più ne ha più ne metta.

    • assolutamente, ma la trade exception ti permette di rimandare la scelta e forse la dirigenza ha pensato che, di fronte alla richiesta, con questa soluzione si faceva felice un veterano senza mandarlo in squadracce, mantenendo flessibilità in una nba che promette botti sul fronte mercato (se orl decide di ricostruire si ha qualcosa da offrire, per esempio) e senza rinforzare più di tanto dallas, che con le precedenti partenze già usciva a pezzi dall’estate

Commenta