Pocket

NUGGETS 89, LAKERS 92
Terza vittoria consecutiva per i Los Angeles Lakers che ritrovano Andrew Bynum in smaglianti condizioni dopo le 4 giornate di squalifiche. Battuta Denver che vola sul +5 a 3’40” dal termine con il canestro di Nene ma da quel momento in poi non segna neanche un punto. La rimonta L.A. ed il parziale di 8-0 portano la firma di Bryant e dello stesso Bynum che alla fine scrive 29 punti con 13 rimbalzi. Denver spreca almeno 3 volte il canestro del pareggio (0/2 ai liberi di Lawson) o del sorpasso (tripla di Gallinari). Male a rimbalzo i Nuggets (36-50) mentre il più prolifico risulta essere Harrington che segna 21 punti dalla panca.

PACERS 88, PISTONS 96
Primo stop stagionale per gli Indiana Pacers di Vogel che coincide con il primo successo per i Pistons con coach Frank che evita la ventesima L consecutiva dopo le 16 dello scorso anno sotto la guida dei Nets. Vittoria netta per Detroit che ha tutto il quintetto titolare in doppia cifra tra cui spiccano le grandi perfomance di Jerebko (20 pts, 12 rebs) e Monroe (19 pts, 11 rebs). Indiana per la quarta volta in fila non supera il 40% al tiro ma stavolta arriva una sconfitta nonostante i 32 punti della coppia Hill-Hansbrough. Non benissimo Granger che chiude con 4/15 dal campo.

HAWKS 84, ROCKETS 95
Primo ostacolo di certo rilievo per gli Atlanta Hawks e primo ko stagionale per i ragazzi di coach Larry Drew che inciampano in quel di Houston con i Rockets che chiudono la partita nel 4° quarto con le triple di Martin e Budinger dopo aver condotto per larghissimi tratti del primo tempo. Regia eccezionale di Kyle Lowry che smazza 18 assist, due in più degli interi Hawks con Martin che infila 6 triple per i suoi 27 punti mentre Scola mette a referto 21 punti con9/19 dal campo. Ad Atlanta non bastano i 15 punti a testa di Johnson e Horford con McGrady che porta dalla panchina un contributo di 13 punti.

SUNS 97, THUNDER 107
Quinta vittoria consecutiva per gli Oklahoma City Thunder che diventano la seconda squadra della storia NBA che riesce a vincere 5 partite in una settimana (la prima, i Rockets edizione 96/97). Il tutto nonostante un Kevin Durant in chiaroscuro dopo aver segnato 4 trentelli in fila. Solo 12 punti con 11 tiri per lo scorso capocannoniere che però è ben sostituito da una panchina capace di segnare 53 dei 107 punti totali e nonostante un Harden da 8 punti. In ripresa Westbrook (18 punti, 8/14) mentre Collison ne infila 11 con 5/7 dal campo. Per i Suns, 39% dal campo e 15 punti a testa per il rookie Morris e per Warrick.

KNICKS 114, KINGS 92
Affermazione netta per i New York Knicks che alla terza trasferta di fila riescono a cogliere il primo successo lontano dal Madison Square Garden. Merito di un primo quarto offensivamente notevole con 35 punti segnati e con Sacramento già distanziata di 15 lunghezze ed incapace di rientrare successivamente in partita. Per NY, priva di Stoudemire out per un infortunio alla caviglia, ci sono i 65 punti del trio Anthony-Chandler-Fields con il rookie da Kentucky, Harrelson che sostituisce Stat mettendo a referto una doppia doppia da 14 punti e 12 rimbalzi. Per Sacramento, 3° ko stagionale con Thornton miglior realizzatore a quota 14.

JAZZ 89, SPURS 104
Pronto riscatto per i San Antonio Spurs che battono agevolmente gli Utah Jazz grazie ad un sensazionale Manu Ginobili che chiude l’anno nel migliore dei modi trascinando la sua squadra con una prova da 23 punti in 24’ con 9/10 al tiro e 5 triple a referto. San Antonio chiude con 10/16 dall’arco e con un’altra discreta prova di Blair che bissa la doppia doppia di Houston e incide nella vittoria con i suoi 17 punti uniti ai 10 rimbalzi. Utah tira malissimo (37%), sbaglia 14 delle 16 triple tentate e porta solo due giocatori in doppia cifra. 21 punti per Jefferson e 18 per Josh Howard. Non bastano per evitare la terza L in 4 partite.

SIXERS 107, WARRIORS 79
Batosta casalinga per i Golden State Warriors che dopo un discreto primo quarto chiuso sul +6, cedono il passo ai Philadelphia 76ers che vanno al riposo lungo in vantaggio di 8 lunghezze e allungano decisamente nel 3° quarto volando sul +18. Il 4° quarto a forma di garbage time serve per allargare ancor di più la forbice tra le due squadre. Phila tira con il 55% da 3 ed infila 11 triple con Lou Williams che fa percorso netto (4/4) per i suoi 23 punti. 14 punti a testa per Iguodala (8 rebs, 7 asts) e Hawes (12 rebs) mentre per i Warriors si salvano in pochissimi (il solo Curry che segna 21 punti con buone percentuali) con Ellis out per motivi familiari.

Post By Kevin Di Felice (156 Posts)

Connect

41 thoughts on “NBA – Lakers ok con Bynum, vittorie comode per NY e Phila

  1. Auguri a tutti.
    Sono sempre stato un sostenitore di Tranquillo,ma ieri sera ha veramente superarato i limiti………………ma per una volta trovare meno scuse e dire che il Gallo ha fatto cagare è cosi difficile.

    • l’ha fatto mi pare. Anzi Buffa pareva annaspare e cercare scuse, ma Tranquillo lo ha ribadito più volte “ha sbagliato” punto. Addirittura mi ha sorpreso.

      • Mi è sembrato il contrario,Tranquillo annaspava e Buffa diceva chiaramente che il ragazzo ha qualche problema………………….

  2. Stagione difficile per gli italiani. Gallinari ha cominciato male la stagione, dal punto di vista balistico in particolare. Speriamo migliori, sia come approccio che come percentuali. Ieri sera ha rifiutato almeno 2 tiri comodi, nel finale. Il Beli vedrà poco il campo col rientro di Gordon. Bargnani… avesse un centro al suo fianco! Dal punto di cvista offensivo è spettacolare. Come Dirk. E dal punto di vista difensivo è terribile. Come Dirk. Però a Dallas hanno sempre messo al fianco del tedesco una guardia del corpo travestita da centro. Spero lo capiscano anche a Toronto. Provate ad immaginare Bargnani da 4 con a fianco Tyson, o D8, o anche Hibbert..

  3. buon anno,
    duralex..paragonare bargnani a nowitzki mi sembra un pò eccessivo…è vero ke bargnani sta giocando bene offensivamente xò nowitzki è di un altro pianeta ed inoltre prende anke rimbalzi specialità nella quale bargnani è dir poco deficitario.
    quanto ai miei sixers ieri vittoria facile su gs priva di ellis..da segnalare ankora una ottima prova di hawes alla terza doppia in 4 partite..è lui insieme a williams la nota positiva di quest’inizio di stagione, mentre turner rimane la nota dolente.

  4. Vedremo come andrà, ma sia a Milano che qui, che l’anno scorso, il Gallo mi lascia sempre piu’ perplesso, per ora un buon giocatore ma nulla piu’

  5. Gasol bene da “4” accanto a Bynum, ma io continuo a pensare che sia offensivamente (dove la classe del catalano può sempre auiutarlo), che soprattutto difensivamente questa è una coppia che non può giocare troppo insieme. Gasol ieri andava a farfalle contro harrington che sembrava Dirk. Semplicemente Pau contro i 4 perimetrali non può difendere.

    Servirebbe cambiare qualcosa…tipo lui per Deron e poi prendere un ala grande strumentale da mettere accanto a Bynum/Howard.

    Mi auto-infliggo nuovi piacevoli propositio per il nuovo anno :-)

    Auguri a tutti e allo spendido staff di playit!!

  6. Ieri Buffa e Tranquillo parlavano di un Gallinari che avrebbe problemi al tiro dovuti al troppo lavoro fisico, come se dovesse riadattare la meccanica del suo tiro.Non è normale per uno che viaggia col 37% da 3 in carriera tirare col 12%(!!!!!), già a Milano durante il lockout si era notata questa involuzione.Nel finale si è preso una tripla che non ha toccato nemmeno il ferro, si vede che è pure sfiduciato.C’è da dire che almeno in difesa ha fatto un lavoro enorme su Kobe nel quarto quarto, lui che in passato è sempre stato stuprato da Bryant ieri l’ha tenuto benissimo.

    Sui Lakers poco da dire, ieri solo Bynum, partita mostruosa del bimbo, aldilà delle cifre notevoli è lui che l’ha vinta nel finale però la convivenza con Gasol non mi convince, ieri Harrington lo ha violentato, lo spagnolo contro 4 perimetrali fa sempre troppa fatica, per me i due devono stare in campo il meno possibile insieme.

    • Il lavoro fisico quando lo avrebbe fatto? Questa estate ha tirato col 27% da tre e il 37% dal campo, in italia con Milano male ed ora nella NBA lo stesso. Il duo può dire quello che vuole dimenticando di sottolineare che se hai cervello cambi strategia. Non tiri da tre fino alla noia se vedi che non entra. Tanto è vero che i telecronisti NBA che non hanno particolari legami col Gallo lo sottolineavano.
      Ha difeso bene su Kobe forse riferendoti ai due palloni toccati ma per il resto non ha fatto nulla di eccezionale. Invece mi sembra che il mamba stia calando nonostante abbia sfiorato una tripla doppia. Non lo vedo immarcabile come una volta.

      • No su Kobe ha difeso bene lascia stare, quanto alle percentuali l’europeo fa testo fino ad un certo punto, aveva una caviglia in disordine, con la Serbia fino all’infortunio stava spiegando basket poi non è stato più lui.Comunque non è normale che tiri con queste percentuali, qualcosa è successo, può essere che i Nuggets gli abbiano fatto fare un lavoro sull’esplosività, a me sembra più veloce e agile rispetto a quando era a New York, attacca il ferro con facilità, ieri spesso ha battuto Kobe, Artest e Barnes, non proprio gli ultimi dei coglioni, il problema è che ha perso totalmente fiducia nel tiro, già non ha un jumper affidabile, se non gli entra nemmeno il tiro dall’arco diventa un problema.Spero sia un momento così, pure Rudy Fernandez sta facendo pena a livello balistico.

        Su Kobe, a parte il fatto che a 33 anni sarebbe anche normale non essere più immarcabile come una volta, mi stupirei del contrario.Ieri aveva di fronte un cagnaccio come Afflalo che ultimamente lo mette sempre in difficoltà, in più era alla quinta partita in nemmeno una settimana.Coi Bulls e NY a me è sembrato abbastanza immarcabile, poi che non sia quello di una volta ripeto mi stupirei del contrario.Fisicamente sta molto meglio rispetto agli ultimi 2 anni, e sta giocando con un polso in disordine non dimentichiamocelo, si vede bene che gli da fastidio, il dato dei TO a partita è eloquente.

        • Sai cosa mi stupisce? Il fatto che la testa del ragazzo sembra bloccata su un concetto solo, tiro e tiro. Punto. Ho il tiro da tre piedi per terra? Lo prendo anche se non segno mai. Se capisci di basket, sei più agile, ti muovi meglio e hai doti di palleggio, perchè non cambia strategia? Cosa gli costa fare una finta sul duo Blake-Barnes che stavano accorrendo? Erano in bonus e avrebbe facilmente ottenuto un fallo. La testa è quello che mi lascia perplesso.
          Sembra una macchina che prende e tira senza ragionare.

          Su Kobe ho esagerato senza contare la situazione nel complesso. Hai ragione tu.

  7. Gallinari

    Solita fuffa. Il prescelto dei media, dei telecronisti di sky, il cocco di Peterson, il cocco della Gazzetta, il cocco di Meneghin, il salvatore della patria sta facendo schifo. Da questa estate il copione è lo stesso: percentuali al tiro intorno al 30%, decision making assurde, discreta difesa a volte buona e peggio ancora nei finali è un disastro. Che sia un tiro preso a casaccio, errori di lettura o errori tecnici. Un 2.08 in contropiede va a schiacciare e non fa un layup con la mano sinistra che non è la preferita.

    Per il resto Lakers graziati dai Nuggets. Quello che è preoccupante per i gialloviola, è aver vinto la gara (con un sublime Bynum), perchè graziati Nuggets. Questo dato dovrebbe far riflettere la franchigia.

    Kings
    Non li posso vedere. Uno schifo. Non hanno un gioco, hanno giocatori palesemente in sovrappeso (Cousins in primis) e non difendono. Lottery assicurata, ma che tristezza.
    I Knicks hanno vinto facile. Gara buona per mettere una W.

    Italiani
    Il peggiore è Gallinari. Questo ragazzo è regredito in maniera assurda. In Italia con Milano era molto ma molto più concreto. NY e D’Antoni hanno fatto danni, ma non mi sembra che a Denver le cose vadano meglio. Il tanto decantato tiro da tre, migliorato durante l’anno dell’infortunio alla schiena, fa acqua (2-16) e quello che stupisce è l’assenza di testa. Non fa mai un palleggio arresto tiro, ma si limita a tirare mattoni. Dispiace vedere Tranquillo e Buffa giustificarlo.

    Belinelli è il meno talentuoso, ma si sta sbattendo. Farà tanta panca, ma vuole dimostrare di valere la lega. Difende meglio degli anni scorsi avendo sempre i soliti alti e bassi al tiro. Lo apprezzo molto perchè non ha un talento tale per poter fare la voce grossa nella NBA. Specie nel suo ruolo.
    Bargnani
    Il migliore. L’ho sempre sostenuto e lo ripeterò fino alla nausea. Lui è il numero 1 italiano, che piaccia o meno. Se difende come sta facendo ora darà un senso alla sua carriera NBA. Vederlo sulle ginocchia contro Dallas negli ultimi 3 minuti, per raddoppiare sul play e poi recuperare su Dirk mi ha fatto piacere. Tutti i Rapts si stanno dando da fare e questo “solo” grazie ad un allenatore preparato. Anni buttati nel bagno grazie al mitico Colangelo. Offensivamente fa il suo, tira meno da tre e al solito utilizza tutto il repertorio balistico di primo livello. Spero continui così.

    • Vabbè non esagerare adesso, graziati un par de palle, vincere una partita tirando con un catastrofico 2/22 dall’arco a me sembra un’impresa.

      • 0-3 ai liberi, una schiacciata sbagliata da Nenè da prenderlo a schiaffi, più il layup di Gallinari. Hanno perso di tre, fa tu.

        @lorenzo
        Lui non deve reggere la paranza. Non è giusto che lo si chieda. Era giusto mettergli un centro (che non hanno) e che potevano prendere. C’era Dalembert (a poco) ed invece si affideranno all’ennesima scelta di Colangelo, ovvero Valanciunas, convinti di aver preso il salvatore della patria.Tanto nei piani del GM c’è la cessione di Andrea e la promozione di Ed Davis da 4 al fianco del lituano. Terranno Amir e cercheranno di pescare qualcuno buono al draft. A scelta tra un 3 e un play.
        Invece di spendere per aggiungere talento al team hanno preso Forbes, Carter, Gray e Magloire tutta gente scarsa che non aggiunge nulla. La loro idea è semplice: draft e cedere Bargnani dopo un’annata positiva, soprattutto difensivamente. E’ questo l’accordo. Immagina Ed Davis Valanciunas!

    • Ciao Alert70, ciao a tutti e buon anno.

      Bargnani è certamente il prodotto migliore del nostro basket, ma siamo sicuri che riesca a reggere la paranza di una franchigia da solo? Casey è certamente più preparato dei rottami precedenti, ma mi sembra ci sia in generale poco talento nel roster. Ok su Colangelo, anche lui, in fondo, viene dall’illusione del Baffo d’oro che di danni continua a farne parecchi. L’articolo di Vecsey sul Post dopo la sconfitta con i Warriors è fantastico e la dice lunga su un altro dei pupilli di media, gazzetta e quant’altri.

      Gallinari è il cocco perché figlio d’arte. Buon giocatore, nulla di più. Specialisti delgenere in giro per il mondo ce ne sono a miliardi.

      Concordo con te su Belinelli. Alla fine sarà quello che farà più strada, non so perché ma lo sento. Poi non è che le mie previsioni valgano.

      Credo, in generale, ch da qui partano giocatori in grado di diventare specialisti e basta. Forse lo stesso Bargnani, inserito in un sistema in grado di proteggerlo di più potrebbe spiccare meglio il volo.

    • Colangelo&Gherardini, non dimentichiamo. Dalla scelta al draft di Bargnani in poi, solo boiate. Ok la scelta del Mago, ma allora mi vendi subito Bosh e porti a casa qualcosa. Nel corso degli anni, chicche su chicche. Sacrificato Hibbert per o’neal, poi han spedito Jermaine e Jamario Moon a Miami in cambio di Shawn Marion e del play Marcus Banks. Poi han mandato Marion a Dallas per Devean George e Antoine Wright + mid level-exception da quasi 6 milioni di dollari.
      Alla fine han perso Bosh per nulla, non han hibbert a dar una mano sotto, han ancora il buco al 3 (e turkoglu – firmato a cifre folli – l’han sbolognato per barbosa), han perso anni schierando ancora il Mago al 4 (quindi son andati sotto con tutti i team della lega con un centro decente). Dimenticavo: l’anno scorso al draft solomon alabi? solomon alabi? ma, acciderbolina, perché non whiteside o pittman???? E quest’anno… Dalembert faceva così schifo? Pure Mullens, c’era. Che veniva via a poco. Nada. Zero.
      Ah, aggiungo su Dirk: il paragone con nowitzki ci sta eccome (non dimentichiamo che fino a 6 mesi fa Nowitzki era dipinto come un bidone tedesco bravo solo a perdere), non vorrei sia troppo tardi per resettare ed aggiornare la carriera nba del mago. Anche perché nessuno a Dallas si è mai sognato di schierare wunderdirk come 5. Mai. Ma proprio mai. Gli hanno affiancato via via Shawn Bradley, Sean Rooks, Raef LaFrentz, Erick Dampier, Tyson Chandler. E lo han sempre coperto difensivamente, affidandogli via via il ruolo di leader offensivo ed emotivo. In squadre che a roster han avuto anche Finley, Mash, Kidd, Josh Howard, Stackhouse. A Dallas han quindi investito A LUNGO PERIODO sul processo di maturazione di wunderdirk. Si può dire la stessa cosa di toronto?

  8. Su Gallinari poco da dire, i numeri già dicono praticamente tutto.
    Sulla coppia Bynum-Gasol, finalmente vedo quello che auspicavo l’anno passato, cioè un passaggio di testimone. L’anno scorso Bynum era ignorato negli schemi d’attacco, ora mi sembra che la situazione sia cambiata.
    Per il resto complimenti al solito Durant; ieri leggevo gente che sosteneva fosse meglio di LBJ e gente che, al contrario, era per non metterli neanche nella stessa frase. Ritengo entrambe le posizioni esagerate; tra i due penso sia più forte James ed è anche più completo, nonostante Durant sia effettivamente di un livello altissimo.

  9. brazz, secondo me sei molto ingeneroso con adelman…..i suoi blazers erano più deboli di pistons e bulls coi quali persero in finale.

    un quintetto porter-drexler-williams-kersey-duckworth ha un solo fuoriclasse come drexler ( inferiore comunque a jordan e meno trascinatore di barkley)…..

  10. quoto alert in tutto ciò che ha detto.
    GALLINARI è una PIPPA…!!!! raccomandato, impara come si gioca a basket, non è possibile sbagliare quel canestro!!!
    auguroa tutti BUON ANNO!!!! ;)

  11. ragazzi per me Tranquillo è sempre stato uno che si fa le pippe sui suoi preferiti (Spurs,Gino,Gallo),non mi piace,poi come telecronista nel panorama italiano sembra un mago,a me sembra un bambino che ha i suoi eroi e guai a chi glieli tocca…su Andrea Bargnani ha molto talento,missà che alert ci ha visto bene su ciò che i Raps vogliono fare in futuro,ha iniziato benissimo quest anno,la sua squadra comunque è quella che è, ma Bargnani franchise player non esiste,ci sono tanti giocatori in NBA meglio di lui che non vengono considerati così,poi se qualcuno lo vuole pompare x storie patriottiche prego,la verità è che se Andrea è il miglior giocatore della tua squadra vai poco lontano,fino ad ora i poff li ha visti solo col binocolo nel dopo-Bosh,fate voi…

  12. Alert
    Capisco che tu abbia un avversione naturale per i lakers, però dopo ogni partita gli attacchi sempre, non valutando la realtà dei fatti e cioè che dopo anni in cui erano quelli da battere, quest’anno partono in seconda fascia, con almeno tre squadre sicuramente davanti e almeno altre tre-quattro pari a loro.

    Come diceva qualcuno, il problema è la convivenza fra bynum e gasol, che non è assolutamente facile, sia in attacco che in difesa, inoltre in attacco complicano la vita a kobe perchè gli chiudono l’area e infatti la peggior partita al tiro è arrivata con tutti e due in campo, sinceramente non credo sia un caso, anche l’anno scorso succedeva spesso, però questo bynum è veramente una bestia e non si può farne a meno.

    Discorso gallinari, ha giocato male sbagliando cose anche semplici, però è giovane, è un periodo negativo della carriera e sicuramente non è quel fenomeno che vogliono farci credere (bargnani offensivamente ne vale tre di gallinari) però non dobbiamo segarlo così, sicuramente farà una buona carriera nba, senza mai strafare. Io pagherei per averlo ai lakers al posto di metta world!!!

  13. beh ma se bynum è quello di ieri sera..un bel gasol + barnes per turkoglu+davis?

  14. Buon Anno a tutti!
    Non entro troppo nel merito…ma nell’ultima azione Gallinari ha avuto un eccesso di sicurezza: doveva appoggiare di destro, e non di sinistro, soprattutto a quella velocità.

  15. @Gatsu

    Non ho un’avversione contro i Lakers. Vedo che la giostra è finita anche se faranno i PO lottando. Ma come ho già postato nel passato recente vedo davanti a loro i Thunder e i Grizzlies. Poi ci sono loro con i Mavs, Blazers…etc…..

    Su Bynum Gasol concordo.

    Tu sceglieresti Gallinari a Metta? Io no, perchè Metta è pazzo, ma quando decide di giocare è di un’altra pasta. Ovvio che se cazzeggia è solo un danno.

    @zotal
    Bargnani, Bosh, Calderon, Turkoglu, Nesterovic, Jack, Amir Johnson, DeRozan, Belinelli mi sembrano male ma non malissimo. 40 vittorie sotto la gestione Triano.
    Oggi abbiamo Bargnani, Calderon, Barbosa, DeRozan, Ed Davis, Amir Johnson, James Johnson, Bayless…. gli stessi che hanno collezionato 22 vittorie. Pensi che con Bosh al posto di Andrea avrebbero vinto 30/35 gare?

    Bargnani non è un leader naturale e mai lo diventerà, non sarà il numero 1 di un team da titolo ed è in una squadra vergognosa che si ostinano a distruggere scegliendo e prendendo scarti su scarti. Se togli Calderon, lui e DeRozan (che è un filino sopravvalutato) sono il nulla e al completo rischierebbero di farsi bastonare dal Barcellona e dal CSKA.

    • si ma infatti siamo d accordo di certo la squadra che avevan prima era più competitiva,poi ci sono anche altri fattori,chiaro: coach,chimica di squadra,talento complessivo,infortuni…però per quanto forte e talentuoso in attacco non porterà mai nessuno ai poff da primo violino,pensa un pò ai Magic di Mcgrady dei primi anni 2000 e poi immaginateli con Bargnani al posto di T-Mac…cioè per farti capire la differenza quando parlo di franchise players…

  16. Non mi piace parlare di quello che non conosco e non vedendo le partite dei lakers mi affido a voi: come mai dite in modo abbastanza unanime che gasol e bynum insieme non possono stare?
    So che gasol è parecchio discontinuo e soft ma è comunque dotato di tecnica sopraffina; a livello teorico dovrebbe essere l’ideale a fianco del bambinone. Uno si affida al suo jumper, l’altro è un centro puro vecchio stampo che deve stare attaccato a canestro.. Gasol in difesa non sarà un fenomeno ma almeno i rimbalzi li porta sempre a casa… Una coppia di lunghi così se la sognano quasi tutte le squadre, soprattutto se consideriamo che poi hai in squadra un certo kobe

    Sicuri che serva uno scambio?

    Le incognite secondo me sono la continuità di gasol e l’integrità fisica di bynum

    L’addio di odom, inqualificabile dal punto di vista gestionale ma probabilmente inevitabile causa rottura del rapporto, diminuisce nettamente il talento, elimina un punto di forza della squadra ma forse nello stesso tempo darà la possibilità a bynum di fare il salto di qualità che ci si aspetta da anni (e già incluso nel ricco contratto) dando fiducia e minuti… Nello stesso tempo i rincalzi Murphy e mcroberts pur non essendo fenomeni sono ottimi come backup… Poteva andare peggio

  17. Alert
    se parti da quel presupposto e considerando anche il cambio di coaching staff, non si può considerare l’avvio dei lakers negativo, anzi ritengo che siamo sopra le aspettative.

    shaq4ever
    il problema di gasol e bynum (e non da quest’anno) è che preferiscono giocare in posizioni simili del campo quando attaccano (anche se gasol ha più raggio d’azione) e chiudono tantissimo il campo a kobe che gioca molto perimetralmente quando sono in campo insieme.
    In difesa succede più o meno lo stesso, creano grande densità in mezzo, ma nessuno dei due ha voglia di aiutare sul perimetro (fondamentale nelle difese di brown) e nessuno dei due può marcare con continuità lunghi perimetrali e che attaccano dal palleggio (dirk), cosa che le squadre nba fanno sempre più spesso.
    E’ chiaro che come talento probabilmente sono la coppia miigliore in nba, ma non lo sono a livello di chimica. Sta a Brown e alla loro testa renderli compatibili, altrimenti uno dei due dovrà partire.

  18. Salve a tutti e buon anno. La convivenza bynum-Gasol sara’ anche difficile ma a parte il fattore kb e’ il secondo punto di forza di questi lakers. Ieri sera il gallo ci ha regalato la partita con quel sottomano sbagliato ok ma meta’ del fatturato dei punti lakers proviene dai lunghi. Certo senza più odom difendere sui quattro perimetrali per noi e’ praticamente impossibile ed e’ lo scotto che paghiamo per dominare o quasi sotto i tabelloni. Noto pero’ delle differenze di squadra dalla gestione pj a quella di mb ed e’ ancora prestissimo per dare giudizi ma e’ migliorato il gioco di squadra la difesa e finalmente abbiamo una panca decente. Certo non partiamo come favoriti ma attenzione il colpo di mercato i lakers devono sempre farlo. I gialloviola sono deficitari nello spot di pg e sognare un Big in quel ruolo non e’ utopia. Si perché arrivare a dh12 sacrificando le due torri e con bynum così non so quanto potrebbe favorirci; mentre arrivare a dwills sacrificando Gasol ed altri ci proietterebbe nel ruolo di favoriti ad ovest. Spero infatti che diano il contentino ad howard per farlo rimanere ad Orlando e in automatico che non rifirmi deron.. Rimanendo invece così la ns. Max aspirazione e’ un 2 turno Po

  19. eh certo, abbiamo vinto una gara tirata contro denver che ci grazia, abbiamo perso una gara stravinta con i bulls invece quest’ultimi erano sempre in controllo. coerenza please…

    den-lal

    anche io ho notato che bynum-gasol per adesso non sta funzionando bene a livello di coralità perché individualmente le statistiche le mettono. a mio parere si hanno margini di miglioramento anche se bynum nn è proprio un giocatore intelligente.
    a me piace molto mcroberts. non so da dove sia sbucato ma con lui in campo i lakers giocano proprio bene. comunque sia, ai playoffs una coppia gasol-bynum sposta parecchio.
    in definitiva, io credo che i lakers contenderanno il titolo chiunque, e se lo vincono per me non sarebbe una sorpresa.

    gallinari

    a me non è dispiaciuto come ha giocato. anche i commentatori (americani) hanno sottolineato che sta sbagliando tiri ma è diventato un giocatore migliore complessivamente. il layup sbagliato è solo sfiga. certo però, ai knicks era un tiratore eccellente. vedremo come reagirà. è un buon giocatore, ma non è quello che dicono alcuni italiani

  20. Mark, con i bulls l’abbiamo proprio buttata e senza bynum. Nessuno dice che dominiamo o che giochiamo bene ma tutti bene o male dovranno fare i conti con noi. Se iniziassimo anche a mettere un po’ di tiro da fuori in una gara come quella di ieri, comunque giocata non malissimo per batterci ci sarebbero voluti i migliori thunders o i due supereroi di miami. La strada che stiamo imboccando e’ quella giusta e vedrete che la doppia cifra la daremo anche ai mavs.

  21. alert
    in questo momento scambierei tutta la vita gallinari con artest, se abbiamo sia gasol che bynum, metta è inutile, gallinari si adatterebbe molto meglio al nostro gioco. A volte è meglio avere giocatori meno importanti ma più funzionali. Penso che sia stato l’equivoco dei lakers dello scorso anno tanto talento, ma a volte poco funzionale al gioco e fra i giocatori

  22. Sempre più convinto che la situazione che si è creata in casa Kings sia analoga a quella che si era creata con il binomio Martin – Evans. Thornton – Evans NON si accoppiano bene.
    Manca un play, siamo la peggiorer squadra NBA per assist effettuati, ognuno fa quello che vuole.
    Ritengo che un play più che decente porterebbe ai Play Off questa squadra, anche il Lowry di oggi sarebbe buono. Fossi Petrie scambierei Evans + magari uno dei tanti comprinari in squadra + magari una scelta per un Deron Williams della situazione.
    Rubio si sarebbe integrato perfettamente.

    • sarebbe bello spiegare il senso di avere in squadra Evans,Thorthon e Salmons e, non contenti, scegliere Fredette e Isaiah Thomas al draft,veramente incomprensibili…sicuramente qualche scambio importante lo orchestreranno a breve perchè così sono molto sbilanciati…

  23. Non sono un GM per cui parlo senza avere in mano il polso della situazione. I Kings pensano che Evans sia un play ok, per me no, quindi la scelta di Thornton avrebbe un senso. Siccome sembra palese che Tyreke non lo è la coabitazione dei due va a farsi benedire.

    Credo inoltre che la firma di Marcus non era preventivata alcuni mesi fà, quando arrivò a stagione in corso, ma le prestazioni furono tali da spingerli a confermarlo. La vera nota negativa è stata a mio parere la cessione di Udrih l’unico play decente della squadra per Salmons. Hanno cercato di rimediare con Thomas senza risolvere il rebus nel post 1.

    Capitolo Fredette. Ho la brutta sensazione che il suo arrivo sia stato più una mossa pubblicitaria che altro. In una città che non sa se avrà ancora il proprio giocattolo, mister Fredette e la Fredette mania ha dato entusiasmo ad un paziente malato cronico. In fondo questo entusiasmo ha portato dei sell out, il tutto pur di scongiurare il trasloco nei sobborghi di LA.
    Insomma una scelta più promozionale che tecnica.

    Trade
    Penso che Evans debba fare le valigie pur avendo la sensazione che per quest’anno rimarranno così. Anche scegliendo alto nel prossimo draft dovranno sfoltire la rosa. Salmons, Fredette, Evans e Thornton mi sembrano troppi e per nulla funzionali. Chi sacrificano? La mia paura misto a dispiacere sarebbe la cessione di Thornton che ritengo un ottimo giocatore se servito con i tempi giusti in grado anche di prendersi il tiro da solo. La cessione di Evans sarebbe un’ammissione di colpa dopo aver epurato Martin. Io lo farei subito.

  24. gallinari un buon giocatore??mah forse lui la pensa diversamente visto che si prende la licenza di sparacchiare a destra e a manca con percentuali pessime….anche a livello mentale ha da lavorare il ragazzo e tanto.

  25. auguri a tutti.

    io in ottica p.o. artest e barnes li terrei , durant è uno che matta fin’ora l’ha sempre sofferto,ed in uno scontro contro gli heat un duo come questo potrebbe risultare decisivo nel tentativo di limitare james e wade.
    bynum-gasol secondo me rimangono un super lusso ed contro squadre come gli heat potrebbero risultare decisivi.
    secondo me il problema vero sta nel play. blake e fisher sono inguardabili e poi contro gente come westbrook potrebbero diventare il tallone d’achille che orienta la serie ….

  26. Ma qualcuno di voi ha sentito notizie in merito a DH12 che non potrebbe andare ai Bulls per ragioni legate allo stesso sponsor di Rose ( presumo sia l’Adidas ..) ??
    Grazie

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.