Derrick Rose: “Io MVP? Chi è stato a dirlo?”: è altamente probabile che Derrick Rose dei Chicago Bulls verrà indicato, nei prossimi giorni, come l’MVP più giovane nella storia della Lega. Egli ha condotto la sua squadra al miglior record dell’intera NBA (62-20), mantenendo delle medie notevoli di 25 punti e 7.7 assist a partita. Ma è nato un piccolo ed ironico caso sull’assegnazione del premio. Il suo compagno di squadra CJ Watson, infatti, ha dichiarato sul proprio sito: “complimenti a te, MVP della Lega e mio compagno di squadra. Adesso aspettiamo di vedere nominato anche il nostro allenatore (Tom Thibodeau) come allenatore dell’anno!”. Subito i giornalisti si sono fiondati da Rose per chiedergli se aveva ricevuto comunicazioni ufficiali in merito, e il playmaker dei Bulls ha risposto così: “no, nessuno mi ha ancora detto nulla. Ma non mi stupirei se CJ avesse ragione: quello conosce un sacco di gente famosa ed è capace di sapere le notizie in anticipo anche sui diretti interessati!”.

Gregg Popovich parla del presente e del futuro degli Spurs: dopo la scioccante eliminazione subita per mano dei Memphis Grizzlies, l’allenatore degli Spurs Gregg Popovich ha parlato dell’attuale stagione e del futuro della squadra. Ecco le sue parole: “non ci sono scuse per la nostra eliminazione, e bisogna fare i complimenti ai nostri avversari. Purtroppo, da quando Duncan si è fatto male alla caviglia nel mese di marzo e Ginobili si è fatto male al gomito nell’ultima partita di regular season, non siamo stati più gli stessi. Abbiamo perso quel ritmo che ci aveva portato a vincere 61 partite nella stagione regolare, e non ci siamo più ripresi. Il futuro? Non credo che ci saranno grandi cambiamenti nel nostro roster, faremo qualche innesto ma nessuna rivoluzione. Duncan potrebbe uscire dal contratto, ma sinceramente non ho mai parlato con lui di mercato o di un suo possibile addio negli ultimi anni. Non credo proprio che se ne andrà”.

LeBron James parla della sua rivalità con i Boston Celtics: oggi inizierà la serie tra i Miami Heat e i Boston Celtics, e per LeBron James sarà la terza serie di play-off contro Paul Pierce e compagni. Egli infatti ha già affrontato Boston nel 2008 e nel 2010, venendo eliminato insieme ai Cavaliers in entrambe le occasioni. James ha commentato così questa rivalità: “è diventata una sfida personale tra me e loro, perchè non voglio che sia sempre la stessa squadra a rovinare i miei piani. Difendono sempre allo stesso modo su di me, raddoppiandomi e cercando di forzarmi ad eseguire dei tiri in sospensione. Ho una forte rivalità con Paul Pierce: entrambi giochiamo nello stesso ruolo, ci rispettiamo l’un l’altro ma è normale che ci sia una grande competizione tra noi”.

Carlos Boozer salterà Gara-1 nel secondo turno?: sembra che Carlos Boozer, ala dei Chicago Bulls, possa saltare Gara-1 del secondo turno contro gli Atlanta Hawks, che si svolgerà lunedì. Boozer, infatti, ha subito un infortunio al piede nel corso dell’ultima gara contro i Pacers, e sono due giorni che non riesce ad allenarsi a causa del dolore. Lo stesso allenatore, Tom Thibodeau, ha affermato che “stiamo provando a recuperarlo, ma Carlos non è ancora pronto per allenarsi e ovviamente neanche per scendere in campo. E’ una situazione che va monitorata”.

Post By Giulio Benincasa (74 Posts)

Indirizzo e-mail: cesc_999@libero.it

“La vita è una metafora del basket” (Phil Jackson)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

14 thoughts on “NBA – News su Derrick Rose, gli Spurs, LeBron James e i Celtics…

  1. Forse l’assenza di Boozer verrà vista come un sollievo dai tifosi Bulls viste le recenti prestazioni,ma secondo me è molto pesante in ottica futura perchè gli impedisce di fare qualche partita buona e scrollarsi di dosso tutte queste critiche

  2. finora Boozer ha deluso a dir poco…vedremo…la serie comunque la vedo molto aperta, Hinrich in gara1 non dovrebbe esserci e i Falchi hanno giocatori navigati e abituati a serie importanti…probabilmente ne verrà fuori una serie bella e lunga!

  3. Anche io penso che Boozer sia un’arma importantissima a disposizione dei Bulls. Per carità, è sottodimensionato e in difesa si impegna una volta sì e due no, ma ha davvero delle grandi qualità…I believe in Booz!

  4. “e i Falchi hanno giocatori navigati e abituati a serie importanti”

    Chi? Teague? Zaza? Questo gruppo oltre il 2° turno (perso sempre per 4-0) nn è mai andato, Joe Johnson è l’unico che ha giocato una finale di conference (nel Mesozoico)

    Nn vorrei che la serie tra Bulls e Hawks sia decisa dagli assenti o dalle condizioni fisiche di qualcuno. Se, come si vocifera, Hinrick è in dubbio per l’intera serie, ne verrà fuori un 2° turno davvero rapido per i Bulls, e sinceramente spero di no, vorrei vedere ogni singola squadra al 100% ora

  5. @ Restiamo umani
    Zaza scemo scemo con due magate aveva dato problemi anche a un KG che spaccava ancora culi nel anno del primo titolo Celtics…con i Magic ha dato il suo contro Howard,JJ apparte l anno scorso ai poff l ha sempre contribuito..io non ho mai detto che vincono il titolo ho solo detto che possono battagliare e vincere la serie….o hai letto solo quello che volevi leggere? ;)

  6. No Zoltan, io ho letto quello che hai scritto. Dato che secondo me le serie importanti nn sono quelle di 2° turno (specie se, come gli Hawks nel 2009 e nel 2010, perdi col cappotto), ma finali e finali di conference, credo che Atlanta sul profilo della esperienza nn sia messa bene

    Che poi anche dall’altro lato nn siano messi meglio (a memoria, gli unici che hanno giocato almeno una finale di conference sono Booz e Thomas) è senz’altro vero, come è vero che gli Hawks, se avranno il play titolare, e lo spero, saranno tutt’altro che arrendevoli…

  7. e appunto! allora stiamo dicendo la stessa cosa no? io nn ti ho mica detto che è la serie più importante ma come esperienza poff stanno messi meglio dei Bulls…insomma non mi stupirei del fatto che vincano gli Hawks 4-1 o 4-2…poi si vedrà magari mi sbaglio!

  8. che sfida miami-boston! io do leggermente favoriti gli heat perchè credo abbiano qualcosa in piu tecnicamente,piu il fattore campo. ma siamo 51-49…

    quanto a chicago,nn credo soffrirà molto cn gli hawks,che al massimo dovrebbero strapparne un paio,di match…cn o senza boozer che per me è un ottimo giocatore ma se si presenta in queste condizioni fa tenerezza…

    al contrario di ciò che dice popovich mi attendo un nome nuovo importante tra gli spurs.

  9. per gli spurs io vedo solo punti interrogativi adesso, nome importante, ma chi? non ce ne vedo molti disponibili… duncan non penso se ne andrà, non è un AI in cerca di denaro, che va a finire la carriera in turchia o in grecia o in cina, però in effetti cambiare società gli permetterebbe di togliersi di dosso tutte le responsabilità che lo hanno sempre soffocato fin dall’inizio, le ha sempre rette bene, ma dopo questa uscita prematura sarebbe impossibile arrivare ancora ai PO con gli spurs, me lo vedrei bene a fare da sesto uomo di extralusso, non so, sparo grosso, tipo ai clippers a insegnare a difendere bene a griffin… lebron continua a farla una questione individuale, continua a sbagliare, cazzi sua, come disse wade “noi non vinciamo di squadra come i celtics, vinciamo individualmente”, ah bè, convinti voi… vedremo come andrà a finire… d-rose la sa prendere sullo spiritoso anche su discorsi seri come quelli sull’mvp, ragazzo veramente maturo, si capisce anche da queste piccolezze… boozer, se non si è ancora riuscito ad allenare, non vedo come possa giocare gara-1, se non riesce a sopportare i ritmi di un allenamento… la vedo dura per lui, poi qui si dice che per chicago non sia solo un male, però io booz non lo toglierei a questi bulls… i suoi raddoppi (chiaramente subiti) in post basso lasciano spesso spazio a gente come rose o deng o korver per lanciare bombe… vedremo…
    ciao!!!!!!!!!!!

  10. Greg Popovich ha fatto la pirlata dell’ anno facendo scendere in campo Gino e la prima squadra nell’ ultima gara di regular season; per quanto riguarda James, forse questo è l’ anno della rivalsa contro i Celtici, a meno che Boston non riesca a dominare sotto le plance. Staremo a vedere.

  11. SI vabbè, Duncan ai Clippers non si può sentire! :-DD No, Timmy e gli Spurs sono una cosa sola. Scadrà il contratto, poi forse rinnoverà 1-2 anni a cifre basse, e poi entrerà subito nella dirigenza se lo vorrà. Giuro che se vedo Duncan giocare con una canotta che non sia neroargento, smetto di seguire l’NBA..

  12. Sì, anche per me l’ipotesi che Duncan possa lasciare San Antonio è veramente irrealistica. Sta lì dal 1997, ora ha 35 anni e in fondo si trova in una grande squadra, anche se negli ultimi 3 anni i risultati sono stati mediocri. Altri giocatori hanno cambiato stile di vita, città, squadra e tutto il resto per l’anello, ma lui ne ha già 4 in bacheca e, come ha detto Popovich, “non vedo il motivo per il quale dovrebbe andare via”. Rimarrà, rimarrà…

  13. duncan ai clippers! avete rosicato davvero tanto negli ultimi 15 anni?
    è finita gara 1 e i griezzlies hanno battuto i thunder con 15 di vantaggio. cosa cambia per gli spurs?
    poco, serve rinnovamento ma come? io spero che rifirmino totò ( anche se a meno di 5$) e che jefferson possa essere tradato o per una primissima scelta o per un giocatore + adatto al sistema di pop. poi se duncan uscisse dal contratto da 21 per un triennio da 30/35 max vorrebbe dire liberare 10$ per un uomo sotto di valore da affiancare a tim, splitter e totò.
    un sacrificio doloroso ci vuole ed io tra hill e blair traderei sempre blair magari + bonner per qualcosa che alzi la qualità del roster per il presente e che proietti San Antonio nel futuro. urgono anche un’altra steal al draft e allora sopratutto se si iniziasse, come sembra, dal 1° dicembre potremmo ritrovarci anche un altra insperata chanche.
    prima che i soliti simpaticoni ironizzino gli dico che ci sono + chanche di un altra grande stagione che di vedere duncan altrove. dopotutto so che i se e i ma che ho messo in fila sono talmente tanti che il mio resterà probabilmente il sogno di un tifoso che non si arrende allo scorrere del tempo e ogni anno spera che ce ne sia un’altro anche se stavolta è davvero dura.

Commenta