Vittoria convincente per i Thunder anche in Gara2

NUGGETS 89, THUNDER 106 (Denver leads 2-0)

Per qualsiasi squadra NBA sarà durissima vincere ad Oklahoma City. Denver è vittima di un pessimo 1° quarto e di un clima davvero “playoff style” con i Thunder che si caricano possesso dopo possesso portando a casa il 2-0 nella serie. Se in gara 1 c’era stata la scoppiettante prestazione del duo Durant-Westbrook (72 pts), nel secondo episodio della serie, coach Brooks riceve delle buone risposte anche dai gregari come Ibaka (12 pts, 12 rebs), Collison (10 pts) e soprattutto Harden che mette a referto 18 punti in 28’ con 5/9 dal campo. Oklahoma City domina a rimbalzo (54-31) e con un inizio da favola mette subito sul proprio binario un match che li ha visti partire con un parziale di 43-17. Durant segna 23 punti con 5 rimbalzi, 5 assist e 3 delle 10 triple targate Thunder mentre Westbrook infila 21 punti con lo stesso numero di assist e TO (7). Per i Nuggets ci sono i 20 punti di Lawson ed i 16 (con soli 2 canestri) di un Nene da 12/18 ai liberi. Non bene Gallinari (7 pts, 3/8+) con la coppia Harrigton/Felton (31 pts in due) che prova nel secondo tempo l’inutile rimonta.

GRIZZLIES 87, SPURS 93 (Series tied 1-1)

San Antonio soffre ma vince la vitale gara 2 di una serie che si sta dimostrando più complicata del previsto. In soccorso alle rinnovate speranze dei San Antonio Spurs c’è il ritorno di Manu Ginobili che nonostante una visibile e scomoda protezione al gomito riesce a trascinare i suoi giocando praticamente con una mano sola (vedi il 7/13 ai liberi, seconda peggior prestazione della sua carriera dalla lunetta). Memphis però è tostissima e va vicinissima al clamoroso 0-2 rimontanto nel 4° quarto e arrivando sul -2 a 14” dalla fine con la tripla di Sam Young. La squadra di Popovich si dimostra più fredda rispetto a gara 1 e con un 4/4 di George Hill dalla lunetta prima allunga e successivamente chiude un match difficile. Spurs che stavolta non concedono grandi percentuali agli avversari (39%) con il duo Randolph-Gasol limitato a 7/23 dal campo contro il 19/25 di gara 1. Ginobili gioca 34’ e va a referto con 17 punti, 7 rimbalzi, 4 assist e 4 recuperi con Duncan che gioca una signor partita da 16 punti e 10 rimbalzi mentre Hill e Jefferson sono fondamentali con 16 punti a testa. Per Memphis, 3/14 dall’arco con un Gasol da 2/9 dal campo ma 8/11 ai liberi e 17 rimbalzi.

HORNETS 78, LAKERS 87 (Series tied 1-1)

New Orleans non si ripete ed i Lakers, brillando il giusto, pareggiano la serie e si trasferiscono in Louisiana con più serenità ed una difesa molto più efficace che fa scendere la produzione offensiva della squadra di Williams dai 109 punti di gara 1 agli 78 punti di una gara 2 spaccata in due grazie al 9-0 di parziale di inizio 4° quarto con le seconde linee decisive (su tutti Barnes e Brown). Il tutto nonostante la pessima giornata del duo Bryant-Gasol che su 20 conclusioni a canestro ne manda a bersaglio appena 5. Ci pensa il trio Bynum-Gasol-Odom che chiudono con il 60% dal campo contro il 30% del resto della squadra. Per gli Hornets più TO (16) che assist (14) con un Paul che pur sfiorando la doppia doppia (20 pts, 9 asts) scende di due gradini rispetto alla prova monster di gara 1. Benissimo Ariza che infila 22 punti con 7 rimbalzi e 8/15 dal campo mentre per Belinelli ci sono solo 4 punti con un pessimo 2/9 dal campo.

Post By Kevin Di Felice (156 Posts)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

80 thoughts on “NBA – I Thunder volano sul 2-0, riscatto Spurs e Lakers

    • Ahahahahah! Io ho sognato un incontro in cui cercavo di convincere Nowitzki ad andare a giocare ad Orlando per formare una coppia pazzesca con Howard!
      Secondo me dovremmo guardare meno NBA… :-)

      • haha ma sai che due anni fa, dopo gara 2 con i lakers mi ero sognato con i ragazzi e gli dicevo tipo “tranqua ragazzi, siete stati grandi, ci rifaremo!!” o roba del genere!! E c’era C. Lee che si scusava per il tap in!!haha e io gli dicevo, non c’è problema, sei giovane!!haha

  1. Thunder davvero notevoli… sulla carta era una delle serie più dure se non la più dura e invece Oklahoma è sopra 2-0 con un altra prestazione convincente… stavolta a rispondere presente in attaccao è tutta la squadra, con ognuno che porta un mattone più o meno grande a seconda di talento e spazio… Harden come sesto spacca le partite come pochi… Ibaka-Perkins-Collison contribuiscono alla grande non condannando il dinamico duo ad un’altra prestazione monstre come Gara1….

    Serie indirizzata…. si attendono risposte importanti dei Nuggets in gara3 a Denver, tuttavia credo proprio che una delle due in Colorado Durant&Co la portino a casa…

    Win or Go Home… Questa la catchphrase di questi PO… e sia Spurs che Lakers riescono a non sprofondare nel baratro… i primi grazie soprattutto ad un ritrovato Ginobili che, visibilmente menomato, offre comunque una prestazione determinante, soprattutto in chiave di regia e di punti su palle recuperate…. Memphis esce ancora a testa alta… serie molto complicata per Pop…. ora sono obbligati a vincerne una in Tennessee….

    I Lakers sono l’unica squadra per profondità e talento che può vincere una partita di PO nonostante i 2 giocatori più importante stecchino alla grande… i parziali dei gialloviola sono arrivati senza Kobe e Gasol in campo, sia in attacco che in difesa il quintetto Blake-Brown-Barnes/Artest-Odom-Bynum è stato indubbiamente quello che ha fatto girare la partita…. il catalano sta soffrendo e tanto questa serie in ogni zona del campo….

  2. Nonostante un Gasol ed un Bryant in serata no, i Lakers vincono. Ora è di fondamentale importanza vincere gara 3, ma questa vittoria di gara 2 è un bel segnale.
    Che fatica per gli Spurs contro Memphis! Ma chi se lo aspettava?
    Ammetto che mi sto perdendo Denver-OKC, che immagino essere serie da un lato pirotecnica, ma più scritta di quello che si pensi.

  3. bella vittoria degli spurs il ritorno di gino ha dato come prevedibie i suoi benefici , Lakers che alzano un po il ritmo e riprendono in mano la serie noto come Paul in 2 partite si sia divertito a sculacciare Bryant in difesa , Nuggets li pensavo un po meglio adesso vediamo se hanno uno scatto d’orgoglio nella loro denver , certo che i Thunder mettono paura spero propio di vederli contro i lacustri

  4. felice per gli spurs,è una serie bella e difficile,gli orsi usciti dal letargo si battono davvero bene!
    prevedibilissima W dei lacustri,mentre nn vedo l’ora che finiscano le serie di oklahoma e dallas così avremo in tv piu spazio per quelle decisam piu avvincenti di speroni e knickerbockers :)

  5. se vogliamo serie lunghe e spettacolari e io credo abbiano tutto per esserlo speriamo in vittorie di New York Portland e Denver in gara 3,a Phila non do chance ma le altre sono tutte possibili da 6o+ gare. dovessi scommettere su Denver in gara 3 giocherei la casa e su New York idem,ho piu’ dubbi sui Blazers nonostante siano una delle squadre che più mi piace.
    x me dopo gara 3

    La 2-1 Okl 2-1 Dallas 3-0 Memp 2-1
    Bost 2-1 Miami3-0 Orlando 2-1 chicago2-1

  6. VIsto l’ultimo quarto degli spurs e poi i Lakers! i primi soffrono le pene dell’inferno, memphis sta dimostrando quanto già visto nel finale di regular, alla fine l’esperienza degli spurs potrebbe prevalere, ma quante energie dovranno perdere? l’anno scorso al secondo turno non ne avevano più! ecco, a proposito di secondo turno, i thunder danno un bel segnale, del resto denver un po’ come phila ha il problema del primo violino, e avevamo già detto che senza le stelle non fai strada nei playoff. Lakers: atteggiamento diverso, difesa da playoff, e quindi, nonostante la serata no di Kobe (competentissima la difesa di Ariza) e di Gasol (cercasi Pau disperatamente) la si porta a casa. Kobe però, a differenza del catalano ha più scusanti, si è preso cura di Paul in alcune fasi con flash difensivi che avrebbero meritato il commento di bagatta (che dice che non sa difendere) e mi è piaciuto il fatto che a parte due tiri nel finale, non abbia mai forzato, sapeva che non c’era fosse del suo trentello per vincerla. Gasol invece francamente nella versione più soft possibile, in difesa mancati taglia-fuori e un attivismo degno del mago, urge una sveglia! benissimo artest, barnes, bynum e odom, ma per vincere a new orleans si tornerà a bussare alla porta del 24, come sempre accade ai lakers in trasferta nel formato playoff

  7. san antonio riprende il filo dove l’aveva smarrito con una prova corale che distribuisce tiri a tutti. svolta in attacco: MANU
    Dubbio o pericolo: DIFESA
    troppi falli e tranne tim e qualche steal dello stesso manu siamo apparsi ancora troppo perforabili sopratutto fronte canestro e questo denota ancora troppa poca mobilità specie negli aiuti e in supporto a tim ( sempre grande difensore ma molto + stanziale).
    la strada é lunga ma forse per vincere menphis questa versione degli Spurs è appena sufficiente ma per andare oltre ci vuole la squadra che per tre quarti di regular season ha dominato la lega.
    non darei per morta Denver anche se ieri i thunder hanno dimostrato come è duro batterli a casa loro. sono curioso di vederli fuori in un momento di difficoltà, questa potrebbe essere la prova del loro status di candidata al titolo. non date per morti anche gli hornets perché se lo stato di forma dei lakers rimane questo e non riescono a salire di livello diventano battibili in casa figuriamoci fuori.
    per me gare 3 è + pericolosa per i lakustri che per gli speroni, galvanizzare gli hornets + il loro stato di forma potrebbe voler dire fine dei sogni. gli spurs, invece, devono attendere l’occasione che sicuramente i griezzlies gli daranno e non devono mancarla pena fine era.
    le due squadre del decennio scorso, per quanto paradossale, sono alla ricerca di un’identità perduta e ritrovarla è l’incognita che può precludere o realizzare i loro sogni di titolo.
    una cosa è sicura da serie semi scontate senza contenuti tecnici particolari diventano banchi di prova pesantissimi a cui tutta la lega guarda. come per i celtics spero che sia per gli spurs che per i lakers non sia ancora venuta l’ora dei de profundis.

    • beh mi sembra un pò ingeneroso paragonare più di tanto la situazione attuale di SAS e LAL… non mi pare che i secondi siano già al canto del cigno…

      • se escono al primo o al secondo turno con 92$ di cap e il nuovo cap in arrivo ( limite molto + basso) sta sicuro che tra artest, odom, fisher, blake e barnes ecc. ci saranno parecchie partenze.
        per quanto paradossale se i lakers non vincono probabilmente iniziano un passaggio di consegne generazionali mentre gli spurs, sebbene + vecchi e logori, ritenteranno con la stessa formula ma con meno chanche salvo qualche colpo a sorpresa del mercato e all’incognita Splitter stranamente dimenticato in questi playoff.

  8. Beh, ragazzi, premetto che non ho visto la partita, ma più che serata storta, direi serata strana. Ha preso 10 tiri, quindi non e’ che non entrava, e’ che non tirava. Ripeto, mi venga in aiuto qualcuno che ha visto la gara…ma a me sembra che sia stata la classica partita in cui il 24 ha voluto mandare un messaggio ai compagni: sveglia, sono iniziati i play off, le partite non le posso vincere da solo!!!!

    Su Okc-Denver, devo riconoscere che alert ci ha preso in pieno…pronosticava una serie breve e devo dire che, nonostante alla vigilia non lo pensassi per niente, credo si chiuderà al massimo a gara 5.

    • No, stavolta niente messaggi, serviva che il 24 tenesse cp3 nella metà campo difensiva, in attacco dovevano vincerla gli altri, e così è stato! con un gasol ordinario la partita era un più 20 tranquillo…

  9. Certo che è deprimente che a quasi 33 anni Bryant debba sbattersi in marcatura su tutti i play avversari perchè abbiamo i telepass nel ruolo di PG, vero stanotte non un granchè in attacco ma si è soprattutto sbattuto in difesa e questo lo paghi, è Gasol quello che mi preoccupa, che cazzo gli è preso?Un disastro in queste due partite, fortuna che Bynum e Odom erano in serata.Questa serie devo prendere atto che è molto meno scontata di quello che mi aspettavo, per come stiamo messi a sto punto firmo per tornare a Los Angeles sul 2 pari altro che 4-0 o 4-1.

  10. Spurs vs Grizzlies

    La più bella serie dei PO del primo turno. Vedetevela, registratela ma ne vale la pena. Gara bellissima decisa nel finale grazie all’apporto di Ginobili. Non c’è che dire, l’argentino cambia tutto. Purtroppo TD non ce la fa, ha un talento sconfinato ma le gambe non ci sono. Il dato eloquente è la difficoltà degli Spurs, segnatamente del duo McDyess-Blair, di contenere ciccio Randolph. Gara decisa nel finale dall’esperienza e dalla circolazione della palla Spurs che ha creato i presupposti per tiri ad alta percentuale. Bravi a metterli. Ora si va a Memphis con i neroargento che devono vincerne almeno una ma sarà un’impresa.

    I Grizzlies hanno pagato caro una serata al tiro insufficiente specie dall’arco e del duo Gasol-Randolph. Questi due sono la chiave della serie. Se mettono su 35/40 punti la portano a casa perchè gli Spurs li soffrono. Secondo me la chiave è quella.

    Thunder vs Nuggets

    I primi sono più forti. Non è solo questione di big o non big in squadra e che semplicemente possono permettersi di vincerla come vogliono. Se hanno bisogno del duo Durant-Westbrook rispondono presente, se hanno bisogno del gruppo pure. Ieri è stato sintomatico il 4 quarto. Nuggets in rimonta, arrivano a -10, entra Durant e in un baleno si va a +15. Discorso chiuso. Non c’è uno che possa fermarlo semplicemente perchè tira in testa a chiunque. Ed ora comincia anche a servire assist, prendere rimbalzi e a difendere.

    I Nuggets la devono mettere sull’orgoglio, sul run and gun e sulle percentuali alte. Sfruttare Nené perchè non vedo altre possibilità. Devono giocare alla perfezione altrimenti ne escono con le ossa rotte. Ripeto per me rischiano lo sweep.

    Lakers vs Hornets

    Kobe e Gasol sotto tono ma gli altri rispondono presente. Gasol irritante, una femminuccia con quegli urletti da checca, ma utile nei rimbalzi in attacco. I compagni fanno il loro specie la second unit (Bynum su tutti). Gli Hornets commettono una valanga di errori dalla lunetta, una marea di palle perse e le percentuali dal campo basse. La partita mette in mostra proprio la differenza di roster. Fermi Bryant, Ariza monumentale, addormenti Gasol, ma la perdi perchè non hanno soluzioni stabili in attacco.

    Ora i lacustri giocheranno gara tre con l’atteggiamento giusto, gli Hornets lo sanno come sanno che devono fare un mezzo miracolo. Non devono prescindere da due fattori: eliminare le palle perse, tenere botta nel pitturato e segnare dall’arco. Facile a dirsi.

  11. …tre fattori…

    Italiani
    Poco incisivi a prescindere dai minuti in campo. Speriamo nelle prossime anche per una loro maturazione. Queste sono gare che valgono più di un’intera RS.

    • Qualcuno che sappia tirare fuori risultati da un gruppo di giocatori di medio livello senza superstar. Obiettivo: raggiungere i playoff per uscire al primo turno, galleggiando tra le prime 8 ad ovest. Nulla di più…

  12. Ho visto parte del match dei Lakers stanotte (perche’ quando mi sono svegliato per andare al lavoro ancora giocavano, tristezza…). Partita bruttina, Monty sta “dominando” la serie da un punto di vista tattico, ma e’ ovvio che come talento e cm siamo in due pianeti opposti

    L.A. la conosciamo, quindi e’ molto facile che migliori strada facendo, certo e’ che contro l’avversario piu’ malleabile ad Ovest, stanno faticando a trovare ritmo. Diciamo anche che contro i Grizzlies sarebbero sotto 2-0, giocando in questo modo. Ma sappiamo anche che la loro intensita’ e qualita’ e’ spesso direttamente proporzionale al loro avversario

    Thunders tremendi, hanno improvvisamente ritrovato quella difesa marchio di fabbrica lo scorso anno. I lunghi nn hanno qualita’ eccelsa, ma portano legna e menano come fabbri (in senso buono), av Ovest solo L.A. ha una front line migliore

    Spurs + Manu = W, c’e’ poco da fare, questi vivno di equilibri sottili, nn avendo il talento di L.A. o Boston, se manca un pezzo, si inceppano. E si che stanotte l’argentino era a mezzo servizio, ma anche cosi’ ti cambia una partita, con quelle penetrazioni snodate, i recuperi, la creativita’

    Comunque, rischiano molto piu’ i texani di qualunque altro top seed ad Ovest

  13. Qualcuno mi dà un opinione, spiegazione, sul rebus che attanaglia i Trail-Blazers?? Matthews-Roy-Fernandez, chi dei tre? Perchè la loro debàcle a Dallas passa di lì, secondo me.

  14. Il rebus lo risolvi solo se conoscessimo perfettamente le condizione fisiche di Roy! il roy che conosciamo, l’all star, giocatore da 20 e passa a serata garantirebbe a portland i favori del pronostico con dallas! se roy stesse bene, uno tra matthews e fernandez lo scambierei, l’altro partirebbe dalla panchina e vedendo meno concorrenza potrebbe dare ciò che harden ha iniziato a dare ai thunder dopo la cessione di green! avremmo di fatto una contender a mio avviso! il problema è che roy non sta bene, e chissà se mai lo sarà, e quindi per me la serie non la girano, indipendentemente dalla scelta tra matthew e lo spagnolo, dallas con questo roy è superiore

  15. io capisco che in questo forum i Mavs sono gli scemi del villaggio, però non è che sia uno scandalo che passino il turno. Insomma Nowitzki è pur sempre uno dei giocatori più forti della lega (primi 10?), Kidd è un futuro hall of famer, chandler sta facendo il suo, Terry la mette dentro con la solita facilità e la panchina finora ha sempre risposto presente. Non è che siccome hanno perso una finale 4-2 da 0-2 e sono usciti 2 volte di fila al primo turno devono essere per forza ogni anno la vittima sacrificale. Portland ha i migliori giocatori o rotti (roy) o non ancora bene amalgamati (GW); aldridge è forte ma è troppo solo, oltretutto fino a adesso non ha brillato eccessivamente; andre miller una partita è fenomenale quella dopo ordinario. Non mi sembra si debbano fare chissà quali artifizi per capire il motivo per cui (AL MOMENTO) i mavs sono saldamente avanti nella serie.

    • Hai ragione, forse molti si sono fatti influenzare dall’ultima parte della stagione dei Mavs senza dimenticare la loro abituale tendenza a suicidarsi in post season ma che sbattano fuori i Blazers ci sta, io ho pronosticato un 4-3, penso che a Portland faranno più fatica ma il turno lo passano, poi se i Lakers sono questi possono anche andare alle WFC.

  16. Io non commento mai, ma JumpHook hai tutta la mia stima!!! Mi hai rubato le parole di bocca (in questo caso piu’ di tastiera :) :)… Stavo per scriverle io le stesse cose!

  17. Che poi i Mavs hanno fuori Butler (15 punti di media a partita e uomo chiave, sfido chiunque ad avere fuori uno dei giocatori top per tutta la stagione o quasi), e cio’ nonostante sono arrivati secondi ad ovest alla pari dei tanto osannati lakers… In piu’ c’e’ stato pure l’infortunio di Nowitzki quest’anno… Io non vedo perche’ tutto questo accanimento… E in piu’ hanno anche il miglior record esterno alla pari degli heat (che pero’ giocano a est)…

  18. A me è sembrato che Paul cmq abbia messo in difficoltà Bryant in difesa. Tosto il nanetto con il numero 3…

    • eh vabbè, la cosa è abbastanza lapalissiana… quello che mi piacerebbe capire è se chi ha visto la partita ha rilevato un qualche miglioramento della difesa su CP3 grazie alla presenza di blake, che aveva saltato la prima e che sembrava fosse destinato a marcare paul.

    • Non esiste un difensore che non venga messo in difficoltà da cp3, devi provare a limitarlo, e mi sembra che al 24 l’operazione sia riuscita bene (soprattutto se si confronta la partita di ieri con gara1)

      • Concordo, mi riferivo al fatto che però Bryant ha una quindicina di centimetri in più e un’ottima mobilità, caratteristiche che di certo nn rendevano facile la vita a CP3.
        Sicuramente la batteria di giocatori che Jackson può mettere contro Paul, col rientro di Blake, è valida. Nel momento in cui Gasol tornerà a fare il Gasol la serie dovrebbe essere vinta…

  19. Bella squadra mavericks secondo me,a mio avviso paga un pochino il nn avere un grande nome…è per questo che a volte si perde nei momenti topici,cmq sta giocando bene,coi big in ottima forma proprio al momento giusto,nn so quante chance abbia di battere i lakers ma nn credo che si farà rimontare da portland.

    • attenzione,nn avere un gran nome come franchigia intendo,nn come campione…specifico che è meglio :)

    • Ciao a tutti… beh Dirk mi sembra lo sia (almeno offensivamente). Più che un grande nome, forse a Dallas manca un secondo violino duro e puro a cui appoggiarsi quando il tedesco non gira, ma a mio avviso a livello di qualità e profondità del roster sono inferiori a pochi.

  20. Ape

    Matthews-Roy-Fernandez con questi tre non vanno da nessuna parte.
    Roy è la stella che a malapena gioca. E’ rotto. Il cervello gira a 1000 le gambe a 20.
    Fernandez è sopravvalutato come salvatore della patria. Giocatore presuntuoso, che ha rotto i marroni per giocare ed ora che ha la chance, per un Roy out e per un Mattews a corrente alternata, è sempre un secondo anno, non incide. Sarà colpa di McMillan sarà la luna ma è un giocatore da 20/24 minuti di energia che sa far tutto senza eccellere.
    Matthews è ottimo ma è un secondo anno con tutte le conseguenze del caso.

    Il solo modo per vincere la serie è sperare che Aldridge,Batum,Wallace e Miller salgano di livello altrimenti a casa in 5 gare. Purtroppo il fattore X non ce l’hanno. Roy è un ex giocatore al momento e spero possa ritrovarsi anche se clinicamente non sarebbe possibile.

    Mavs
    Facciamo l’errore di guardare al passato come macchia indelebile. Quest’anno per la prima volta hanno un centro vero. Dirk c’è, Kidd pure, Terry da il suo + i Peja, Barea, Marion… Non c’è un motivo tecnico per cui debbano uscire al primo turno solo perchè si chiamano Mavs. E lo dice chi li ha pronosticati fuori perchè ha guardato al passato e non al presente.

    • era solo il pc rotto e io che ti pensavo super concentrato sulle macumbe anti spurs..hihihi

  21. Ora non voglio fare il Tranquillo della situazione ma Gallinari ultimamente di palloni ne vede pochissimi, poi in compenso vedi il grande Chandler che spara 6-7 tiri fuori ritmo dall’angolo con l’uomo davanti…

    • Non pensiamo che il Gallo con la palla in mano cambi i destini della serie. Può tirare di più ma non cambierebbe nulla. Poi va detto che in una squadra in embrione senza leader e gerarchie ogni gara fa storia a se. Se Gallinari imbecca due/tre tiri consecutivi diventa il go-to-guy con i compagni a cavalcarlo viceversa se stecca si cavalcano altri. Quindi non mi stupirei di vedere Danilo con 15 tiri e la partita dopo con 3/5.

      • A parte che non ho detto che il Gallo debba cambiare i destini di sta serie, non so dove l’hai letto, comunque facevo semplicemente notare che i compagni sembra abbiano un po’ trascurato il Gallo in gara 2…

        Vero i Nuggets non hanno un vero leader e delle gerarchie ma insomma non mi pare sensato che per prendere qualche tiro in più ogni Nuggets debba fare come Chandler o Harrington che appena prendono la palla l’unica cosa che guardano è il canestro…
        Gallinari alla fine ieri non si può dire se fosse in ritmo o no semplicemente perché prendeva un tiro ogni quarto d’ora e alcuni ne ha messi e altri ne ha sbagliati… Stiamo parlando di uno che appena arrivato a Denver ha sfornato prestazioni notevoli [30 punti contro i Blazers se non ricordo male], non so che debba fare per avere un po’ più di fiducia dai compagni… Ah si un’idea ce l’avrei: colorare la pelle di nero…

  22. Io ho visto tutta la partita tra lakers ed hornets.
    Chi definisce bryant sotto tono semplicemente non ha visto il match.
    Si è curato principalmente nel limitare paul ( e in parte ci è riuscito) e ha fatto girare la palla in attacco sopprattutto perche la tattica di pj era di sfruttare i lunghi, come logico che sia, sopratutto quando okafor e gray gia nel secondo quarto erano pieno di falli (vedere statistiche di bynum artest e odom hanno fatto quello che volevano e i punti nel pitturato), non aveva senso andare da kobe.
    Discorso pau gasol: semplicemente è fuori condizione, cmq i playoff finiscono a giugno….c’è paracchio ma parecchio tempo.
    La prox gara sarà logicamente quella chiave ma salvo che si ripeta le statistiche irreali di gara 1, i 40 e 20 di paul e le prestazioni sopra il proprio standard di jack e compagnia bella ma sopprattutto le 3 palle perse( stasera mi sembra che siano state 16!! ) non c’è storia in questa serie. Incredibilmente i Lakers giocando in modo pessimo in gara 1 se la sono giocata fino all’ultimo.
    Cmq gli hornets la propria missione l’hanno completata alla grande vincendo una delle 2 gare. Speriamo che vincano gara 3 per rendere la serie avvincente.
    Cmq forza knicks.

  23. vero ma è impensabile fare a bomba tutto l’arco dei playoffs…bisogna azzardare…come la champion nel calcio.

  24. bryant ha giocato una grande partita difensiva a parte qlk fallo di troppo x la troppa foga,ma ha giocato bn e secondo me continuano ancora a dargli troppi pochi falli

  25. alert 70
    tutto giusto in più vedo in roy quello che successe al primo grent hill ( detroit ), che ne pensi?
    per rigenerarsi forse non sarebbe meglio cambiare aria?

  26. COsa si diceva? Lakers e Spurs facili e Blazers e Nuggets che se la giocano?
    Cosa dicevamo? CAxxate….:-)
    Ma le serie non sono ancora finite….

    • hai ragione il primo a spararle grosse sono stato io ( abbiamo i pronostici di tutti)

      • Io ho definito a più riprese la serie Nuggets-Thunder come la più equilibrata, ma al momento nn ci siamo proprio… :-)

  27. Oggettivamente a livello di talento i Mavs sono superiori ai Blazers e sopratutto a questi Blazers! Inoltre sinceramente nelle prime due gare ho visto una squadra sempre saldamente in controllo e sincermente credo che si tornerá da Portland sul 3-1! Sperando non ci siano clamorosi blackout!
    Con un Dirk cosi sará dura anche per i Lakers nel secondo turno!

    • Permettimi di dissentire….
      Onore ai Mavs
      ma non hanno mai controllato nulla: Portland è sempre stata avanti, in tutte e due le partie, sfiorando anche la doppia cifra di vantaggio. In gara1 addirittura si è sfiorato il +8 a meno di 6 minuti dalla fine.
      Quello che è mancato è stata un po’ la panchina e la gestione degli uomini e dei momenti importanti, spesso dovuto ad errori di McMillan.
      In più Dallas ha trovato prestazioni di livello da giocatori e in modi inaspettati, vedi le cifre spaventose da 3 di Kidd

  28. blocksteal

    Non credo sia la stessa cosa. Grant Hill ha sofferto alle caviglie come non mai ma quel problema si può risolvere anche con i legamenti indeboliti. Ovviamente passa da una riabilitazione attenta, continui trattamenti e perdita di peso. Questo favorisce maggiore elasticità dell’arto e meno traumi.

    Le ginocchia sono un altro discorso. Ed è qui il problema di Roy. Se non funzionano ti limitano in tutto. Nei movimenti laterali, velocità, salto…. Se poi sei un injury prone son dolori. E parliamo di un 26enne che dovrebbe giocare almeno 5/7 anni ad alti livelli, invece i chirurghi parlano di 2/3!!! Quindi se anche cambiasse franchigia non accadrebbe nulla. Il problema sono le sue ginocchia di cristallo.

    Ti riporto la dichiarazione del chirurgo

    “The news comes from a pretty reliable source in The Oregonian’s John Canzano, who spoke with a surgeon that says Roy has one or two years left in the league. ”

    “In regards to his talk with the surgeon, Canzano wrote, “The consulting surgeon whispers that he believes the best-case strategy for handling Roy is this: A) Limit Roy’s practice reps to almost nothing; B) Play him off the bench in 65 to 75 or so games a season, choosing rest in key spots; C) Pray. Surgeon suspects the Blazers might get one to two years out of Roy employing this strategy.”

  29. Visto che ieri mi è andata bene con la bolletta ieri, proviamo anche stasera! ero orientato a mettere la vittoria di portland, ma la quota a 1,47 mi sembra eccessivamente bassa! la quota più interessante è dallas vittoriosa o perdente di meno di 6 punti quotata 2,02!
    chicago invece al momento è quotata 1,55 e secondo me può vincere anche se le prime due gare sono state equilibrate, la vittoria di almeno 5 punti di rose e company è quotata 2 e anche qui ci sto facendo un pensierino!
    infine miami, è la partita in cui ho meno dubbi. la vittoria di lebron e soci è quotata 1,51 e la vedo scritta, anche in questo caso la vittoria di almeno 5 punti della squadra della florida ha un’ottima quota ad 1,9!
    cosa ne pensate? consigli sulla notte??

  30. Giangio cosa mi dici di Roy che dopo gara 2 nn ha fatto nulla per nascondere la sua delusione e inxxazzature col coach per aver giocato appena 7 min chiedendo + rispetto

    • Che ti devo dire?
      Che lui da giocatore ha ragione, ma anche McMillan ce l’ha…
      Poi è sempre un cane che si morde la coda: quanto le motivazioni influiscono su, ad esempio, su un 0-3 ai liberi, anche importanti? Colpa delle ginocchia? Colpa della delusione nel giocare poco?
      Forse Roy non vuole arrendersi all’evidenza, ma si vede lontano un km che non è il solito Roy.
      Cosa fare? Fargli portare la palla può essere un’idea, peché così non deve uscire dai blocchi per liberarsi dal difensore, ma è anche vero che così fa anche più fatica.
      Lui si sente bene…ma allora non dovrebbe tirare così male: si vede proprio che ha le ali tarpate nei movimenti che fa.
      A me dispiace dirlo, ma in questo caso McMillan ha ragione, e credo anche, e mi piange il cuore, che l’ha fatto giocare anche troppo…
      Una cosa buona da fare è chiudersi in una stanza e parlarsi guardandosi negli occhi, ma non solo loro 2, ma tutta la squadra.
      In conclusione, capisco benissimo Roy, che sa che non può fare il massimo non per colpa sua, e che magari si sente in un ruolo marginale dopo anni passati a riportare in alto i Blazers che hanno creduto in lui ma che ora lo mettono in secondo piano.

  31. Stasera meglio guardarsi chicago o miami visto che le due serie mi sembrano già a senso unico? Dallas lascio stare a prescindere visto l’orario…:-)

  32. Una precisazione, vorrei farla.
    Il mio essere tifoso dei Blazers non mi offusca il cervello: già da qualche anno dico che i Mavs sono un’ottima squadra, anche se venivano eliminati al primo turno, e l’ho ribadito anche quest’anno: Dirk e Kidd sono una bella coppia molto sottovalutata. In più hanno un centro decente e avevano anche Butler.
    Però sono 3 anni che mi auguravo di incontrarli ai PO perché sono la squadra che, probabilmente, si accoppia meglio con la nostra: di sicuro non lo erano ne i Rockets di 2 anni fa e soprattutto i Suns dell’anno scorso.
    Per quest’anno ho sempre visto sempre Lakers e Spurs nettamente superiori a noi, mentre OKC ha troppo talento atletico per noi.
    Però i Mavs non li ho mai sottovalutati.

  33. @Giangio

    Ti diró io avuto la sensazione che i Mavs avessero, anche sotto di 8, la partita in controllo! Mi é sembrato che quando volevano pigiavano sull’acceleratore e facevano il break. Ció dovuto alle prestazione eccezzionali di Dirk e Giasone ma anche dal fatto che Portland non hai mai chiuso la partita!
    Concordo con te nel fatto che Mcmillan ha sbagliato completamente la gestione della panchina!

  34. La parte più dura di un allenatore è declassare la star. E’ difficile per la stella, per i compagni e per l’opinione pubblica. Qualsiasi cosa faccia McMillan sarà criticato. L’unica sua salvezza è superare i Mavs.

    Quindi dovranno fare una riflessione come dice giangio, magari chiudendosi in una stanza e cantarsele di brutto. Però dovranno essere onesti perchè:
    1- Roy deve capire che ne ha poco e accettare la panca se stecca;
    2- McMillan deve essere chiaro con lui e utilizzarlo in base alle risposte che darà;
    3- Fernandez, Matthews devono rendere su i due lati del campo;
    4- limitare se possibile Dirk;
    5- Miller e company devono mettere la museruola a Kidd;
    6- Aldridge/Camby e Wallace devono dominare nel pitturato e attaccare il ferro per rendere la vita difficile a Chandler/Haywood.

  35. n.b. I primi tempi che Aldrige ha iniziato a “salire di colpi”, Roy ha chiesto PUBBLICAMENTE che venisse chiarito chi era la prima soluzione offensiva dei Blazers perchè a lui non piaceva la situazione.

    • Non lo sapevo e non è una bella presa di posizione. Brandon deve rendersi conto che lo status conta ma conta cosa da in campo. Al momento LaMarcus è una garanzia ed è in salute Brandon no. Quindi oggi come oggi deve accettare il ruolo di comprimario di lusso e poi a bocce ferme discuterne. Ma non ora.

  36. secondo me, la verità è che x assurdo Aldridge non è ancora salito di quel livello tale da far vincere la squadra

    se è lui, come ha dimostrato quest’anno, la stella della squadra è lui che probabilmente sta mancando nei momenti decisivi…basti vedere di là com il tedesco sta chiudendo le partite (mi riferisco al quarto quarto)…

    è x questo che la vittoria di portland è questione di “dettagli” e il fatto di giocarne adesso 2 in casa può invertire le cose

  37. Su Porltand

    L’ho scritto anche ieri… basandomi solo sulle 2 gare a Dallas (non avenvo visto molte partite dei Blazers in stagione), il problema imho è prettamente difensivo… difendono male sui p&r dei Mavs… e non solo su quelli che coinvolgono DIrk, difficili da interpretare per chiunque…. quello che vedo più in difficoltà è soprattutto Aldridge, che fa fatica a leggere quando uscire forte sul palleggiatore e quando restare con il bloccante…. Dirk ha letteralmente abusato dell’ex prodotto di Texas negli ultimi quarti di entrambe le gare… per di più, oltre a Lamarcus, sono in difficoltà pure i piccoli, qui causa anche le % assurde di Kidd dal palleggio.. il game-plan di McMillan credo fosse quello di passare sotto tutti i p&r che coinvolgevano Jason, ma questo in gara1 spara 6su10, in gara2 3su6….

    Altra lacuna da colmare la difesa sul lato debole…. Peja gli ha distrutti l’altra notte grazie si alla buona circolazione dei Mavs ma anche e soprattutto alla pessima rotazione di Portland…

    Queste sono le correzioni che imho deve fare il coach per gara3… visto che in attacco di problemi non ne hanno… fanno punti con continuità e eseguono bene… il grosso punto di domanda è ovviamente Roy… se non sta bene, non va fatto giocare… in caso contrario, non va fatto giocare comunque visto che la condizione fisica e mentale è lontana anni luce rispetto a 12 mesi fa… anche perché in questo modo Matthews ne risente eccome..

  38. il problema di portland è anche il talento…strano a dirsi ma è così:nn c’è un campione(dato che roy lo sarebbe solo se fosse al 100%…) che puo cambiare la partita,aldridge lo sta diventando,ma poi?
    miller è normalmente forte,nn eccezionale,oden è rotto,roy quasi pure,matthews e batum acerbi,

    • Non dico altro perché Roy poteva…………………………
      zee, grant e altri con il lavoro e l’impegno hanno almeno avuto un’ottima carriera mentre da quello che mi dici nel giro di un paio di anni perderemo uno dei + grandi talenti degli ultimi 10 anni. che tristezza!

  39. Thunder che giocano all’80% scarso a parer mio,il meglio verrà ora..
    Serie secondo me molto più scontata di quanto non la si sia dipinta..Denver tanto entusiasmo e una squadra di talento alto ma non eccelso,senza un giocatore che sappia cambiare la partita a suo piacimento,l’unico che potrebbero avere è J.R,ma sappiamo quanto non ci stia con la testa.
    Insomma,se hai una squadra buona ma non hai campioni ai playoff non vai avanti,l’idea nuggets è buona,ma senza almeno una vera star non si quaglia!!!

  40. in questi giorni non riesco a scrivere tanto anche perchè le partite le vedo durante la giornate e una volta finito voi avete già analizzato più o meno tutto.
    vorrei fare una precisazione su delle cose che ho letto ieri. mi sembra che alert70 e giulio abbiano scritto che i knicks giocano a ritmi bassi perchè è la difesa dei celtics a costringerli. in realtà è da quando è stata fatta la trade che giocano così, il 7 seconds or less è stato abbandonato già da un po’. sinceramente a me piacevano più prima e mi sembra strano che una difesa come quella dei celtics vada in difficoltà contro un attacco così statico. fatto sta che comunque ne sta uscendo fuori una bella serie, molto più aperta di quanto dica il 2-0

  41. phila sta giocando da dio, ma bisogna vedere come reggerà quando il duo wade-james inizierà a mettere la quarta e via.

Commenta