Dwight Howard è il Difensore dell’anno: per il terzo anno consecutivo, Dwight Howard degli Orlando Magic è stato votato “Miglior difensore dell’anno” durante la stagione regolare. Nessun giocatore nella storia era mai riuscito a vincere questo trofeo per tre volte di fila, e solo due giocatori hanno vinto il trofeo più volte di Howard, ovvero Dikembe Mutombo e Ben Wallace, con 4 trionfi a testa. Il centro dei Magic ha stravinto la competizione, ricevendo 575 punti, mentre Kevin Garnett si è posizionato al secondo posto con 77. Sul gradino più basso del podio, invece, troviamo Tyson Chandler, dei Dallas Mavericks, che ha ricevuto 70 punti.

Lamar Odom è il Sesto Uomo dell’anno: Lamar Odom dei Los Angeles Lakers ha vinto, per la prima volta in carriera, il trofeo di “Sesto Uomo dell’anno”. Odom, a 31 anni, ha tenuto delle medie di 14.4 punti ed 8.7 rimbalzi a partita. Inoltre, egli ha giocato in tutti e 82 gli incontri della stagione regolare (partendo dalla panchina in 47 occasioni) ed ha tirato con il 53% dal campo, record personale in carriera.

Zach Randolph prolunga il contratto con i Grizzlies: Zach Randolph ha rinnovato per 4 anni il suo accordo con i Memphis Grizzlies, squadra con la quale sta disputando i play-off. Le trattative andavano avanti da diverse settimane, e il giocatore si è convinto a firmare dopo aver ricevuto rassicurazioni sulla permanenza di Marc Gasol, suo compagno sotto canestro. Randolph ha commentato così l’accordo: “penso che qui a Memhphis possiamo fare bene nei prossimi anni. In questi play-off vogliamo stupire tutti, e lo abbiamo dimostrato battendo gli Spurs in Gara-1. Basta guardare dov’era questa squadra qualche anno fa e dove siamo adesso: siamo cresciuti, e sono sicuro che potremo puntare al titolo in futuro”.

Rick Adelman e gli Houston Rockets si separano consensualmente: dopo quattro stagioni, è ufficialmente finito il rapporto tra l’allenatore Rick Adelman e gli Houston Rockets. Le due parti hanno annunciato che il contratto di Adelman, in scadenza il 30 giugno, non verrà rinnovato per espressa volontà di entrambe. Il coach, 64enne, ha commentato così la sua esperienza a Houston: “sono arrivato qui 4 anni fa per allenare Tracy McGrady e Yao Ming, ma purtroppo non è stato possibile. Alla fine abbiamo perso molto talento a causa dei loro infortuni, ma non posso certo lamentarmi dei ragazzi che li hanno sostituiti, né di tutti gli altri. Qui ho trovato un gruppo di giocatori disposti a faticare e a lavorare duro, anche nei tanti momenti di difficoltà, e per me è stata una gioia poterli allenare. Il mio futuro? Ho ancora voglia di allenare, e penso che allenerò ancora nei prossimi anni”.

Jason Williams si ritira: Jason Williams, playmaker 35enne in forza ai Memphis Grizzlies, ha annunciato per la seconda volta il suo ritiro dal basket. Williams aveva già annunciato il ritiro due anni fa, per poi tornare dopo qualche mese di stop con la maglia degli Orlando Magic. Dallo scorso febbraio era approdato a Memphis, e ha chiuso la stagione a causa di un infortunio, nonostante la sua squadra stia disputando i play-off. Adesso, è arrivata da parte del giocatore la notizia del ritiro, stavolta definitivo a meno di clamorosi ripensamenti…

Post By Giulio Benincasa (74 Posts)

Indirizzo e-mail: cesc_999@libero.it

“La vita è una metafora del basket” (Phil Jackson)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

9 thoughts on “NBA – News sui trofei stagionali, Rick Adelman, Zach Randolph…

  1. Che dire…

    Premio meritatissimo per Odom, che in questa veste, e senza la pressione di essere un 2° violino, da il meglio di se sui due lati del campo…

    Zack si dice abbia rinnovato a 16 milioni annui, ha 29 anni, è maturato ed ha talento, però poi nn vedo di cosa di lamentino i proprietari, se elargiscono contratti da superstar a giocatori che saranno anche sopra la media, ma nn sono di certo dei Franchise Players. Poi li vai a dare a Zack, uno che lo sai che da un momento all’altro sbrocca e ti mette su 30 kili? Boh…

    Adelman è uno dei migliori coaches degli ultimi 20 anni, troverà la fila, spero trovi anche un progetto serio, e nn qualche franchigia che deve ricostruire da zero. Tra le squadre di buon livello, Boston, Lakers, Orlando, Dallas, Utah, sono tutte per un motivo o per un altro possibili obiettivi, o possibili datori di lavoro, nn vorrei si ritrovasse invece a Toronto o Detroit

    Io personalmente il premio di Difensore lo avrei dato a KG, se uno come DH12 (per carità, tutt’altro che uno sprovveduto) lo vince per 3 anni di fila, vuol dire che qualcosa nn va. Al di là dei numeri, tutt’altro che disprezzabili, ma ve li ricordate Zo, Mutombo, BigBen, che razza di intimidatori erano? E che tecnica difensiva, senso della posizione, tempismo? Io Howard proprio nn lo vedo nella stessa categora

    • decisamente c’è qualcosa che non va…non ho i dati per sapere quante volte KG l’abbia vinto…ma ad intuito queste premiazioni non hanno senso,

  2. il contratto di Randolph ci può stare in un mondo come la NBA e in una squadra come i Griz dove Z-Bo insieme a Gay è il giocatore più importante e che dà con Gasol una delle migliori front line della lega. Certo 4 anni sono un pò lunghini ma il progetto è buono e penso che garantirà la stessa continuità di prestazioni come fatto in queste 2 stagioni magari non sugli stessi livelli, ma non ce ne sarà neanche troppo bisogno visto la probabile crescita di Gasol (assolutamente da tenere) e Gay

    Per Adelman da tifoso di Houston ha fatto un grande lavoro chiudendo tutte e 4 le sue stagioni con record positivo, certamente sfortunato a non aver avuto t-mac e yao altrimenti erano dolori per tutte le altre. Merita un’opportunità in una big: non credo a LA o a Boston che stanno per arrivare alla fine di un ciclo, ma in squadre come i Knicks, i Mavs, i Jazz o anche nei Pacers potrebbe essere utile

  3. mi accodo a chi dice che queste premiazioni non hanno senso…3 volte di fila howard?ma dai scherziamo, zo quante volte avrebbe dovuto vincerlo?e mutombo?faceva solo quello praticamente

    come volevasi dimostrare poi nei primi 3 posti manco un esterno, forse bisognerà aspettare 20 anni prima che lo ridiano a un piccolo

    ma adelman, a memphis non lo vedreste bene?squadra giovane, talento, qualche testa calda ma gestibile..a me sembra buona buona

  4. mutombo 4 volte, ben wallace 4 volte, zo due volte, rodman 2 volte, hakeem 2, garnett 1 volta, pippen 0, duncan 0!

  5. Howard difensore dell’anno è una farsa completa, così come i premi in generale. Afflalo è il difensore dell’anno , punto. Rodman allora avrebbe dovuto vincere per 15 anni di fila….
    Rinnovare zibo a quelle cifre che ha 30 anni e che comunque non sposta piu’ di tanto mi sembra un po’ eccessivo, mail telaio di questi Grizzilies con un Gay e Mayo piu’maturati l’anno prossimo potrebbero fare ancora meglio.

  6. Randolph a quelle cifre è un rischio clamoroso!
    Per quanto riguarda i premi, lo sappiamo che hanno più un peso “commerciale” che un reale valore come metro di valutazione per un giocatore. Spezzo però una lancia a favore di “Superman”: con lui in area, devi cambiare il modo di tirare perché altrimenti gioca a pallavolo…
    Adelman: e se andasse a New York?

Commenta