– Michael Redd parla del suo presente e del suo futuro: Michael Redd, stella dei Milwaukee Bucks, è rientrato da poco tempo dopo un brutto infortunio al ginocchio. I problemi fisici lo hanno tormentato nel corso delle ultime tre stagioni, tanto è vero che il ragazzo ha giocato soltanto 66 partite in quest’arco di tempo. Il 1° luglio scadrà il suo contratto con Milwaukee, e dato che egli guadagna 15 milioni l’anno molto probabilmente non gli verrà rinnovato. Ecco le sue parole: “è difficile per me riprendere il ritmo e tornare il giocatore che ero, ma sono fiducioso. Avrò bisogno di allenarmi nei mesi che precederanno la prossima stagione, esattamente come tutti gli altri giocatori. Ed è una cosa che dovrò fare indipendentemente da quella che sarà la mia squadra. Nel caso dovessi lasciare i Bucks, sarò sempre grato all’organizzazione e ai tifosi, che mi hanno supportato alla grande e mi hanno visto crescere in questi 11 anni”.

– Chris Paul ci racconta Michael Jordan: il leader dei New Orleans Hornets, Chris Paul, ha parlato del suo rapporto con Michael Jordan. “Se penso di andare ai Bobcats tra un anno? Certo, sicuramente è un’opzione che tengo in considerazione – ha detto CP3 alla Associated Press –. Ma adesso sono concentrato sul presente, perchè ci sono i play-off da giocare e io voglio raggiungere i massimi obiettivi con gli Hornets. Mi ricordo di quando incontrai Jordan per la prima volta, nel 2003, ad una partita organizzata proprio da lui. Poco prima di quell’incontro si sedette tra me e Shannon Brown, e fu un’esperienza incredibile averlo accanto, sapere che lui conosceva il mio nome e chi ero. Sicuramente è la migliore persona da cui puoi imparare qualcosa sulla pallacanestro, ed ha una passione incredibile per il gioco. Ora che è proprietario di una squadra sembra un bambino dentro un negozio di caramelle. Non credo che se ne staccherà mai”.

– La maglia più venduta su NBAStore.com è…: …quella di LeBron James. Nonostante la controversa “Decision” dello scorso primo luglio, LeBron è il giocatore che vende più magliette sul sito del negozio NBA. E’ la prima volta che il due volte MVP stabilisce questo primato, dato che dal 2003 (anno del suo ingresso nella Lega) ad oggi non era mai successo. Il numero 6 dei Miami Heat ha superato Kobe Bryant, mentre Rajon Rondo dei Boston Celtics si piazza alla terza posizione.

– Steve Nash dichiara: “voglio rimanere ai Suns”: nel corso di un’intervista rilasciata ad Hoopsworld.com, Steve Nash ha parlato del presente dei Suns e del suo futuro. Ecco le sue parole: “ovviamente è frustrante non qualificarsi per i play-off, dopo un’annata in cui eravamo arrivati alle finali della Western Conference. Diversi giocatori se ne sono andati la scorsa estate, ne sono arrivati di nuovi ma non è stato semplice integrarci e mantenere lo stesso livello di competitività. Per quanto riguarda me, ho un altro anno di contratto con Phoenix e sono felice di essere qui. Non penso ad un eventuale scambio o a cosa fare tra un anno, perchè penso che sia meglio concentrarmi sul mio gioco e sui Suns, che fino a prova contraria sono la squadra della quale faccio parte”.

Post By Giulio Benincasa (74 Posts)

Indirizzo e-mail: cesc_999@libero.it "La vita è una metafora del basket" (Phil Jackson)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

7 thoughts on “NBA – News su Michael Redd, Chris Paul, Steve Nash…

  1. Che uomo Nash….
    Però un titolo se lo merita veramente cavolo!!!
    E un in bocca al lupo a Redd!!! E’ stato troppo facilmente dimenticato,
    ma anche lui è un campione olimpico
    Se si riduce l’ingaggio potrebbe anche rimanere

    E’ vero, Jordan è proprio un bambino ora, e ne fa di cavolate…:-)

  2. Giangio
    Preparati che se Paul arriva ai Bobcazz, l’amante di Kwame Brown ve lo cede in cambio della rotula di Sam Bowie, Elliot Williams, la seconda scelta nel draft del 2016 e un paio di call-ups dalla NBDL… eheheheheh

  3. Da tifoso di Phoenix amerei continuare a vedere Nash che smazza 10-11 assist a sera, ma oggettivamente meriterebbe di giocare in una contender vera… Casomai il problema è CHI potrà avere bisogno di lui senza costringerlo a diventare non più di uno specialista da fuori/back-up.

    Questa di Paul ai Bobcats invece sembra quasi una barzelletta… Me lo immagino quando dovrà fare la cernita tra le offerte che gli perverranno e vedrà quella di Charlotte :p

  4. ..immenso Nash!
    ..da tifoso Suns mi trovo nella difficile speranza…che rimanga da noi per sempre,ben sapendo che è probabile che non vinca mai un anello..oppure che ne vada a tentare di vincere uno in qualche contender..mi piacerebbe vederlo ai thunder o agli heat..

  5. Da tifoso Suns sono ben felice di sapere che Nash vuole rimanere in Arizona,però mi dispiacerebbe vederlo chiudere senza anello.Un gran play che ha avuto la sfiga di beccare contro nel corso di questi anni squadroni come Spurs e Lakers.

Commenta